unci banner

:: NEWS

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Venerdì 18 ottobre 2019, alle ore 10, a Palazzo Alvaro, il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni, nel corso di...

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Di seguito si riporta l'intervento del Presidente della Regione, Mario Oliverio, davanti alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati per l'Audizione informale nell'ambito dell'esame della proposta di nomina a presidente...

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Giorno 14 Ottobre 2019 rappresenta il punto di arrivo di una campagna estiva che ha raggruppato tanti apparati istituzionali e associativi della città a titolo gratuito e spinti solo da...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Lettera firmata: "L'affido è una scelta d'amore"

Lettera firmata: "L'affido è una scelta d'amore"

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 01 Luglio 2019 09:06

Siamo una famiglia affidataria di Reggio Calabria, con noi vivono assieme a quattro figli naturale altre due ragazze con disabilità che abbiamo accolto e cresciuto da piccole, affrontando insieme le loro gravi malattie e patologie. Altre coppie del Centro comunitario Agape di cui facciamo parte hanno accolto fin dagli anni ottanta altri minori provenienti da storie di abbandono, rom con disabilità, figli di famiglie mafiose o coinvolti in faide sanguinose, bambini strappati ai brefotrofi ed agli istituti . Un’esperienza segnata da tante fatiche ma anche dalla gioia di avere dato loro una famiglia, degli affetti, delle sicurezze. Per noi l’affido è una scelta d’amore e leggere le notizie arrivate da Reggio Emilia ha provocato in noi sconcerto e preoccupazione.

Sconcerto perché abbiamo sempre guardato, dal profondo sud povero di servizi, a quelle realtà istituzionali come modelli all’avanguardia di welfare da imitare, preoccupati per il clima di sospetti che si è creata attorno ad un’esperienza di grande solidarietà come l’affido che non può essere affrontata con superficialità dalla politica e dai mezzi d’informazione. L’auspicio è quello che si faccia chiarezza su questa vicenda e sulla reale colpevolezza delle persone coinvolte, ma anche quello di spingere tutti a conoscere meglio l’istituto dell’affido familiare, a rilanciarlo, garantendo maggiori controlli ma anche adeguati mezzi e risorse per farlo funzionare meglio. L’affidamento familiare è un passo avanti rispetto alle comunità residenziali perchè capace di rispondere a bisogni complessi dei minori, perché garantisce a tanti bambini che vivono forti disagi la possibilità di vivere in un’altra famiglia per il tempo breve o lungo necessario al lavoro di recupero della loro famiglia d’origine le cui capacità genitoriali sono spesso gravemente compromesse. Una famiglia in più che diventa la migliore terapia soprattutto nelle situazioni più gravi. Quando abbiamo accolto F., bambina down, soffriva di una grave situazione sanitaria che stava mettendo a rischio la sua stessa esistenza. Ci ha fatto vivere momenti di grande preoccupazione, ma grazie alla grande professionalità di amici medici li abbiamo superati. Gli stessi che alla fine hanno commentato che il merito della sua guarigione non era stato tanto quello delle cure ricevute, ma soprattutto della voglia di vivere della  bambina e di tutto l’amore ricevuto dalla famiglia che l’aveva accolta. Per questo l’esperienza dell’affido, che negli ultimi trent’anni ha salvato migliaia di bambini dall’abbandono, deve continuare in tutto il nostro paese, soprattutto nelle zone del mezzogiorno dove le povertà minorili materiali ed educative sono più diffuse. Una straordinaria esperienza di accoglienza da diffondere e proporre alle famiglie italiane anche come antidoto alla cultura imperante della indifferenza e della paura dell’altro.

Lettera Firmata

Rc 1 luglio 2019

Letto 148 volte

Articoli correlati (da tag)

  • L’affido è un gesto d’amore verso i bambini. Appello alle famiglie di Agape, Unicef, Save The Children e Ufficio pastorale della famiglia

    Il caso Bibbiano sta azzerando  gli affidi in tutta Italia. Richieste bloccate,  è quasi impossibile trovare una famiglia disposta ad accogliere Lo denunciano  gli assistenti sociali: «Clima da caccia alle streghe, a pagare saranno i più fragili»  Un clima di sfiducia diffuso che induce i genitori in difficoltà a non chiedere più aiuto ai servizi e, d’altra parte, gli operatori dei servizi ad evitare interventi con decisioni che potrebbero essere fraintese e trasformate in nuovi casi giudiziari. Come uscirne?  A Reggio Calabria in contro tendenza  ci sono organizzazioni storiche impegnate nella tutela dell’infanzia come il Centro Comunitario Agape, Save The Children, Unicef, Ufficio pastorale della Famiglia della Diocesi di Reggio- Bova, che hanno deciso di reagire e di rilanciare questa importante esperienza di solidarietà che sta dando ancora oggi  un futuro a migliaia di minori che vivono  situazioni di abbandono e di deprivazione affettiva.

  • Sant'Eufemia d'Aspromonte: ViviEstate2019, convenzione tra Comune-Agape per progetto contro isolamento e solitudine

    Creare una rete di supporto psicologico a persone non autosufficienti, fragili, affinché sia una stagione estiva diversa e serena per tutti. Vincere l’isolamento e combattere la solitudine, coinvolgere i quartieri e la comunità nel sostegno alle persone più deboli.
    E’ un nobile intento quello che ha ispirato la firma della Convenzione tra Comune di Sant’Eufemia d’Aspromonte e l’Associazione di Volontariato “AGAPE” per l’attivazione di un progetto di assistenza sociale che grazie all’impegno dell’associazione AGAPE, vuole favorire la socializzazione e partecipazione ad attività di svago di adulti disabili, l’aggregazione e uno stile di vita adeguato, alleviare la solitudine degli anziani contrastando fenomeni di emarginazione sociale degli anziani in condizione di solitudine.

  • Il diritto alla famiglia dei minori in difficoltà: Agape e Forum Associazioni Familiari chiedono convocazione del tavolo regionale affido

    In Calabria, nonostante la disponibilità di tante famiglie ad aprirsi all’accoglienza di bambini che vivono uno stato di disagio e spesso di grave abbandono all’interno di famiglie con problemi la strada dell’affido familiare non decolla a causa della cronica mancanza di interlocutori istituzionali. È significativo che le poche associazioni che operano in questo ambito, come il Centro Comunitario Agape di Reggio Calabria, ricevono da tutta la regione molte richieste di informazioni da parte delle famiglie che vorrebbero affacciarsi all’affido e che lamentano di non sapere a chi rivolgersi.

  • I campi di servizio, una proposta dell’Agape ai giovani

    Anche quest’ estate Il Centro Comunitario Agape offre la possibilità a tanti giovani reggini di vivere un’esperienza di vacanza estiva speciale, una settimana di impegno con la possibilità di fare un’esperienza forte, ore di lavoro e di vita comunitaria, con un grande ideale: condividere un pezzo della propria vita con gli altri. Il campo è soprattutto una esperienza educativa per aiutare i giovani ad uscire dal proprio guscio , a guardare il mondo sentendosi responsabili di ciò che accade e non semplice spettatore, a prendersi cura delle membra più deboli della comunità. Sulla scia dell’insegnamento del fondatore don Italo Calabrò, che ha fatto della sua vita una consacrazione alla causa degli ultimi e dei diseredati, si offre così la possibilità ai giovani di sperimentare la gioia e la ricchezza dell’incontro con altri giovani e con persone con fragilità e disagio sociale Un’occasione per donare agli altri amicizia e compagnia ma anche per riceverne altrettanta.

  • Reggio Calabria. Agape: su Rai 3 si parla del progetto "Liberi di scegliere"

    Reggio Calabria. Mercoledi 20 marzo, alle ore 12.30, nella trasmissione Fuori dal tg di Rai 3, approfondimento della tematica dei minori che vivono in contesti socio familiari di mafia. Sarà trasmesso un servizio sul centro giovanile don Italo Calabrò di Melito Porto Salvo, la prima casa famiglia del sud fondata dal compianto sacerdote e che ha accolto in oltre quaranta anni

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.