unci banner

:: Evidenza

Pellaro, recuperata una tartaruga gravemente ferita. Le prime cure al Centro di Brancaleone

Pellaro, recuperata una tartaruga gravemente ferita. Le prime cure al Centro di Brancaleone

Reggio Calabria. Tutti i media parlano dell'ormai conclamato "allarme ambientale", e le immagini che vediamo in tv e nei giornali non lasciano alcun dubbio alla drammatica situazione in atto. Ma averne a che fare con...

Reggio Calabria. Al liceo "Campanella" le lezioni di difesa personale del Sensei Cuzzocrea

Reggio Calabria. Al liceo "Campanella" le lezioni di difesa personale del Sensei Cuzzocrea

Reggio Calabria. In occasione della settimana autogestita presso gli Istituti scolastici superiori, si è conclusa la lezione di difesa personale al Liceo Classico "T. Campanella" di Reggio Calabria, organizzata dall’alunna di V° D Serena Martino...

Da FSC 80 milioni per strade del Sud. Falcomatà: “Comuni più coinvolti in scelte investimento”

Da FSC 80 milioni per strade del Sud. Falcomatà: “Comuni più coinvolti in scelte investimento”

80 milioni di euro per il varo del “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade” nei piccoli Comuni delle aree interne del Mezzogiorno. E risorse per 21 milioni da destinare al “Piano straordinario asili...

Processo "Miramare": chiesti 10 mesi di reclusione per l’ex assessore Marcianò

Processo "Miramare": chiesti 10 mesi di reclusione per l’ex assessore Marcianò

Reggio Calabria. Dieci mesi di reclusione è la richiesta che Walter Ignazzitto, sostituto procuratore di Reggio Calabria, ha chiesto oggi per Angela Marcianò, ex assessore ai Lavori pubblici del Comune, nell’ambito dell’udienza per il processo...

Caulonia, ritrovata la statua di Sant'Ilarione Abate

Caulonia, ritrovata la statua di Sant'Ilarione Abate

Nell’ottobre dello scorso anno, la comunità caulonese veniva a conoscenza del furto della Statuetta in legno, dipinta a mano, raffigurante S. Ilarione Abate, risalente al periodo compreso tra fine del 1700 e gli inizi del...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Giordano (CISL FP Calabria): il Generale Cotticelli è l’ultima ancora di salvezza per la Sanità calabrese

Giordano (CISL FP Calabria): il Generale Cotticelli è l’ultima ancora di salvezza per la Sanità calabrese

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 11 Gennaio 2019 09:53

Sono tante le speranze che i calabresi ripongono nel neo Commissario ad acta per la Sanità in Calabria, Saverio Cotticelli, che già nel suo discorso di insediamento ha pronunciato parole chiave, quali legalità, impegno, diritto elementare alla salute, dialogo, lasciando intravedere i binari entro i quali si snoderà il suo percorso in questo nuovo e impegnativo compito affidatogli. Un incarico certamente non facile, che consegna al nuovo Commissario situazioni incancrenite, con problemi di varia natura. Le note difficoltà legate all’esigenza di bilanciare il soddisfacimento del diritto alla salute con il bisogno di rispondere a criteri di economicità e razionale utilizzo delle risorse finanziarie.

La necessità di superare la fase del Piano di rientro dai debiti sanitari, le cui restrizioni hanno reso insufficienti ed inadeguati dal punto di vista quali-quantitativo i servizi sanitari erogati. Il bisogno indifferibile di sgravare la componente Ospedaliera dalla mole di accessi inappropriati e di riconsiderare i percorsi utili all’Utenza, facilitando l’approccio con la Medicina Generale Territoriale e la Continuità Assistenziale Territoriale fruibile per tutte le 24 ore. E tanti, tanti altri problemi ancora di carattere organizzativo e gestionale.
Ma su tutto prevale l’insopportabile percezione dell’esistenza di vischiose dinamiche che inibiscono ogni processo di rilancio e risanamento del SSR della Calabria. Per poter centrare l’obiettivo serve, innanzitutto, una vera ed efficace azione di bonifica culturale, orientata a cambiare l’approccio nella gestione e nell’erogazione dei servizi sanitari in Calabria, finora sottomessi a logiche e scelte non sempre chiare.
La Sanità calabrese necessita di una politica gestionale improntata alla chiarezza ed alla trasparenza, basata su un dialogo continuo e costruttivo fra i vari soggetti istituzionali. Serve una governance regionale che sinergicamente detti regole uniformi ed univoche per tutto il SSR calabrese, perché solo nel rigore delle regole si può far attecchire il seme della legalità.
E di regole e direttive certe hanno bisogno i lavoratori della Sanità calabrese, per troppo tempo costretti a subire le conseguenze di un Sistema disorganizzato e disarticolato, che li vede vittime di tutte le carenze organizzative e della mancanza di opportunità e di valorizzazione professionale. Operatori sanitari che subiscono le conseguenze di Aziende a velocità differenziate in Calabria, con realtà che hanno riconosciuto i diritti e le opportunità professionali sancite nei CCNL e altre che invece negano finanche l’erogazione di istituti fondamentali, quali la remunerazione della produttività legata alla performance. Una risorsa umana ormai stanca e disorientata ma che finora è riuscita a superare ogni difficoltà sforzandosi di garantire la somministrazione della salute in Calabria, sopportando anche le frequenti esasperazioni di un’utenza disperata e bisognosa di risposte.
E c’è poi una Sanità calabrese capace di essere punto di eccellenza in alcuni rami specifici, a dimostrazione che laddove non c’è condizionamento e non prevalgono le oscure logiche portate a sistema, anche in Calabria si possono avere esempi di buone pratiche sanitarie.
La CISL Funzione Pubblica Calabria da anni combatte contro questo sistema “artefatto”, con ogni forma di denuncia, senza clamore ma determinata a non voler sottostare ad un sistema profondamente contaminato che ha negato alla Calabria ed ai calabresi il diritto fondamentale alla salute! Oggi confida nella lunga esperienza di uomo delle Istituzioni del neo Commissario Cotticelli, al quale rivolge i migliori auguri di un buon e proficuo lavoro e l’invito a convocare quanto prima le Organizzazioni Sindacali, che dovranno essere parte integrante di quel dialogo preannunciato nel discorso di insediamento.

Rc 11 gennaio 2019

La Segretaria Generale
Luciana Giordano

Letto 207 volte

Articoli correlati (da tag)

  • A tu per tu con Rosi Perrone, Segretario Generale UST CISL Reggio Calabria

    A tu per tu con Rosi Perrone, Segretario Generale UST CISL Reggio Calabria. Ai microfoni di Mimmo Raffa per discutere di lavoro, ma anche ipotesi dissesto e San Ferdinando

  • CISL su commissariamento ASP: “Non sia l’ennesimo colpo ma uno strumento efficace di riordino per la sanità reggina”

    Alla luce del commissariamento dell’Azienda sanitaria provinciale e, al netto di valutazioni affrettate che non fanno bene alla discussione accesa in città da diversi giorni, c’è da evidenziare un fatto gravissimo che per l’ennesima volta, lascia una chiazza indelebile sull’onorabilità di una città che rischia di rimanere ostaggio di logiche delinquenziali delle quali, stato e magistratura, hanno il dovere di estirpare. Ma accanto al lavoro - dei commissari - di affrancamento da questa incrostazione, occorre un forte intervento della magistratura affinché una vola per tutte possa accertare responsabilità e fallimenti di un sistema, evidentemente per anni, non in grado di garantire servizi sanitari adeguati ai bisogni dei cittadini.

  • CISL FP Calabria: Ed ecco l’ennesimo commissariamento di un’ASP calabrese. Sperando che sia la volta buona!

    Il Comitato Esecutivo della CISL Funzione Pubblica Calabria, riunitosi ieri nella sede regionale della CISL di Lamezia Terme, ha affrontato, fra i punti all’ordine del giorno, quello dell’emergenza sanitaria calabrese, anche alla luce degli ultimi eventi che hanno visto l’ASP di Reggio Calabria “sprofondare” sotto un nuovo commissariamento.
    Una situazione analizzata sotto ogni sfaccettatura dal gruppo dirigente della Federazione cislina del pubblico impiego, che conosce bene i problemi legati al mondo della Sanità, perché vissuti e marchiati a fuoco sulla pelle degli stessi operatori sanitari che rappresenta, molti dei quali da anni si battono nelle fila della CISL FP per tentare disperatamente di cambiare questo sistema ormai imploso.

  • Sanità, Russo e Giordano (CISL): "Dopo la visita della ministra Grillo arriva “la linea dura"

    Reggio Calabria. "E’ stato necessario uno specifico servizio televisivo condotto da “Le Iene” e tutto il dibattito politico che ne è conseguito perché la Ministra della Salute, Giulia Grillo, a 9 mesi dall’insediamento del suo Governo,  si accorgesse che nel Sistema Sanitario calabrese c’è qualcosa che non funziona davvero e perché, con l’usuale registro di

  • La CISL FP di Reggio Calabria sulla situazione sanitaria

    La CISL FP di Reggio Calabria ha seguito con molto interessei contenuti di un messaggio diffuso nei giorni scorsi per via televisiva avente ad oggetto la già martoriata ASP di Reggio Calabria, devastata dalla mancanza di un’ adeguata Governance e tenuta in vita solo grazie al sacrificio dei "pochi" Dipendenti che hanno, nonostante il numero ridotto e l'età avanzata, consentito la sopravvivenza dei Presidi sanitari dislocati nella Provincia reggina.
    Il servizio televisivo condotto e mandato in onda da “Le Iene” ha rappresentato impietosamente le condizioni in cui versa la sanità reggina, soffermandosi particolarmente sulla situazione indecorosa degli Ospedali Spocke di Locri e Polistena, in tutto il loro rispettivo degrado e mal funzionamento.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.