unci banner

:: NEWS

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo....

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

“Questo lungomare ci racconta su cosa deve puntare il nostro territorio: cultura, bellezza e legalità”. Così, nella giornata di ieri, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha inaugurato il nuovo Waterfront...

Gallico, coniugi trovati morti nel cortile di casa. Si indaga per omicidio-suicidio

Gallico, coniugi trovati morti nel cortile di casa. Si indaga per omicidio-suicidio

Nel corso della mattinata personale dell' UPGSP è intervenuto in località Gallico di Reggio Calabria per il rinvenimento dei corpi di due persone. Si tratta di una coppia di coniugi...

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

La maturità di un gruppo, la saggezza del suo condottiero, la voglia di raggiungere un traguardo storico, il cuore e la mentalità. Queste sono solo alcune delle componenti che il...

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

In seguito alle dichiarazioni pubbliche di Alessandro Menniti, soggetto che ha argomentato in qualità di rappresentante della Viola Reggio Calabria trasmesse dalla radio ufficiale del club, Antenna Febea, il Presidente...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Alla Villa Comunale le celebrazioni per il 25 aprile 2019

Alla Villa Comunale le celebrazioni per il 25 aprile 2019

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 25 Aprile 2019 15:27

Anche Reggio festeggia il 25 aprile, e la liberazione dell'Italia dal nazifascismo, e lo fa come ogni anno grazie alla sezione regina dell'ANPI, ma quest'anno la commemorazione si è tenuta su tutte e due le sponde dello Stretto, la mattina a Reggio mentre nel pomeriggio si è spostata a Messina.
Come da tradizione la commemorazione inizia con la staffetta partigiana, che da un paio di anni viene fatta dal bus panoramico dell'ATAM, che unisce insolubilmente la celebrazione con la Corrireggio, che ha deposto il proprio mazzo sulla stele del partigiano alla villa comunale.


Dopo le deposizioni delle corone da parte delle autorità, si è dato inizio agli interventi con il partigiano Aldo Chiantella, per passare alle varie autorità intervenute, per finire con Il professore Federico Martino (Università di Messina) e il Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Gaetano Silvestri.
Naturalmente non si possono dimenticare le donne, che sempre più stanno dimostrando quale fu il loro vero apporto alla causa della resistenza, quindi ecco che a ricordarcelo la lettura di alcuni passi di interviste o racconti di partigiane, il tutto si è svolto al suono della musica di Francesca Prestia

Rc 25 aprile 2019

Letto 157 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Congresso di fondazione della Sezione intercomunale ANPI di Palmi

    Sabato 18 maggio 2019 si svolgerà il Congresso di fondazione della Sezione intercomunale ANPI di Palmi, destinata ad accogliere gli iscritti dei Comuni di Palmi, Cosoleto, Delianuova, Melicuccà, San Procopio, Santa Cristina d’Aspromonte, Sant’ Eufemia d’Aspromonte, Seminara, Sinopoli. L’insediamento della Sezione è stato deciso, come previsto dallo Statuto Nazionale, dal Comitato Provinciale di Reggio Calabria, che ha condiviso e accolto le richieste dei “fiduciari” ANPI dei comuni interessati.

  • Un 9 maggio da non dimenticare, l’ANPI ricorda Aldo Moro e Peppino Impastato

    A distanza di poche ore, il 9 maggio 1978, vengono assassinati Peppino Impastato e Aldo Moro. 41 anni fa entrambi, Peppino Impastato in Sicilia, e Aldo Moro a Roma, dopo 55 giorni di sequestro ad opera delle Brigate Rosse, vengono uccisi a causa del loro impegno politico: Peppino Impastato contro la mafia, Aldo Moro contro la "limitazione di sovranità e di democrazia" che in Italia aveva caratterizzato la storia della nostra Repubblica fin dalla strage del Primo Maggio a Portella della Ginestra.
    L'ANPI di Reggio Calabria, nell'anniversario del loro assassinio, li ricorda e li indica ai giovani come esempi dell'Italia migliore, dell'Italia della Costituzione, calpestata dalle trame, dalle mafie, dalla corruzione e dalla degenerazione della politica.

  • Bombardamento 6 maggio '43, l’ANPI ricorda l’orrore della guerra “ripudiata dalla nostra Costituzione”

    Il 6 maggio 1943 gli aerei delle forze armate “alleate” contro il nazifascismo effettuarono numerosi voli aerei sui cieli di Reggio Calabria, sganciando tonnellate di micidiali bombe che causarono morte e distruzioni in tutta la città.
    I tragici fatti del maggio del 1943 furono determinati dalla guerra scatenata prima dal dittatore nazista, Hitler, e successivamente dal dittatore fascista, Benito Mussolini, uniti insieme da un disegno criminale di dominio del mondo.
    Molti sono ancora i cittadini reggini che hanno memoria di quel tragico giorno, che non solo determinò nell’immediato lutti e distruzioni ma spinse molti a fuggire lontano dalla guerra e dalla città pesantemente colpita.

  • ANPI: il Grande Torino e la tragedia di Superga lo sport, il calcio e l’antifascismo

    L’ANPI di Reggio Calabria apprende dalla stampa ed apprezza l’iniziativa assunta dal Comitato Regionale del CONI della Calabria per ricordare, nel 70° anniversario della tragedia di Superga del 4 maggio 1949, attraverso la celebrazione di una Messa commemorativa, la straordinaria squadra di calcio del Torino (il (“grande Torino”). L’ANPI, al pari di tanti sportivi, ricorda le imprese calcistiche di una squadra che venne considerata “invincibile”, composta da giocatori che sono iscritti nella migliore storia calcistica mondiale, ma soprattutto sottolinea le grandi doti morali e di solidarietà dei calciatori della squadra che incontrò un tragico destino nell’incidente aereo avvenuto nel 1949 nei pressi di Torino (Superga).

  • Iniziativa di Comune e Città Metropolitana per celebrare il 25 aprile

    Cosa sarebbe accaduto se non ci fosse mai stato il 25 aprile 1945? E cosa potrebbe accadere se mai dovesse tornare l’incubo della soppressione delle libertà e della democrazia?
    La Città Metropolitana ed il Comune di Reggio Calabria vogliono ribadire l’importanza della Giornata della Liberazione dal regime nazifascista aggiungendo un elemento di novità alle consuete celebrazioni.
    Oggi, infatti, attraverso l’installazione di alcuni manifesti in Piazza Italia, sulle facciate dei due Palazzi istituzionali e nelle bacheche del teatro “Francesco Cilea”, riemergeranno dalle tenebre leggi e divieti imposti dal “duce” Benito Mussolini. Ciò per far comprendere, soprattutto ai giovani ma anche a quanti i drammi del regime non li hanno vissuti, l’importanza dei diritti conquistati grazie al sacrificio di quanti, per il bene dell’Italia e del suo popolo, hanno dato la vita.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.