unci banner

:: NEWS

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

Parte da Reggio Calabria il tour elettorale di Carlo Tansi

Parte da Reggio Calabria il tour elettorale di Carlo Tansi

“Ho deciso di scegliere la bellissima Reggio per avviare la prima esperienza politica della mia vita, in segno di rispetto ai miei amici reggini e di tutta la provincia”. A...

A Palazzo Campanella il convegno "Calabria Anima Mediterranea - Ponte tra Meridione e Settentrione"

A Palazzo Campanella il convegno "Calabria Anima Mediterranea - Ponte tra Meridione e Settentrione"

Presentato presso il Palazzo Municipale di Sant’Eufemia d’Aspromonte sil convegno: Calabria Anima Mediterranea - Ponte tra Meridione e Settentrione, organizzato dall’Accademia Progetto Uomo, in programma il prossimo sabato 21 settembre...

Si aggiunge al roster della Pallacanestro Viola il giocatore croato Luka Sebrek

Si aggiunge al roster della Pallacanestro Viola il giocatore croato Luka Sebrek

Luka, nato a Belgrado il 4/09/2000, doppio passaporto serbo e croato, è un’ala piccola e vanta una formazione sportiva italiana: ha infatti militato nelle giovanili del nostro paese prima a...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'ISTAT: in Italia sempre meno nascite, è declino demografico dopo 90 anni

ISTAT: in Italia sempre meno nascite, è declino demografico dopo 90 anni

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 03 Luglio 2019 12:00

Dal 2015 la popolazione residente è in diminuzione, configurando per la prima volta negli ultimi 90 anni una fase di declino demografico. Al 31 dicembre 2018 la popolazione ammonta a 60.359.546 residenti, oltre 124 mila in meno rispetto all’anno precedente (-0,2%) e oltre 400 mila in meno rispetto a quattro anni prima. Il calo è interamente attribuibile alla popolazione italiana, che scende al 31 dicembre 2018 a 55 milioni 104 mila unità, 235 mila in meno rispetto all’anno precedente (-0,4%). Rispetto alla stessa data del 2014 la perdita di cittadini italiani (residenti in Italia) è pari alla scomparsa di una città grande come Palermo (-677 mila). Si consideri, inoltre, che negli ultimi quattro anni i nuovi cittadini per acquisizione della cittadinanza sono stati oltre 638 mila. Senza questo apporto, il calo degli italiani sarebbe stato intorno a 1 milione e 300 mila unità.

Nel quadriennio, il contemporaneo aumento di oltre 241 mila unità di cittadini stranieri ha permesso di contenere la perdita complessiva di residenti. Al 31 dicembre 2018 sono 5.255.503 i cittadini stranieri iscritti in anagrafe; rispetto al 2017 sono aumentati di 111 mila (+2,2%) arrivando a costituire l’8,7% del totale della popolazione residente.

Nel 2018 la distribuzione della popolazione residente per ripartizione geografica resta stabile rispetto agli anni precedenti. Le aree più popolose del Paese sono, come è noto, il Nord-ovest (vi risiede il 26,7% della popolazione complessiva) e il Sud (23,1%), seguite dal Nord-est (19,3%), dal Centro (19,9%) e infine dalle Isole (11,0%).

La popolazione italiana ha da tempo perso la sua capacità di crescita per effetto della dinamica naturale, quella dovuta alla “sostituzione” di chi muore con chi nasce. Nel corso del 2018 la differenza tra nati e morti (saldo naturale) è negativa e pari a -193 mila unità.

Il saldo naturale della popolazione complessiva è negativo ovunque, tranne che nella provincia autonoma di Bolzano. A livello nazionale il tasso di crescita naturale si attesta a -3,2 per mille e varia dal +1,7 per mille di Bolzano al -8,5 per mille della Liguria. Anche Toscana, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Molise presentano decrementi naturali particolarmente accentuati, superiori al 5 per mille.

ufficio stampa ISTAT

Roma 3 luglio 2019

Letto 99 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Istat, nuovo minimo storico nel calo delle nascite

    Al 1° gennaio 2018 si stima che la popolazione ammonti a 60 milioni 494 mila residenti, quasi 100mila in meno sull'anno precedente (-1,6 per mille).
    Nel 2017 si conteggiano 464 mila nascite, nuovo minimo storico e il 2% in meno rispetto al 2016, quando se ne ebbero 473 mila. I decessi sono 647 mila, 31mila in più del 2016 (+5,1%). In rapporto al numero di residenti, nel 2017 sono deceduti 10,7 individui ogni mille abitanti, contro i 10,1 del 2016. Il saldo naturale nel 2017 è negativo (-183 mila) e registra un minimo storico.

  • Nell'arco di 8 anni (dal 2008 al 2016) le nascite sono diminuite di oltre 100 mila unità

    Nel 2016 sono stati iscritti in anagrafe per nascita 473.438 bambini, oltre 12 mila in meno rispetto al 2015. Nell'arco di 8 anni (dal 2008 al 2016) le nascite sono diminuite di oltre 100 mila unità. Il calo è attribuibile principalmente alle nascite da coppie di genitori entrambi italiani. I nati da questa tipologia di coppia scendono a 373.075 nel 2016 (oltre 107 mila in meno in questo arco temporale). Ciò avviene fondamentalmente per due fattori: le donne italiane in età riproduttiva sono sempre meno numerose e mostrano una propensione decrescente ad avere figli.

  • A Palazzo San Giorgio il seminario sugli indicatori statistici Istat

    A Palazzo San Giorgio il seminario su "Dati e indicatori statistici per il governo del territorio: il censimento permanente e l’integrazione degli archivi amministrativi". Organizzato dalla sede Istat per la Calabria, in collaborazione con l'Unione statistica dei Comuni Italiani (USCI) e con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, dell'ANCI e dell'ANUSCA, l’appuntamento è stato pensato fornire agli operatori e utilizzatori della statistica ufficiale, strumenti e informazioni per cogliere le crescenti opportunità rappresentate dal censimento permanente

  • A Palazzo San Giorgio il seminario indicatori statistici Istat

    Si terrà il prossimo 18 ottobre a partire, dalle ore 9, presso la Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio il seminario "Dati e indicatori statistici per il governo del territorio: il censimento permanente e l’integrazione degli archivi amministrativi". Organizzato dalla sede Istat per la Calabria, in collaborazione con l'Unione statistica dei Comuni Italiani (USCI) e con il patrocinio del Comune di Reggio

  • Nucera (La sinistra) plaude provvedimenti fasce in difficoltà

    Reggio Calabria 15/07/2016 - “L’aumento della povertà, provocato da cause strutturali e dagli effetti della crisi che dal 2008 colpisce in particolare le aree più fragili del Paese, non ci vede impreparati. Anzi - afferma il capogruppo de 'La Sinistra' in Consiglio regionale Giovanni Nucera - fin dall’inizio della legislatura regionale, oltre a tenere desta l’attenzione su questa grave emergenza, ci siamo prodigati per fronteggiarla, con tutti gli strumenti a nostra disposizione inclusa una puntuale proposta di legge sul reddito minimo. Perciò - aggiunge Nucera - esprimo vivo apprezzamento per la decisione assunta dal presidente Oliverio e dall’assessore Roccisano che, a fronte dei nuovi dati Istat che documentano una situazione sulla povertà allarmante, mira a destinare una quota di risorse dell’FSE ad un piano di contrasto alla povertà e a favore dell’inclusione sociale. La battaglia dal sottoscritto condotta, insieme ad altri colleghi e a una serie di movimenti ed istanze della società civile, inizia a dare i suoi frutti. Si va, infatti, nella direzione che prevede interventi mirati su individui ultra cinquantenni, ossia quelli ritenuti più difficili da collocare nel mercato del lavoro, e per le famiglie con minori a carico, in linea con quanto previsto dal recente decreto del ministro Poletti attraverso lo strumento di sostegno economico che si chiamerà ‘reddito di inclusione sociale’ e avrà l’ambizione di ottenere, nel medio periodo, un’inversione di tendenza”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.