unci banner

:: Evidenza

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

E' ad Africo antico, nel cuore dell'Aspromonte, la splendida montagna selvaggia e incontaminata della Calabria che, alta, affaccia sul Mediterraneo, luogo di straordinaria bellezza, primordiale,...

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

Un documentario che, tra passato, presente e futuro, racconta le bellezze e le potenzialità del comprensorio di Catona, Arghillà e della Vallata del Gallico. E’...

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

È stato presentato stamane, presso la sede della Camera di Commercio di Reggio Calabria, il progetto pilota “Luci da dentro”, che vuole offrire ai detenuti...

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Reggio Calabria. Nel corso di una operazione effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Ethos: "ma io non mi chiamo Pasquale"

Ethos: "ma io non mi chiamo Pasquale"

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 06 Dicembre 2017 16:29

Un paio di giorni fa ,un noto quotidiani nazionale, ha pubblicato la classifica che si riferisce alla vivibilità delle città italiane, in pratica dove si riesce a sfangarla meglio. Reggio è risultata terzultima nella classifica tra i capoluoghi di provincia, che sconvolgente verità, direte voi.
Ma in effetti la classifica era solo parziale e non tutti i dati sono stati pubblicati ,infatti Reggio risulta prima in assoluto nella sezione: “Ma io non sono Pasquale !!!” Ricordate tutti, e a chi non ricorda consigliamo vivamente di riguardarla, la gag dove Totò raccontava ad un amico di aver preso una decina di sberle sul collo da un tizio a lui sconosciuto, che chiamandolo Pasquale lo gonfiava come una zampogna.

E alla domanda del perchè non avesse reagito lui rispondeva:” Ma io non sono Pasquale !!!”
La nostra città affonda ma noi tutti non siamo Pasquale perchè Pasquale è sempre un altro ,il nostro vicino ,il nostro amico, l'innominabile, chiunque fuorchè noi.
Quando ci arrivano bollette “siderali” per il consumo dell'acqua (sig) o per la raccolta dei rifiuti solidi urbani (arrisig), quando la città sprofonda al primo temporale, quando di sanità
si muore, quando le nostre scuole non vedono una mensa nemmeno per errore, quando il nostro lido comunale crolla, quando il lavoro è un miraggio e le strade ci invitano a non prendere la macchina, quando non siamo supportati ne da una ferrovia decente, ne da collegamenti con la Sicilia “umani”, quando vivere tra esplosioni e sparatorie diventa normale, noi non siamo mai Pasquale.
Certo la classe dirigente (con rispetto parlando) che nel passato e nel presente ha decisamente contribuito allo sfascio attuale ha le colpe principali, ma ha potuto fare quel che ha fatto perchè tanto sapeva che noi non siamo Pasquale.
La criminalità ha spadroneggiato per decenni e ancora lo fa, perchè tanto sapeva che a
Reggio non esiste neanche un Pasquale.   
Pasquale non sa di essere Pasquale mai, neanche quando accompagna i propri figli alla stazione per un viaggio di solo andata e spesso senza ritorno, così va la vita, si va dove il lavoro chiama.
Ma che Pasquale esiste altri lo sanno bene e tra qualche mese andranno a bussare alla sua porta per chiedere un voto per il compare, il cugino l'amico, si non ci sentiamo da tanto tempo ma sai.....
Chissà se un giorno gridando per strada: Pasquale, qualcuno si girerà.  

Rc 6 dicembre 2017

Letto 200 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Ethòs: bilancio sociale e fonti energetiche naturali per il futuro

    A circa quattro anni dalla presentazione del programma politico/amministrativo di Ethos per le elezioni comunali del 2014, malgrado l’assenza di propri rappresentanti istituzionali, alcune delle innovative proposte all’epoca formulate, sono state recepite da chi governa il territorio: la “Rinegoziazione del Debito”, che avrebbe permesso la conseguente riduzione della tasse comunali, punto programmatico cardine e qualificante di Ethos durante l’ultima campagna elettorale comunale, possibile da richiedere ed ottenere attraverso il rispetto di alcune incombenze amministrative da assolvere nelle immediatezza dell’insediamento del Consiglio Comunale, sembrerebbe essere stata richiesta dall’Amministrazione Comunale nel maggio del 2017, ma di cui non si ha alcuna notizia;

  • Reggio Calabria, Ethos: "Ed il regolamento comunale sulla Polizia Municipale?"

    Reggio Calabria. "Le funzioni di indirizzo politico e quelle di direzione e gestione del Comando della Polizia Municipale della Città di Reggio Calabria, l’ex Corpo dei Vigili Urbani, sono due differenti e ben distinte funzioni amministrative in seno alla medesima Amministrazione Comunale. In estrema sintesi ed in maniera elementare, per quel che concerne la gestione e l’organizzazione del Comando della Polizia Municipale, ruoli, funzioni

  • Grave situazione economica e sociale della Città: l'appello di Ethos

    Riceviamo e pubblichiamo una nota dei Giovanni Sergi, vice presidente di Ethos: "Per instaurare un dialogo con l'inesistente classe dirigente reggina dovremmo essere in possesso di doti sovrannaturali. Con chi non agisce, ma pensa a razzolare solo consensi per costruire la prossima tappa del proprio potere politico-personale, solo un miracolo potrebbe aprire uno spiraglio di

  • Ethos su dissesto idrogeologico: serve programmazione, manutenzione e vigilanza

    Prevedere con esattezza dove e quando le c.d. “bombe d’acqua” colpiranno è, forse, quasi impossibile. Tuttavia, la frequenza di questi fenomeni temporaleschi alle nostre latitudini, dovrebbe iniziare ad allertare chi ha il dovere di amministrare il territorio. Di certo, la classe dirigente locale, specie quella politica, per far fronte a queste “anomalie” climatiche non deve avere esperienza come metereologo o affidare ad esso una consulenza esterna per predire il tempo.

  • Ethos: da Destra a Sinistra e...ritorno

    Esiste ancora, politicamente parlando, la “destra” e la “sinistra”? Esistono ancora almeno due modi diversi d'interpretare la realtà che viviamo quotidianamente e relativi problemi connessi con ipotesi di soluzioni almeno parzialmente divergenti? A Reggio no di certo. I nostri, di problemi intendo, sono circolari e ciclici, non hanno un inizio e sembrano non avere mai una fine. Si alternano false maggioranze e false opposizioni, sigle e conferenze stampa che servono solo a costruire carriere politiche o a rinforzare legami elettorali,

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.