unci banner

:: NEWS

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Tutto pronto per la kermesse “Arte sotto le stelle”

Si è svolta a palazzo Alvaro, sede della citta metropolitana di Reggio Calabria, la conferenza stampa di presentazione di “Arte sotto le stelle”, evento nato per festeggiare i 50 anni...

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Al Tempietto luci e suoni off per i bimbi con spettro autistico

Luci e suoni off per consentire ai bambini che soffrono delle sindromi dello spettro autistico di poter accedere al Luna Park e godere di momenti di svago e divertimento in...

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

GEP: La memoria ritrovata, l'archivio storico dell'Istituto Tecnico Statele Economico "Raffaele Piria"

ln occasione delle Glornate Europèe del Patrimonio 2019, al 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l'Istituto Tecnico Commerciale "R. Pìria" di Reggio Calabria promuove...

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

"Innamorarsi in Stazione" riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre

Dal 3 ottobre riparte la stagione culturale e sociale di Incontriamoci Sempre, dopo la breve pausa estiva e le recenti emozioni vissute in occasione della tredicesima edizione del premio Simpatia...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Incontro tra il Presidente del Tribunale per i Minorenni Roberto Di Bella e la delegazione della rete delle Alleanze Educative

Incontro tra il Presidente del Tribunale per i Minorenni Roberto Di Bella e la delegazione della rete delle Alleanze Educative

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 02 Agosto 2019 12:11

Basta con una educazione alla legalità fatta di eventi sporadici, che passano sulla testa dei ragazzi, che li lasciano passivi, che non incidono sui loro stili di vita, trattati come “vasi da riempire e non fuochi da accendere “citando un felice slogan di Save The Children. Bisogna incominciare a dire senza paura agli studenti chi sono i boss del quartiere dove vivono, indicandolo con nomi e cognomi, mettendoli in guardia dalla minaccia che possono rappresentare per le loro e per tutta la comunità, sfatare il mito di uomini vincenti e arricchiti e raccontando invece il destino di morte violenta o di carcere che li aspetta fatalmente e la sofferenza dei loro figli.

Per questo servono nuove metodologie didattiche e percorsi formativi per gli insegnanti che puntino sui laboratori esperienziali, sull’ascolto ed il confronto soprattutto con chi ha detto no alla ndrangheta attraverso scelte concrete, ma anche con gli incontri nelle carceri. Sono queste alcune delle indicazioni che il Presidente del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Roberto Di Bella ha condiviso con la delegazione della rete delle Alleanze Educative che lo ha incontrato lo scorso 31 luglio, in vista della programmazione delle attività per l’ anno scolastico 2019/2020.Erano presenti dalle associazioni aderenti: Giulia Melissari - gruppo giovani Agape / Unicef, Fortunato Scopelliti - Nuova Solidarietà, Lidia Caracciolo - Cereso,mario Nasone del centro Comunitario Agape Elena Crucitti -Libera, Carla Sorgiovanni -Save The Children; per le scuole: Antonella Micalizzi -Boccioni Fermi, Graziella Vacalebre -IC Telesio , Grazia Condello -Piria, : Anna Nucera -Panella Vallauri e assessore comunale all’istruzione. Per il Presidente la scuola deve abbondonare omertà e silenzi e deve esporsi di più. Con rammarico ha dovuto assistere alla inaugurazione dell’ultimo anno scolastico senza che sia stata mai citata la parola ndrangheta e legalità, una assurdità per una agenzia educativa che opera in un territorio dove i clan la fanno da padroni. In particolare ha chiesto agli insegnanti di essere più coraggiosi, a segnalare le situazioni dei minori a rischio, in particolare quelli coinvolti nella dispersione scolastica, non per fare una schedatura, ma per permettere al Tribunale per i minorenni di incontrarli, di ascoltare il loro disagio, di prenderli in carico con le loro famiglie,assieme ai Servizi Sociali ed alle associazioni che possono supportarli attraverso un volontariato qualificato, così come si sta facendo per Liberi di scegliere.Con una particolare attenzione alle attività extra scolastiche perché, ha ancora affermato Di Bella, è venuto il momento che tutte le scuole garantiscano il tempo pieno per sottrarre i minori dalla strada, che si aprano alle associazioni ed al territorio, che favoriscano l’accesso allo sport. Un lavoro che la rete delle Alleanze Educative ha già avviato in questi primi due anni di attività gratuita, permettendo di intercettare tanti ragazzi, di avviare un dialogo ed una collaborazione con i giudici togati e onorari del Tribunale dei Minori e con la Procura, diretta da Giuseppina Latella.Dal confronto sono emerse in particolare due linee direttrici da seguire. La prima quella di inserire tutta la programmazione che sarà pensata da settembre, all’interno della cornice istituzionale rappresentata dal protocollo stipulato in Prefettura nel febbraio 2017 tra le Istituzioni competenti in materia minorile. La seconda, quella di puntare sulla formazione condivisa ed integrata, come strategia per qualificare e dare gambe ai programmi che saranno attivati. Per potenziare quanto è stato già fatto su questo versante si è deciso di creare un gruppo di lavoro tra Tribunale per i Minorenni e Alleanze Educative per elaborare un piano di formazione organico che sarà proposto anche all’ufficio Scolastico Provinciale, alla Questura ed a tutte le istituzioni che hanno aderito alla rete. Da ultimo, una annotazione particolare è stata condivisa da tutti i partecipanti: serve un maggiore coinvolgimento della Chiesa Locale, anche nelle sue diverse espressioni aggregative, in quanto agenzia educativa fondamentale per la formazione delle nuove generazioni che già svolge un servizio prezioso nella comunità a servizio dei ragazzi. Per questo è importante la scelta delle Alleanze di creare rete, di uscire dalle auto referenzialità, dai particolarismi, dalla competitività, realtà che purtroppo hanno caratterizzato spesso la vita delle scuole e delle associazioni: solo mettendoci insieme, ciascuno con il suo specifico, camminando insieme per il bene dei bambini e dei ragazzi e delle loro famiglie, possiamo far crescere veramente la comunità educante.

Rc 2 agosto 2019


Letto 100 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Santo Stefano in Aspromonte, presentato il nuovo regolamento per l'uso dei beni confiscati

    Si è svolto a Gambarie presso l'Hotel Centrale, lo scorso 20 agosto, promosso dal Comune di Santo Stefano in Aspromonte, in collaborazione con Libera - associazioni nomi e numeri contro le mafie - coordinamento di Reggio Calabria, l'incontro di presentazione del regolamento per l'utilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata del Comune aspromontano. Sono intervenuti il sindaco del Comune di Santo Stefano in Aspromonte dott. Francesco Malara ed il presidente della commissione per la concessione dei beni confiscati dott. Maurizio Marino, nonché l'ing. Alfredo Pudano in rappresentanza di Attendiamoci ONLUS.

  • Venerdì 19 luglio al Cortile degli Ottimati l'incontro: "Non solo memoria..."

    Venerdì 19 luglio p.v. alle ore 20.00 in piazza Castello Incontro con il Procuratore Giovanni Bombardieri organizzato da LIBERA E REGGIONONTACE nel 27° anniversario della strage di via D'Amelio a Palermo. Titolo dell'incontro: "NON SOLO MEMORIA..."

  • Libera incontra il questore Maurizio Vallone

    Il coordinamento di Libera Reggio Calabria ha incontrato il nuovo Questore della città dello Stretto, dott. Maurizio Vallone per porgergli il benvenuto in questa nostra splendida terra e illustrargli quali sono le attività che il coordinamento di Libera Reggio Calabria, ormai da anni, porta avanti sul territorio: dal monitoraggio alla promozione dei campi estivi sui beni sequestrati e confiscati alle mafie, passando per le attività svolte dal gruppo memoria per ricordare tutte le vittime innocenti delle mafie – ed in particolar modo quelle della nostra provincia – senza dimenticare le attività formative svolte nelle scuole o a contatto con i ragazzi sottoposti a provvedimenti restrittivi da parte dell’autorità giudiziaria, passando per gli sforzi aggregativi che si stanno svolgendo sul territorio di Arghillà.

  • Agape e Libera lanciano il progetto "Liberi di scegliere"

    Ha preso il via oggi pomeriggio dalla Casa Circondariale di Reggio Calabria il progetto di Agape e Libera “Fuori dalla ‘ndrangheta un’altra vita è possibile? Si, se liberi di scegliere” e che vede in prima linea alcuni degli attori dell’omonimo film. Domani il progetto farà tappa al Volta, poi giovedì 21 al Piria quindi nel pomeriggio a Melito. Venerdì invece tappa al Panella Vallauri al mattino e nel pomeriggio l’incontro con i minori della comunità ministeriale. Infine sabato 23 febbraio al Fermi-Boccioni con un incontro tra gli studenti e alcuni degli attori del cast. 

  • Martedì 19 febbraio la presentazione del progetto: "Fuori dalla ndrangheta un’altra vita è possibile? Si"

    Martedì 19 Febbraio alle ore 11.30 c/o la sede del Centro Comunitario Agape e dell'associazione Libera, in via P.Pellicano 21 h Conferenza stampa di presentazione  del programma che avrà come tema: “ Fuori dalla ndrangheta un’altra vita è possibile? Si’, se Liberi di scegliere”  Saranno sette gli eventi  che interesseranno  quattro scuole secondarie di secondo grado (Il Panella Vallauri, il Liceo scientifico A. Volta, l’istituto Piria, l’Istituto Boccioni-Fermi), le sezioni di alta sicurezza della casa circondariale di San Pietro Reggio Calabria, la comunità ministeriale per minori, il comune di Melito Porto Salvo. Saranno presenti Mario Nasone per il Centro Comunitario Agape Giuseppe Marino per l’associazione  Libera, Paolo Cicciu' per la rete Alleanze Educative, Francesco Colella e Saverio Malara del cast del film Liberi di scegliere.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.