unci banner

:: Evidenza

E' rinvio a giudizio per il "Caso Miramare"

E' rinvio a giudizio per il "Caso Miramare"

Rinvio a giudizio per il primo cittadino Giuseppe Falcomatà e buona parte della Giunta comunale del tempo insieme ad alcuni dirigenti comunali per il “Caso Miramare”. La prima udienza si terrà tra due mesi. Le...

Undici provvedimenti di Daspo: cinque per Reggina-Catanzaro e sei per Palmese-Gela

Undici provvedimenti di Daspo: cinque per Reggina-Catanzaro e sei per Palmese-Gela

Non si è fatta attendere la risposta del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo i deprecabili episodi del 27 gennaio e del 3 febbraio scorso, relativi rispettivamente all’incontro disputato allo stadio Lo Presti di...

Sissy Trovato Mazza, il governo risponde all'interpellanza di Cannizzaro

Sissy Trovato Mazza, il governo risponde all'interpellanza di Cannizzaro

A seguito della mia interpellanza parlamentare sull'omicidio dell'agente Sissy Trovato Mazza, il Governo ha intrapreso azioni ineludibili alla ricerca della verità sui fatti tristemente noti, e oggi, tramite il Sottosegretario di Stato alla Giustizia Vittorio...

Alberi rasi e nidi distrutti in piazza San Giorgio: gli storni sfrattati con la forza

Alberi rasi e nidi distrutti in piazza San Giorgio: gli storni sfrattati con la forza

La presenza degli storni nelle città, da sempre rappresenta un rapporto di amore e odio. Indimenticabili nei loro voli di gruppo nel cielo all’alba o al tramonto, quando a sera tornano tra gli alberi insieme...

LegaPro. La Virtus Francavilla batte la Reggina. Decide Sarao dal dischetto (1-0)

LegaPro. La Virtus Francavilla batte la Reggina. Decide Sarao dal dischetto (1-0)

Reggio Calabria. La Reggina cade al “Fanuzzi” di Brindisi contro la Virtus Francavilla. Manuel Sarao a dieci minuti dalla fine dal dischetto decreta la sconfitta amaranto. La partita è stata fortemente condizionata dal terreno di...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Arci: Nessun uomo è uno zero

Arci: Nessun uomo è uno zero

Pubblicato in ATTUALITA' Domenica, 03 Giugno 2018 21:47

Gli attacchi volgari e indecorosi da parte del neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini al Sindaco di Riace Mimmo Lucano meritano una risposta ferma e un’unanime condanna da parte della società civile.
Il Comune di Riace ha inaugurato un modello di accoglienza esemplare, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, e dal quale tante realtà sociali ed istituzioni hanno tratto ispirazione. Si tratta di un modello che nulla ha a che vedere con il tanto vituperato “business dell’accoglienza”, che pure conosciamo e condanniamo; nella stessa terra in cui le cosche si sono arricchite sulle spalle dei migranti, dei più deboli, di chi scappa da guerre e povertà, il sindaco Lucano è riuscito a realizzare, nel proprio comune

, un’accoglienza umana e sostenibile, che ha coinciso con la rinascita economica, culturale ed artistica dello stesso borgo e – cosa di primaria importanza – con la creazione di circa 70 posti di lavoro, in una zona caratterizzata da decenni da un altissimo tasso di disoccupazione.
Un abisso dunque rispetto a quello che purtroppo continua a verificarsi in altre zone della stessa Calabria, come testimonia drammaticamente quanto avvenuto il giorno 2 giugno nel vibonese, dove un uomo ha sparato ripetutamente contro tre migranti, “colpevoli” solamente di cercare, in una fabbrica dismessa e abbandonata, lamiere con le quali costruire un riparo di fortuna. Il tragico bilancio è di un morto e un ferito, gli ennesimi, gli ultimi di una lunga serie di aggressioni incivili delle quali in quanto italiani ci vergogniamo profondamente. Crediamo che questi avvenimenti non siano accidentali ma l’esito prevedibile e diretto di una campagna di odio e intolleranza che quotidianamente alcune parti politiche alimentano.
Con le parole pronunciate, Matteo Salvini ha offeso al contempo due istituzioni: certamente il Comune di Riace e il sindaco Lucano, ma anche – cosa non meno grave – il proprio ruolo istituzionale, la carica di Ministro dell’Interno che da appena due giorni ha assunto e che pretendiamo venga ricoperta con rispetto. A tal proposito, invitiamo il Ministro Salvini, prima di pronunciarsi nuovamente sulla figura di Mimmo Lucano, a leggere la relazione ispettiva della Prefettura di Reggio Calabria – che fa appunto capo al Ministero dell’Interno – sul sistema Riace, resa pubblica nel mese di febbraio 2018 e riguardante ben quattro ispezioni attuate nel corso dell’anno 2017.
Le parole sciocche, arroganti e grettamente propagandistiche, pronunciate da Salvini, hanno infine offeso tutti noi, e tutti i calabresi che lavorano quotidianamente per costruire una società più giusta, umana e ricca di cultura. Quel popolo cioè che costruisce veramente il cambiamento e che il neo Ministro ha sin qui dimostrato di non difendere né rappresentare nella maniera più assoluta.
Pretendiamo dunque che il Ministro dell’Interno porga ufficialmente le sue scuse al sindaco Mimmo Lucano, persona che dà lustro all’Italia intera e quindi anche all’istituzione che lui stesso da pochi giorni rappresenta.

Ufficio stampa Arci
Reggio Calabria, 3 giugno 2018

Letto 383 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Giorno della Memoria, Arci Provinciale di Reggio Calabria presenta: “L’uomo che verrà”

    Sarà caratterizzata dalla frase “La Storia non si riscrive”, l’iniziativa promossa quest’anno dall’Arci Reggio Calabria per celebrare la Giornata della memoria che si svolgerà domenica 27 gennaio alle ore 17.30 presso la nuova sede “Samarcanda”, in via Cuzzocrea 11 (discesa scuola Industriale).
    Il prof. Antonino Romeo offrirà ai partecipanti pensieri e riflessioni tratte dalle sequenze della proiezione del film “L’uomo che verrà”. Il film, pluripremiato e diretto da Giorgio Diritti, ambientato nel 1944, racconta gli eventi antecedenti la strage di Marzabotto visti attraverso gli occhi di una bambina di otto anni. La partecipazione all’evento è libera e gratuita.

  • "La libertà è un colpo di tacco" nella nuova sede Arci "Samarcanda"

    di Giusi Mauro - Se pur non si tratta di una prima uscita, la scelta di Arci Reggio Calabria, di inaugurare la nuova sede: “Samarcanda”, li dove una volta vi era l’ex bowling del re dei videogiochi, presentando il libro di Riccardo Lorenzetti, "La libertà è un colpo di tacco" è più che mai significativa. Significativa perché si parla di esempi di gioco. Uno negativo e l’altro positivo. Il primo raccontava di un gioco ‘che celava il marcio della società’, la ‘malavita’, come quello dei videopoker; l’altro esempio di gioco descrive quello che di più bello può esprimere uno sport, un gioco come lo racconta Lorenzetti nel suo libro.

  • Arci Provinciale di Reggio Calabria presenta: “La Libertà è un colpo di tacco”

    Futebol e politica, giornalismo e potere, censura e informazione. Su tutto questo si fonda “La libertà è un colpo di tacco”, libro che sarà presentato dall’Arci di Reggio Calabria alle ore 17 di venerdì 18 gennaio nella nuova sede “Samarcanda”, in via Cuzzocrea 11 (discesa scuola Industriale). In occasione di quello che è il primo evento culturale del nuovo anno, sarà presente anche l’autore, il toscano Riccardo Lorenzetti, il quale, mescolando realtà e finzione letteraria, ricostruisce le gesta del grande Socrates. Siamo di fronte a uno dei più grandi fuoriclasse della storia del calcio mondiale, leggendario capitano del Brasile ai mondiali di Spagna 82, una delle nazionali più forti di sempre, uscita sconfitta però nell’indimenticabile sfida contro l’Italia di Rossi e Bearzot.

  • Mimmo Lucano incontra gli studenti dell'ITT “Panella-Vallauri” martedì 8 gennaio 2019

    Testimonianza di Mimmo Lucano nel laboratorio cinematografico per i giovani della Comunità Ministeriale e gli studenti dell’Istituto Panella-Vallauri di Reggio Calabria. All'interno dell'Alleanza Educativa - per la formazione alla cittadinanza attiva e alla legalità - tra l'Istituto scolastico “Panella-Vallauri” di Reggio Calabria e la Comunità Ministeriale del Dipartimento di Giustizia Minorile, martedì 8 gennaio dalle ore 09.00 alle 13.00 nell'Aula Magna dell'ITT “Panella-Vallauri” di Reggio Calabria, si terrà il laboratorio cinematografico "Cittadini e migranti" con la proiezione del cortometraggio “Il Volo” di Wim Wenders alla presenza del Sindaco di Riace Mimmo Lucano.

  • Riace non possiamo perderla

    di Alessio Magro e Saverio Pazzano - Ci sono uomini singolari che nella loro esistenza hanno ragione anche quanto il torto bussa insistentemente alla porta. I grandi uomini spesso hanno questo dono. Mimmo Lucano è uno di loro. L’idea visionaria di un paese aperto all’accoglienza è una speranza forte e soprattutto tangibile in un’era di frontiere, ideologia della paura e implosione della democrazia. Crediamo che il simbolo Riace sia un punto fermo, tanto lampante nella sua evidenza che troviamo impossibile il confronto con chi ha altre idee (interessi?). Nel riflettere sulla figura di Lucano, ci rivolgiamo a chi condivide con noi orizzonti e speranze. Perché Riace non possiamo perderla.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.