unci banner

:: Evidenza

Sconfitta Viola a sorpresa: Costa d’Orlando vince al PalaCalafiore

Sconfitta Viola a sorpresa: Costa d’Orlando vince al PalaCalafiore

di Tatiana Muraca - Anticipo di gara oggi dei neroarancio al PalaCalafiore contro l’Irritec Costa D’Orlando. Partita tutta a favore della Viola per i primi tre quarti di gioco; è all’ultimo che la squadra avversaria...

Pomeriggio Cinque, Maria Antonietta Rositani: "Grazie alle Forze dell'ordine di Reggio, miei angeli"

Pomeriggio Cinque, Maria Antonietta Rositani: "Grazie alle Forze dell'ordine di Reggio, miei angeli"

Reggio Calabria. Maria Antonietta Rositani, la donna bruciata viva dall'ex marito Ciro Russo, torna a parlare dal suo letto, del reparto di terapia intensiva del Centro ustionati del Policlinico di Bari. Dopo i post sulla...

Motta San Giovanni, il Comune e l’Università Dante Alighieri firmano un importante protocollo d’intesa

Motta San Giovanni, il Comune e l’Università Dante Alighieri firmano un importante protocollo d’intesa

Un importante protocollo d’intesa è stato firmato dal sindaco Giovanni Verduci, dal prof. Antonino Zumbo, pro-rettore dell’Università per Stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria, e dal prof. Domenico Siclari, direttore del Centro di Ricerca “Enzo...

Allo Sport Village di Catona due mesi di eventi tennistici

Allo Sport Village di Catona due mesi di eventi tennistici

Le pre-qualificazioni al prestigioso BNL d'Italia; il Torneo Macroarea Sud "Junor Next Gen"; il "Città di Catona - Memorial Alfonso Ciprioti": in estrema sintesi quasi due mesi di eventi tennistici quelli calendarizzati allo Sport Village...

Una nuova nave traghetto per i collegamenti nello Stretto di Messina

Una nuova nave traghetto per i collegamenti nello Stretto di Messina

La commessa per la costruzione e fornitura di una nave tipo Ro-Ro monodirezionale - per il trasporto di carrozze e carri ferroviari, passeggeri, mezzi gommati - è stata affidata da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Continua la crociata del Codacons contro il gioco d’azzardo

Continua la crociata del Codacons contro il gioco d’azzardo

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 15 Marzo 2019 13:47

Il Codacons diffida le questure di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia, affinché adottino provvedimenti urgenti a tutela dell'ordine pubblico e della salute dei cittadini. Sono anni che spingiamo le amministrazioni locali ad agire contro la ludopatia, con una lotta senza quartiere contro il gioco d'azzardo. Ad un anno esatto dalla circolare del Ministero dell'Interno, che conteneva indicazioni operative in materia di distanze minime dai luoghi definiti sensibili, come scuole, ospedali, case di riposo, luoghi di culto o altri centri di aggregazione - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - si continua ad assistere al proliferare di sale slot che aprono anche in violazione delle distanze minime previste, rappresentando un pericolo sia per l'ordine pubblico, sia per la salute dei cittadini, che rischiano di sviluppare forme di dipendenza da gioco.

È questo il motivo che ha indotto il Codacons a inviare la richiesta di "avviare le dovute indagini" per fronteggiare quella che viene definita come una vera e propria emergenza sociale.

L'argomento è complesso e tocca molti aspetti della società - prosegue Di Lieto - da quello medico, per i problemi di dipendenza a quello più prettamente legato al degrado, per la clientela che catalizzano le sale scommesse. Per non parlare degli stretti, quanto inquietanti legami con la criminalità organizzata, per come emergono dalle risultanze processuali.

Sono necessari ed urgenti controlli a tappeto, per far si che vengano rispettati i divieti per i minorenni e l'obbligo previsto dalla legge sull'informativa, per quanto riguarda i rischi ai giocatori.

Così come non è possibile lasciare abbrutire disperati dinnanzi le slot machine a qualsiasi ora del giorno e della notte, con ripercussioni tragiche sia sui rapporti che sui bilanci familiari.

Per comprendere il vorticoso giro d'affari che ruota intorno al mondo delle scommesse, basta evidenziare che, mediamente, ogni famiglia calabrese – prosegue Di Lieto – dilapida 300 euro al mese in questo "buco nero" e, purtroppo, ci riferiamo soltanto al business "legale".

Ma veniamo alle ragioni della diffida. La competenza in tema di autorizzazione che abilita all'esercizio della raccolta di scommesse, alla gestione di sale e all'installazione di videolottery - spiegano dal Codacons - è in capo ai Questori.

A seguito della Circolare dello scorso 19 marzo 2018, le distanze diventano un elemento fondante per tutto il sistema delle sale scommesse. Di qui il drammatico appello del Codacons a "provvedere ad inibire atti e comportamenti lesivi degli interessi dei Cittadini".

Rc 15 marzo 2019

Letto 33 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Audizione Sorical in Regione, il Codacons: "siete per sempre coinvolti".

    Ora si è toccato il fondo. Sostenere che il sistema idrico regionale rischia lo sfascio per colpa dei Calabresi che non pagano, non solo è gravissimo ma è totalmente falso. I Calabresi hanno pagato e pagano di tutto e di più - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - finanche il lauto stipendio a chi si permette di offenderli. Dopo aver letto le dichiarazioni dei due commissari liquidatori della Sorical nel corso dell'ennesima audizione in una commissione regionale, si rimane basiti sulle tesi denigratorie portate avanti per giustificare la situazione in cui versa Sorical.

  • Sanità, scioglimento Asp. Il Codacons chiama a raccolta i calabresi: "Pronti a chiedere i danni"

    Reggio Calabria. La mala gestione della sanità Calabrese è tristemente nota, così come il fiume di danaro pubblico sparito. Lo scioglimento dell'Asp di Reggio Calabria, disposto per infiltrazioni mafiose - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - è solo l'ultimo atto di una gestione vergognosa della cosa pubblica. Le conseguenze di anni di

  • Codacons: in Calabria 129 comuni sotto accusa per la cattiva gestione delle acque reflue

    Negli ultimi sette anni i Consumatori hanno pagato ben 600 milioni di euro per le sanzioni europee conseguenti ad un sistema fognario non a norma. Ora basta. Insorge il Codacons alla notizia dell'ennesima procedura d'infrazione per la mancata depurazione delle acque di scarico che finirà per far lievitare le bollette.  La Calabria è in testa alla classifica per il maggior numero di comuni che non hanno una gestione adeguata delle acque reflue. E questo avviene quando stiamo già pagando multe stratosferiche - sostiene il Codacons - per una perdurante illegalità. Già con una sentenza del 31 maggio scorso, la Corte di giustizia dell'Unione Europea ha condannato l'Italia al pagamento di 25 milioni di euro, oltre ad imporre una penale di ben 30.112.550 di euro, 165mila euro al giorno, per ogni semestre di ritardo.

  • Codacons denuncia la Lega Crotone, ignobili offese alle donne

    Una denuncia si abbatte sulla Lega di Crotone, dopo la pubblicazione del volantino realizzato per l'8 marzo secondo cui, a offendere la dignità della donna, sarebbero coloro che sostengono "una cultura politica che rivendica una sempre più marcata autodeterminazione della donna che suscita un atteggiamento rancoroso e di lotta nei confronti dell'uomo" o contrastano il "ruolo naturale della donna volto alla promozione e al sostegno della vita e della famiglia". Abbiamo presentato oggi un esposto al Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio, chiedendo di adottare provvedimenti contro la Lega di Crotone – spiega Francesco Di Lieto del Codacons – Il messaggio lanciato risulta non solo spiacevole, ma anche lesivo e offensivo per tutte le donne italiane, oltre che in violazione del diritto alle pari opportunità uomo–donna.

  • Codacons: la Regione Calabria risarcisca i danni per i fondi europei bloccati

    Reggio Calabria. Lo stop imposto dall'Unione Europea ai 131 milioni destinati alla Regione Calabria, è la diretta conseguenza di quanto va emergendo dall'inchiesta "Lande desolate" condotta dalla DDA di Catanzaro. Si tratta di gravi irregolarità nella rendicontazione dei finanziamenti ricevuti da Bruxelles. Una decisione che già sta provocando ripercussioni

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.