unci banner

:: NEWS

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Venerdì 18 ottobre 2019, alle ore 10, a Palazzo Alvaro, il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni, nel corso di...

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Di seguito si riporta l'intervento del Presidente della Regione, Mario Oliverio, davanti alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati per l'Audizione informale nell'ambito dell'esame della proposta di nomina a presidente...

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Giorno 14 Ottobre 2019 rappresenta il punto di arrivo di una campagna estiva che ha raggruppato tanti apparati istituzionali e associativi della città a titolo gratuito e spinti solo da...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Giordano (Cisl Fp Calabria): manifestazione nazionale 22 giugno, appello al popolo dei pubblici dipendenti calabresi

Giordano (Cisl Fp Calabria): manifestazione nazionale 22 giugno, appello al popolo dei pubblici dipendenti calabresi

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 18 Giugno 2019 09:46

Sono tante le ragioni per cui tutto il grande popolo dei pubblici dipendenti calabresi è chiamato a scendere in piazza e a partecipare alla grande Manifestazione Nazionale Unitaria Cgil Cisl Uil #futuroallavoro, Ripartiamo dal Sud per unire il Paese, che si terrà a Reggio Calabria il prossimo 22 giugno. Un Settore, quello della Pubblica Amministrazione calabrese, messo in ginocchio dal mancato ricambio generazionale, tante volte annunciato e mai realizzato, che ha dimezzato la forza lavoro negli Ospedali, negli Uffici Giudiziari, nelle Questure, nelle Prefetture, negli Ispettorati Territoriali del Lavoro, nelle Agenzie Fiscali, negli Uffici del Ministero dei Trasporti e del Ministero dei Beni Culturali, in tutti gli Enti Pubblici non Economici, nei Centri per l’Impiego e nei Comuni, giusto per citarne alcuni.

Situazione che ha reso ancor più oneroso l’ordinario svolgimento del lavoro, già decisamente compromesso dalla politica di rigore che ha tagliato ogni risorsa finanziaria destinata alla riorganizzazione funzionale, strumentale e tecnologica degli Uffici e alla incentivazione e valorizzazione del personale.
I Lavoratori pubblici della Calabria pagano un prezzo ancora più alto rispetto agli altri Territori, in quanto subiscono troppo spesso politiche e logiche clientelari e varie forme di malaffare e corruttela, che oltre a rendere ancor più difficoltosa l’erogazione di servizi di qualità alle Comunità, offendono e offuscano l’immagine stessa della Pubblica Amministrazione e del lavoro pubblico .
Ma oltre alle criticità e problematiche tipiche del Settore, i lavoratori pubblici della Calabria hanno, al pari del resto dei calabresi mille e più motivi per gridare la loro indignazione nei confronti di una politica nazionale, che ormai da anni ha completamente dimenticato i bisogni del Sud Italia, mortificando i talenti e il potenziale che questa Terra non riesce a esprimere a causa della totale assenza di una visione strategica e progettuale di medio e lungo respiro da parte dei Governi nazionale, regionale e locali. Manca totalmente una politica di adeguati investimenti nei Settori nevralgici del Territorio, che non aspettano altro che essere messi nelle condizioni di contribuire al rilancio di tutta la Calabria.
I calabresi lamentano continuamente questo stato di abbandono ed esprimono spesso sentimenti di impotenza e frustrazione, invocando un aiuto mai arrivato. Esprimono disperazione negli Ospedali, quando implorano un’assistenza sanitaria in grado di lenire il dolore fisico e morale della malattia e si affannano gli stessi operatori sanitari, che disperatamente notte e giorno tentano di erogare salute con i pochi mezzi a disposizione e la disorganizzazione che li soverchia. Chiedono aiuto i Lavoratori dei Tribunali, delle Procure e delle Corti d’Appello, costretti a scioperare il prossimo 28 giugno, perché ormai stremati dall’incredibile mole dei carichi di lavoro e da un’Amministrazione sorda e insensibile a ogni sollecitazione e richiesta di intervento.
E chiedono più attenzione gli Ispettori del Lavoro, dell’INPS e dell’Inail e i Dipendenti delle Agenzie delle Entrate, delle Dogane e del Territorio, abbandonati spesso al loro destino ed esposti a rischi di vario genere.
L’elenco dei pubblici dipendenti che hanno tantissime ragioni per partecipare alla grande Manifestazione unitaria del 22 giugno a Reggio Calabria è ancora lungo. E allora, la CISL Funzione Pubblica Calabria lancia l’appello a tutti questi Lavoratori, esortandoli a non perdere questo importante appuntamento, che per la prima volta dopo oltre 50 anni vede tutto il Nord Italia scendere fino in riva allo Stretto, la parte estrema del Paese, per lanciare un messaggio di unità nazionale e per dare maggiore vigore e forza alla protesta e alla richiesta di attenzione, che il Meridione tutto e la Calabria in particolare pretendono dal Governo Nazionale.
Appuntamento, quindi, alle ore 09.00 di sabato, 22 giugno, a Piazza De Nava, tutti uniti per un Sud e una Calabria migliore!


La Segretaria Generale
Luciana Giordano

Rc 18 giugno 2019

Letto 148 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Vertenza Corap, Giordano (CISL FP): la politica si sottrae alle proprie responsabilità

    In data 15 ottobre 2019 si è riunita, nella sede del CORAP di Lamezia Terme, l’assemblea dei lavoratori iscritti alla CISL Funzione Pubblica in servizio presso il Consorzio per trattare come unico punto all’ordine del giorno la delicata vertenza che vede l’Ente strumentale della Regione Calabria avviarsi verso la liquidazione.
    Presente all’assemblea tutta la Segreteria regionale della CISL FP Calabria, con Luciana Giordano, Giuseppe Chirumbolo e Sergio Canino, che hanno illustrato ai numerosi lavoratori la situazione del Consorzio, oggetto di ben tre proposte di legge (la nr. 460/10^, la nr. 467/10^ e la nr. 469/10^) apportanti modifiche alla LR nr. 24/2013. Proposte che avrebbero dovuto costituire argomento di discussione in data odierna in sede di riunione congiunta della prima e seconda Commissione consiliare.

  • Ripartiamo dal Sud per unire il Paese: Reggio per un giorno voce del Mezzogiorno senza futuro

    Reggio Calabria diventa per un giorno la voce del Sud che chiede futuro, sanità e lavoro. Un fiume colorato che ha pacificamente invaso il centro cittadino sin dalle prime ore del mattino quello dei tanti arrivati dalle regioni vicine: Sicilia, Puglia, Campania ma anche dal Nord. Oltre ventimila secondo le stime degli organizzatori i partecipanti alla manifestazione "Ripartiamo dal Sud per unire il Paese" promossa da Cgil,Cisl e Uil. Presenti tra i tanti lavoratori precari, migranti, in cassa integrazione, i segretari generali: Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo che hanno poi chiuso la manifestazione in piazza Duomo.

  • Manifestazione unitaria Cgil-Cisl-Uil a Reggio: info utili per sicurezza e traffico

    Nella giornata di sabato 22 giugno 2019, con inizio alle ore 10.00, da Piazza De Nava di Reggio Calabria prenderà inizio il corteo organizzato dalle sigle sindacali CGIL –CISL e UIL. Il corteo attraverserà il Corso Garibaldi fino a Piazza Duomo, ove è previsto che si tenga un comizio alla presenza dei rispettivi Segretari sindacali nazionali. Gli organizzatori hanno comunicato che prenderanno parte all’evento circa 15.000 persone che raggiungeranno questo centro a mezzo pullman ed autovetture private.
    Per il parcheggio dei veicoli è stata individuata l’area portuale di Reggio Calabria, la zona del tempietto, la stazione ferroviaria e l’argine sinistro del Ponte Calopinace, direzione mare – monte.

  • Gattuso (10 Idee per la Calabria): che sia una manifestazione sindacale di svolta

    Sabato 22 giugno potrebbe essere ricordata come una data storica per la triplice sindacale CGIL CISL UIL. Sarebbe un fatto di rilievo che proprio a Reggio Calabria si manifesti una vera svolta nell’azione strategica di una componente rilevante della comunità nazionale, quella che rappresenta milioni di lavoratori. Una scelta di responsabilità e di coraggio, perché non c’è più tempo.
    La manifestazione nazionale, con la presenza di Landini, Furlan e Barbagallo, si preannuncia significativa per alcune parole d’ordine come: lavoro, crescita, sviluppo del Paese e del Sud, legalità, unità del Paese, prospettive e speranza per le nuove generazioni.

  • Perrone (CISL): “Manifestazione unitaria a Reggio, fondamentale per maturare una nuova consapevolezza di futuro”

    Una portata storica, quella dell’evento del 22 giugno. I sindacati Cgil, Cisl e Uil, in maniera unitaria hanno scelto Reggio, e la Calabria, per ribadire la centralità del Sud all’interno del sistema Paese. Non è retorica decifrare il Sud come motore trainante senza il quale, il resto del Paese faticherebbe. Un Paese che procedendo a due velocità diverse, rischia di creare una polarizzazione economica e dunque sociale, degna della più traumatica versione della Questione Meridionale.
    L’impegno e la presenza delle tre strutture sindacali, in riva allo Stretto sabato, testimonierà una rilevanza che mai era stata denunciata o quantomeno traslata all’attenzione del Governo centrale. Il sud in questo contesto storico frammentato, ha bisogno di lavoro, di investimenti, di infrastrutture; in altre parole ha bisogno di un futuro accessibile alle aspettative di vita dei suoi cittadini.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.