univeristà mediterranea

:: Evidenza

Firmato l’accordo di valorizzazione e rilancio dei siti archeologici cittadini

Firmato l’accordo di valorizzazione e rilancio dei siti archeologici cittadini

E’ stata firmata questa mattina la Convenzione tra il Comune di Reggio Calabria e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana...

Reggio Calabria, pellegrinaggio Unitalsi : è partito il treno bianco per Lourdes

Reggio Calabria, pellegrinaggio Unitalsi : è partito il treno bianco per Lourdes

E'partito il treno bianco dell'Unitalsi alla volta di Lourdes! Stamattina, all'alba, il treno con pellegrini, ammalati e volontari della sezione calabrese dell'Unitalsi, ha lasciato la...

Prefettura: massima attenzione alle misure di sicurezza durante le manifestazioni

Prefettura: massima attenzione alle misure di sicurezza durante le manifestazioni

Tutto il personale di polizia impegnato, già particolarmente attento al riguardo, come da consuetudine, del resto, delle nostre Forze di Polizia, sarà ulteriormente sensibilizzato perché...

Viola, Monastero: “Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione”

Viola, Monastero: “Contenti della squadra che abbiamo allestito, siamo pronti per la nuova stagione”

Il Presidente della Met Extra Viola Reggio Calabria Raffaele Monastero è intervenuto all’interno del programma radiofonico “Break In Sport”, in onda sulle frequenze di Radio...

Atam, "congelata" la nomina di Basile. MNS: "poca esperienza di chi ci amministra"

Atam, "congelata" la nomina di Basile. MNS: "poca esperienza di chi ci amministra"

Tra pochi giorni l’assemblea dei soci Atam dirà l’ultima parola sulla recente nomina di Giuseppe Basile ad Amministratore Unico, al momento “congelata” dopo le perplessità...

La Procura dispone il sequestro preventivo per 75mila euro ad Adriana Musella

La Procura dispone il sequestro preventivo per 75mila euro ad Adriana Musella

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso, in via d’urgenza, dalla Procura...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Cgil: la Casa Circondariale di Arghillà in crisi

Cgil: la Casa Circondariale di Arghillà in crisi

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 17 Luglio 2017 11:34

Ancora una volta siamo costretti a portare all’attenzione dell’opinione pubblica la crisi di risorse umane dell’istituto cittadino di ARGHILLA’. In questo fine settimana, il personale si è ridotto all’osso, con la chiusura addirittura dell’ufficio matricola, per la partecipazione ad una manifestazione che ha visto impegnate alcune unità di personale, sottovalutando le annose problematiche di carenza di organico che in questo periodo è già ridotto dal piano ferie in atto. Ricordando che l’Istituto penitenziario, è una Casa Circondariale,

cioè una struttura tenuta alla ricezione di nuovi giunti, così come analoghe difficoltà si sarebbero rilevate nell’ipotesi di  invio urgente in ospedale di qualche detenuto che avrebbe richiesto la presenza di risorse interne, teniamo a precisare che l’impegno in altre attività ha creato grave disagio alle poche risorse rimaste in servizio. Infatti, i pochi agenti di polizia penitenziaria sono stati costretti a fare più di dodici ore di turno, su di essi è gravata completamente la gestione di 353 detenuti di vari circuiti detentivi, questi lavoratori che necessariamente hanno sacrificato i loro diritti, hanno dato prova di elevata professionalità, senso del dovere ed attaccamento al Corpo, a loro la Fp Cgil esprime solidarietà e vicinanza.  Un corpo in agonia che nonostante tutto è al servizio dello stato, garantendo, giorno dopo giorno, la propria silenziosa opera di reale e onesto servizio, ha bisogno di essere tutelato con responsabilità, ha bisogno che l’Amministrazione Penitenziaria con consapevolezza si adoperi per rinforzare gli organici ed approntare una organizzazione dei servizi che dia respiro agli agenti e consenta il pieno esercizio dei diritti dei lavoratori che svolgono le loro mansioni con abnegazione in una situazione già estremamente critica per le note carenze.

RC 17 luglio 2017

Letto 37 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Pititto (Cgil): Urge un piano straordinario per l'occupazione nella Locride

    Il segretario della CGIL Reggio Calabria - Locri Gregorio Pititto annuncia mestamente che domani i 129 dipendenti della Call&Call di Locri si vedranno recapitate le lettere di licenziamento. Il dramma occupazionale che stanno vivendo i 129 operatori del call center di Locri deve rappresentare per le parti sociali e la politica una sorta di "ultima chiamata".

  • Pititto (Cgil): Call&Call decisa a lasciare Locri

    Il segretario della CGIL Reggio Calabria - Locri Gregorio Pititto è sconcertato di fronte all’atteggiamento irresponsabile tenuto dalla Call&Call nel corso del tavolo tecnico svoltosi oggi presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, convocato riguardo alla procedura di licenziamento collettivo di 129 lavoratori dell’azienda operante a Locri.

  • Pititto (Cgil): peroccupazione per lavoratori Call&Call Locri

    Il segretario della CGIL Reggio Calabria - Locri Gregorio Pititto esprime massima preoccupazione riguardo alla procedura di licenziamento collettivo di 129 lavoratori della Call&Call di Locri, in seguito all’incontro svoltosi ieri presso il Mise, nel corso del quale il management aziendale ha ribadito la volontà di recedere dai rapporti di lavoro.

  • Nuovo anno scolastico, gli auguri della Cgil

    La CGIL Reggio Calabria – Locri e la FLC rivolgono  a studenti, insegnanti, dirigenti e a tutto il personale scolastico i più sinceri auguri di buon lavoro per l’inizio del nuovo anno scolastico. Il mondo della scuola, ogni giorno vive la formidabile avventura dell'educazione e della formazione. Ogni inizio d’anno  diviene pertanto anche un’ occasione per riflettere sull'importante ruolo che la scuola è chiamata a svolgere nella società contemporanea.

  • Cgil: “Il disagio dell’utenza specchio del disagio degli operatori dei Centri per l’Impiego”

    La FP CGIL Reggio Calabria – Locri denuncia ancora una volta la situazione drammatica in cui versano i Centri per l’Impiego. All’incertezza ormai cronicizzata, in cui si trovano ad operare tutti i dipendenti del Centro per l’Impiego della Città Metropolitana di Reggio Calabria, dovuta all’ormai noto quadro normativo nazionale, poco chiaro e contraddittorio, scaturito da Riforme azzardate e alla conseguente fase transitoria, che non vede ancora soluzione tra competenze, responsabilità e risorse economiche non bene definite tra Enti regionali e di Area Vasta,

logo cp bucato

Copyright © 2017 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.