unci banner

:: Evidenza

La Calabria si riscatta e vince: sorrisi al Trofeo delle Regioni

La Calabria si riscatta e vince: sorrisi al Trofeo delle Regioni

La rappresentativa maschile di Calabria termina la propria corsa al “Trofeo delle Regioni Cesare Rubini 2019” al diciassettesimo posto nazionale. Operazione riscatto riuscita per gli atleti allenati da Checco D’Arrigo ed Euprepio Padula che riescono...

Trofeo delle Regioni: la Calabria in rosa termina l’avventura al diciottesimo posto nazionale

Trofeo delle Regioni: la Calabria in rosa termina l’avventura al diciottesimo posto nazionale

Un’esperienza indimenticabile e meravigliosa. La Calabria in rosa termina al diciottesimo posto nazionale all’interno della kèrmesse del “Trofeo delle Regioni Cesare Rubini 2019”. La selezione allenata dai Coach Armando Russo e Barbara Gemelli cede il...

Due pittori dell’Accademia di belle Arti in mostra a “Fabriano in Acquerello”

Due pittori dell’Accademia di belle Arti in mostra a “Fabriano in Acquerello”

I pittori reggini Alessandro Allegra e Adele Macheda (sez. under 30) saranno presenti con le loro opere dal 25 al 29 aprile c. m. in due mostre all’esposizione internazionale dell’acquerello di Fabriano, la più grande...

Si celebra il 23 aprile la Giornata mondiale del Libro: anche in Calabria come nel resto del Paese è grande fuga dalla lettura

Si celebra il 23 aprile la Giornata mondiale del Libro: anche in Calabria come nel resto del Paese è grande...

Quando ci interroghiamo su cosa possa fare originare lo scatto d’orgoglio che manca oggi a questo nostro Paese, immaginiamo le risposte più varie, le più disparate,tranne una, la più distante dal pensiero dominante: studiare e...

ANPI: appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

ANPI: appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

Facciamo appello ai cittadini, ai giovani, alle associazioni, ai movimenti, alle chiese, alle organizzazioni sindacali e politiche che condividono i valori della nostra Costituzione, nata dall’antifascismo e dalla Resistenza, a ritrovarci tutti insieme il 25...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Minori, il garante Mattia plaude la ludoteca al carcere “Panzera” e sollecita l’individuazione di “case famiglia protette” sul territorio

Minori, il garante Mattia plaude la ludoteca al carcere “Panzera” e sollecita l’individuazione di “case famiglia protette” sul territorio

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 07 Marzo 2019 13:07

«Il tema dei “bambini invisibili” condannati a vivere i loro primi anni di vita in carcere è un tema molto dibattuto, nonostante la legge di riforma del 2011. La nascita degli Istituti a custodia attenuata per detenute madri (ICAM) non può essere la sola risoluzione alla problematica. Intanto, qui a Reggio plaudiamo la splendida iniziativa dell’inaugurazione della ludoteca presso la sezione femminile della Casa circondariale “Panzera”, che ha visto come protagonisti la sua dirigenza, il Soroptimist International d’Italia e l’Unicef». Ad affermarlo, in occasione del taglio del nastro della “Ludoteca Spazio Libero” realizzata presso la struttura carceraria di San Pietro e del successivo convegno, è stato il Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza Emanuele Mattia.

«Quella messa in campo al “Panzera” è una positiva azione sinergica di contrasto alla povertà educativa e di ampliamento delle prospettive culturali dei minori che condividono con la madre la detenzione, della quale non possiamo che essere estremamente soddisfatti. Ma il tentativo di individuare “case famiglia protette”, ancora non presenti nel Reggino, sono il chiaro esempio di una mancata attenzione alla particolare problematica che unisce una pluralità di elementi: il diritto della persona, benché in carcere, a non essere lesa nella sua dignità; la garanzia della duplice finalità della pena, punitiva e preventiva, ma anche rieducativa; la prospettiva di vita futura del soggetto ristretto; il dovere dei genitori di educare i figli; il diritto del bambino ad essere accudito dalla madre; il diritto del primo a vivere con le seconda in un contesto esterno a quello carcerario idoneo a garantire la sua integrità psico-fisica e la sua salute» ha detto il Garante davanti alla Presidente nazionale del Soroptmist International d’Italia Patrizia Salmoiraghi e alla sua omologa reggina Laura Giovine, al Provveditore dell’Amministrazione penitenziaria Calabria Massimo Parisi, alla Presidente provinciale dell’Unicef Alessandra Tavella, alla Garante Comunale per l’Infanzia e l’Adolescenza Giovanna Campolo e al Garante dei Diritti delle Persone private della libertà personale Agostino Siviglia. «La “Convenzione Internazionale delle Nazioni Unite sui Diritti dell’Infanzia” stabilisce che “in tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza delle istituzioni pubbliche o private, dei tribunali o degli organi legislativi, l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente” e la “Carta dei diritti dei figli di genitori detenuti” dell’Autorità Garante Nazionale per l’Infanzia sostiene che “nessun bambino con padre o madre in carcere deve sentirsi diverso, né deve essere lasciato solo ad affrontare il distacco, la perdita, il confronto con gli altri. Il giudizio e la condanna del genitore diventa talora una condanna a essere indicati come figli di un detenuto. Sono figli fragili, che non devono trasformarsi in bambini e ragazzi a rischio. Hanno tutti bisogno di essere sostenuti, informati e aiutati”. Questi principi animano l’azione dei diversi soggetti istituzionali e sociali, come testimoniato dalla bella realtà creata al “Panzera”. E questi continueranno sempre più a ravvivare la nostra attenzione verso gli infanti e gli adolescenti.

Rc 7 marzo 2019

Letto 115 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Siglato protocollo tra Ufficio Garante Metropolitano Infanzia ed Ambito Territoriale Ufficio Scolastico Regionale

    «Ci sono lotta alla dispersione scolastica, istruzione domiciliare e tante altre azioni concrete a difesa dei minori. Vogliamo difenderli prevenendo e contrastando ogni fenomeno che leda il loro benessere psico-fisico-sociale. E diffondendo una nuova mentalità che li valorizzi» e «Quanto abbiamo fissato in questo protocollo avrà un reale impatto sul nostro territorio, a partire da un ambito scolastico fondamentale per lo sviluppo della personalità dei più piccoli» sono i rispettivi commenti del Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza Emanuele Mattia e del Dirigente dell’Ambito Territoriale reggino dell’Ufficio Scolastico Regionale Maurizio Piscitelli a margine del protocollo d’intesa firmato stamane a Palazzo Alvaro.

  • Domani 17 aprile firma protocollo tra garante Emanuele Mattia e Maurizio Piscitelli per l'Ufficio scolastico regionale

    Lotta alla dispersione scolastica e istruzione domiciliare sono due azioni puntuali che si prefigge il protocollo d'intesa che mercoledì 17 aprile, alle ore 12 presso la saletta "Monsignor Ferro" di Palazzo Alvaro, verrà firmato dal Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Città Metroolitana Emanuele Mattia e dal Dirigente dell'Ambito Territoriale reggino dell'Ufficio Scolastico Regionale Maurizio Piscitelli, alla presenza del Referente per l'Ufficio Scolastico Provinciale Giovanni Carbone. Infatti, l'accordo, che ha una durata triennale rinnovabile, è modificabile ed integrabile, che rispetta le reciproche competenze ed autonomie e programma, realizza gli intenti attraverso un Comitato paritetico e che non comporta nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, ambisce alla realizzazione di diversi obiettivi generali.

  • Violenze a minori nella Piana, Mattia: "Si denunci sempre, condanna per l'accaduto e fiducia negli operatori"

    "Chiunque venga a sapere di qualsiasi danno fisico e psicologico perpetrato ad un minore, si rivolga direttamente alle forze dell'ordine e all'autorità giudiziaria. Perché ogni bambino siamo noi". Così il Garante Metropolitano per l'Infanzia e l'Adolescenza Emanuele Mattia commenta l'arresto del responsabile di un consultorio familiare di Laureana di Borrello, accusato di tentata violenza sessuale ed atti sessuali con minorenni tra Rosarno e Melicucco.

  • Minori, l’ufficio del garante metropolitano lancia un concorso per la realizzazione del proprio logo

    L’Ufficio del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Città Metropolitana di Reggio Calabria ha indetto un concorso finalizzato alla creazione di un logo rappresentativo del medesimo organismo, rivolto a tutti gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado del Reggino e alle associazioni di volontariato operanti nei 97 comuni metropolitani e la cui scadenza è fissata al prossimo 15 maggio. «Con questa iniziativa vogliamo valorizzare la creatività dei nostri giovani e, attraverso la crescente apertura del nostro organismo verso il territorio metropolitano, favorire la loro partecipazione civica e sostenere l’ambizione  del nostro ufficio a diventare presidio a garanzia dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e riferimento propositivo nella valorizzazione relativamente ai minori» è il commento del Garante metropolitano Emanuele Mattia.

  • Minori e Scuola, il garante metropolitano Mattia ha incontrato il dirigente dell’USR Piscitelli

    Nuovo incontro con gli attori socio-istituzionali del territorio per il Garante Metropolitano per l’Infanzia e gli Adolescenti Emanuele Mattia. Dopo i positivi contatti con il Prefetto Di Bari e il Sindaco Metropolitano Falcomatà, questa volta, accompagnato da due componenti del suo staff, cioè Tiziana Tiziano e Stella Iaria, Mattia ha colloquiato con il Dirigente dell’Ambito Territoriale dell’Ufficio Scolastico Regionale Maurizio Piscitelli. Un contatto proficuo, quello fra il Garante e Piscitelli, all’insegna della condivisione della visione e degli obiettivi d’azione e della relativa concretezza per realizzarli.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.