unci banner

:: NEWS

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Positivo l’incontro di mercoledì scorso in Prefettura, attraverso il quale il Prefetto Massimo Mariani insieme al Sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà e all’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, hanno...

Reggina: la numerazione ufficiale delle maglie della prima squadra

Reggina: la numerazione ufficiale delle maglie della prima squadra

La Reggina rende nota la numerazione ufficiale delle maglie degli atleti della prima squadra per la stagione sportiva 2019/20:

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Avviato un dialogo tra ASP e enti del Terzo settore, ma i servizi di cure domiciliari restano sospesi

Avviato un dialogo tra ASP e enti del Terzo settore, ma i servizi di cure domiciliari restano sospesi

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 23 Maggio 2019 13:55

Si è svolta ieri 22 maggio, come preannunciato, la riunione convocata dai Commissari Straordinari dell’ASP di Reggio Calabria con una delegazione degli enti del Terzo settore impegnati nei servizi di cure domiciliari.
Erano presenti per la Commissione Straordinaria il Prefetto dr. Meloni, il vice Prefetto dr.ssa Ippolito e la consulente dr.ssa Giusto unitamente ai dottori Barillaro e Carrera, medici dell’ASP. La delegazione del Terzo Settore era composta dal dr. Carrozza per il Consorzio Macramè, dal dr. Ambrogio per la Sadmat e dall’avv. Nasone per conto degli enti che svolgono le cure. La Città Metropolitana era presente con una propria delegazione guidata dal dr. Dattola, Capo di Gabinetto del Sindaco Metropolitano di Reggio Calabria, in rappresentanza dello stesso.

L’incontro si è svolto in maniera cordiale, nonostante le problematiche fossero complesse e difficili. Tuttavia, i Commissari non hanno fornito ancora alcuna indicazione circa la possibilità di sbloccare la drammatica fase di stallo (che perdura da gennaio 2019) e proseguire con i servizi.
Essi hanno riferito che, in carenza di atti amministrativi che i precedenti dirigenti ASP non avrebbero assunto, permane la necessità di un approfondimento tecnico interno all’ASP volto alla individuazione delle soluzioni giuridiche nel pieno rispetto della legalità, chiedendo ai convenuti un’ulteriore settimana per ricercare un esito positivo. I Commissari hanno, quindi, escluso l’ipotesi di una proroga al precedente Accordo Quadro, proposta che, invece, era stata avanzata proprio dagli enti del Terzo Settore. La delegazione del Terzo settore nel prendere atto della necessità espressa dall’ASP, ha ribadito che non solo solidarietà e legalità appartengono al DNA del Terzo Settore, bensì anche la giustizia sociale, ed essa include il diritto a poter accedere a servizi di cure essenziali a tutela del diritto alla salute.
Gli enti del Terzo settore hanno quindi ribadito che indipendentemente dalla loro volontà, considerato il perdurare della fase di stallo, tutti i servizi di cure domiciliari restano ancora sospesi, ed hanno invitato i Commissari a dare pronta informazione ai distretti e gli uffici ADI.
Convenendo che la situazione resta delicata nei confronti dei tanti pazienti che in queste settimane si vedono negato un servizio essenziale, e schiarite alcune incomprensioni istituzionali in ordine a quanto avvenuto il giorno precedente, la dr.ssa Ippolito ha annunciato che l’ASP ha provveduto a mandare avanti la procedura di accreditamento in materia di cure domiciliari degli enti che ne hanno fatto richiesta, invitando la Regione Calabria a voler completare l’iter procedimentale.
Gli enti del Terzo Settore hanno apprezzato questa positiva accelerazione volta a rimettere in moto una procedura che era stata avviata sin dall’estate scorsa ed era rimasta ferma troppo a lungo, ma sono altrettanto consapevoli che tale procedura richiederà, inevitabilmente, ulteriori tempi tecnici.
Proprio rispetto a tale tempistica gli enti del Terzo Settore restano in attesa di sapere che tipo di interventi, seppur transitori, l’ASP abbia intenzione di prendere, nel prioritario interesse di garantire i livelli essenziali di assistenza a tutti gli utenti.

Reggio Calabria, 23 maggio 2019

Letto 123 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Coordinamento Art.32: richiesta di incontro urgente al Prefetto e annuncio sospensione dei servizi

    Facendo seguito alla comunicazione con la quale il Coordinamento art.32 ha informato gli organi competenti della grave condizione di abbandono in cui versano i servizi sanitari nel territorio dell’ASP 5, in data odierna, 20 giugno c.a., gli enti erogatori dei servizi di Cure Domiciliare Integrate, hanno inviato una lettera a Sua Eccellenza dott. Mariani, Prefetto di Reggio Calabria, per richiedere un incontro urgente al fine di trovare in tempi brevi una soluzione che garantisca il riconoscimento dei diritti di tutte le parti coinvolte.
    Nella missiva, inoltre, gli enti erogatori, come già annunciato anche agli organi di stampa, hanno comunicato che, a partire da giorno 1 luglio p.v., cesseranno l’erogazione di tutti i servizi di cure domiciliari integrate.

  • Restano sospesi i servizi di cure domiciliari, i Commissari non ricevono gli Enti del Terzo settore

    Dopo la notizia dello stato di agitazione annunciato a seguito delle innumerevoli richieste di incontro ai vertici dell’ASP di Reggio Calabria, nella giornata di oggi, 21 maggio, grazie all’intermediazione del Sindaco della Città metropolitana Giuseppe Falcomatà, i Commissari Straordinari avrebbero dovuto tenere un incontro con gli enti del Terzo Settore per discutere della situazione in cui versano le cure domiciliari.
    Peccato che a detto incontro gli stessi Commissari fossero assenti, manifestando una totale mancanza di garbo istituzionale, sia nei confronti del Sindaco Metropolitano, al quale va reso merito per il suo concreto interessamento, sia nei confronti dei rappresentanti degli enti che, sotto la sede di Via Diana, hanno atteso invano.

  • Dopo lo stato di agitazione, l’ASP incontrerà gli enti del Terzo settore
    Dopo la notizia dello stato di agitazione annunciato a seguito delle innumerevoli richieste di incontro ai vertici dell’ASP di Reggio Calabria, nella giornata di ieri, 16 maggio, per tramite del Sindaco della Città metropolitana Giuseppe Falcomatà, i Commissari Straordinari hanno comunicato che terranno una riunione martedì 21, alle ore 11, per discutere della situazione in cui versano le cure domiciliari. All’incontro saranno invitati, oltre il Sindaco metropolitano, anche gli enti del
  • Cittadini in estremo caso di bisogno abbandonati a loro stessi, l'ASP interrompe i servizi, enti del Terzo Settore in stato di agitazione

    Con preoccupazione dobbiamo riscontrare che la drammatica condizione in cui versa l'ASP di Reggio Calabria si è ulteriormente aggravata dal totale vuoto di indirizzo nei confronti del comparto cure domiciliari sanitarie. Questa situazione ha immediate conseguenze su tanti cittadini in estremo caso di bisogno, abbandonati di fatto al loro destino. Tanti sono i casi che potremmo citare: due ragazzi della vicina Bagnara, colpiti da una rara malattia degenerativa, che hanno bisogno di continua assistenza; il caso di una bambina, che tornerà a Reggio dopo un delicato intervento in un ospedale del nord, che necessita di quelle cure senza le quali sarebbe a rischio la sua stessa vita. Vogliamo ricordare che l'assistenza domiciliare sanitaria ADI rientra nei LEA - ovvero Livelli essenziali di Assistenza - e come servizi essenziali dovrebbero essere garantite sempre.

  • Strutture psichiatriche, i lavoratori tornano a protestare e minacciano dimissioni in massa

    Sono tornati a protestare questa mattina i lavori delle strutture psichiatriche del reggino. Ancora infatti non si è sbloccata la situazione dei pagamenti arretrati che in alcuni casi raggiungono i dodici mesi, così come per molti resta incerto anche il futuro. L'ASP da parte sua ha annunciato tutta l'intenzione di sbloccare la vicenda ma per i lavoratori ogni giorno che passa è sempre più difficile anche raggiungere il posto di lavoro. Non di meno resta alta la preoccupazione dei parenti degli ospiti delle strutture che questa mattina hanno manifestato con i lavoratori in via Diana davanti la sede dell'Asp

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.