unci banner

:: NEWS

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

La maturità di un gruppo, la saggezza del suo condottiero, la voglia di raggiungere un traguardo storico, il cuore e la mentalità. Queste sono solo alcune delle componenti che il...

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

In seguito alle dichiarazioni pubbliche di Alessandro Menniti, soggetto che ha argomentato in qualità di rappresentante della Viola Reggio Calabria trasmesse dalla radio ufficiale del club, Antenna Febea, il Presidente...

Cisme e Corecom tracciano il bilancio del laboratori con gli studenti: “Media Education For All” e “Di.Re. Digital research….e non solo”

Cisme e Corecom tracciano il bilancio del laboratori con gli studenti: “Media Education For All” e “Di.Re. Digital research….e non...

Le tecnologie digitali in pochi anni hanno trasformato l'organizzazione sociale del nostro tempo, internet da strumento di comunicazione si è trasformato in principale piattaforma su cui costruire relazioni interpersonali: è...

Al via in Piazza Italia la due giorni dei Biologi Nutrizionisti: consulenze gratuite per i cittadini

Al via in Piazza Italia la due giorni dei Biologi Nutrizionisti: consulenze gratuite per i cittadini

Piazza Italia presa d’assalto per la due giorni all’insegna della corretta alimentazione e del consumo a basso impatto ambientale. Oggi e domani (domenica 19 maggio 2019) dalle 10:00 alle 19:00,...

Polizia di Stato: “Train…to be cool”. Giovani a lezione di sicurezza ferroviaria

Polizia di Stato: “Train…to be cool”. Giovani a lezione di sicurezza ferroviaria

È innanzitutto i più giovani che bisogna educare a tenere comportamenti tali da non mettere a rischio la loro sicurezza; è quello che sta facendo il Compartimento Polizia Ferroviaria per...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Canto di Natale: il messaggio dei giovani dell'Associazione Attendiamoci Onlus alla Città

Canto di Natale: il messaggio dei giovani dell'Associazione Attendiamoci Onlus alla Città

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 17 Dicembre 2018 13:03

Alla vigilia della prima di "Canto di Natale" - in scena al Teatro Cilea di Reggio Calabria il 20 e il 27 dicembre alle ore 20.30 – ecco il messaggio dei giovani dell'Associazione Attendiamoci Onlus alla Città. Perché si può cambiare, si deve rinascere! "Il freddo che portava dentro gli gelava il viso... Può capitare di vivere al freddo, di lasciarsi prendere dalla rabbia per la vita... Di dimenticare affetti, amori, sogni, di essere stati giovani e poveri. È capitato ad Ebenezer Scrooge. L'avido banchiere calcola tutto, perfino il tempo, non c'è posto per il Natale nella sua vita, perché lui è già morto e non può rinascere, nulla può rinascere e, senza la speranza di una rinascita, appunto, il Natale non si può vivere. Il freddo che si porta dentro abbassa la temperatura del suo ufficio, delle sue relazioni, dei mondi che passano "accanto" a lui, ma che non hanno più accesso "dentro" di lui.

Ogni cosa per Scrooge è "perdere tempo": i festeggiamenti, il pranzo con i parenti, i canti di Natale, è tutto tempo perso! Il povero ricco si è perso nel tempo. Senza Natale non c'è tempo, passato e futuro sono appiattiti su un presente da monetizzare.

Compare Marley, lo storico socio morto sette anni prima che, sotto il peso delle catene dei suoi errori, palesa il monito: nessun rimorso è punizione sufficiente per le opportunità di bene trascurate in vita.

Comincia la processione degli Spiriti del tempo che, nel ristretto spazio della spoglia camera di Scrooge e nel tempo ristretto di un torpore prenatalizio, accompagnano il protagonista lungo un itinerario di memoria, consapevolezza e destinazione finale. Scrooge riavvolge il nastro della sua vita si rivede, si vede, si prevede... Chiamami salvezza, la tua salvezza, gli dice il primo Spirito.

Tante sono le paure che riemergono, le occasioni perse, le persone buone dimenticate, tutto dentro un'assenza di paternità e una rinuncia ad amare. Ecco la grande ferita che uccide il Natale: la paura di amare, il dolore che diventa rabbia, la povertà che diventa miseria dell'anima, ormai venduta all'idolo dell'oro.

Il secondo Spirito, quello del presente, schiude a Scrooge l'entusiasmo del giorno di Natale: la famiglia, la gratitudine, il mistero della sofferenza che richiama il Sofferente. È la storia del piccolo Tim: buono come un angelo e anche di più. Sperava che la gente lo avesse veduto in chiesa, perché è storpio e la gente, vedendolo, si sarebbe ricordata, almeno nel giorno di Natale, di chi ha fatto camminare gli storpi e vedere i ciechi. Il ragazzo svela il senso del Natale, mentre i figli dell'uomo rivolgono ai genitori l'accusa di un cupo egoismo che ha generato Miseria e Ignoranza.

Scrooge va capendo e - nelle diverse scene - si sente pensato dai suoi conoscenti. Questi anche a lui, e nonostante lui, dedicano un brindisi di buon Natale, un brindisi dal sapore della compassione e perfino del perdono.

Il terzo Spirito, quello del Natale del tempo futuro, è muto, come il futuro di chi non sa rinascere, come la morte di chi già non vive il Natale, come la solitudine nella quale Scrooge si è trincerato da tempo.

Il futuro presenta l'inesorabile fine. Chi ha scelto di rimanere solo in vita, si ritrova solo per sempre, non si può più commuovere, ha perso ogni occasione di bene. La morte invade la scena e colpisce anche il piccolo Tim, avvolto però dal sentimento della tenerezza. Per Scrooge, invece, rimane la più desolante e fredda pietra dove il nome non lascia scampo: qui è sepolto Ebenezer Scrooge, l'uomo più ricco del cimitero. Scrooge si ravvede, ha ancora tempo, può cambiare, può rinascere e adesso sì che è Natale, vero Natale. Quello che vince la morte, la solitudine, la paura, il peccato, la miseria, l'ignoranza, i pregiudizi, ma anche l'ipocrisia di riti non veri che siano autentica espressione del cuore, occasioni di compassione e perdono.

Questo è il dono di Natale dei giovani di Attendiamoci, un messaggio non scontato per una città che ha tante storie di bene, che può rinascere, che non vuole celebrare l'idolo d'oro del consumismo, o cedere all'arroganza del malaffare. Questo è l'augurio: un cuore che sia tutto un sorriso, nella consapevolezza che rinascendo a Natale, ciascuno possa diventare migliore. Perché si può cambiare, si deve rinascere!

Scrooge diventò il migliore degli amici, il migliore dei padroni, il migliore degli uomini della vecchia città. Qualcuno rise di questo mutamento, ma egli lo lasciò ridere e non ci fece caso, perché era abbastanza saggio da sapere che nulla di buono succede senza che qualcuno, sulle prime, non si prenda il gusto di riderne. Del resto anche il suo cuore era tutto un sorriso, e ciò per lui era più che sufficiente... Che altrettanto possa dirsi di noi, di tutti noi. Lieto Natale!

E così come augurò Tim: il Signore ci benedica tutti quanti!"


Ultimi biglietti disponibili
- Casa dei Giovani Via C. Portanova lun/ven ore 9.00/13.00;
- Botteghino Teatro Cilea ore 16.30/19.30
- Online H24 su www.attendiamoci.it


Vi aspettiamo numerosi.

Don Valerio Chiovaro


Attendiamoci Onlus

Rc 17 dicembre 2018

Letto 218 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Regina di Cuori: Il Messaggio educativo di Don Valerio Chiovaro

    Meravigliarsi è saper cogliere l’insolito. Come atteggiamento continuo è cogliere nel solito l’insolito. Saper guardare “il grandioso” che ammira, che stupisce, che…meraviglia.
    Potersi meravigliare, in fondo, è il potere di chi ha lo sguardo capace di accogliere la grandiosità delle cose semplici e la semplicità delle cose grandiose.
    È questa la provocazione e l’occasione del nuovo musical firmato Attendiamoci. Una prima assoluta, una invenzione fatta in casa da Carlo Colico.

  • Gli studenti di Pavia presso il bene confiscato “Villaggio dei Giovani” dell’associazione Attendiamoci

    Terzo giorno di formazione per gli universitari di Pavia, ospiti al Villaggio dei Giovani, bene confiscato alla criminalità organizzata ed in gestione all’associazione Attendiamoci dal 2009.
    Il campo di formazione sulla gestione dei beni confiscati, dal titolo “Dove è odio che io porti l’amore”, è giunto al suo snodo centale: i giovani collegiali pavesi (ricordiamo che il progetto, di cui l’esperienza residenziale costituisce il coronamento, è nato dalla collaborazione di tre Collegi universitari di Pavia – S. Caterina, Cairoli e Cardano – con l’associazione Attendiamoci ONLUS) stanno conoscendo sempre di più gli aspetti tenici e stanno entrando in contatto con le buone pratiche inerenti il variegato e complesso mondo della gestione di un bene confiscato.

  • Campo residenziale: “Dov’è l’odio che io porti l’amore” per la gestione di un bene confiscato

    Tutto pronto al Villaggio dei Giovani per accogliere il gruppo di giovani universitari pavesi che si apprestano a vivere un’esperienza formativa residenziale a Reggio Calabria dal 23 al 28 aprile.
    L’idea nasce circa un anno fa, quando è stato presentato il progetto “Dov’è l’odio che io porti l’amore”, nato grazie alla collaborazione di tre collegi universitari (S. Caterina, Cairoli e Cardano) con la onlus “Attendiamoci” fondata da Don Valerio Chiovaro a Reggio Calabria e da anni attiva nella gestione di beni confiscati alla malavita.

  • Pavia, partito il progetto “Dov’è l’odio che io porti l’amore” per la gestione di un bene confiscato

    Lunedì 8 aprile 2019 presso il Collegio S. Caterina e alla presenza del Prefetto Silvana Tizzano, del Rettore Fabio Rugge e del vice-Presidente dell’EDiSU Alessandro Greco è stato presentato il progetto “Dov’è l’odio che io porti l’amore”, progetto nato grazie alla collaborazione di tre collegi universitari (S. Caterina, Cairoli e Cardano) con la onlus “Attendiamoci” fondata da Don Valerio Chiovaro a Reggio Calabria e da anni attiva nella gestione di beni confiscati alla malavita.
    Il progetto ha infatti come fine ultimo la gestione di un bene confiscato in Pavia ad opera di studenti collegiali e universitari in collaborazione e sotto l’esperta guida di Attendiamoci e dei suoi volontari. La prima fase operativa sarà un campo di formazione a Reggio Calabria, presso il “Villaggio dei Giovani” bene confiscato alla ‘ndrangheta e gestito da Attendiamoci. Il campo si svolgerà dal 23 al 28 aprile e coinvolgerà 14 studenti universitari, quasi tutti alunni dei collegi pavesi, che hanno aderito con entusiasmo alla proposta impegnandosi in un percorso che li vedrà protagonisti.

  • L’associazione Attediamoci ONLUS rilancia la Casa dei Giovani: tantissime le attività in partenza nel centro di aggregazione giovanile reggino

    Attendiamoci, realtà reggina che mira alla prevenzione del disagio giovanile attraverso attività formative e aggregative, ridona linfa alla Casa dei Giovani “Peppe Condello”, attraverso una serie di iniziative. La Casa dei Giovani – bene comunale, divenuto centro di aggregazione giovanile gestito da Attendiamoci – è da sempre un luogo dove i giovani possono incontrarsi, confrontarsi, crescere. Una casa accogliente dove poter vivere amicizie, dove potersi aprire alla meraviglia dell’altro, dove poter condividere insieme le
    diverse tappe della quotidianità, dove sognare il proprio futuro. Oggi più che mai, sull’onda dell’entusiasmo derivato dal successo di iniziative del recente passato, l’associazione Attendiamoci desidera rendere concreto quel sogno.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.