unci banner

:: NEWS

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Confcommercio: si alla movida, ma con regole e decoro. Riconsegniamo alla città una Via Marina bassa vivibile

Confcommercio: si alla movida, ma con regole e decoro. Riconsegniamo alla città una Via Marina bassa vivibile

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 04 Luglio 2019 17:01

È Confcommercio - Fipe a denunciare gli eccessi della movida fracassona e deregolamentata che, quest’anno in maniera assai evidente, invade la via marina bassa di Reggio Calabria. E non parliamo deli lidi le cui strutture sono regolarmente autorizzate ad effettuare anche intrattenimenti danzanti. Ci riferiamo ad alcuni chioschi che, nati per attività artigianali, sono stati trasformati in attività di somministrazione di alimenti e bevande ed in spregio di qualsiasi regola e regolamento svolgono la loro attività di movida selvaggia rendendo di fatto impossibile una passeggiata a mare per famiglie e turisti.

D’intesa con l’Assessore alla Polizia Municipale Dr Antonino Zimbalatti con il quale è stata avviata dal direttore Marisa Lanucara una attiva interlocuzione, si chiederà al Prefetto l’intervento urgente interforze per ordine e sicurezza pubblica, così da porre fine ad una situazione che già ad inizio stagione si sta rilevando pericolosa.
Lungo una meravigliosa via marina dall’immenso valore ambientale che dovrebbe rappresentare, col potenziamento dei servizi e delle attività, un volano per la creazione di un circuito virtuoso del turismo in città solo gli stabilimenti balneari, autorizzati all’intrattenimento - lidi per intenderci - soggetti a severissime regole, prescrizioni, controlli, divieti, rappresentano l’unico baluardo al turismo maleducato che, fuori da queste “oasi”, in prossimità dei chioschi, invade l’intero lungomare.
Tra sedie e tavolini posizionate alla rinfusa sulla sede stradale, musica ad altissimo volume, bivacchi, centinaia di giovani su di giri per l’euforia della festa e per gli eccessi dell’alcol, per una famiglia o per un gruppo di turisti, dopo il tramonto e sino a notte alta è impossibile anche solo immaginare di fare una semplice passeggiata che diventa un vero e proprio percorso ad ostacoli.
Sia chiaro: i Giovani e la movida sono i benvenuti sulla via Marina e saremo sempre favorevole ad iniziative utili ad incentivare il turismo ponendosi sempre al fianco degli operatori commerciali. Turismo si – ma un turismo gentile, rispettoso, agiato, a dimensione famiglie, non un turismo selvaggio fatto di eccessi. È indispensabile che tutte le attività vengano svolte nel pieno rispetto della legalità e che le regole utili a garantire che la via marina non venga oltraggiata e abusata dallo sballo dell’ebrezza e dal facile guadagno siano fatte rispettare a tutti gli operatori che insistono sul lungomare, non solo ai Lidi o ai Gazebo della via marina alta.
Non è legittimo né auspicabile vedere la via marina bassa trasformata in una diffusa discoteca all’aperto, in un rumoroso villaggio turistico, in un parco divertimenti per giovani troppo esuberanti, dediti all’abuso di sostanze alcoliche per colpa di chi spera con attività non autorizzate di incrementare i propri guadagni in barba all’intera comunità cittadina.

Rc 4 luglio 2019

Letto 129 volte

Articoli correlati (da tag)

  • L'assessore Saverio Anghelone: "Sulla movida reggina la questione sicurezza è in cima alle nostre priorità"

    «È davvero significativa anche in termini di numeri la “movida” che anima Reggio Calabria e che si sta conquistando una rilevante attenzione anche da parte degli organi di stampa. E in questo contesto favorevole occorre valorizzare al massimo il nostro impareggiabile clima e le nostre strepitose eccellenze agroalimentari, per intercettare il maggior numero possibile di turisti e farne i primi testimonial delle bellezze e delle tipicità di Reggio Calabria». Così l’assessore comunale alle Attività produttive Saverio Anghelone, nell’evidenziare i positivi fermenti che stanno animando la stagione estiva, pur iniziata solo da pochi giorni.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.