unci banner

:: NEWS

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

È stato presentato nella Pinacoteca del Comune di Reggio Calabria il programma della prima edizione del Festival Olistico Morgana, organizzato dall’Associazione culturale Maradan, che si terrà dal 20 al 22...

Art Bonus, incontro formativo in Biblioteca

Art Bonus, incontro formativo in Biblioteca

Mercoledì 18 Settembre l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, si renderà promotrice di un incontro formativo-informativo sugli strumenti dell’Art bonus e del Fundraising a supporto degli interventi di recupero e valorizzazione...

Il concerto di Carmen Consoli chiude l'Estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli chiude l'Estate reggina 2019

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà l’aveva presentata a inizio giugno, nella Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio, come un contenitore ricco di grandi appuntamenti nazionali e internazionali...

Al via la XIII Edizione Pentedattilo Film Festival

Al via la XIII Edizione Pentedattilo Film Festival

L’affascinante borgo di Pentedattilo è pronto per trasformarsi ancora una volta in un suggestivo cinema all’aperto in cui Cortometraggi dal mondo animeranno piazza San Pietro e Paolo, la biblioteca delle...

Bilancio positivo per Taurianova Summer 2019

Bilancio positivo per Taurianova Summer 2019

Un’estate da incorniciare, quella trascorsa a Taurianova, grazie al cartellone “Taurianova Summer 2019” che ha animato le serate con appuntamenti di intrattenimento e di divertimento per tutte le età. Bilancio...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Corap, i sindacati compatti: proposta indecente

Corap, i sindacati compatti: proposta indecente

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 19 Marzo 2019 09:49

Nella giornata di lunedì 18 Marzo le OO.SS sindacali sono state convocate dalla Regione Calabria presso la Cittadella, al fine di prendere in esame il Piano Industriale del Corap, richiesto da ben 3 anni, e che dovrebbe illustrare, non solo ai dipendenti ma anche a tutti i calabresi, le politiche di sviluppo industriale della Regione, la riqualificazione delle aree produttive, ivi incluse quelle su cui dovrebbe concretizzarsi la ZES, il potenziamento e la realizzazione delle attività di depurazione tanto carenti ed insufficienti nella Regione.

Le sigle sindacali, sostenute dai lavoratori del Corap, ossia dell’Ente nato dall’accorpamento degli ex 5 Consorzi Industriali della Calabria, che in forma di sit-in stazionavano nello spazio antistante la Cittadella, si sono trovati davanti all’assurda quanto incredibile situazione che li ha portati a constatare - una volta sedutisi al tavolo tecnico convocato - che la Regione non ha un Piano Industriale da sottoporre alla valutazione delle sigle sindacali, non ha nessuna idea circa le politiche di sviluppo della Regione e non sa come organizzare ed implementare l’attività di depurazione che rischia, nelle aree in cui opera il Corap, di fermarsi tra pochi giorni per mancanza di liquidità.
Ma vi è di più: malgrado la grave e inenarrabile circostanza, i rappresentati della Regione Calabria, pur dichiarandosi ‘provati’ dalla loro mancanza di soluzioni e di idee per l’Ente strumentale più importante della Calabria, in cui la Regione è socia di maggioranza, hanno richiesto alle Parti Sociali la preventiva disponibilità, pur in assenza di prospettive ed in mancanza di un qualsivoglia documento di natura programmatica, a ridurre gli stipendi ai dipendenti infischiandosene del fatto che i dipendenti del Corap, poco più di un centinaio, sono già in arretrato di tre mensilità. La misura del contenimento delle spese, comunque, laddove fosse attivata, non risolverebbe la situazione di degrado degli impianti e delle aree industriali, della mancanza di servizi alle aziende, e di un patrimonio immobiliare che necessità di costante manutenzione per potere produrre ricavi.
La Regione, riguardo la gestione allegra e spensierata condotta a far data dall’accorpamento, ha fatto spallucce dichiarando come complicata la situazione e definendola ‘ereditata’ scordandosi, però, che fin dal primo giorno in cui ha visto la luce il Corap, ha autorizzato l’attivazione di remunerate consulenze esterne alcune finalizzate alla redazione degli atti chiave a valenza generale – Statuto e Piano industriale in primis – e che, ancor oggi, ad un passo dalla messa in liquidazione dell’Ente, non sono mai stati redatti o, nel miglior dei casi, anche se raffazzonati, sono risultati così di scarso contenuto e penosa congettura da essere, per stessa evidenza dei fatti avvenuti oggi, impresentabili.
Oltre però ad un impresentabile o inesistente Piano Industriale del Corap, la Regione dovrebbe rendersi conto di come siano ugualmente impresentabili le richieste di ulteriori tagli agli stipendi del personale dipendente, che ha già subito varie decurtazioni, e di come sia inammissibile, per tutti, l’assenza di una idea di sviluppo del territorio regionale poiché le attività produttive rappresentano, o almeno così nelle altre Regioni, la misura dell’efficienza e del benessere di una Regione. Il Corap, infatti, se ben gestito, riportando, ad esempio ma non solo, la depurazione sotto la diretta gestione dell’Ente, incluso il depuratore di Gioia Tauro, ed eliminando sprechi e regalie ai privati, potrebbe garantire non solo i posti di lavoro in essere ma addirittura crearne di altri.
Per tale motivo, le sigle sindacali firmatarie della presente, oltre a mantenere lo stato di agitazione dei lavoratori del Corap e a programmare lo sciopero secondo le procedure di legge, invitano, mediante questo comunicato, tutti i calabresi a prendere atto delle gravi carenze, ivi inclusa l’annosa questione della depurazione, delle politiche industriali della Regione, assolutamente inidonee, a cui occorre mettere subito riparo.

CISL FP – LUCIANA GIORDANO
CGIL FP – ALESSANDRA BALDARI
UIL FP - ELIO BARTOLETTI
FINDICI – BARBARA FONTANA
UGL – GIOVANNI ARCONTE
SUL – ALDO LIBRI

Cz 19 marzo 2019

Letto 219 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Trasporto ferroviario, i sindacati: cresce il divario nel paese. Difficile muoversi "nel profondo Sud"

    Come è noto gli italiani a sud di Salerno non dispongono di un servizio di trasporto ferroviario confrontabile con le altre aree del Paese per l’assenza della cosiddetta alta velocità. La Città Metropolitana di Reggio come le città metropolitane siciliane soffrono di questa condizione che le penalizza in termini di accessibilità in entrata ed in uscita tra loro e verso i territori del centro nord. In termini di mobilità si registra ormai un divario crescente che le Ferrovie dello Stato hanno deciso di cristallizzare rinunciando esplicitamente a realizzare le necessarie infrastrutture per il Mezzogiorno profondo.

  • Questione CORAP, le riflessioni di Aldo Libri (SUL)

    A quanto dice il Direttore Generale del CORAP siamo arrivati al default dell’Ente che non è in grado di andare avanti. Questa situazione non è nuova. Già qualche mese addietro tutte le organizzazioni sindacali rappresentate nel CORAP avevano chiesto alla Regione Calabria ed ai responsabili dell’Ente che si presentasse un chiaro piano di salvezza e sviluppo o che si decidesse di chiudere il CORAP, garantendo il trasferimento di tutti i dipendenti in altri Enti regionali o negli uffici della Regione Calabria. Sono inutilmente trascorsi mesi durante i quali si è presentato un abbozzo di Piano Industriale (chiesto per anni), incompleto e con evidenti errori.

  • Il consigliere regionale Nicolò interviene sulla questione Corap

    “E’ inqualificabile l’atteggiamento della giunta regionale in ordine all’abbandono del Corap, l’organismo unico che raggruppa gli ex consorzi per lo sviluppo industriale”. Lo afferma in una dichiarazione il consigliere regionale Alessandro Nicolò. “L’ente pubblico – ricorda l’esponente politico di FdI-– è un organo strumentale della regione Calabria ed era stato istituito, originariamente, uno per ogni provincia calabrese per costruire e affiancare la giunta regionale nelle sue scelte di politica e di insediamento industriale nella Regione. Per decenni gli ex ASI erano stati punti di riferimento per l’organizzazione del territorio e il primo front-off per ogni imprenditore, calabrese e non, interessato a investire in Calabria, gestendo con professionalità i rapporti con gli enti rappresentativi delle associazioni degli industriali e dei sindacati con l’obiettivo di ampliare la base produttiva regionale e creare cosi le condizioni necessarie per lo sviluppo.

  • Emergenza sanità Calabria: iniziativa organizzata dalle federazioni del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil Fpl

    Si terrà il prossimo 09 maggio, a partire dalla ore 09.00, presso la Sala Verde della Cittadella regionale a Germaneto di Catanzaro l’iniziativa intitolata: “EMERGENZA SANITA’ CALABRIA - CRITICITA’ E PROPOSTE DALLA VOCE DEI LAVORATORI”.
    Un evento ideato ed organizzato unitariamente dalle Federazioni del pubblico impiego, FP CGIL, CISL FP e UIL FPL Calabria, per realizzare uno spazio aperto di confronto fra tutti gli attori istituzionali e sociali che a vario titolo sono coinvolti nella governance del Sistema Sanitario calabrese e nell’erogazione dei relativi servizi o ne sono fruitori.

  • Emergenza Sanità, sindacati compatti: "evitare il blocco delle assunzioni"

    Gli esiti prevedibili del Tavolo Adduce ripropongono gli incubi del rialzo della tassazione per i cittadini calabresi e il blocco delle assunzioni che tanti danni ha già prodotto nel Sistema Sanitario Regionale.
    Il Ministro, Giulia Grillo, ha annunciato che intende trovare il modo per scongiurarlo.
    I Segretari generali regionali, Alessandra Baldari della FP CGIL, Luciana Giordano della CISL FP ed Elio Bartoletti della UIL FPL, attendono con particolare preoccupazione gli esiti di quanto annunciato dal Ministro perché la condizione delle lavoratrici e dei lavoratori della Sanità ormai allo stremo, così come la già critica situazione dei servizi sono da imputare, per molta parte, proprio alla carenza di capitale umano e non potrebbero reggere l’impatto di un ennesimo mancato incremento di personale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.