:: Evidenza

Maltempo, disservizi idrici nella zona sud per l'esondazione del Tuccio

Maltempo, disservizi idrici nella zona sud per l'esondazione del Tuccio

A causa dell'esondazione del torrente Tuccio, in località di Musupuniti di Melito Porto Salvo, è stata divelta la condotta di Sorical. I lavori di ripristino a cura di Sorical sono in corso. La loro complessità...

Conclusa la 42° edizione del concorso nazionale per flauto e musica d’insieme Francesco Cilea

Conclusa la 42° edizione del concorso nazionale per flauto e musica d’insieme Francesco Cilea

Si è concluso nella serata di sabato 13 ottobre la 42° edizione del Concorso Nazionale per flauto e musica d'insieme Francesco Cilea. Presso l'auditorium della Santa Famiglia, un pubblico numeroso ha assistito al concerto dei...

La Reggina batte il Siracusa e conquista il successo con la rete di Franchini (1-0)

La Reggina batte il Siracusa e conquista il successo con la rete di Franchini (1-0)

Reggio Calabria. Seconda vittoria stagionale per la Reggina che al “Marco Lorenzon” di Rende supera il Siracusa. La rete dei tre punti la realizza Franchini su assist di Ungaro. Il tabellino della gara:

Gioia Tauro. Il Bridal Fashion Show” trionfa al Wedding Expo 2018

Gioia Tauro. Il Bridal Fashion Show” trionfa al Wedding Expo 2018

Reggio Calabria. Il “Bridal Fashion Show” trionfa al Wedding Expo 2018 di Gioia Tauro. Glamour, lusso, eleganza, stile e charme questi gli ingredienti dell’esclusivo evento, organizzato dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer, che ha sancito...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Consegnato uno stabile confiscato in via Possidonea al Consorzio Macramè

Consegnato uno stabile confiscato in via Possidonea al Consorzio Macramè

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 14 Novembre 2017 18:58

Si è chiuso con la consegna di uno stabile della confisca Campolo, ubicato in via Possidonea, acquisito al patrimonio della Città Metropolitana di Reggio Calabria e da oggi destinato al Consorzio Macramè, il primo workshop sui beni confiscati organizzato dal Comune di Reggio Calabria.  La seconda ha giornata del workshop, realizzato dall'Amministrazione Falcomatà in collaborazione con Anci, Agenzia Nazionale per i beni Sequestrati e Confiscati, Università Mediterranea e Ordine dei Commercialisti, ha acceso i riflettori sulle buone pratiche applicate nella filiera dei beni confiscati usati a scopi istituzionali o sociali.

La prima sessione mattutina si è aperta con la descrizione delle esperienza reggina, con le relazioni del Presidente della Commissione comunale Statuto e Regolamenti Demetrio Martino, della Dirigente del Settore Risorse Umane e Patrimonio Collettivo del Comune di Reggio Calabria Carmen Stracuzza, della PO dello Staff Sindaco del Comune di Reggio Calabria Eleonora Albanese e del responsabile del Pon Metro del Comune di Reggio Calabria Tommaso Cotronei, che hanno illustrato le modalità di gestione della filiera dei beni confiscati acquisiti al patrimonio del Comune di Reggio Calabria e destinati alle associazioni attraverso il nuovo portale dedicato bcc.reggiocal.it.

La seconda parte della mattinata è stata invece dedicata al forum tra le Città del Mezzogiorno, con la presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, del sindaco di Messina Renato Accorinti, del sindaco di Taurianova Fabio Scionti, del vicesindaco di Catania Enzo Bianco e del sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, reduce dall’audizione alla Camera dei Deputati, tenutasi nella giornata di ieri, proprio sul tema dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Bene comune, rigenerazione, condivisione. Queste le parole d’ordine del confronto tra i primi cittadini, che hanno avuto modo di relazionarsi sul tema della legalità, nelle sue applicazioni amministrative, che vanno dal riutilizzo dei beni confiscati a scopi abitativi, con l’housing sociale promosso a Napoli, Messina e Reggio Calabria, alla condivisione del patrimonio collettivo, attraverso la collaborazione con le realtà sociali più attive sul territorio.

Proprio alla rigenerazione urbana dei beni confiscati alla criminalità organizzata si è concentrata la relazione pomeridiana del Professore Ottavio Amaro, in rappresentanza dell’Università Mediterranea, che ha illustrato i contenuti del progetto “La morte del minotauro”, realizzato a Reggio Calabria dal Laboratorio Landscape in Progress. Dopo di lui gli interventi conclusivi del Responsabile Area Relazioni Internazionali, Sicurezza, Legalità e Diritti Civili, Territorio Infrastrutture, Ambiente e Protezione Civile di Anci Antonio Ragonesi e di Davide Pati della Presidenza Nazionale di Libera Asssociazioni, nomi e numeri contro le mafie.

«E’ stata una due giorni intensa e carica di stimoli e suggestioni - ha commentato il sindaco Falcomatà a margine del workshop - l’esperienza avviata a Reggio Calabria sul tema dei beni confiscati è ormai diventata un punto di riferimento in ambito nazionale, in un settore complicato che siamo riusciti a trasformare in risorsa fondamentale per lo sviluppo della nostra terra. Vedere stabili confiscati, chiusi da anni, ritornare in vita attraverso i progetti promossi dalle associazioni, è un segno di rinascita e di speranza molto importante per la nostra Città. Ringrazio i tanti relatori, gli amministratori dei Comuni della Città Metropolitana, i rappresentanti delle associazioni, i funzionari comunali, gli studenti universitari, che hanno partecipato attivamente e con grande entusiasmo al workshop promosso dall’amministrazione comunale reggina. E’ evidente che su temi come questo, una volta innescato il processo, non si torna più indietro. Ed oggi possiamo affermare con orgoglio di aver raggiunto obiettivi importanti che ora vanno valorizzati e sviluppati, sempre di più, attraverso il confronto e la partecipazione dei cittadini e delle associazioni».


Rc 14 novembre 2017

Letto 287 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Università Mediterranea: parte la prima International Summer School

    Partirà ufficialmente il prossimo 9 luglio la prima edizione dell’International Summer School #PaesaggiSolidali - #JointLandscape, il concept che propone un workshop sperimentale sui beni confiscati alla criminalità organizzata nel Comune di Rosarno e affidati in gestione al Consorzio Macramè.
    Saranno due settimane intense, fino al 21 luglio, nel corso delle quali studenti italiani ed egiziani, migranti e maestranze locali svilupperanno la progettazione e la realizzazione in situ di Padiglioni Effimeri, tramite un processo di coesione come testimonianza di legalità.
    Una sorta di “cantiere creativo”, come è stato definito durante la conferenza stampa di presentazione del progetto, che vede coinvolta in prima linea l’Università Mediterranea di Reggio Calabria:

  • Riacquistato il trattore rubato alla Cooperativa Alba, premiato anche l’olio di Macramè

    E’ stato riacquistato il trattore oggetto del furto subito nella notte tra il 5 e il 6 febbraio scorsi, nel magazzino della cooperativa sociale Alba, a Polistena. Ignoti si erano introdotti e avevano sottratto il trattore, un automezzo (successivamente rinvenuto dalle forze di polizia), decespugliatori ed attrezzi vari. La reazione del Consorzio Macramè era stata repentina e chiara: nessun passo indietro di fronte a quello che è apparso, da subito, come un chiaro segno intimidatorio. Macramè, dopo la conferenza stampa tenuta al Comune di Polistena insieme alla cooperativa Alba, aveva lanciato un appello di solidarietà con una raccolta fondi dedicata al riacquisto dei mezzi rubati.

  • Intimidazione a Valle del Marro, la solidarietà di Macramè

    Il Consorzio Macramè Trame Solidali nelle Terre del Sole esprime piena solidarietà alla cooperativa Valle del Marro vittima dell'ennesima vile intimidazione.
    Un atto gravissimo, su un terreno dove sono state tagliate ed estirpate ben 200 piante di kiwi, da parte di chi, evidentemente, non accetta che la ricchezza accumulata con attività di stampo mafioso venga restituita alla comunità e riutilizzata per creare lavoro e sviluppo.
    Il Consorzio Macramè, che ha subito recentemente analoga intimidazione con il furto di beni per un valore di 80.000 euro, sempre nella Piana di Gioia Tauro, ritiene che, per contrastare questo stillicidio di attentati, sia giunto il momento di pensare ad una strategia

  • Arci Reggio Calabria: solidarietà alla Cooperativa Alba ed al Consorzio Macramè

    Reggio Calabria. L’Arci provinciale di Reggio Calabria esprime vicinanza e solidarietà ai soci e lavoratori della Cooperativa Alba ed al Consorzio Macramè che negli scorsi giorni hanno subito il furto di automezzi, trattori e attrezzatura agricola per un valore di centinaia di migliaia di euro. In questi anni centinaia di giovani provenienti da diverse regioni italiane, partecipanti ai nostri campi di volontariato, hanno avuto modo di apprezzare e

  • Domani conferenza stampa di Macramè a seguito dell’atto intimidatorio della cooperativa Alba

    A seguito del gravissimo furto subito la notte scorsa dalla Cooperativa sociale Alba, è stata indetta per venerdì 9 c.m, alle ore 11:00, una conferenza stampa, presso il Palazzo comunale di Polistena.
    Alla conferenza stampa interverranno il Sindaco di Polistena, Michele Tripodi, Lorenzo Sibio per Legacoop Calabria, Don Pino De Masi per l’associazione Libera, Enzo Dattolo per il Forum del Terzo Settore della Piana, Lorenzo Politanò, Presidente della Cooperativa Alba e Gianni Pensabene, Presidente del Consorzio Macramè.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.