unci banner

:: NEWS

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

Su Via Botteghelle, alla presenza del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere, prosegue intensamente l'attività dell'associazione "Innamorarsi di Sbarre". Oggi, sabato 21 settembre, intera mattinata dedicata...

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'A Bagnara confronto Fai Cisl e Cisl su sviluppo e territorio

A Bagnara confronto Fai Cisl e Cisl su sviluppo e territorio

Pubblicato in ATTUALITA' Sabato, 27 Aprile 2019 08:19

Giorno 26 aprile 2019, nell'aula consiliare del Comune di Bagnara Calabra, la Fai Cisl e la Cisl di Reggio Calabria, si sono confrontate con le diverse forze politiche presenti nell'intera area della città Metropolitana.
Le due segreterie Sindacali, hanno presentato una vera strategia, per un’articolata ipotesi di sviluppo, riguardante l'entroterra collinare e montano, denominata “progettazione al centro -
“progetto di animazione e promozione di un’oasi, collinare e montana della biodiversità, dell'accoglienza e del benessere ambientale, umano e animale.

L'intero impianto progettuale, se supportato, si prefigge di rispondere all'esigenza di assumere maggiore consapevolezza sull'importanza di risanare e salvaguardare, in tutte le sue forme, la ruralità e l’intero nostro entroterra.
Una collina che degrada in un tempo che perde il contatto con la terra e i benefici di avere un’ampia oasi di biodiversità in armonia con il contesto locale.
Una collina che deve poter rivivere e pensare alla possibilità di arrestare il continuo spopolamento, mediante progetti idonei e iniziative diffuse, destinati a creare opinione e sinergia creativa tra i giovani per fare ricerca e avviare possibili attività produttive in piena sintonia con il delicato equilibrio ambientale.
È per tentare di dare risposte a queste esigenze che abbiamo elaborato questo piano strategico di sviluppo, adatto a questi luoghi, dal paesaggio splendido e senza pari.
Una strategia che mette insieme diversi progetti integrati da realizzare con il protagonismo principale dei giovani, organizzati in cooperazione e relative forme di consorzi o gruppi di costante collaborazione di scopo.
Una strategia per favorire il ricambio generazionale nel settore e alle prese con l'enorme esodo a seguito dei copiosi pensionamenti raulico forestale, e blocco delle assunzioni, ormai datato 1983.
Una strategia per creare una grande oasi della biodiversità con la funzione di animare una via concreta legata alla salute e al benessere per coloro i quali intendono vivere questi luoghi, attraverso la permanenza nei paesini, borghi e case contadine ristrutturate, in uno stile pensato per accogliere, con tuttii confort, approfittando di quest'annunciata fiscalità di vantaggio, i pensionati delle aree de nord Italia, nord Europa e del mondo.
C'è l’idea di sviluppare tutte quelle attività possibili, tipiche di questo Appennino Aspromontano, riportate in maniera dettagliata nel piano di rilancio e strategia progettuale che presenteremo. Circa cento giovani, con meno di trentacinque anni, presenti in tutta l’area considerata, devono animare l’intero impianto strategico di sviluppo dell'entroterra con una progettazione compatibile con i luoghi e rispettosa dell'ambiente senza veleni e rivolta ad aumentare il benessere ambientale, umano, animale.
Devono creare dei veri luoghi della salute e del benessere, mediante una produzione autoctona, fatta di semi antichi e orti naturali, turismo rurale, culturale, religioso sostenibile e riprendendo quell’artigianato agropastorale in via di estinzione che sappia tornare alla lavorazione del legno, della ginestra, del ferro battuto, dell'argilla, nonché di tutti quei metodi antichi di lavorazione e conservazione dei prodotti agricoli e della pastorizia, ancora presenti e utili per dare un senso unico e compiuto ad una via enogastronomica di riconosciuta qualità.
Un'oasi della biodiversità, guidata dai giovani, fatta di cose concrete, che parta dall’allevamento organizzato delle api, come vere sentinelle sulla salubrità ambientale e al contempo aiuti il rilancio economico, superando lo spopolamento attuale, vero dramma per queste nostre comunità .
Bagnara Calabra 2019-04-27
Piscioneri Romolo - Fai Cisl
Rosy Perrone - Cisl

Letto 230 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità privata, sciopero il 20 settembre. Cgil, Cisl e Uil: “Contratto scaduto da 12 anni”

    Gli operatori della sanità privata incroceranno le braccia venerdì 20 settembre p.v., con uno sciopero Nazionale, questo quanto dichiara il Segretario Generale della CISL Funzione Pubblica di Reggio Calabria Vincenzo Sera, la vertenza era già in corso da diverso tempo e non avendo riscontrato l’interesse da parte datoriale AIOP e ARIS - CGIL CISL e UIL hanno proclamato una prima giornata di sciopero per il 20 settembre.
    In questi ultimi giorni è stato divulgato un volantino con le ragioni della protesta.

  • Rubino (Cisl) interviene su reparto Ortopedia di Locri

    La CISL FP ha partecipato all’incontro tenutosi all’Ospedale di Locri con S. Eccellenza il Prefetto Dr Massimo Mariani, Il Sindaco di Locri Dr Giovanni Calabrese, la Struttura Commissariale dell’ASP di Reggio Calabria e il Referente per Locri Dr Sergio Raimondo.
    Dopo un’attenta disamina delle problematiche riguardanti l’argomento, la CISL FP ha proposto una serie di soluzioni, chiarendo che la problematica dell’Ortopedia di Locri non si sarebbe risolta nemmeno con l’assunzione degli Ortopedici mancanti, infatti la sala operatoria dell’Ortopedia non è accessibile perché non adeguata agli interventi richiesti dai NAS dei Carabinieri, l’adiacente sala operatoria chirurgica può supportare qualche intervento ortopedico nei momenti di “vuoto” ma non può garantire il regime pieno derivante dall’augurabile riattivazione del Reparto.

  • Dalle cime dell'Aspromonte al Mare di Bagnara tra i sentieri del trekking

    Dal Mare alla Montagna, da Sant’Eufemia d’Aspromonte a Bagnara. Quasi 19 chilometri di trekking tra le bellezze del nostro territorio, grazie all’iniziativa dell’Ente Parco Aspromonte. Poi in riva al mare si è discusso del valore dei sentieri e di quanto negli ultimi anni essi registrino numeri di interesse sempre maggiore. 

  • Rosy Perrone: “Bene il credito d’imposta per la Zes, ma da subito la si riempia di contenuti”

    Dal 25 settembre per la Zona economica speciale di Gioia Tauro un'occasione importante: sarà disponibile il credito di imposta in maniera automatica per tutte le imprese che vorranno investire nel suo perimetro. Uno strumento cardine per l'effettivo rilancio di un'area da decenni martoriata.
    Il Governo ha fatto la sua parte, adesso subito a lavoro per creare le adeguate condizioni di futuro, dal punto di vista economico e soprattutto sociale. Indispensabile per la nostra terra.

  • Hospice, CISL: garantire la continuità del servizio, con procedure chiare nell’interesse dei lavoratori e degli ammalati

    L’Hospice non chiuderà. Almeno per tutto l’anno in corso. Certamente un sospiro di sollievo per operatori e professionisti che garantiscono un servizio di conforto e di assistenza con cure palliative indispensabili a chi è costretto ad affrontare la sua ultima sfida con la vita. L’Asp deve promuovere e tutelare strutture riconosciute da tutti per la loro eccellenza di prestazioni, come quella dell’Hospice ed in questo caso deve farlo garantendo un accordo che permetta di proseguire nella loro assistenza, gli ammalati. Deve riconoscere il valore inestimabile, non solo assistenziale ma anche e soprattutto umano. Ma con altrettanta fermezza, crediamo che questo servizio debba essere svolto attraverso parametri chiari, netti e ben circoscritti, che non lascino spazio ad una approssimativa amministrazione.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.