unci banner

:: NEWS

Comunali: i nuovi sindaci del reggino eletti nella tornata del 26 maggio 2019

Comunali: i nuovi sindaci del reggino eletti nella tornata del 26 maggio 2019

A Bivongi eletto sindaco Vincenzo Valenti (Uniti per Bivongi) con l’85,49% delle preferenze. A Canolo il primo cittadino eletto è Rosario Larosa (Uniti per valorizzare Canolo), unico candidato si aggiudica...

Cataforio, il sogno si infrange a 29'' dalla fine. Non basta  il cuore dei reggini che concludono una spettacolare stagione

Cataforio, il sogno si infrange a 29'' dalla fine. Non basta il cuore dei reggini che concludono una spettacolare stagione

In uno scenario surreale dove tutto l'inimmaginabile prende forma, il Cataforio abbandona il parquet alzando bandiera bianca, al termine di una vera e propria messinscena. La calamita del destino, tira...

Europee: nel reggino la Lega rispecchia il trend nazionale, in città è il PD il primo partito

Europee: nel reggino la Lega rispecchia il trend nazionale, in città è il PD il primo partito

La Lega nella provincia reggina si conferma primo partito a questa tornata elettorale europea, e con il 22,77% svetta seguita dal Partito Democratico con il 20,67% cui segue il M5S...

Enjoy Lamezia accede alle Finals per la Serie B

Enjoy Lamezia accede alle Finals per la Serie B

I campioni di Calabria dopo aver battuto la concorrenza regionale battendo nel PlayOff Nuovo Basket Soverato, Scuola di Basket Viola e la Vis Reggio vincono anche lo spareggio tra regioni...

Ciak finale per "Sandrino - Il film" di Pasquale Caprì

Ciak finale per "Sandrino - Il film" di Pasquale Caprì

Con un lungo quanto soddisfatto “Stooop”, seguito da un grande applauso, si sono concluse le riprese di “Sandrino – Il film”, il lungometraggio con protagonista il personaggio ideato e portato...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Arci: Nessun uomo è uno zero

Arci: Nessun uomo è uno zero

Pubblicato in ATTUALITA' Domenica, 03 Giugno 2018 21:47

Gli attacchi volgari e indecorosi da parte del neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini al Sindaco di Riace Mimmo Lucano meritano una risposta ferma e un’unanime condanna da parte della società civile.
Il Comune di Riace ha inaugurato un modello di accoglienza esemplare, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, e dal quale tante realtà sociali ed istituzioni hanno tratto ispirazione. Si tratta di un modello che nulla ha a che vedere con il tanto vituperato “business dell’accoglienza”, che pure conosciamo e condanniamo; nella stessa terra in cui le cosche si sono arricchite sulle spalle dei migranti, dei più deboli, di chi scappa da guerre e povertà, il sindaco Lucano è riuscito a realizzare, nel proprio comune

, un’accoglienza umana e sostenibile, che ha coinciso con la rinascita economica, culturale ed artistica dello stesso borgo e – cosa di primaria importanza – con la creazione di circa 70 posti di lavoro, in una zona caratterizzata da decenni da un altissimo tasso di disoccupazione.
Un abisso dunque rispetto a quello che purtroppo continua a verificarsi in altre zone della stessa Calabria, come testimonia drammaticamente quanto avvenuto il giorno 2 giugno nel vibonese, dove un uomo ha sparato ripetutamente contro tre migranti, “colpevoli” solamente di cercare, in una fabbrica dismessa e abbandonata, lamiere con le quali costruire un riparo di fortuna. Il tragico bilancio è di un morto e un ferito, gli ennesimi, gli ultimi di una lunga serie di aggressioni incivili delle quali in quanto italiani ci vergogniamo profondamente. Crediamo che questi avvenimenti non siano accidentali ma l’esito prevedibile e diretto di una campagna di odio e intolleranza che quotidianamente alcune parti politiche alimentano.
Con le parole pronunciate, Matteo Salvini ha offeso al contempo due istituzioni: certamente il Comune di Riace e il sindaco Lucano, ma anche – cosa non meno grave – il proprio ruolo istituzionale, la carica di Ministro dell’Interno che da appena due giorni ha assunto e che pretendiamo venga ricoperta con rispetto. A tal proposito, invitiamo il Ministro Salvini, prima di pronunciarsi nuovamente sulla figura di Mimmo Lucano, a leggere la relazione ispettiva della Prefettura di Reggio Calabria – che fa appunto capo al Ministero dell’Interno – sul sistema Riace, resa pubblica nel mese di febbraio 2018 e riguardante ben quattro ispezioni attuate nel corso dell’anno 2017.
Le parole sciocche, arroganti e grettamente propagandistiche, pronunciate da Salvini, hanno infine offeso tutti noi, e tutti i calabresi che lavorano quotidianamente per costruire una società più giusta, umana e ricca di cultura. Quel popolo cioè che costruisce veramente il cambiamento e che il neo Ministro ha sin qui dimostrato di non difendere né rappresentare nella maniera più assoluta.
Pretendiamo dunque che il Ministro dell’Interno porga ufficialmente le sue scuse al sindaco Mimmo Lucano, persona che dà lustro all’Italia intera e quindi anche all’istituzione che lui stesso da pochi giorni rappresenta.

Ufficio stampa Arci
Reggio Calabria, 3 giugno 2018

Letto 466 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Riace, Lucano si candida a consigliere comunale

    Mimmo Lucano, sindaco sospeso di Riace si ricandida come consigliere comunale neòla lista "Il cielo sopra Riace", che candida a primo cittadino Maria Spanò, assessore uscente ai Lavori pubblici.

  • A Palazzo Alvaro giovedì 11 aprile l'iniziativa “Antifascismo oggi: come costruire una nuova Resistenza”

    “Oggi la nuova Resistenza in cosa consiste”? Prendendo spunto dall’appello che il presidente Pertini rivolse ai giovani il 31 dicembre 1983, la Commissione Politiche Giovanili del Comune di Reggio Calabria in collaborazione con ARCI e ANPI invita gli studenti, i docenti e la cittadinanza tutta a partecipare all’iniziativa: “Antifascismo oggi: come costruire una nuova Resistenza” che si terrà giovedì 11 aprile alle ore 9.30 presso la Sala Perri, a Palazzo Alvaro. Introdurranno il sindaco Giuseppe Falcomatà, il presidente del Consiglio Regionale della Calabria, Nicola Irto e il presidente della Commissione Politiche Giovanili del Comune di Reggio Calabria, Marcantonino Malara.

  • Il Comitato per il riutilizzo delle case vuote, solidarizza con Mimmo Lucano e programma i prossimi passi da compiere

    Nei giorni scorsi la Cassazione ha depositato le motivazioni relative all’udienza dello scorso 26 febbraio, conclusasi con l’annullamento con rinvio del divieto di dimora a Riace per Mimmo Lucano, tra i principali promotori del Comitato per il riutilizzo delle case vuote nella Piana di Gioia Tauro.
    In quelle motivazioni i giudici ribadiscono quello che abbiamo sempre saputo, e cioè che dietro l’operato di Mimmo non ci siano né frodi né malafede, ma solo il tentativo di aiutare chi ha bisogno. A lui ribadiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà, mentre sta per iniziare l’udienza preliminare che dovrà decidere sul suo rinvio a giudizio.

  • Riflessione su Lucano e la Cassazione...ora che Riace non esiste più

    di Alessio Magro e Saverio Pazzano - La motivazione della Cassazione è calda calda, ma Riace è un corpo freddo. A distanza di qualche mese è chiaro a tutti ciò che già doveva essere chiaro a tutti: che bisogna conservare e difendere la Giustizia anche quando la prudenza pelosa impone la formula “occorre attendere i tempi e avere fiducia nella magistratura”. In cosa occorre avere fiducia adesso che Riace è caduta, che lo smantellamento del suo modello è stata la prova generale di attacco all’accoglienza, all’inclusione, all’unico modello possibile e necessario di Europa, allo stato sociale, la prova generale di abbrutimento del Paese?

  • Giorno della Memoria, Arci Provinciale di Reggio Calabria presenta: “L’uomo che verrà”

    Sarà caratterizzata dalla frase “La Storia non si riscrive”, l’iniziativa promossa quest’anno dall’Arci Reggio Calabria per celebrare la Giornata della memoria che si svolgerà domenica 27 gennaio alle ore 17.30 presso la nuova sede “Samarcanda”, in via Cuzzocrea 11 (discesa scuola Industriale).
    Il prof. Antonino Romeo offrirà ai partecipanti pensieri e riflessioni tratte dalle sequenze della proiezione del film “L’uomo che verrà”. Il film, pluripremiato e diretto da Giorgio Diritti, ambientato nel 1944, racconta gli eventi antecedenti la strage di Marzabotto visti attraverso gli occhi di una bambina di otto anni. La partecipazione all’evento è libera e gratuita.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.