unci banner

:: NEWS

Al MArRC, la mostra fotografica a cura della Polizia Scientifica, dal 21 al 26 maggio 2019

Al MArRC, la mostra fotografica a cura della Polizia Scientifica, dal 21 al 26 maggio 2019

Un viaggio attraverso le immagini per conoscere e comprendere eventi che hanno segnato la vita della società italiana, nel corso del XX secolo e agli inizi del terzo millennio. È...

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Cala il sipario sulle sfilate della IV edizione dell’International Fashion Week. Un successo di talenti, ospiti e pubblico per l’evento promosso dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer in collaborazione con...

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Da 5 anni portiamo avanti come cooperativa Comunità Sant’Arsenio la sperimentazione del progetto “Orto e Mangiato”, un orto Comunitario: piccoli appezzamenti di terreno “affittati” a servizio di “nuovi contadini”. Negli...

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale che si...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Festa Nazionale della Liberazione Area dello Stretto 25 aprile 2019: i dettagli

Festa Nazionale della Liberazione Area dello Stretto 25 aprile 2019: i dettagli

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 22 Aprile 2019 19:07

Il 74° anniversario della Liberazione sarà per le Città di Reggio Calabria e Messina un evento straordinario di rilievo nazionale: per la prima volta il 25 aprile sarà l’occasione per affrontare le stesse tematiche, oggi di grande attualità, su entrambe le rive dello Stretto.
Il tema al centro degli interventi programmati sarà l’impegno per “realizzare la Costituzione per bandire fascismi e razzismi e contrastare i progetti di aumento di diseguaglianze tra cittadini e Regioni”.
Il 25 aprile di Reggio Calabria è organizzato unitariamente dall’ANPI di Reggio Calabria e Messina d’intesa con il Consiglio Regionale della Calabria, la Città Metropolitana, la Città di Reggio Calabria e l’ATAM.

Come già negli anni precedenti, contemporaneamente al concentramento previsto alla ore 10,00 presso la Villa Comunale, una “staffetta partigiana”, realizzata mediante il bus-cabrio dell’ATAM, anticiperà l’inizio della gara podistica della Corrireggio (organizzata dal 1983 dalla Legambiente in occasione della Festa della Liberazione), collegando così il luogo di partenza della competizione sportiva alla Villa Comunale e quindi alla Stele del Partigiano, dove si ritroveranno insieme Istituzioni e cittadini per rendere omaggio alla Resistenza e a tutte/i le donne e gli uomini (moltissimi dei quali meridionali e calabresi) che misero a rischio la propria vita per opporsi alla guerra ed al nazifascismo e dare avvio alla democrazia, alla Costituzione ed alla Repubblica.
Alla Villa Comunale, dopo gli interventi dei partigiani Anna Condò e Aldo Chiantella, prenderanno la parola i rappresentanti delle Istituzioni, che faranno omaggio alla Stele del Partigiano deponendo corone e fiori.
Conclusa la prima parte della cerimonia, interverrà il Presidente dell’ANPI di Reggio Calabria, Sandro Vitale, che presenterà gli ospiti ai quali è stato affidato il compito di relazionare sul tema scelto per il 25 aprile 2019.
Il professore Federico Martino (Università di Messina) e il Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Gaetano Silvestri, concluderanno con le loro relazioni il programma della Festa.
Coordineranno le attività previste dal programma, in rappresentanza della Commissione Politiche Giovanili del Comune di Reggio Calabria, Marcantonino Malara e Giuggi Palmenta.
La prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto proseguirà nelle ore pomeridiane a Messina, alle ore 16,30, presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, dove è programmato un pubblico dibattito (che si svolgerà sulla stessa tematica), durante il quale sono previsti gli interventi iniziali di Sandro Vitale, Presidente dell’ANPI di Reggio Calabria, e Teodoro Lamonica, Presidente dell’ANPI di Messina.
Il professore Federico Martino dell’Università di Messina, in rappresentanza della Sezione ANPI “Aldo Natoli”, e il Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Gaetano Silvestri, concluderanno con i loro interventi il programma della Festa.
Coordinerà i lavori la giornalista Elisabetta Raffa, Direttore Responsabile del giornale “Sicilians”.
Reggio Calabria 19 aprile 2019

Letto 161 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Congresso di fondazione della Sezione intercomunale ANPI di Palmi

    Sabato 18 maggio 2019 si svolgerà il Congresso di fondazione della Sezione intercomunale ANPI di Palmi, destinata ad accogliere gli iscritti dei Comuni di Palmi, Cosoleto, Delianuova, Melicuccà, San Procopio, Santa Cristina d’Aspromonte, Sant’ Eufemia d’Aspromonte, Seminara, Sinopoli. L’insediamento della Sezione è stato deciso, come previsto dallo Statuto Nazionale, dal Comitato Provinciale di Reggio Calabria, che ha condiviso e accolto le richieste dei “fiduciari” ANPI dei comuni interessati.

  • Un 9 maggio da non dimenticare, l’ANPI ricorda Aldo Moro e Peppino Impastato

    A distanza di poche ore, il 9 maggio 1978, vengono assassinati Peppino Impastato e Aldo Moro. 41 anni fa entrambi, Peppino Impastato in Sicilia, e Aldo Moro a Roma, dopo 55 giorni di sequestro ad opera delle Brigate Rosse, vengono uccisi a causa del loro impegno politico: Peppino Impastato contro la mafia, Aldo Moro contro la "limitazione di sovranità e di democrazia" che in Italia aveva caratterizzato la storia della nostra Repubblica fin dalla strage del Primo Maggio a Portella della Ginestra.
    L'ANPI di Reggio Calabria, nell'anniversario del loro assassinio, li ricorda e li indica ai giovani come esempi dell'Italia migliore, dell'Italia della Costituzione, calpestata dalle trame, dalle mafie, dalla corruzione e dalla degenerazione della politica.

  • Bombardamento 6 maggio '43, l’ANPI ricorda l’orrore della guerra “ripudiata dalla nostra Costituzione”

    Il 6 maggio 1943 gli aerei delle forze armate “alleate” contro il nazifascismo effettuarono numerosi voli aerei sui cieli di Reggio Calabria, sganciando tonnellate di micidiali bombe che causarono morte e distruzioni in tutta la città.
    I tragici fatti del maggio del 1943 furono determinati dalla guerra scatenata prima dal dittatore nazista, Hitler, e successivamente dal dittatore fascista, Benito Mussolini, uniti insieme da un disegno criminale di dominio del mondo.
    Molti sono ancora i cittadini reggini che hanno memoria di quel tragico giorno, che non solo determinò nell’immediato lutti e distruzioni ma spinse molti a fuggire lontano dalla guerra e dalla città pesantemente colpita.

  • ANPI: il Grande Torino e la tragedia di Superga lo sport, il calcio e l’antifascismo

    L’ANPI di Reggio Calabria apprende dalla stampa ed apprezza l’iniziativa assunta dal Comitato Regionale del CONI della Calabria per ricordare, nel 70° anniversario della tragedia di Superga del 4 maggio 1949, attraverso la celebrazione di una Messa commemorativa, la straordinaria squadra di calcio del Torino (il (“grande Torino”). L’ANPI, al pari di tanti sportivi, ricorda le imprese calcistiche di una squadra che venne considerata “invincibile”, composta da giocatori che sono iscritti nella migliore storia calcistica mondiale, ma soprattutto sottolinea le grandi doti morali e di solidarietà dei calciatori della squadra che incontrò un tragico destino nell’incidente aereo avvenuto nel 1949 nei pressi di Torino (Superga).

  • Alla Villa Comunale le celebrazioni per il 25 aprile 2019

    Anche Reggio festeggia il 25 aprile, e la liberazione dell'Italia dal nazifascismo, e lo fa come ogni anno grazie alla sezione regina dell'ANPI, ma quest'anno la commemorazione si è tenuta su tutte e due le sponde dello Stretto, la mattina a Reggio mentre nel pomeriggio si è spostata a Messina.
    Come da tradizione la commemorazione inizia con la staffetta partigiana, che da un paio di anni viene fatta dal bus panoramico dell'ATAM, che unisce insolubilmente la celebrazione con la Corrireggio, che ha deposto il proprio mazzo sulla stele del partigiano alla villa comunale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.