unci banner

:: NEWS

I 25 anni della Rosa dei Venti di Montalto

I 25 anni della Rosa dei Venti di Montalto

Sono trascorsi 25 anni da quando l’AB 212 – Prora 706, appartenente al 2° gruppo elicotteri della base Maristaeli di Catania, ha solcato il cielo di Montalto.Era toccato alla Marina...

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Strumenti jazz amalgamati a quelli della tradizione popolare, ritmi mediterranei fusi con la tarantella, voci calde e appassionate affiancate a chitarre di ogni genere. Il Kaulonia Tarantella Festival è pronto...

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Arci: Nessun uomo è uno zero

Arci: Nessun uomo è uno zero

Pubblicato in ATTUALITA' Domenica, 03 Giugno 2018 21:47

Gli attacchi volgari e indecorosi da parte del neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini al Sindaco di Riace Mimmo Lucano meritano una risposta ferma e un’unanime condanna da parte della società civile.
Il Comune di Riace ha inaugurato un modello di accoglienza esemplare, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, e dal quale tante realtà sociali ed istituzioni hanno tratto ispirazione. Si tratta di un modello che nulla ha a che vedere con il tanto vituperato “business dell’accoglienza”, che pure conosciamo e condanniamo; nella stessa terra in cui le cosche si sono arricchite sulle spalle dei migranti, dei più deboli, di chi scappa da guerre e povertà, il sindaco Lucano è riuscito a realizzare, nel proprio comune

, un’accoglienza umana e sostenibile, che ha coinciso con la rinascita economica, culturale ed artistica dello stesso borgo e – cosa di primaria importanza – con la creazione di circa 70 posti di lavoro, in una zona caratterizzata da decenni da un altissimo tasso di disoccupazione.
Un abisso dunque rispetto a quello che purtroppo continua a verificarsi in altre zone della stessa Calabria, come testimonia drammaticamente quanto avvenuto il giorno 2 giugno nel vibonese, dove un uomo ha sparato ripetutamente contro tre migranti, “colpevoli” solamente di cercare, in una fabbrica dismessa e abbandonata, lamiere con le quali costruire un riparo di fortuna. Il tragico bilancio è di un morto e un ferito, gli ennesimi, gli ultimi di una lunga serie di aggressioni incivili delle quali in quanto italiani ci vergogniamo profondamente. Crediamo che questi avvenimenti non siano accidentali ma l’esito prevedibile e diretto di una campagna di odio e intolleranza che quotidianamente alcune parti politiche alimentano.
Con le parole pronunciate, Matteo Salvini ha offeso al contempo due istituzioni: certamente il Comune di Riace e il sindaco Lucano, ma anche – cosa non meno grave – il proprio ruolo istituzionale, la carica di Ministro dell’Interno che da appena due giorni ha assunto e che pretendiamo venga ricoperta con rispetto. A tal proposito, invitiamo il Ministro Salvini, prima di pronunciarsi nuovamente sulla figura di Mimmo Lucano, a leggere la relazione ispettiva della Prefettura di Reggio Calabria – che fa appunto capo al Ministero dell’Interno – sul sistema Riace, resa pubblica nel mese di febbraio 2018 e riguardante ben quattro ispezioni attuate nel corso dell’anno 2017.
Le parole sciocche, arroganti e grettamente propagandistiche, pronunciate da Salvini, hanno infine offeso tutti noi, e tutti i calabresi che lavorano quotidianamente per costruire una società più giusta, umana e ricca di cultura. Quel popolo cioè che costruisce veramente il cambiamento e che il neo Ministro ha sin qui dimostrato di non difendere né rappresentare nella maniera più assoluta.
Pretendiamo dunque che il Ministro dell’Interno porga ufficialmente le sue scuse al sindaco Mimmo Lucano, persona che dà lustro all’Italia intera e quindi anche all’istituzione che lui stesso da pochi giorni rappresenta.

Ufficio stampa Arci
Reggio Calabria, 3 giugno 2018

Letto 522 volte

Articoli correlati (da tag)

  • L’11 giugno USB in piazza a Locri al fianco di Mimmo Lucano e del modello Riace

    Martedì 11 giugno si aprirà a Locri il processo a Mimmo Lucano e altre 26 persone. L’accusa, a vario titolo, è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Un processo, questo, che rappresenta l’ultima tappa di un percorso, iniziato qualche anno fa, teso a demolire e demonizzare il “modello Riace”, la particolare esperienza di accoglienza e integrazione a profughi e migranti che ha reso il piccolo borgo calabrese famoso in tutto il mondo.
    Ma se è normale che le istituzioni preposte controllino le regolari procedure per la gestione dei fondi pubblici - e nel caso di irregolarità si comportino di conseguenza - quello che è anormale in questa vicenda sono le modalità con cui si è sviluppata e diffusa:

  • Riace, gli sciocchi e l’analisi del voto

    “Le battaglie non si perdono mai, si vincono sempre!”. Mette sempre i brividi il motto guevarista, ed è una fede più forte di qualsiasi batosta, anche della recente debacle di Riace. E poco importa se ci daranno degli idioti dopo averci dato degli sciocchi, siamo e restiamo nani sulle spalle di giganti. Voi moralizzatori che dispacciate meschine ideologie (travestite da notizie) potete dire altrettanto?
    Resta però da compiere il rito funesto dell’analisi del voto. E va fatto senza ipocrisia. Gli errori sono errori, e ci faranno “vincere” solo se sapremo chiamarli per quello che sono. È pesante la sconfitta della lista elettorale del modello Riace, con l’ex sindaco Mimmo Lucano a correre per un posto in consiglio, è bene ricordarlo da candidato in esilio per una ridicola persecuzione giudiziaria (caro moralizzatore, ci saranno pure delle notizie di reato e un procedimento in corso, ma impedire a un candidato di partecipare alla campagna elettorale, ed è solo questo il motivo delle misure cautelari, significa mettere le manette alla democrazia. Se non lo vedi sei in malafede).

  • Riace, Lucano si candida a consigliere comunale

    Mimmo Lucano, sindaco sospeso di Riace si ricandida come consigliere comunale neòla lista "Il cielo sopra Riace", che candida a primo cittadino Maria Spanò, assessore uscente ai Lavori pubblici.

  • A Palazzo Alvaro giovedì 11 aprile l'iniziativa “Antifascismo oggi: come costruire una nuova Resistenza”

    “Oggi la nuova Resistenza in cosa consiste”? Prendendo spunto dall’appello che il presidente Pertini rivolse ai giovani il 31 dicembre 1983, la Commissione Politiche Giovanili del Comune di Reggio Calabria in collaborazione con ARCI e ANPI invita gli studenti, i docenti e la cittadinanza tutta a partecipare all’iniziativa: “Antifascismo oggi: come costruire una nuova Resistenza” che si terrà giovedì 11 aprile alle ore 9.30 presso la Sala Perri, a Palazzo Alvaro. Introdurranno il sindaco Giuseppe Falcomatà, il presidente del Consiglio Regionale della Calabria, Nicola Irto e il presidente della Commissione Politiche Giovanili del Comune di Reggio Calabria, Marcantonino Malara.

  • Il Comitato per il riutilizzo delle case vuote, solidarizza con Mimmo Lucano e programma i prossimi passi da compiere

    Nei giorni scorsi la Cassazione ha depositato le motivazioni relative all’udienza dello scorso 26 febbraio, conclusasi con l’annullamento con rinvio del divieto di dimora a Riace per Mimmo Lucano, tra i principali promotori del Comitato per il riutilizzo delle case vuote nella Piana di Gioia Tauro.
    In quelle motivazioni i giudici ribadiscono quello che abbiamo sempre saputo, e cioè che dietro l’operato di Mimmo non ci siano né frodi né malafede, ma solo il tentativo di aiutare chi ha bisogno. A lui ribadiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà, mentre sta per iniziare l’udienza preliminare che dovrà decidere sul suo rinvio a giudizio.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.