unci banner

:: NEWS

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

"La felicità che ci viene donata ogni giorno non sempre ha radici nel nostro presente ma va ricercata nel nostro passato, rivolgendoci ed essa per proiettarla nel nostro futuro". Il...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Al Piria si parla di Giustizia e Legalità

Al Piria si parla di Giustizia e Legalità

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 19 Marzo 2019 13:57

“La Fiaccola della giustizia e della legalità, luce di speranza”, non è solo il titolo dell’incontro tenutosi oggi nell’Aula magna dell’istituto tecnico “Raffaele Piria” di Reggio Calabria, ma è anche il fulcro di quello che i partecipanti hanno voluto trasmettere ai presenti. Un messaggio fatto di speranza e di lotta alla criminalità. “Una sinergia positiva fatta di persone che dedicano il loro tempo ai giovani”, ha detto Grazia Condello, vicepreside dell’istituto, presente oggi nella duplice veste di moderatrice e relatrice.

Si tratta di Luciano Gerardis, presidente della Corte d’Appello di Reggio Calabria, don Nino Pangallo, direttore Caritas Arcidiocesi RC- Bova, e Giusy Tripodi, animatrice dei progetti e dei percorsi di formazione con la Caritas, con cui la scuola ha firmato un protocollo fisico ma soprattutto di intesa.

“Alla vostra età quando venivano degli ospiti a scuola, riuscivano a catturare la nostra attenzione solo se toccavano qualche corda che avevamo nel profondo. - ha esordito il presidente Gerardis - Oggi vorrei che voi interagiste con me. Noi reggini siamo estremamente individualisti, lo dobbiamo alla storia.

Quello che invece dobbiamo fare è iniziare a pensare in maniera collettiva. Solo se siamo tutti insieme possiamo superare i drammatici problemi della nostra società. So che avete fatto un percorso. - ha aggiunto - Vi hanno parlato di ndrangheta.

Il problema è che siamo accomodanti. C’è la deformazione del nostro modo di intendere, l’accettazione del sopruso che fa prevalere l’illegalità. Viviamo poi in un’epoca in cui ci sono fortissime discriminazioni. La sola speranza è quindi legata ad una presa di coscienza da parte di noi tutti, perché la legalità riguarda tutti. La nostra è una scelta di fondo, di riscatto umano o saremo complici di un degrado morale generale”.

“Il progetto che oggi vogliamo portare qui, - ha detto invece don Nino - nasce da uno scontro tra due mentalità: quella mafiosa, pervasiva, e quella positiva, che si impegna per il bene comune.

Qualche anno fa ci siamo ritrovati in un momento in cui in più luoghi della Calabria ci furono diversi attentati nei confronti di attività impegnate nel sociale. Parlo di Progetto sud, Libera, la Valle del Marro. È così che abbiamo pensato di moltiplicare questo genere di attività evidentemente scomode e usarle come antidoto.

Il “Progetto Costruire speranza” nasce da questa base. - ha aggiunto - Impegnarsi nel sociale e come funzione educativa. E il simbolo che ci rappresenta è un albero di olivo. L’olivo infatti è antico, ha delle radici profonde, con un frutto che nonostante le tante ferite continua a nascere. Questa è la speranza”.

Con un timido ma determinato sorriso è intervenuta in maniera significativa anche Giusy Tripodi.

“Se ognuno ragiona sui talenti che ha può trovare la sua strada. Andare via dev’essere una scelta. - ha detto - Ma non è vero che qui nn si può costruire. Io e mio fratello, avvocato e commercialista, abbiamo iniziato con un allevamento di lumache, un’iniziativa presa con stupore dalla mia famiglia. Non c’erano altri allevamenti in Calabria e abbiamo avuto un enorme successo. È stata una sfida per noi, per non abbandonare le terre lasciate dai nonni. Questo solo per dire che ci sono infinite possibilità, dobbiamo volerlo”.

Ha parlato infine Grazia Condello di gioco di squadra, accoglienza, gratuità e servizio. “Nulla si può fare se non si crea quella squadra positiva che sa scorgere la luce. Non amo molto parlare delle mie esperienze. - ha detto - Ma ringrazio Dio e la mia famiglia che mi hanno dato la possibilità di crescere in questa luce, che ti aiuta a vedere oltre le barriere delle difficoltà.

La scuola è un’officina degli uomini di domani. Con l’esempio si può insegnare ad essere costruttori di speranza. Il ruolo della scuola è quello di un laboratorio di cultura e di confronto, ma deve anche aiutare a perseguire le indicazioni della Costituzione, a seguire le regole.

Le regole fanno parte della nostra vita, significa rispettarsi e rispettare. Sappiatevi donare senza aspettarvi nessun grazie”.

Eva Saltalamacchia

Rc 19 marzo 2019

Letto 166 volte

Articoli correlati (da tag)

  • ArchiEstate 2019: "Tu ll’hai u curaggiu?" - L’esperienza di noi ragazzi del servizio civile presso il centro d’ascolto "Mons. Italo Calabrò"

    Eccoci qui alla fine di queste bellissime e intense tre settimane che ci hanno prendere parte all’esperienza estiva di Archiestate, evento dedicato ai bambini del quartiere di Archi di Reggio Calabria. La festa iniziale ha avuto inizio giorno 8 luglio quando con tutti gli animatori, aiuto animatori e le suore siamo partiti con il nostro caro pulmino addobbato diretti all’anfiteatro di Scaccioti per dare inizio alle nostre attività. Abbiamo avuto modo di rivedere i bambini che abbiamo conosciuto durante l’Animazione di Strada e di sperimentarci con loro nei vari giochi che avevamo organizzato. Il filo conduttore di tutto Archiestate 2019 è stato il tema del coraggio, inteso non come forza fisica o prevaricazione, ma come voglia di cambiare, di mettersi in gioco, di essere noi stessi.

  • Alla Caritas Diocesana reggina il Premio Solidarietà “N. Vincelli” 2019

    Alla Caritas Diocesana il Premio Solidarietà “N. Vincelli” 2019. L’iniziativa organizzata dall’associazione Nuova Solidarietà si è svolta al Castello Aragonese. Premiati: Don Antonino Iachino, Don Nino Pangallo e Alfonso Canale

  • Lunedì 8 luglio 2019 tornano le tante iniziative di ArchiEstate

    Sta per iniziare ArchiEstate: in questo mese di Luglio viviamo la grande e lunga esperienza di ArchiEstate, trascorrendo con tutti i bambini che desiderano parteciparvi intense settimane di mare, giochi, serate, laboratori. Tutto in un'esplosione di vita e gioia bellissimi.
    L'iniziativa estiva ha i medesimi scopi educativi delle attività invernali, è, infatti, la conclusione del cammino svolto nell'anno e il rilancio per l'anno futuro. E' occasione di incontro e di divertimento che coinvolge tutto il quartiere di Archi, tutti i luoghi, anche i più anonimi e, pur essendo specificatamente per ragazzi, riesce a coinvolgere giovani, famiglie e istituzioni.

  • Al Piria la mostra degli Archivi storici dell'Istituto

    Un avvio di presentazione in attesa delle Giornate europee del patrimonio (Gep) si è tenuto questa mattina all’Ite Piria di Reggio Calabria. Si tratta di una mostra del progetto storico dell’istituto, tra i più antichi della città, e dei registri dell’rchivio e della biblioteca della scuola, che da adesso saranno resi fruibili alla comunità tutta. Presenti all’incontro il Preside Ugo Neri, che a partire dal nuovo anno scolastico godrà il meritato riposo dopo anni di onorata carriera, Ada Arillotta, della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria Mibac, e a sorpresa il sindaco della città di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà.

  • Formazione e condivisione al Campus di tre giorni che l'Ite Piria ha tenuto con i ragazzi in uscita della scuole medie

    Si è conclusa da pochi giorni l’esperienza firmata Ite Piria che ha coinvolto venti studenti delle scuole medie che a partire dal prossimo anno scolastico intraprenderanno un nuovo percorso di vita. Si tratta del Campus residenziale “Orientiamoci Medie – Conoscersi, Decidersi, Giocarsi”, che rientra tra le attività formative di decision making indirizzata agli studenti in ingresso all’interno delle azioni previste dal progetto “P.I.R.I.A. di R.C.”. Una tre giorni all’insegna della formazione e della condivisione, intervallata da risate e momenti di convivialità in un clima di totale armonia che ha unito età, culture e punti di vista. I ragazzi sono stati ospitati dal 30 maggio al 1 giugno scorso al Villaggio dei Giovani di Attendiamoci Onlus, accolti da Alfredo Pudano, professore dell’istituto che ha curato l’iniziativa, insieme alle professoresse Marianna Errigo ed Eva Saltalamacchia, il dirigente Ugo Neri, e alla vice preside Grazia Condello.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.