unci banner

:: Evidenza

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Reggio Calabria. Nella ricorrenza dedicata alla Madonna di Loreto, patrona degli aviatori, le sezioni calabresi dell'Associazione Arma Aeronautica, come da tradizione, hanno deposto questa mattina, una corona di fiori ai piedi dell'Effige, collocata nella Piazza...

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Reggio Calabria. Una perla gastronomica dal valore unico, così è stato definito il Torrone artigianale di Taurianova, protagonista di una tre giorni che ha conquistato un ampio pubblico. La terza edizione del Festival del Torrone...

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria.“La scuola entra nel Parlamento europeo”. È questo il titolo dell’incontro che ha visto come protagonisti assoluti otto alunni dell’Ite Piria di Reggio Calabria dal 2 al 5dicembre scorso. Si tratta di Maria Elisa...

Caulonia tra le 100 mete d'Italia. Il sindaco Belcastro premiato in Senato

Caulonia tra le 100 mete d'Italia. Il sindaco Belcastro premiato in Senato

Si è svolta nei giorni scorsi nella prestigiosa Sala Koch di Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica Italiana, la cerimonia ufficiale per la consegna del Premio 100 Mete d'Italia. Il riconoscimento si propone di...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Arci: Nessun uomo è uno zero

Arci: Nessun uomo è uno zero

Pubblicato in ATTUALITA' Domenica, 03 Giugno 2018 21:47

Gli attacchi volgari e indecorosi da parte del neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini al Sindaco di Riace Mimmo Lucano meritano una risposta ferma e un’unanime condanna da parte della società civile.
Il Comune di Riace ha inaugurato un modello di accoglienza esemplare, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, e dal quale tante realtà sociali ed istituzioni hanno tratto ispirazione. Si tratta di un modello che nulla ha a che vedere con il tanto vituperato “business dell’accoglienza”, che pure conosciamo e condanniamo; nella stessa terra in cui le cosche si sono arricchite sulle spalle dei migranti, dei più deboli, di chi scappa da guerre e povertà, il sindaco Lucano è riuscito a realizzare, nel proprio comune

, un’accoglienza umana e sostenibile, che ha coinciso con la rinascita economica, culturale ed artistica dello stesso borgo e – cosa di primaria importanza – con la creazione di circa 70 posti di lavoro, in una zona caratterizzata da decenni da un altissimo tasso di disoccupazione.
Un abisso dunque rispetto a quello che purtroppo continua a verificarsi in altre zone della stessa Calabria, come testimonia drammaticamente quanto avvenuto il giorno 2 giugno nel vibonese, dove un uomo ha sparato ripetutamente contro tre migranti, “colpevoli” solamente di cercare, in una fabbrica dismessa e abbandonata, lamiere con le quali costruire un riparo di fortuna. Il tragico bilancio è di un morto e un ferito, gli ennesimi, gli ultimi di una lunga serie di aggressioni incivili delle quali in quanto italiani ci vergogniamo profondamente. Crediamo che questi avvenimenti non siano accidentali ma l’esito prevedibile e diretto di una campagna di odio e intolleranza che quotidianamente alcune parti politiche alimentano.
Con le parole pronunciate, Matteo Salvini ha offeso al contempo due istituzioni: certamente il Comune di Riace e il sindaco Lucano, ma anche – cosa non meno grave – il proprio ruolo istituzionale, la carica di Ministro dell’Interno che da appena due giorni ha assunto e che pretendiamo venga ricoperta con rispetto. A tal proposito, invitiamo il Ministro Salvini, prima di pronunciarsi nuovamente sulla figura di Mimmo Lucano, a leggere la relazione ispettiva della Prefettura di Reggio Calabria – che fa appunto capo al Ministero dell’Interno – sul sistema Riace, resa pubblica nel mese di febbraio 2018 e riguardante ben quattro ispezioni attuate nel corso dell’anno 2017.
Le parole sciocche, arroganti e grettamente propagandistiche, pronunciate da Salvini, hanno infine offeso tutti noi, e tutti i calabresi che lavorano quotidianamente per costruire una società più giusta, umana e ricca di cultura. Quel popolo cioè che costruisce veramente il cambiamento e che il neo Ministro ha sin qui dimostrato di non difendere né rappresentare nella maniera più assoluta.
Pretendiamo dunque che il Ministro dell’Interno porga ufficialmente le sue scuse al sindaco Mimmo Lucano, persona che dà lustro all’Italia intera e quindi anche all’istituzione che lui stesso da pochi giorni rappresenta.

Ufficio stampa Arci
Reggio Calabria, 3 giugno 2018

Letto 322 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Riace non possiamo perderla

    di Alessio Magro e Saverio Pazzano - Ci sono uomini singolari che nella loro esistenza hanno ragione anche quanto il torto bussa insistentemente alla porta. I grandi uomini spesso hanno questo dono. Mimmo Lucano è uno di loro. L’idea visionaria di un paese aperto all’accoglienza è una speranza forte e soprattutto tangibile in un’era di frontiere, ideologia della paura e implosione della democrazia. Crediamo che il simbolo Riace sia un punto fermo, tanto lampante nella sua evidenza che troviamo impossibile il confronto con chi ha altre idee (interessi?). Nel riflettere sulla figura di Lucano, ci rivolgiamo a chi condivide con noi orizzonti e speranze. Perché Riace non possiamo perderla.

  • Accoglienza ed integrazione: l'esempio di Mimmo Lucano

    di Giusi Mauro - Un futuro fatto di accoglienza e non di chiusura. È quello che si augurano tutti coloro che, questo pomeriggio, presso il Teatro “Zanotti Bianco” di Reggio Calabria hanno preso parte all'incontro su accoglienza ed integrazione organizzato dall’associazione socio-culturale “Opera”. Un viaggio verso un sogno di umanità che ha visto ospiti, insieme al Consigliere Metropolitano di Reggio Calabria Filippo Quartuccio, il Presidente del Consiglio Comunale Demetrio Delfino, lo scrittore Santo Gioffrè, l’uomo che - non per suo volere- oggi è diventata la personificazione ed essenza del termine “accoglienza”: Mimmo Lucano.

  • Lucano in Procura al Cedir come persona informata sui fatti

    E’ arrivato puntuale nel primo pomeriggio di oggi Mimmo Lucano, sindaco sospeso di Riace, al Cedir. Lucano è stato ascoltato per quasi tre ore dal procuratore aggiunto della DDA di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo come persona informata sui fatti. Nello specifico, in merito al contenuto degli esposti che lo stesso primo cittadino aveva presentato in Procura relativamente alla seconda ispezione disposta dalla Prefettura di Reggio Calabria nel suo comune e la mancata possibilità di visionare la relazione degli ispettori. 

  • Oliverio, Rossi, Lucano e don Massimo insieme per gli ultimi

    Sono contento di ospitare oggi in Cittadella il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, al quale mi lega amicizia, esperienza e militanza politica, il sindaco di Riace Mimmo Lucano e don Massimo Biancalani, protagonisti di un’esperienza d’integrazione che si sta tentato in tutti modi di soffocare”.
    Con queste parole il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio ha aperto l’incontro con i giornalisti, coordinata da Filippo Veltri, durante il quale i massimi rappresentanti di due regioni: Calabria e Toscana, il sindaco di un piccolo Comune calabrese (Riace) e un parroco di Vicofaro (Pistoia) hanno raccontato di pratiche di accoglienza e integrazione.

  • Giovanni Maiolo (ReCoSol): «Chiediamo a tutti i Comuni di conferire la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano»

    L'intera Rete dei Comuni solidali (Recosol) si stringe a Riace e al sindaco Mimmo Lucano. Amministratori, associazioni, volontari di ogni parte d'Italia al fianco di Riace che in tutti questi anni ci ha insegnato che le migrazioni se gestite nel modo corretto possono essere una risorsa e non necessariamente un problema. Ci ha insegnato che si può accogliere facendo l’interesse non solo dei migranti, ma anche dei propri cittadini e del proprio territorio.
    L’“esilio” deciso dal tribunale del Riesame dopo la revoca degli arresti domiciliari è un’azione che non fermerà il lavoro del primo cittadino e soprattutto non spegnerà lo spirito solidale innescato. In attesa degli sviluppi giuridici Re.Co.Sol rimane al fianco di tutti i primi cittadini che ogni giorno -da anni- operano per migliorare le condizioni sociali di tutte e tutti.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.