unci banner

:: NEWS

Tennis, ritorno al passato per lo Sport Village Catona

Tennis, ritorno al passato per lo Sport Village Catona

Il circolo del tennis Sport Village intende ringraziare l'Accademia del Tennis e il suo presidente Nino Girella, per il percorso comune che è stato svolto, con professionalità, nel corso di...

A Polsi con la sua arte, l'iniziativa del maestro pizzaiolo Giorgio Riggio

A Polsi con la sua arte, l'iniziativa del maestro pizzaiolo Giorgio Riggio

Il 29 agosto si rinnoverà per il 20esimo anno l'appuntamento che coniuga arte e fede del maestro pizzaiolo Giorgio Riggio alla Madonna di Polsi. L'arte racconta la fede, attraverso gli...

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Estate e intossicazioni alimentari: i consigli del Tecnologo Alimentare

Il caldo estivo, lunghe percorrenze per raggiungere casa dopo aver fatto la spesa e qualche disattenzione nel rispettare la catena del freddo possono essere causa di alterazione per i nostri...

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

Villa, firmato protocollo d'intesa con i consulenti del lavoro per l'Asse.Co.

«Sono felice e per questo ringrazio il sindaco di Villa San Giovanni e tutta l'amministrazione, perché con la firma di oggi si intraprende un percorso virtuoso e questo comune è...

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Reggio Live Fest: all'Arena il tributo in musica ai Queen e Freddie Mercury

Il 27 agosto alle 21.30 presso l’Arena dello Stretto di Reggio Calabria avrà luogo l’ultimo appuntamento del Reggio Live Fest 2019, la serie di eventi frutto della sinergia tra i...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Dati Anac su interdittive, Berna e Siclari: "Riforma urgente, strumento ormai inadeguato"

Dati Anac su interdittive, Berna e Siclari: "Riforma urgente, strumento ormai inadeguato"

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 16 Luglio 2019 13:54

I presidenti di Ance Calabria, Francesco Berna, e di Ance Reggio Calabria, Francesco Siclari, esprimono “forti perplessità” dopo la recente pubblicazione del report dell'Anac sulle imprese colpite da interdittive antimafia. “Il fatto che, nel periodo 2014-2018, il 27% delle misure abbia riguardato aziende calabresi e l'esponenziale incremento delle sanzioni – sostengono i rappresentanti dei costruttori edili – sono indici di un'evidente anomalia che può essere spiegata solo con l'inadeguatezza di uno strumento datato e ormai inadeguato a contrastare l'economia criminale”. Secondo Berna e Siclari, “i dati riportati dall'Autorità nazionale anticorruzione sembrano condannare definitivamente l'economia del nostro territorio e, di riflesso, l'intera società calabrese a un marchio d'infamia. Non possiamo accettarlo”.

I presidenti di Ance Calabria e della Territoriale reggina chiariscono: “Da parte nostra è piena la consapevolezza della necessità di punire in maniera ferma l’economia mafiosa ma, al tempo stesso, abbiamo a più riprese sollecitato una riforma dello strumento dell’interdittiva, ritenendolo inefficace e sproporzionato nei suoi 'effetti collaterali'. Abbiamo più volte chiesto alla politica una riforma normativa che attribuisca a tale procedimento natura giurisdizionale e non amministrativa, rilevate le conseguenze estremamente gravi che possono arrivare fino alla morte dell’azienda. E abbiamo sollecitato la massima cura nella gestione delle imprese sottoposte a interdittiva per salvaguardare i livelli occupazionali e, in secondo luogo, l’avviamento delle stesse”.

La questione centrale, secondo Berna e Siclari, è che “il procedimento è puramente indiziario e si basa su informative di polizia, nelle quali sono richiamati fatti che non hanno rilevanza penale e che non possono in assoluto 'certificare' l'infiltrazione mafiosa dell'azienda”.

“L'interdittiva, per come configurata dal legislatore dell'epoca, avrebbe dovuto essere adottata 'cum grano salis'. Oggi si è trasformata invece in una spada di Damocle che pende sulla testa degli imprenditori, 'colpevoli' di avere il fornitore sbagliato o di bere un caffè con qualcuno di cui non sono tenuti a conoscere né le parentele, né il casellario giudiziale. E allora occorre intervenire con urgenza. Altrimenti rischiamo di dire all'Italia che tutta l'economia calabrese è inquinata, con ripercussioni devastanti sull'attività delle imprese, sulla reputazione della regione e soprattutto sui livelli occupazionali. Lasciare le maestranze senza lavoro significa fare un grande favore alla 'ndrangheta”.

In questo senso, concludono Francesco Berna e Francesco Siclari, “esprimiamo sincero e profondo apprezzamento per le recenti dichiarazioni del procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri e del sostituto procuratore Stefano Musolino su una materia così controversa. I due magistrati hanno dimostrato grande equilibrio, ragionevolezza e attenzione verso l’economia sana di un territorio difficilissimo, esposto alle infiltrazioni mafiose. Per questo noi imprenditori avvertiamo la responsabilità di riaffermare ancora una volta il principio di legalità, rivendicando l’esigenza di salvaguardare l’economia sana, fondata sulle regole del mercato”.

Reggio Calabria, 16 luglio 2019

Letto 62 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Berna Costruzioni presenta “Green Bim”, innovazione e digitalizzazione per il rilancio dell’edilizia

    “Un progetto che mira a rimodellare le strutture aziendali, adeguandosi agli obiettivi prefissati a livello nazionale ed europeo”. Con queste parole il presidente di Ance Calabria ed amministratore unico dell’impresa Berna Costruzioni, Francesco Berna, ha presentato al salone convegni di Confindustria Reggio Calabria (i lavori sono stati coordinati dal direttore di Ance Reggio Calabria, Antonino Tropea) il progetto denominato “GREEN BIM – Green Building Information Modeling: Ricerca e Sviluppo per la modellazione, la digitalizzazione e la sostenibilità dell’impresa Berna Costruzioni Srl”, finanziato dal POR FESR-FSE Calabria 2014-2020.

  • Infrastrutture, Berna (Ance Calabria) a Toninelli: bene visita in Calabria ma sono urgenti riforme

    "Abbiamo letto della volontà del Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, di venire in Calabria in visita ufficiale il prossimo mese di settembre. E’ un’intenzione sicuramente positiva perché è sempre un bene che un rappresentante del Governo nazionale arrivi in una terra periferica e marginalizzata come la nostra. E’ un buon punto di partenza ma chiaramente non basta. Non è certo un elemento di discontinuità rispetto ai governi precedenti, di tutti i colori politici, che si sono susseguiti negli ultimi trent’anni alla guida dell’Italia e che sono sempre stati accolti in Calabria, come si suol dire, in pompa magna.

  • Edilizia scolastica, Ance Calabria: "Bene il nuovo bando, ora gli enti locali mettano a frutto le risorse"

    "Costituisce motivo di soddisfazione il via libera al nuovo bando per l'edilizia scolastica calabrese annunciato dalla Regione Calabria. Si tratta di una notizia positiva che trasmette fiducia all'intero comparto regionale delle costruzioni".
    E' quanto afferma il presidente di Ance Calabria, Francesco Berna, in relazione allo stanziamento di oltre 200 milioni di euro, previsto dalla Giunta regionale nel quadro del piano di adeguamento antisismico e riqualificazione degli edifici scolastici per il periodo 2018-2020.
    "E' un passo in avanti che sottolineiamo positivamente - prosegue il presidente dei costruttori calabresi - per un settore, come quello dell'edilizia, che riveste un ruolo centrale nelle dinamiche economiche, produttive e occupazionali di questa regione.

  • Intimidazioni, Ance Calabria: "Vicini all'impresa Siclari, difficile così la crescita del territorio"

    Reggio Calabria. "Esprimo solidarietà al presidente di Ance Reggio Calabria, Francesco Siclari, per il grave furto e il danneggiamento avvenuti la scorsa notte contro la sua azienda". Lo afferma il presidente di Ance Calabria, Francesco Berna, che prosegue: "Quanto accaduto nel cantiere per la realizzazione del potabilizzatore al servizio della diga del Menta è l'ennesimo

  • Questione meridionale, Berna: “Problema irrisolto, senza Sud sistema paese bloccato”

    Reggio Calabria. La questione meridionale continua a rappresentare un grave vulnus per l'intero sistema paese, una situazione drammaticamente irrisolta che, ad oggi purtroppo, viene affrontata malissimo. I veri problemi sono davanti ai nostri occhi, come testimoniato dalla povertà diffusa, da un’economia moribonda, dalla crescente emigrazione giovanile e dallo

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.