unci banner

:: NEWS

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

Su Via Botteghelle, alla presenza del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere, prosegue intensamente l'attività dell'associazione "Innamorarsi di Sbarre". Oggi, sabato 21 settembre, intera mattinata dedicata...

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Il concerto dell'alba alla Rotondetta apre l'Ecojazz 2019 alla ricerca della Fata Morgana

Il concerto dell'alba alla Rotondetta apre l'Ecojazz 2019 alla ricerca della Fata Morgana

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 06 Agosto 2019 12:49

Come da tradizione, l'EcoJazz festival si apre anche in questa edizione 2019 con il concerto all'alba, questa volta ad esibirsi, ed a cercare di evocare la Fata Morgana, è stato Gabriele Mitelli, che con il suo Jazz ha guidato gli ascoltatori, verso il sorgere del sole.
Decisamente un ritorno alle origini per il festival, che torna alla Rotondetta del Lungomare Falcomatà, il luogo che per primo ha ospitato l'EcoJazz, e da cui Giovanni Laganà, patron dell'evento, da sempre è andato a caccia della sfuggente Morgana.
Il Jazz di Mitelli è pura improvvisazione, niente spartiti ne scalette, solo note in libertà contaminate con l'elettronica che fa da legante alle varie visioni oniriche, che scaturiscono dalla tromba del jazzista.

comunicato stampa:

Sotto le ali del Cigno, tipica costellazione del cielo estivo, è iniziato l’incontro tra il Jazz e la Fata Morgana. Quest’anno il trombettista Gabriele Mitelli, con il suo progetto originale in assolo ha aperto all’alba (come di consueto) il festival internazionale Ecojazz, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia. Giunto alla 28^ edizione, il festival proseguirà domani, mercoledì 7 agosto, alle ore 21:45 al parco Ecolandia con Gemma Natali (armonica cromatica), al suo primo concerto con il Resilienza Group, composto anche da Chiara Rinciari (chitarra), Giuseppe Manti (contrabbasso) e Pasquale Campolo (batteria). A seguire si esibiranno il chitarrista statunitense Kurt Rosenwinkel e il suo quartetto, composto anche da Aaron Parks (piano), Eric Revis (contrabbasso), Jeff “Tain” Watts (batteria).

"Parte con il concerto del talentuoso Gabriele Mitelli una nuova edizione di Ecojazz ed il mio Sogno resta quello di proporre esperienze in cui la Bellezza e la Musica ci riavvicinino all'anima e al sentimento, alimentando il desiderio di restare Umani", ha salutato così il pubblico il direttore artistico di EcoJazz, Gianni Laganà, affiancato dal direttore del parco Ecolandia, Pietro Milasi.

La performance di Mitelli, incentrata sull’improvvisazione e sulla contaminazione tra suoni ed emozioni, ha animato la Rotondetta del lungomare Falcomatà a Reggio Calabria, in occasione di questo primo suggestivo appuntamento della rassegna. Nuovo Talento Top Jazz 2017, Gabriele Mitelli, bresciano ma molto legato alla Calabria e a Reggio dove è nata la donna con cui condivide la sua vita, Mariangela, si è lasciato sorprendere dallo Stretto tra Reggio Calabria e Messina e, ispirandosi al poetico e conciliante sciabordio delle onde che hanno dato commiato alla notte e accompagnato le prime luci del nuovo giorno, ha dato voce e soprattutto fiato ad un racconto in note con l'ausilio di tromba, genis (flicorno contralto) e sintetizzatori modulari. "Quello che accade ogni volta è una sorpresa anche per me. Ciò - ha commentato Gabriele Mitelli - è fonte di energia e vitalità per proseguire e creare, lasciando esclusivamente spazio all'improvvisazione. Lo scenario dello Stretto tra Reggio Calabria e Messina è stato assolutamente fantastico, complici anche il pubblico e quel silenzio mistico che ha contribuito a creare. Il mare, al quale io sono molto legato, mi ha trasmesso forza, alimentando la mia ispirazione. Il mare, come tutto ciò che esiste in natura, conferisce alla musica uno spirito autentico e consente di continuare a raccontare storie antiche, come quella dei pescatori e delle loro barche, e miti senza tempo come quello della Fata Morgana. Lunga vita ad Ecojazz che propone momenti così magici", ha concluso Gabriele Mitelli, già pronto, dopo il suo concerto, per l'altra sua grande passione: la pesca subacquea e le immersioni. "Il mare - ha detto ancora Mitelli - è il mio elemento. In questo mare trascorro sei ore al giorno".

Al via, dunque, la rassegna che tra l'alba del 6 agosto e il tramonto del 10 agosto racchiude spettacoli di spessore, tra i quali le esibizioni di Omar Sosa (sette nomination al Grammy) e del duo dei giganti del jazz internazionale Enrico Rava e Danilo Rea. Senza dimenticare lo straordinario fuori programma del 29 agosto alle ore 21, di Bungaro e Ornella Vanoni.

E' già tutto pronto al parco Ecolandia per ospitare il festival EcoJazz che proseguirà domani, mercoledì 7 agosto, alle ore 21:45, con il gruppo di nuova formazione guidato Gemma Natali, già esibitasi in occasione dell'8^edizione di Ecojazz Festival al pianoforte con l’Orchestra Jazz del Conservatorio Francesco Cilea di Reggio Calabria. Laureatasi in Pianoforte presso il conservatorio di Salerno, ha conseguito dopo la laurea di II livello presso il conservatorio Cilea di Reggio, dove, con la guida del M° Salvatore Bonafede, ha conseguito anche la laurea in Jazz. Non potendo più suonare il pianoforte, Gemma Natali, donna resiliente e musicista appassionata, si è reinventata e adesso studia e suona l’armonica cromatica. Con essa esordirà sul palco di Ecojazz, accompagnata da valenti musicisti reggini. A seguire la raffinatezza del polistrumentista, compositore e produttore originario di Philadelphia, insignito di numerosi riconoscimenti internazionali, Kurt Rosenwinkel, che si esibirà a Reggio Calabria con il suo quartetto composto anche da Aaron Parks (piano), Eric Revis (contrabbasso), Jeff “Tain” Watts (batteria).

Gli spettacoli proseguiranno al Parco Ecolandia. Le sonorità cubane racchiuse in Aguas (acqua), ultimo lavoro discografico del mitico pianista-compositore cubano Omar Sosa e della fine cantante e violinista Yilian Cañizares, con ospite il poliedrico percussionista venezuelano Gustavo Ovalles, appassionato studioso del folklore afrocubano, saranno protagoniste del concerto di giovedì 8 agosto, con inizio alle ore 22.

Concerto davvero imperdibile attende il pubblico di EcoJazz venerdì 9 agosto alle ore 22. Sul palco di Ecolandia si esibiranno in un concerto esclusivo due giganti del Jazz mondiale, il trombettista Enrico Rava, insignito recentemente dell’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, e il pianista Danilo Rea, tra i più rappresentativi della scena jazzistica internazionale.

Sabato 10 agosto alle ore 19, sarà il tramonto sullo Stretto tra Reggio Calabria e Messina ad incontrare il Jazz. Sulla collina Contemplazione del parco Ecolandia, I Suoni dell’Urlo del Tramonto sul Mediterraneo saranno affidati al sublime suono del tabla del musicista di origine indiana Sanjay Kansa Banik e al talento della sua conterranea Troilee Dutta al sarod.

Finale di prestigio per questa 28^ edizione di EcoJazz che chiuderà in bellezza con il concerto fuori programma di Bungaro e Ornella Vanoni, al parco Ecolandia giovedì 29 agosto alle ore 21.

Reggio Calabria, 6 agosto 2019

Ufficio stampa EcoJazz
Anna Foti

Rc 6 agosto 2019

Letto 162 volte

Articoli correlati (da tag)

  • EcoJazz, musica e bellezza ad Ecolandia con Bungaro 4et e Ornella Vanoni

    Porre accanto ad un paroliere dalla fine sensibilità e dalla innata raffinatezza, una grande artista, essenza di classe, stile, personalità ed eleganza, equivale a predisporre gli elementi per un'alchimia poetica e artistica unica. Così, sul palco di Ecolandia, è nato lo spettacolo magico e denso di emozioni, frutto dell'incontro sorprendente tra la cantante italiana con la carriera più lunga, Ornella Vanoni, e colui che viene definito il fine autore delle donne, Bungaro.

  • Ecojazz al tramonto con Sanjay Kansa Banik e Troilee Dutta. Ad Ecolandia il giudice Scopelliti ricordato dalla figlia Rosanna

    Un tramonto dai colori e dai suoni intensi che la musica ha reso particolarmente suggestivo. Dalla collina della Contemplazione al parco Ecolandia, come una preghiera toccante e profonda, si sono innalzate le note dell'antica musica indiana. Ospiti del festival Ecojazz, in occasione del consueto concerto al tramonto, Sanjay Kansa Banik al Tabla e Troilee Dutta al Sarod.
    Sanjay Kansa Banik, musicista indiano residente in Italia da circa 15 anni, autorevole componente dell’Orchestra di piazza Vittorio di Roma, ha dato voce al tabla, tamburo e principale strumento di accompagnamento della musica indiana. "Una musica millenaria che vanta 5000 anni di storia, di cui c'è traccia già dal 3000 A.C. sui Veda, complesso di testi sacri indiani", ha spiegato Sanjay Kansa Banik.

  • EcoJazz, intenso ed emozionante incontro in note tra Enrico Rava e Danilo Rea

    Uno sguardo d'intesa, un raffinato tocco sui tasti e un sapiente soffio di flicorno. Così l'incanto ha avuto inizio. Neppure una parola. Solo la musica. Il pubblico di Ecojazz ha assistito, mentre un silenzio pregno di coinvolgimento e trasporto avvolgeva il parco Ecolandia, all'emozionate e intenso incontro in note tra il trombettista Ernico Rava e il pianista Danilo Rea. Nessuno spartito, solo la complicità e l'amicizia tra due grandi maestri del Jazz mondiale che hanno regalato al pubblico un viaggio musicale e artistico intenso con brani, tra gli altri, di Lucio Battisti. Un viaggio culminato nell'esecuzione di SummerTime. E' la straordinaria capacità di improvvisazione a tessere la trama di questo raffinato racconto musicale che, non solo è il frutto di decenni di carriera strepitosa, di collaborazioni ed incontri professionali prestigiosi ed esperienze cosmopolite, ma che soprattutto proviene dall'anima dentro la quale la musica abita e dall'unicità di questo incontro, un dialogo senza bisogno di parole alcuno, tra due grandi maestri in costante ascolto reciproco.

  • Ecojazz, alchimie e magia con Omar Sosa Yilian Cañizares e Gustavo Ovalles

    Vitalità ed energia allo stato puro, ispirazione e improvvisazione autentiche: il flusso di onde di Aguas ha così raggiunto, cullandolo con malinconia e travolgendolo con vigore, il pubblico di Ecolandia in occasione del concerto del grande maestro Omar Sosa al pianoforte, della cantante e violinista Yilian Cañizares e del percussionista Gustavo Ovalles. Si conferma capace di sorprendere ancora una volta il festival Ecojazz, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia, giunto alla 28^edizione. "Questi strepitosi musicisti hanno creato una nuova grande magia e hanno saputo raggiungere la nostra anima con straordinaria capacità.

  • Ecojazz, incanto ed eleganza di Gemma Natali e Resilienza Group e Kurt Rosenwinkel 4et

    La passione per la musica che diventa passione per la vita e una vocazione compositiva romantica impreziosita da uno straordinario talento. Così incanto, eleganza e magia hanno raggiunto il pubblico presente al parco Ecolandia per ascoltare Gemma Natali (armonica cromatica), al suo primo concerto con il Resilienza Group, composto anche da Chiara Rinciari (chitarra), Giuseppe Manti (contrabbasso) e Pasquale Campolo (batteria), e il raffinato chitarrista statunitense Kurt Rosenwinkel accompagnato da Aaron Parks (piano), Eric Revis (contrabbasso), Jeff “Tain” Watts (batteria).

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.