unci banner

:: NEWS

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo....

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

“Questo lungomare ci racconta su cosa deve puntare il nostro territorio: cultura, bellezza e legalità”. Così, nella giornata di ieri, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha inaugurato il nuovo Waterfront...

Gallico, coniugi trovati morti nel cortile di casa. Si indaga per omicidio-suicidio

Gallico, coniugi trovati morti nel cortile di casa. Si indaga per omicidio-suicidio

Nel corso della mattinata personale dell' UPGSP è intervenuto in località Gallico di Reggio Calabria per il rinvenimento dei corpi di due persone. Si tratta di una coppia di coniugi...

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

La maturità di un gruppo, la saggezza del suo condottiero, la voglia di raggiungere un traguardo storico, il cuore e la mentalità. Queste sono solo alcune delle componenti che il...

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

In seguito alle dichiarazioni pubbliche di Alessandro Menniti, soggetto che ha argomentato in qualità di rappresentante della Viola Reggio Calabria trasmesse dalla radio ufficiale del club, Antenna Febea, il Presidente...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Cittadini in estremo caso di bisogno abbandonati a loro stessi, l'ASP interrompe i servizi, enti del Terzo Settore in stato di agitazione

Cittadini in estremo caso di bisogno abbandonati a loro stessi, l'ASP interrompe i servizi, enti del Terzo Settore in stato di agitazione

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 15 Maggio 2019 13:39

Con preoccupazione dobbiamo riscontrare che la drammatica condizione in cui versa l'ASP di Reggio Calabria si è ulteriormente aggravata dal totale vuoto di indirizzo nei confronti del comparto cure domiciliari sanitarie. Questa situazione ha immediate conseguenze su tanti cittadini in estremo caso di bisogno, abbandonati di fatto al loro destino. Tanti sono i casi che potremmo citare: due ragazzi della vicina Bagnara, colpiti da una rara malattia degenerativa, che hanno bisogno di continua assistenza; il caso di una bambina, che tornerà a Reggio dopo un delicato intervento in un ospedale del nord, che necessita di quelle cure senza le quali sarebbe a rischio la sua stessa vita. Vogliamo ricordare che l'assistenza domiciliare sanitaria ADI rientra nei LEA - ovvero Livelli essenziali di Assistenza - e come servizi essenziali dovrebbero essere garantite sempre.

Nei primi mesi di quest'anno l'ASP, sulla base della spesa storica degli ultimi anni, aveva impegnato la somma necessaria per lo svolgimento del servizio e, con una lettera del Dr. Mesiti nella qualità di commissario facente funzioni, aveva autorizzato gli enti a proseguire il servizio. Il continuo cambio dei commissari ha creato però una situazione di vuoto amministrativo che ha messo in seria difficoltà gli enti che a fronte del servizio erogato, con infermieri, fisioterapisti e operatori professionali, non si sono visti riconosciute le spettanze per le prestazioni erogate. Da Gennaio ad oggi non è stato pagato nulla del servizio svolto.

Rispetto alla situazione di incertezza che si stava determinando gli enti hanno tentato di interloquire con tutti i vertici aziendali che si sono succeduti - Scura, Mesiti e adesso i Commissari Straordinari - attraverso lettere, appelli e continue richieste di incontro. A tali richieste non è mai stato dato alcun riscontro. Ciò considerato, gli enti hanno chiesto al Sindaco di Reggio Calabria, massima autorità responsabile della salute pubblica, di farsi carico di tale situazione nel corso di un incontro avvenuto il 10 di Aprile, cui ha fatto seguito una missiva dello stesso Sindaco Metropolitano rivolta ai Commissari Straordinari.

Constatiamo con amarezza che ad oggi i commissari non hanno inteso rispondere neanche al Sindaco metropolitano.

In assenza di qualsivoglia risposta in ordine alle numerose corrispondenze inviate ed alla carenza di qualsiasi cenno nel concordare un incontro urgente sulle cure domiciliari, l'ASP ci ha costretti, nostro malgrado (poiché non è stata completata la procedura), a interrompere il servizio con decorrenza 9 maggio, anche verso i casi più gravi che solo per sensibilità e diligenza fino ad oggi avevamo proseguito.

Ribadiamo il nostro rammarico per questa forzata scelta poiché tanti utenti, tra anziani non autosufficienti, malati oncologici, giovani colpiti da malattie degenerative, non potranno più ricevere l'assistenza vedendosi negato nei fatti un sacrosanto diritto. Di fatto l'ASP si sta rifiutando di assistere gli utenti, oltre 3.000 in tutto il territorio provinciale, la cui stragrande maggioranza assistiti da enti del Terzo Settore.

Il diritto alla salute e il benessere dei pazienti devono essere garantiti dall'ASP, non dal lavoro pressoché volontario degli Enti privati del Terzo Settore che hanno sempre operato con grande responsabilità umana e professionale.

Gli enti proclamano, dunque, lo stato di agitazione che sfocerà in forme di protesta pubblica con operatori e familiari di utenti dinnanzi alla sede dell'ASP, e con il massimo coinvolgimento di tutta la cittadinanza, gli organi di stampa e l'opinione pubblica sulla gravissima situazione delineata.

Reggio Calabria, 15 maggio 2019

Il Presidente Domicare

Rossana Panarello

Il Presidente Macramè

Gianni Pensabene

Il Presidente Sadmat

Angela Caridi

Il Presidente Vitasì

Vittoria Careri

Letto 119 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Dopo lo stato di agitazione, l’ASP incontrerà gli enti del Terzo settore
    Dopo la notizia dello stato di agitazione annunciato a seguito delle innumerevoli richieste di incontro ai vertici dell’ASP di Reggio Calabria, nella giornata di ieri, 16 maggio, per tramite del Sindaco della Città metropolitana Giuseppe Falcomatà, i Commissari Straordinari hanno comunicato che terranno una riunione martedì 21, alle ore 11, per discutere della situazione in cui versano le cure domiciliari. All’incontro saranno invitati, oltre il Sindaco metropolitano, anche gli enti del
  • Palazzo Alvaro, il sindaco incontra una delegazione del Forum del Terzo Settore

    Reggio Calabria. Il sindaco Metropolitano di Reggio Calabria, avv. Giuseppe Falcomatà, e il capo di Gabinetto della Città Metropolitana, avv. Francesco Dattola, hanno ricevuto a Palazzo
    Alvaro una delegazione del Forum del Terzo Settore guidata dal portavoce del Forum, Giovanni Pensabene. Gli operatori hanno espresso la propria viva preoccupazione per le lentezze e i

  • Neri (Moderati): “Prestare ascolto alle preoccupazioni del Terzo Settore”

    La riforma del welfare calabrese che avrebbe consentito, anche se con assoluto ritardo, l’applicazione della Legge 328 del 2000 e della legge regionale 23 del 2003, è stata tramortita dalla sentenza del TAR e poi con la conferma del Consiglio di Stato, cancellando di fatto il percorso di riordino di un settore ormai allo estenuo, dopo decenni di servizi senza regole ed una struttura normativa obsoleta, in cui l’assistenza socio-assistenziale per anziani, disabili e minori, si fonda in Calabria si fonda su un sistema regolamentare risalente al 1987.

  • Il Terzo Settore incontra il presidente del Consiglio regionale e avvia lo stato di agitazione

    Dopo un’interminabile attesa, durata oltre 15 anni, sembrava che finalmente la tanto auspicata riforma del welfare calabrese, che avrebbe consentito con inopinato ritardo l’applicazione della Legge 328 del 2000 e della Legge Regionale 23 del 2003, fosse infine cosa fatta.
    Per oltre due anni, infatti, il Tavolo tecnico istituito dalla Regione mettendo insieme soggetti istituzionali e parti sociali, ha lavorato su un Regolamento attuativo che, con diversi e successivi aggiustamenti, avrebbe dovuto spiegare i suoi effetti già da gennaio 2018.
    Ed effettivamente così è stato, perlomeno sino al giorno in cui è giunta la notizia che il TAR della Calabria ha annullato la Delibera 449/2016 e gli atti conseguenti, azzerando di fatto il percorso di riforma e gettando nel caos l’intero sistema dei servizi.

  • Mancati pagamenti cooperative Skinner e Libero Nocera: Cisl Fp scrive al Comune

    Reggio Calabria. Il segretario generale Vincenzo Sera della Cisl Fp ha inviato una comunicazione all'Amministrazione comunale di Reggio Calabria per il mancato pagamento degli arretrati ai lavoratori delle cooperative sociali Skinner - Libero Nocera. "Si fa riferimento ai crediti vantati dalle Cooperative Sociali del Terzo Settore Skinner e Libero Nocera nei confronti di codesto Ente

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.