unci banner

:: NEWS

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 di EcoJazz

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 di EcoJazz

Presso la pinacoteca civica di Reggio, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione, della ventottesima edizione di Ecojazz, una delle kermesse musicali più longeve ed importanti, che riguardano il...

Torna l'appuntamento con la "Notte al Vecchio Borgo" di Rizziconi

Torna l'appuntamento con la "Notte al Vecchio Borgo" di Rizziconi

Un mix di arte, cultura, l’immancabile solidarietà e il rispetto per l’ambiente sono gli ingredienti del successo ormai consolidato della “Notte al Vecchio Borgo” di Rizziconi, giunto quest’anno alla sua...

Un centinaio di piante di canapa indiana trovate nelle campagne di Cittanova

Un centinaio di piante di canapa indiana trovate nelle campagne di Cittanova

Ieri pomeriggio, nell’ambito di un servizio di controllo in area aspromontana finalizzato al contrasto delle coltivazioni di sostanza stupefacente, i carabinieri della Compagnia di Taurianova assieme ai colleghi Cacciatori di...

Tappa di successo a Lazzaro per la rassegna Calabria Judaica

Tappa di successo a Lazzaro per la rassegna Calabria Judaica

Ha fatto tappa a Lazzaro nel comune di Motta San Giovanni la rassegna Calabria Judaica promossa dalla Cooperativa Satyroi di Bova Marina. Protagonista l’Antiquarium Leucopetra aperto grazie anche alla collaborazione...

Successo a Bocale per la giornata ecologica promossa da Pro Loco e Legambiente

Successo a Bocale per la giornata ecologica promossa da Pro Loco e Legambiente

Una giornata all’insegna della sensibilizzazione rispetto ai tempi del rispetto dell’ambiente. È stato questo il leit motiv dell’iniziativa tenutasi qualche giorno addietro presso il litorale di Bocale, promossa ed organizzata...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 19 Giugno 2019 19:10

Positiva in parte la decisione espressa dai consiglieri di maggioranza sul ripristino di 11 milioni di euro del "Decreto Reggio", per l'acquisto di alloggi popolari. Ma non basta. Alle intenzioni dovrebbe seguire una delibera di Giunta, in risposta alla petizione popolare, firmata da 534 cittadine e cittadini. Dopo 121 giorni infatti nessuna decisione ufficiale è arrivata. Il regolamento comunale sugli istituti di partecipazione (comma 8 articolo 19 del regolamento comunale sugli istituti di partecipazione) prevede che la risposta ufficiale alla petizione popolare venga prodotta con delibera di Giunta e/o di Consiglio entro 90 giorni dalla sua presentazione.

Il Comune è in notevole ritardo, anche in considerazione del fatto che, successivamente alla decisione della Giunta, c'è un lungo percorso da seguire con la richiesta di rimodulazione del "Decreto Reggio" al Ministero.

Perché la Giunta non delibera?

Le associazioni e movimenti, riuniti nell'Osservatorio sul disagio abitativo, in linea generale, apprezzano la presa di posizione della maggioranza. Tuttavia non si riesce a comprendere l'intenzione di destinare una parte degli 11 milioni di euro alla manutenzione straordinaria degli alloggi popolari, oltre che all'acquisto di nuovi alloggi.

Ricordiamo che con la petizione popolare si chiede la destinazione esclusiva del finanziamento di 11 milioni per l'acquisto di nuovi alloggi.

La decisione della maggioranza di destinare parte dei fondi alla manutenzione è incompresibile perchè il Comune, da anni, ha dei fondi vincolati per questo scopo, dell'ordine di qualche milione di euro. Questi fondi non sono stati spesi ma accantonati. Si tratta delle entrate ordinarie relative ai canoni mensili degli alloggi assegnati e dei ricavi delle vendite degli alloggi popolari.

L'Amministrazione Falcomatà non ha speso questi fondi, nonostante l' ingente domanda di interventi di manutenzione sugli alloggi popolari.

Il 30 marzo 2017, l'assessora al Bilancio del Comune, Irene Calabrò, aveva dichiarato pubblicamente che il Comune dal 2014 aveva accantonato ben 2,8 milioni di euro relativi alle entrate dei canoni degli alloggi. Il 26 aprile 2017, con l'approvazione del bilancio comunale preventivo, il fondo accantonato è stato diviso in tre anni: 1,3 per l'anno 2017; 800.000 per l'anno 2018; 700.000 euro per l' anno 2019. 

Ma, nonostante le poste di bilancio, fino ad oggi, del fondo di 2,8 milioni di euro, solo 350.000 euro sono stati mandati a gara. Dopo la conclusione delle lunghissime procedure di gara, iniziate nel 2018 e concluse ad inizio 2019, i lavori avviati sono stati subito fermati in quanto la ditta vincitrice ha ricevuto una interdittiva antimafia.

Nelle ultime settimane, l'Amministrazione, con azioni estremamente lente, ha trovato il modo di riavviare i lavori. Ma la gran parte della somma resta inutilizzata.

I fondi destinati alla manutenzione degli alloggi non sono solamente quelli dichiarati nel 2017.

I 2,8 milioni di euro si riferiscono alle entrate dai canoni degli anni precedenti al 2017. A questi quindi sono da sommare le entrate degli anni successivi fino ad oggi ma anche le entrate per intero delle vendite degli alloggi. Il Consiglio Comunale, con la delibera nr 3 del 10 febbraio 2017, ha deciso che tutte le entrate dalle vendite degli alloggi debbano essere destinate per intero al settore alloggi e quindi alla manutenzione.

Per tali motivi è incomprensibile la decisione di usare parte del finanziamento degli 11 milioni di fondi speciali per la manutenzione degli alloggi, quando da anni non si spendono i fondi ordinari esistenti.

Si dovrebbe, invece, decidere di mettere mano seriamente alla gestione economica del settore ERP, attraverso un programma operativo finalizzato a spendere tutti i fondi accantonati per attuare le opere di manutenzione necessarie al patrimonio degli alloggi popolari.

Pertanto sarebbe opportuno che nei prossimi giorni la Giunta deliberi sulla petizione destinando l'intero finanziamento all'acquisto di nuovi alloggi.

Reggio Calabria, 19 giugno 2019

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi – Marino Giacomo

CSOA Angelina Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Letto 76 volte

Articoli correlati (da tag)

  • L'Osservatorio sul disagio abitativo incontra il delegato Sera. Qualche impegno, ma si attendono i fatti

    Qualche notizia sul fronte alloggi popolari trapela in seguito all'incontro tra l'Osservatorio sul disagio abitativo, insieme alle persone interessate al tema, e il consigliere delegato all'edilizia residenziale pubblica, G. Sera, alla presenza del dirigente del settore, D. Piccione, ed il RUP del progetto Ex Polveriera, G. Melchini. Martedì scorso, l'Osservatorio ha presentato ai rappresentanti del Comune le rivendicazioni sulla politica della casa proposte da anni, chiedendo risposte operative in tempi certi. Le risposte hanno riguardato le 23 pratiche di decadenza, risultato ottenuto dopo due anni e mezzo dalla delibra di Consiglio Comunale del 10 febbraio 2017. Quattro sarebbero state notificate agli interessati. Le altre sarebbero ancora da firmare o sottoposte al parere della Commissione alloggi.

  • Osservatorio Disagio Abitativo: ghetti alloggi popolari, ancora soluzioni inefficaci mentre gli interventi da attuare sarebbero altri

    La questione "ghetti urbani" di alloggi popolari è stata oggetto del seminario di Federcasa a Reggio Calabria, nei giorni scorsi. Nella città di Reggio Calabria, il quartiere di Arghillà nord e di Archi cep sono esempi concreti del problema da affrontare. Nel resto del territorio regionale, ci sono altri quartieri ghetto del settore erp. La Ciambra di Gioia Tauro e quelli della periferia di Catanzaro e Cosenza sono gli esempi più noti. Durante il seminario si è messo ancora una volta in evidenza come questi ghetti nella città di Reggio siano diventati “enclave della ndrangheta”. Un dato che si accompagna ad analisi e soluzioni ormai note quanto inefficaci.

  • Alloggi popolari: nuovo sit-in nell'androne di Palazzo San Giorgio. Fissato l'incontro con il nuovo delegato Peppe Sera

    La questione degli alloggi popolari resta di attualità in attesa di risolvere le tante criticità esistenti. Questa mattina quanti aspettano una casa insieme alle associazioni riunite nella sigla Osservatorio Disagio Abitativo hanno animato un nuovo sit-in nell’androne di Palazzo San Giorgio. Nella giornata di martedì della prossima settimana, ci sarà un incontro con il nuovo delegato del Comune, Peppe Sera.

  • L'Osservatorio Disagio Abitativo chiede il cambio alloggio urgente per un cittadino residente ad Arghillà

    Armando ha 53 anni, è affetto da una grave patologia per la quale dovrebbe abitare in un ambiente igienicamente sano. L'alloggio popolare Aterp che gli è stato assegnato qualche anno fa ad Arghillà nord non garantisce condizioni igienico sanitarie idonee . Questa condizione abitativa mette in serio periocolo la vita del signor Armando e per questo lui e la sua compagna Rodica, secondo la normativa vigente, avrebbero diritto al cambio dell'alloggio. Ma le richieste di cambio alloggio presentate non hanno avuto da parte del Comune e dell'Aterp risposta positiva. Armando affetto da una gravissima patologia continua ad abitare in un alloggio popolare al quarto piano di un edificio, senza ascensore ed in condizioni antigieniche.

  • Ex Polveriera, progetto equa dislocazione fermo da settembre e c'è una situazione di emergenza sanitaria

    Il  progetto di superamento della baraccopoli dell'Ex Polveriera avviato nel mese di aprile 2018 con il titolo "Dall'emergenza abitativa alla legalità percepibile",  è fermo dal mese di  settembre 2018. Diciassette famiglie sono state dislocate ma ad oggi ancora quindici famiglie sono presenti nella baraccopoli, in condizioni di emergenza sanitaria. Il gruppo di lavoro comunale impegnato nel progetto ha ottenuto dei buoni risultati ma ha deciso di fermarsi a metà dell'opera. Da ottobre 2018 è stata delegata la continuazione del progetto al nuovo dirigente comunale del settore ERP, D. Piccione. Purtroppo non è stato garantito al Dirigente il sostegno necessrio, pur sapendo che avrebbe dovuto affrontare i complessi problemi del settore alloggi popolari. Difatti non si è data continuità all'azione attuata lo scorso anno.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.