unci banner

:: NEWS

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Sono 3332 le tessere sottoscritte dall’inizio della campagna abbonamenti 2019/20 “Questa vita la dedico a te”. ieri 21 agosto sottoscritti 50 abbonamenti. Terminata prelazione, non sarà più possibile usufruire dello...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Inizia tutto sul Set di “Calibro 9”, il nuovo film prodotto dalla Minerva Pictures per la regia di Toni D’Angelo, dove l’attore calabrese, Direttore della Scuola di Recitazione della Calabria,...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'L’Unione Nazionale Consumatori indignata: il Comune mente sapendo di mentire

L’Unione Nazionale Consumatori indignata: il Comune mente sapendo di mentire

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 08 Marzo 2019 09:06

L’articolo pubblicato in Gazzetta del Sud sui disagi dei cittadini e denominato “rubinetti a secco in città aspettando l’acqua del Menta” ha dell’incredibile e denota ormai la frenetica attività del Comune di Reggio Calabria di arrampicarsi sugli specchi pur di smarcarsi da una situazione divenuta ormai insostenibile. E’ quanto sostiene l’Avv. Saverio Cuoco, presidente regionale dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria ribadendo che come se non bastassero i disagi arrecati ai cittadini reggini sulla mancata erogazione del servizio idrico, il Comune, per giustificare la mancata riduzione del canone di tale servizio (in costanza di ordinanza di non potabilità), tira fuori dal cilindro il principio contenuto in una sentenza della Corte Costituzionale che prevede l’impossibilità di procedere con il taglio diretto della tariffa perché giudicato incostituzionale in quanto in questo modo, si violerebbe il principio che “il tributo deve coprire i costi del servizio”.

Si mente sapendo di mentire, perchè tale principio non viene applicato al servizio idrico, perché tale tariffa, costituita anche dalla quota per lo scarico e la depurazione delle acque reflue, si configura, in tutte le sue componenti, non come tributo, ma quale “corrispettivo” di una prestazione commerciale complessa, che trova la sua fonte nel contratto di somministrazione stipulato dal Comune e gli utenti in condizioni di parità. Da ciò ne deriva l’esclusione della natura tributaria di tale canone.
Ed è la stessa Corte Costituzionale a ribadirlo con propria sentenza, statuendo che: il rapporto intercorrente tra un Comune e il cittadino ha, invero, natura privatistica e non tributaria, giacché il pagamento eseguito dall’utente non discende da una mera imposizione fiscale ma è il corrispettivo dovuto a fronte di un servizio offerto dall’ente comunale ed alla luce della riconosciuta natura privatistica del corrispettivo pagato dall’utente dei servizi idrici integrati, la giurisdizione appartiene al Giudice Ordinario, dichiarando l’illegittimità costituzionale della normativa nella parte in cui attribuiva la giurisdizione del giudice tributario in tali controversie.
Se l’approfondimento del Comune in tale materia fosse stato un po' più accurato e meno “superficiale” avrebbe inoltre accertato che su tale argomento si è espressa anche la Corte di Cassazione con sentenza del 2015 sancendo il seguente principio: “se l’acqua che scende dal rubinetto dell’abitazione non è potabile, l’utente ha diritto alla riduzione del canone e al risarcimento del danno, rammentando che la bolletta dell’acqua non è una tassa, ma un canone per un servizio, per cui, se il servizio non viene adempiuto correttamente, all’utente spetta la restituzione dei soldi versati ed eventualmente, il risarcimento per essere stato costretto ad approvvigionarsi a fonti alternative e certamente più costose”.
Infine la stessa Corte di Cassazione con sentenza del 2017 sostiene che la pretesa di pagamenti del Comune, basata su un consumo minimo presunto o a “forfait” è illegittima in quanto l'importo del canone da corrispondere da parte dell'utente deve essere quantificato previa misurazione a contatore sulla base dei consumi, conformemente al principio di corrispettività proprio di un contratto sinallagmatico quale quello di somministrazione dell'acqua.
A tale proposito la quasi totalità delle fatture inviate alle famiglie reggine prevede una fatturazione stimata, incomprensibilmente anche laddove con buona volontà e spirito collaborativo degli utenti, hanno provveduto a comunicare l’autolettura.
L’Unione Nazionale Consumatori Calabria pertanto, continuerà a non partecipare (come per il passato), a nessun incontro estemporaneo e di facciata, programmato tra il comune e le associazioni di consumatori, fintanto che non vengano ristabiliti e riconosciuti i legittimi diritti dei cittadini quotidianamente lesi anche da un servizio idrico fatiscente.


Il Presidente Regionale
Avv. Saverio Cuoco

Rc 8 marzo 2019

Letto 198 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Cittadini per il cambiamento e UNC: il Comune riduca la TARI per i disservizi esistenti

    “La città di Reggio Calabria, nonostante la task force messa in atto recentemente dal Vicesindaco Armando Neri, continua ad esser invasa dai rifiuti. Si tratta di uno “spettacolo” talmente deprimente che porta in modo particolare forestieri e turisti a conservare il ricordo di una città non solo sporca ma anche incapace di sfruttare le sue notevoli potenzialità turistiche.” E’ quanto sostengono il Presidente dell’Associazione “Cittadini per il Cambiamento”, Nuccio Pizzimenti e il Presidente dell’“Unione Nazionale Consumatori Calabria”, Saverio Cuoco che aggiungono: “Recentemente, i Capigruppo di maggioranza in Consiglio Comunale, preoccupati che la presenza sempre più diffusa di cumuli di spazzatura potrebbe impoverire l’immagine della città e causare potenziali danni all’ambiente e ai cittadini, attraverso un comunicato stampa, hanno cercato di addossare la responsabilità unicamente all’Avr, la società che per conto del Comune gestisce la raccolta differenziata dei rifiuti.

  • Emergenza rifiuti: l’Unione Nazionale Consumatori replica al consigliere Albanese e chiede l’intervento dell’Autorità Sanitaria

    Pur concordando pienamente con il Consigliere Rocco Albanese, delegato del Sindaco in materia tributaria, sull’auspicio del ripristino della legalità e il contrasto all’evasione/elusione tributaria, ribadiamo che la legalità è un principio che deve valere erga omnes, istituzioni comprese e nei casi specifici di invio di avvisi di pagamento per servizio raccolta rifiuti fatiscente o per dirla eufemisticamente “a singhiozzo”, o servizio idrico precario, non si può non concordare con chi esprime la propria rabbia quotidianamente presso l’associazione o sui social, per una richiesta di pagamento che appare quanto meno vessatoria a fronte di servizi inesistenti.

  • Emergenza rifiuti: riunione in Prefettura con il Comune. Il consigliere Albanese risponde al presidente Cuoco (UNC)

    In Prefettura questa mattina incontro con il Comune per cercare una soluzione all'emergenza rifiuti che vede l'interruzione della raccolta almeno per quanto concerne l'organico in gran parte della città. Intanto il consigliere Rocco Albanese in una nota replica al presidente dell'Unione Nazionale Consumatori Calabria, Saverio Cuoco. Di seguito la nota:

  • Tarsu, Tares e Tari usati come bancomat dei cittadini. L’UNC Calabria contesta la legittimità: “Così si incentiva l’evasione fiscale”

    Introdotta dalla Commissione Straordinaria con delibera del 31 ottobre 2012, contestata più volte dall’Unione Nazionale Consumatori Calabria, viene riproposta nuovamente a distanza di cinque anni.
    E’ quanto sostiene l’avv. Saverio Cuoco, presidente regionale dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria a seguito dell’invio alle famiglie reggine, degli avvisi di accertamento TARSU anno 2012.
    Le migliaia di lettere inviate in questi giorni alle famiglie reggine della TARSU 2012 e TARI 2013, 2014 mirano esclusivamente e indiscriminatamente a recuperare il più possibile dagli utenti, considerati ormai cittadini-bancomat, evitando così di combattere realmente il fenomeno dell’evasione fiscale.

  • "Reggionando" con Saverio Cuoco presidente Unione Nazionale Consumatori Calabria

    Secondo appuntamento con il format “ReggionandoTraNoi” che ha visto dopo lo Chef Filippo Cogliandro, ospite questa volta l’avvocato Saverio Cuoco, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria. Tema dell’incontro soprattutto la questione acqua e le “bollette pazze”. 

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.