unci banner

:: NEWS

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dalla...

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Arriva qualche buona notizia in merito alla Petizone popolare per il ripristino degli 11 milioni di euro del "Decreto Reggio" per l'acquisto di alloggi popolari. Il presidente del Consiglio comunale,...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque giorni...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Maltrattamenti ai minori in ambito scolastico: la nota di Guido Leone

Maltrattamenti ai minori in ambito scolastico: la nota di Guido Leone

Pubblicato in ATTUALITA' Sabato, 13 Aprile 2019 18:19

Reggio Calabria. di Guido Leone - Quando si è vittime di bullismo, andare a scuola può diventare un incubo. Si viene presi di mira per l'aspetto o addirittura per una disabilità. A volte per la razza o la provenienza. Altre volte per l'orientamento sessuale o, le ragazze, per la loro presunta "facilità" a concedersi. Tutto questo, poi, trova il suo culmine in episodi di vera e

propria violenza fisica. E cosa succede se a macchiarsi di questi comportamenti non è un gruppo di studenti, ma il prof? Le immagini sconcertanti che periodicamente le forze dell’ordine rendono pubbliche ci mostrano un ambiente insano e violento tra le pareti scolastiche: schiaffi, urla, offese, strattoni ,costrizioni per mangiare:è il triste filo conduttore che ha come protagonisti gli insegnanti e come vittime i loro alunni. Laddove,invece, ad un bambino di tre anni a volte può far male anche solo uno sguardo che incute terrore, figurarsi modi di fare di questo tenore. Secondo una ricerca di Skuola.net su ben 7.500 studenti, non sono casi rari: il 56% confessa di essere stato brutalmente insultato o umiliato davanti a tutta la classe da un professore. Uno su 4 denuncia invece casi di violenza, di cui è stato vittima lui stesso o un compagno. Ben 1 ragazzo su 4 ricorda un prof che abbia alzato le mani in classe. Di questi, il 9% circa sostiene che l'episodio lo ha riguardato personalmente, mentre il 14% ha visto picchiare qualcun altro dei suoi compagni. Di che tipo di violenze si tratta? Skuola.net lo ha chiesto direttamente ai ragazzi. Tra i loro racconti, sono state selezionate e riportate le storie più significative: schiaffi, quaderni tirati sul viso, teste sbattute sulla lavagna o addirittura le mani schiacciate nella fessura tra un banco e un altro. Il 56% degli intervistati, poi, si è sentito almeno una volta insultare pesantemente ed umiliare davanti a tutta la classe. Sono emersi casi di insulti razzisti, di umiliazioni su difetti come la dislessia o la balbuzie. Non mancano le derisioni pubbliche di ragazzi in forte sovrappeso, di quelli considerati "brutti" o di coloro ritenuti poco attraenti sessualmente. A volte si prendono in causa le condizioni familiari difficili. Altre volte si ricorre a pesanti giudizi sulle capacità intellettive del ragazzo o sulla presunta disponibilità "sessuale" della ragazza. E per finire, volano poi le parolacce vere e proprie. Dai racconti degli studenti riguardo ai casi di violenza fisica dei professori raccolti da Skuola.net, emerge che questi fatti riguardano soprattutto scuole medie e superiori. Ma purtroppo sono anche sempre più ricorrenti  episodi di violenza alle scuole elementari e materne. Nel nostro Paese sono quasi 6 milioni, tra bambini e adulti, le persone che sono o sono state vittime di maltrattamenti durante l’infanzia. Una proiezione parziale, perché il fenomeno è ancora sommerso e non adeguatamente studiato su base nazionale. È quanto emerge da LiberiTutti, primo Indice regionale sul maltrattamento all’infanzia in Italia realizzato dalla ong Cesvi. L’Indice restituisce una classifica delle regioni del nostro Paese sulla base di un indicatore che sintetizza fattori di rischio e offerta dei servizi, relativi tanto alla categoria dei bambini potenziali vittime quanto a quella degli adulti potenzialmente maltrattanti. Dai risultati dell’analisi emerge la persistenza di forti disparità tra il Nord e il Sud del nostro Paese.
Secondo i dati forniti da LiberiTutti, la prima regione per capacità di prevenzione e contrasto del maltrattamento sui bambini è l’Emilia Romagna Tra le regioni con l’indice complessivo più basso, invece, ci sono la Campania, la Calabria, la Sicilia, la Puglia e la Basilicata. La Campania è in coda alla classifica, ultima sia nell’indice sui fattori di rischio che in quello su servizi e politiche. Penultima, al 19° posto, la nostra regione per il più elevato livello di criticità. Il maltrattamento sui bambini  è la conseguenza ultima di una situazione di disagio che coinvolge le figure adulte e il contesto familiare, ambientale e sociale nel quale i bambini crescono. I bambini e le bambine sono infatti maltrattati soprattutto nell’ambiente che più di tutti dovrebbe garantire loro sicurezza e protezione. Non solo casa, anche scuola. Il medico Vittorio Lodolo D’Oria, massimo esperto di bournout e stress lavoro correlato degli insegnanti, associa tali patologie all’escalation di violenze nelle scuole. Un fenomeno in preoccupante crescita ,come documentato da una sua recente ricerca ,la prima del genere in Italia, in cui ha raccolto i dati di tutti gli episodi di presunti maltrattamenti a scuola nel quinquennio 2014- 2018 ,arrivando fino al mese di gennaio di quest’anno. Complessivamente i casi sono stati 78 con un totale di 156 docenti indagati ,ripartiti in 9 nidi comunali, 53 scuole dell’infanzia e 16 scuole primarie. Dal 2014 , gli episodi sono stati sempre più numerosi e , in particolare, sono triplicati tra il 2015 e il 2016 (passando da 8 a 22),mentre nel solo primo trimestre del 2019 si è raggiunta la cifra di 31 insegnanti che sono finiti , anche nella nostra regione, nelle maglie della giustizia e c’è la prospettiva di vedere raddoppiato quantitativamente il fenomeno rispetto all’anno precedente. Sotto osservazione, il comportamento di insegnanti ed educatrici con un’età media tra i 55 e i 56 anni, in abbassamento tra il 2017 e il 2018, anche se, i casi del 2019 finora registrati, hanno riguardato donne con un’età media di 59 anni. È evidente la progressione dei casi di presunte violenze con l’aumentare dell’età delle insegnanti – e con un probabile  sfinimento e logorio psichico professionale. Il burnout sta crescendo progressivamente e molti docenti ne vengono colpiti, in conseguenza del fatto che sono sottoposti a sollecitazioni continue e logoranti. Secondo il dottor Lodolo una altissima percentuale di chi lavora dietro la cattedra ammette di essere stressato. Poi ci sono le vere e proprie patologie. E anche in questo caso non c’è da sottovalutare la situazione. Perché dalle ultime rilevazioni risultano almeno 24mila psicotici e 120mila depressi nella categoria. Infine, ci sono tutte le altre malattie della psiche più lievi ma non per questo da trascurare, come i disturbi dell’adattamento e di personalità. Per gli insegnanti, come si sa, non è previsto alcun controllo né all’inizio della carriera né successivamente. Proprio da queste considerazioni nasce l’esigenza di attuare la prevenzione primaria dello SLC (Stress Lavoro Correlato) nella scuola rendendo edotti tutti gli operatori circa i rischi professionali cui la loro salute può andare incontro. Questo processo di acculturamento in materia di prevenzione dello SLC del corpo docente è quanto, per esempio ,sta tentando di realizzare anche il Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, Antonio Marziale, nel suo impegno quotidiano perché siano attivati corsi di prevenzione obbligatori da realizzare in tutte le scuole a favore dei docenti di ogni ordine e grado. Compito quest’ultimo in capo al dirigente scolastico secondo l’art. 28 del DL 81/08 per la predisposizione di tutte le contromisure per monitorare e prevenire lo SLC. Purtroppo, con un organico sempre più all’osso, scarse risorse e dirigenti scolastici spalmati su più istituti come manager che devono solo render conto dei bilanci, quella che doveva essere la buona scuola ha perso di vista la vera formazione dei docenti. Che non può essere solo  quella dei corsi di aggiornamento. Non esiste una supervisione sugli insegnanti. In pratica , basterebbe il monitoraggio costante del dirigente o del responsabile di plesso, una passeggiata attenta tra i corridoi per testare le relazioni tra gli insegnanti e gli allievi, intervenendo nei casi più difficili. Sappiamo invece che questo accade sempre meno  e che le maestre e gli insegnanti sono lasciati sempre più soli. Da conoscitore della scuola posso affermare che per individuare   i docenti inadeguati e dannosi esistono altre strade. Come quelle di sensibilizzare i colleghi a segnalare i dubbi ad organi superiori: troppe volte ,infatti, anche i casi eclatanti non si individuano per delle forme di omertà quasi sempre incomprensibili. Taluni consigli di classe sono dei sepolcri imbiancati. Per concludere, poiché il burnout sta crescendo progressivamente e molti docenti ne vengono colpiti non è più il caso di soprassedere, occorre darsi una mossa perché la professione docente del XXI secolo è divenuta sempre più complessa e usurante e c’è un capitale umano da proteggere applicando la legge.

Reggio Calabria 13 aprile 2019

Letto 194 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Si torna tra i banchi lunedì 16 settembre. Al primo suono della campanella nelle scuole della provincia reggina circa 78.000 studenti.

    Ancora qualche settimana di vacanze e poi per gli studenti reggini e calabresi delle scuole di ogni ordine e grado, così come per altri loro colleghi di buona parte delle regioni italiane ,si riapriranno le porte delle aule per l’inizio delle lezioni fissato a lunedì 16 settembre.
    Nelle scuole superiori ,poi, negli ultimi giorni si sono svolte le operazioni di verifica dei debiti scolastici che gli studenti hanno dovuto dimostrare di avere recuperato entro il 31 agosto. Si tratta di quelle prove che una volta erano chiamati esami di riparazione. Interessano mediamente centinaia di studenti che nello scrutinio di giugno hanno avuto il cosiddetto giudizio sospeso, cioè non sono stati né promossi né bocciati e che, pertanto, hanno dovuto sostenere le prove nelle materie insufficienti.

  • Dispersione scolastica in leggero calo ma Italia e Calabria ancora lontani dagli obiettivi europei 2020

    A guardarlo in faccia il problema della dispersione scolastica allerta non poco. Non solo perché si tratta di un fenomeno complesso non egualmente presente in tutte le scuole del territorio nazionale e che si consuma all’oscuro, spesso nel silenzio e nel consenso dei genitori. Ma, soprattutto, perché, se una minima quota di evasione e di insuccessi può forse essere considerata fisiologica, una cifra elevata come quella del nostro Paese potrebbe essere – e forse è- sinonimo di inefficacia di sistemi scolastici.
    L’abbandono scolastico precoce è un fenomeno che preoccupa tutti gli Stati europei ed è al centro delle politiche educative europee e nazionali. Uno dei traguardi principali di miglioramento della strategia Europa 2020 è proprio quello di abbassare al di sotto del 10% la percentuale di giovani tra i 18 e i 24 anni che abbandona prematuramente gli studi e la formazione.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 1 agosto 2019

    Gli appuntamenti di oggi: - alle ore 11 presso l’Aula Seminari del Dipartimento di Agraria Località Feo di Vito Reggio Calabria si terrà una conferenza stampa di presentazione della nuova offerta formativa del Dipartimento di Agraria della Mediterranea.

    - alle ore 11.00, la conferenza stampa di presentazione della 4^ edizione del concorso Nazionale per stilisti Nuovi Talenti per la Moda

    - dalle ore 14 USB e i lavoratori delle strutture psichiatriche reggine saranno in presidio davanti Palazzo Campanella in occasione dei lavori del Consiglio Regionale.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 31 luglio 2019

    Gli appuntamenti di oggi: - Manca davvero poco alla XIV edizione de “I Tesori del Mediterraneo”, il grande evento organizzato dall’Associazione Nuovi Orizzonti, in programma dal 31 luglio al 4 agosto sul Lungomare di Reggio Calabria. Si partirà con la conferenza stampa di presentazione in programma alle ore 11 nel salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio.
    -alle ore 18 si terrà nella terrazza della Cultura di Reggio Calabria (Via S. Caterina 56); un convegno sul tema: “Reggio Calabria tra cronaca e storia – come recuperare il ruolo e prospettare lo sviluppo socio-economico della città nell’ attuale momento politico”.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 30 luglio 2019

    Gli appuntamenti di oggi: -ore 9:30 protesta operatori Coolap (strutture psichiatriche) davanti sede ASP di via Diana

    -Tutto pronto per il Sunset Festival che si svolgerà all'interno del lido locrese per sei domeniche, dal 21 luglio al 25 agosto 2019. L'evento di presentazione del alle ore 10,30 presso "Malavenda Cafè" in via Zecca a Reggio Calabria.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.