unci banner

:: Evidenza

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Nicky Nicolai, Stefano Di Battista e Minino Garay chiudono il Roccella Jazz Festival

Mercoledì 22 agosto il gran finale di Rumori Mediterranei, 38ma Edizione di Roccella Jazz Festival. L'ultima serata al Teatro al Castello di Roccella Jonica esalta...

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Gole del Raganello: sale il bilancio delle vittime, continua la ricerca dei dispersi

Sale a diecii il bilancio delle vittime della piena nelle Gole del Raganello. Tre le persone ancora disperse. Le operazioni di ricerca sono andate avanti...

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Addio a Mario Congiusta, il ricordo di Libera

Si è spento oggi Mario Congiusta, da anni si batteva perchè venisse fatta piena luce sull'omicidio del figlio Gianluca. Il suo ricordo nelle parole di...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Arci: Nessun uomo è uno zero

Arci: Nessun uomo è uno zero

Pubblicato in ATTUALITA' Domenica, 03 Giugno 2018 21:47

Gli attacchi volgari e indecorosi da parte del neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini al Sindaco di Riace Mimmo Lucano meritano una risposta ferma e un’unanime condanna da parte della società civile.
Il Comune di Riace ha inaugurato un modello di accoglienza esemplare, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, e dal quale tante realtà sociali ed istituzioni hanno tratto ispirazione. Si tratta di un modello che nulla ha a che vedere con il tanto vituperato “business dell’accoglienza”, che pure conosciamo e condanniamo; nella stessa terra in cui le cosche si sono arricchite sulle spalle dei migranti, dei più deboli, di chi scappa da guerre e povertà, il sindaco Lucano è riuscito a realizzare, nel proprio comune

, un’accoglienza umana e sostenibile, che ha coinciso con la rinascita economica, culturale ed artistica dello stesso borgo e – cosa di primaria importanza – con la creazione di circa 70 posti di lavoro, in una zona caratterizzata da decenni da un altissimo tasso di disoccupazione.
Un abisso dunque rispetto a quello che purtroppo continua a verificarsi in altre zone della stessa Calabria, come testimonia drammaticamente quanto avvenuto il giorno 2 giugno nel vibonese, dove un uomo ha sparato ripetutamente contro tre migranti, “colpevoli” solamente di cercare, in una fabbrica dismessa e abbandonata, lamiere con le quali costruire un riparo di fortuna. Il tragico bilancio è di un morto e un ferito, gli ennesimi, gli ultimi di una lunga serie di aggressioni incivili delle quali in quanto italiani ci vergogniamo profondamente. Crediamo che questi avvenimenti non siano accidentali ma l’esito prevedibile e diretto di una campagna di odio e intolleranza che quotidianamente alcune parti politiche alimentano.
Con le parole pronunciate, Matteo Salvini ha offeso al contempo due istituzioni: certamente il Comune di Riace e il sindaco Lucano, ma anche – cosa non meno grave – il proprio ruolo istituzionale, la carica di Ministro dell’Interno che da appena due giorni ha assunto e che pretendiamo venga ricoperta con rispetto. A tal proposito, invitiamo il Ministro Salvini, prima di pronunciarsi nuovamente sulla figura di Mimmo Lucano, a leggere la relazione ispettiva della Prefettura di Reggio Calabria – che fa appunto capo al Ministero dell’Interno – sul sistema Riace, resa pubblica nel mese di febbraio 2018 e riguardante ben quattro ispezioni attuate nel corso dell’anno 2017.
Le parole sciocche, arroganti e grettamente propagandistiche, pronunciate da Salvini, hanno infine offeso tutti noi, e tutti i calabresi che lavorano quotidianamente per costruire una società più giusta, umana e ricca di cultura. Quel popolo cioè che costruisce veramente il cambiamento e che il neo Ministro ha sin qui dimostrato di non difendere né rappresentare nella maniera più assoluta.
Pretendiamo dunque che il Ministro dell’Interno porga ufficialmente le sue scuse al sindaco Mimmo Lucano, persona che dà lustro all’Italia intera e quindi anche all’istituzione che lui stesso da pochi giorni rappresenta.

Ufficio stampa Arci
Reggio Calabria, 3 giugno 2018

Letto 216 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Resta senza una via d'uscita la lunga agonia di Riace

    A questo punto almeno in lontananza come in ogni film western che si rispetti, si sarebbe dovuto sentire il trombettista che suona la carica alla cavalleria, prossima a piombare sul villaggio per salvare i buoni dai “cattivi pellerossa”, prima dei titoli di coda. Di fatto nemmeno l’incontro di questa mattina in Prefettura ha spostato di un millimetro il baratro in cui si trova Riace. E storia insegna che la guerra la vince chi ha i rifornimenti. Riace, terra che regalò gratuitamente al mondo i primi (unici) due guerrieri migranti del tempo antico e solo fino a qualche settimana fa esempio riconosciuto oltreoceano con il suo modello di accoglienza, oggi di fatto collassa su se stessa senza finanze, nella silenziosa agonia programmata della sua fine.

  • Oliverio a Riace per sostenere Lucano: un progetto che non può morire

    "Sono qui per sostenere Mimmo Lucano e attraverso lui un progetto che non può morire.” Lo ha detto il presidente della Regione Mario Oliverio stamane nel corso di un incontro con la stampa convocato a Riace dove, come noto, il sindaco Lucano ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il blocco dei fondi per i progetti di accoglienza. “Sono qui, oggi -ha ancora messo in evidenza- Oliverio, e ho inteso convocare questa conferenza stampa innanzitutto per esprimere il sostegno della Regione a Mimmo Lucano che ha iniziato lo sciopero della fame da due giorni perché l’Italia conosca quella che è una situazione davvero paradossale rispetto alla vicenda di Riace.

  • Tutto pronto per l'ultima giornata del RiaceInFestival

    Riaceinfestivalfestival delle Migrazionie delle Culture Locali www.riaceinfestival.it in collaborazione con Riace Patrimonio dell’Umanità. Un progetto Ostinato e Contrario
    Obiettivi: in questo particolare momento storicoin cui la questione della coesistenza tra popolazioni e tradizioni culturali differenti emerge in modo sempre più marcato questo festival vuole essere una iniziativa concreta che, attraverso il giovane ed universale linguaggio del cinema, promuova lo scambio e la conoscenza reciproca per contrastare forme di chiusura e razzismo. Uno spazio panoramico d’incontro e di confronto per produzioni indipendenti in un luogo simbolo del bacino del Mediterraneo da sempre crocevia di popoli, lingue, religioni e culture.

  • Domani conferenza stampa di Oliverio a Riace con Lucano

    È convocata per domani mattina, sabato 4 agosto, alle ore 11 a Riace, davanti la Taverna "Donna Rosa", una conferenza stampa d’urgenza, dal presidente della Regione Mario Oliverio, sul caso Riace.
    Parteciperà il sindaco Mimmo Lucano.

  • Domani De Magistris e il sindaco di Barcellona al RiaceInFestival

    Riaceinfestival festival delle Migrazioni e delle Culture Locali www.riaceinfestival.it in collaborazione con Riace Patrimonio dell’Umanità. Un progetto Ostinato e Contrario - Obiettivi: in questo particolare momento storico in cui la questione della coesistenza tra popolazioni e tradizioni culturali differenti emerge in modo sempre più marcato questo festival vuole essere una iniziativa concreta che, attraverso il giovane ed universale linguaggio del cinema, promuova lo scambio e la conoscenza reciproca per contrastare forme di chiusura e razzismo. Uno spazio panoramico d’incontro e di confronto per produzioni indipendenti in un luogo simbolo del bacino del Mediterraneo da sempre crocevia di popoli, lingue, religioni e culture.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.