unci banner

:: NEWS

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Positivo l’incontro di mercoledì scorso in Prefettura, attraverso il quale il Prefetto Massimo Mariani insieme al Sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà e all’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, hanno...

Reggina: la numerazione ufficiale delle maglie della prima squadra

Reggina: la numerazione ufficiale delle maglie della prima squadra

La Reggina rende nota la numerazione ufficiale delle maglie degli atleti della prima squadra per la stagione sportiva 2019/20:

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Il messaggio di Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini per le prossime elezioni del Parlamento Europeo

Il messaggio di Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini per le prossime elezioni del Parlamento Europeo

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 24 Maggio 2019 13:49

Carissimi, ho sentito il dovere come Vescovo di intervenire nell'imminenza di questa competizione elettorale per il rinnovamento del Parlamento Europeo. Nelle precedenti tornate elettorali, ho preferito la via del silenzio per rispettare la vostra libertà e maturità, capace di orientarsi ed esprimere autonomamente il diritto di voto.
Con questo mio intervento non voglio negare la scelta del passato, perché non voglio orientare il vostro voto; non ho infatti alcun'aggregazione politica da proporvi. Il dibattito elettorale in preparazione a queste elezioni è stato come non mai così povero di contenuti e meschino nella sua forma da far sperare ben poco nel futuro. Grande assente nel dibattito è stato proprio il tema dell'Europa, i suoi problemi, che sono tanti e gravi, le sue speranze e le sue prospettive, soprattutto nei confronti delle tematiche giovanili.

Sì, i giovani: sono proprio loro che credono maggiormente in una Europa unita; sono essi che dovranno beneficiare della nascita di una nuova Europa, più democratica, più unita, più aperta al mondo globalizzato.
Intervengo con questo mio appello solo per ricordarvi la gravità del momento presente e per denunciare certe indegne strumentalizzazioni religiose, portate avanti per guadagnare maggiori consensi.
Perciò, ricordando i grandi valori che l'Unione Europea ci ha già dato (assenza di guerre nazionalistiche, facile obiettivo di ogni progetto sovranistico, moneta unica, abbattimento delle barriere doganali, facili scambi culturali per i giovani e tra i giovani), nonostante i limiti e i difetti che possono sempre correggersi, mi permetto di invitarvi:
- ad andare a votare compatti, perché il nostro voto può essere decisivo. Mai come oggi non si può lasciare in mano di pochi il destino di tutti;
- a tener conto che l'Europa unita è una prospettiva politica della quale non possiamo fare più a meno, contro ogni forma di nazionalismo. Sarà proprio una Europa unita a difenderci come nazione ad ogni livello, se riusciremo a stare in modo dialettico con la nostra storia e cultura all'interno di questa unione;
- ad esprimere il nostro voto con maturità e libertà, senza lasciarci suggestionare da pseudo richiami religiosi e da depistanti appelli all'identità cristiana, che non è data dall'ostentazione plateale di segni esterni (rosari e crocifissi), ma dalla volontà di seguire nei fatti il Vangelo di Gesù Cristo.
Il Signore ci conceda giorni di serenità e di pace

+ Giuseppe Fiorini Morosini
Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria - Bova

Rc 24 maggio 2019

Letto 131 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Minasi sul dopo voto: "Castorina e il PD diano risposte alla città!"

    "A bocce ferme, come consuetudine, si leggono analisi politiche sviscerate da più fronti. Non sto qui a sottolineare, dal momento che i numeri 'parlano' da soli, il successo della Lega in provincia di Reggio ed in Calabria, però è bene fissare dei punti sui quali sviluppare riflessioni concrete. Il 'vanto' che il Pd ha esternato nelle ultime ore in merito ai risultati ottenuti, sembra essere una narrazione dai sapori fantascientifici che prende spunto dal mero dato del 26 maggio, senza paragone con qualsiasi elezione precedente e senza tener conto della presenza, da quasi cinque anni ormai, di un comune e di una regione a trazione centrosinistra che, solo per il loro guidare due enti importantissimi (tre con la Città Metropolitana) avrebbero dovuto di gran lunga superare la soglia dei quasi 14 mila voti in città.

  • Riace, gli sciocchi e l’analisi del voto

    “Le battaglie non si perdono mai, si vincono sempre!”. Mette sempre i brividi il motto guevarista, ed è una fede più forte di qualsiasi batosta, anche della recente debacle di Riace. E poco importa se ci daranno degli idioti dopo averci dato degli sciocchi, siamo e restiamo nani sulle spalle di giganti. Voi moralizzatori che dispacciate meschine ideologie (travestite da notizie) potete dire altrettanto?
    Resta però da compiere il rito funesto dell’analisi del voto. E va fatto senza ipocrisia. Gli errori sono errori, e ci faranno “vincere” solo se sapremo chiamarli per quello che sono. È pesante la sconfitta della lista elettorale del modello Riace, con l’ex sindaco Mimmo Lucano a correre per un posto in consiglio, è bene ricordarlo da candidato in esilio per una ridicola persecuzione giudiziaria (caro moralizzatore, ci saranno pure delle notizie di reato e un procedimento in corso, ma impedire a un candidato di partecipare alla campagna elettorale, ed è solo questo il motivo delle misure cautelari, significa mettere le manette alla democrazia. Se non lo vedi sei in malafede).

  • Castorina: il PD calabrese prenda esempio dal modello reggino

    Il risultato delle elezioni europee che si è registrato nella città dello stretto, mette in evidenza come a Reggio esista un modello dal quale il PD Calabria può ripartire in un nuovo slancio in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Un modello che ha ottenuto il miglior risultato in tutto il sud Italia, fatto di militanti e amministratori che giornalmente si confrontano per fornire risultati e risposte alla città, ai cittadini, un modello dove l’esperienza del mondo cattolico e moderato e quello della sinistra hanno fatto fronte comune, un sistema dove il rinnovamento generazionale ha creato un intesa virtuosa con l’esperienza di una classe dirigente che può dare ancora tanto al nostro territorio.

  • Siclari (MNS): L’unica vera risata proviene dalla disperazione

    “L’unica vera risata proviene dalla disperazione” e questo aforisma ben si stende addosso alla prosopopea del Sindaco Falcomatà, al quale sembrerebbe che anche le briciole appaiono oggi come una prelibata e gustosa torta.
    All’indomani delle consultazioni europee egli cerca di attribuirsi meriti e successi, mescolando numeri e confondendo le idee attraverso un’analisi monca e faziosa dei risultati elettorali.
    Non si spiega altrimenti la gioia e la soddisfazione sbandierate per aver conquistato circa 4.000 preferenze, peraltro appannaggio di un suo assessore, Anna Nucera, unica candidata reggina in lista, unica rappresentante del Partito Democratico locale: su di lei, infatti, sono confluite le preferenze e l’appoggio elettorale di tutti i rappresentanti istituzionali reggini del PD.

  • Cannizzaro: il voto alle europee rilancia il Cdx ed affossa il Pd, per Falcomatà ed Oliverio sfratto esecutivo!

    Queste elezioni per il rinnovo del parlamento europeo ci consegnano due certezze per la Calabria: un Pd esausto ed un cdx in costante crescita. L'elemento del dato nazionale conferma un trend assolutamente positivo, ponendo la Lega di Salvini come prima forza politica di una nuova stagione di coalizioni vincenti del Cdx, a livello territoriale, ed un ridimensionamento, anzi crollo totale dei 5stelle. Leggendo nel dettaglio il dato di Forza Italia, ed analizzando i risultati generali del partito nel Paese, la provincia di Reggio Calabria si attesta fra le quattro più votate a livello nazionale, mantenendo un gap positivo con gli alleati di coalizione sul piano locale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.