unci banner

:: NEWS

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Gente in Aspromonte inaugura la stagione estiva con un bellissimo itinerario, interessante sia dal punto di vista paesaggistico che naturalistico. Si camminerà attorno alla cima che, con i suoi 1956...

Gallico marina: tutto pronto per la V edizione dell'Infiorata del Corpus Domini

Gallico marina: tutto pronto per la V edizione dell'Infiorata del Corpus Domini

È conto alla rovescia nel vecchio borgo marinaro di Gallico Marina per la quinta edizione dell’Infiorata del Corpus Domini la prossima domenica 23 giugno 2019. L’evento si lega quest’anno alla...

Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

Positiva in parte la decisione espressa dai consiglieri di maggioranza sul ripristino di 11 milioni di euro del "Decreto Reggio", per l'acquisto di alloggi popolari. Ma non basta. Alle intenzioni...

Sequestro gazebo sul lungomare, per Palazzo San Giorgio: "il dialogo ed il buon senso premiano sempre"

Sequestro gazebo sul lungomare, per Palazzo San Giorgio: "il dialogo ed il buon senso premiano sempre"

"La vicenda dei gazebo sul Lungomare si è messa su un binario positivo. Le circostanze delineate a seguito dei molteplici tavoli tecnico-politici tenutisi nelle ultime 48 ore hanno premiato un...

Parte dal Polo Sud di Via Padova la campagna di Potere al Popolo! per il diritto alla salute dei reggini

Parte dal Polo Sud di Via Padova la campagna di Potere al Popolo! per il diritto alla salute dei reggini

La situazione drammatica della sanità reggina esige il maggior coinvolgimento possibile di tutti gli abitanti dell'area metropolitana di Reggio Calabria. Non basta infatti chiedere l'azzeramento del debito dell'Asp 5, per...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Musarella (Ethos): "Non possiamo continuare a comportarci così"

Musarella (Ethos): "Non possiamo continuare a comportarci così"

Pubblicato in ATTUALITA' Sabato, 12 Gennaio 2019 13:53

Qualora qualcuno non avesse ancora colto la reale situazione, Reggio Calabria, o meglio noi, suoi abitanti, siamo tra le persone più povere e vilipese d’Europa non perché i nostri territori non abbiano ricchezze naturali o siano miseri di intelligenze, ma semplicemente perché noi non sappiamo, non conosciamo e non ci preoccupiamo di conoscere. NOI SIAMO IGNORANTI. Quanti di noi conoscono natura e ragioni del debito pubblico? Quanti conoscono il suo ammontare o sanno il perché di un debito così elevato, pur senza servizi adeguati? Chi conosce l’identità di questi creditori? Quanti di noi sanno le ragioni della mancata rinegoziare del debito del Comune, cosa che avrebbe permesso la riduzione delle tasse comunali?

Quanti di noi sanno perché, sebbene in questi ultimi 17 anni si siano avvicendati diversi Sindaci ed Assessori, buona parte dei Consiglieri e dei Dirigenti del Comune non cambiano, dimostrando resistenza e tenacia anche dinnanzi ad indagini, turnover e spending review? Quanti di noi conoscono contenuto, significato e portata dell’art. 1 della Costituzione, potendo sostenere pubblicamente e senza paura di smentita che l’Italia possa considerarsi una Repubblica democratica fondata sul lavoro, la cui sovranità appartiene al Popolo, che la esercita nei modi previsti?
Noi abitanti di Reggio Calabria, da 15 anni a questa parte, siamo stati relegati agli ultimi posti tra le Città Italiane per quel che concerne la vivibilità, ossia la qualità della vita.
I principali parametri utilizzati per stabilire tali classifiche, secondo quanto spiegato da “Il Sole 24 Ore”, sono il lavoro, il risparmio, l’assistenza sociale, l’istruzione, lo sport, l’ambiente, ecc. Se nel 2015 Reggio era l’ultima di tale classifica nazionale, nel 2016 la penultima e nel 2017 la terz’ultima, tra 107 anni, seguendo le capacità e le caratteristiche di Sindaci ed Amministratori, dovremmo riuscire ad essere i primi, sempre che non si inciampi in un nuovo modello Reggio, in nuovi commissari straordinari ed in un’altra nuova primavera. Sarcasmo a parte, la situazione circa il livello di vivibilità a Reggio, prima ancora che drammatica e preoccupante, è voluta. Voluta da coloro che, senza più nemmeno tanto pudore, sfacciatamente gestiscono la cosa pubblica come un loro personale strumento di rielezione o di rinomina. Ma la questione non è limitabile al solo individuare e bloccare questi parassiti, è necessario modificare la causa principale che produce tali effetti: la nostra rassegnata ignoranza.
Il Reggino, in linea di massima e con le dovute differenze, ha votato a destra, poi a sinistra, poi di nuovo a destra e poi di nuovo a sinistra, ma non è cambiato assolutamente nulla: continuiamo a mendicare un posto di lavoro agli stessi parassiti che determinato questo status quo; continuiamo a votare, quando ci andiamo, senza avere alcuna idea, ma solamente per fare “cortesie”, con la vergognosa ed umiliante speranza che queste cortesie ci vengano ricambiate; continuiamo a lamentarci in silenzio, facendo attenzione che i “potenti” non ci sentano, altrimenti c’è il rischio che tolgano anche quel poco “di nostro” che ci hanno concesso; continuiamo ad inseguire non quello che realmente ci occorre, ma ciò che altri ci hanno detto essere per noi necessario; continuiamo a proclamare il nostro amore per la Città ed il nostro sdegno per come sia stata ridotta, ma poi corriamo clandestinamente da coloro che hanno causato tutto ciò, promettendo loro il nostro sostegno in cambio di un po’ di pane; continuiamo a lamentarci del fatto che i nostri figli ed i malati di questa terra, per avere possibilità di sopravvivenza, devono lasciare tutto ed andare lontano, condannando il fantomatico Stato assente, salvo poi affrettarci a farci notare dal potente politico/amministratore “ladro di turno” affinché si ricordi di noi al momento di gettar via le briciole.
Paradossalmente, però, in una situazione del genere, perché le cose inizino a cambiare e ad andare nella direzione giusta ed utile per tutti, non bisogna attendere nessun intervento esterno, o colpo di fortuna, o eroe impavido; bisogna conoscere, informarsi ed agire, questo è il significato del termine informa/azione. Noi Reggini, noi elettori, noi esseri coscienti decidiamo il futuro sociale e politico della nostra Città e dell’ambiente in cui viviamo, chi ritiene che le colpe e le responsabilità siano di altri, agisce come il bambino che dà la colpa di quanto da lui stesso causato, al lupo!


Il Presidente
Giuseppe Musarella

Rc 12 gennaio 2019

Letto 202 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sergi (Ethos): "la Cina è vicina, ma non per noi"

    È stato firmato a Roma un importante protocollo d'intesa tra la Cina e l'Italia che prevede numerosi capitoli di interscambio economici e culturali. Tra i diciannove punti del memorandum, vorremmo prenderne in considerazione uno, cioè quello che riguarda le intese per lo sviluppo delle infrastrutture portuali italiane. Accordi sono previsti sia per il porto di Genova sia per quello di Trieste. E con ciò, direte voi? E con ciò, perché neanche un accenno a quello di Gioia Tauro?
    Ora, io non sono e mai sarò un Senatore, ne un Deputato e nemmeno un Assessore, probabilmente non capisco niente, ma certamente mi domando a cosa servono i nostri rappresentanti politici se non riescono ad imporre un minimo d'interesse locale ai vertici del nostro governo? Sono tre i grossi porti d'interesse nazionale e guarda caso l'unico che non è stato inserito, neanche di striscio nell'accordo, è il nostro.

  • I fatti e la gestione di Reggio Calabria, Ethos: "Dobbiamo opporci ed osare!"

    Reggio Calabria. "I fatti accaduti negli ultimi 18 anni a Reggio, siano essi di natura culturale, sociale, politica o economica, hanno tutti la comune matrice di essere stati causati, più o meno direttamente, dalle scelte e dai comportamenti di noi Reggini e da coloro che abbiamo eletto alla guida della Città. La corruzione e la collusione tra rappresentanti istituzionali, anche clericali,

  • Riqualificazione del Parco di Collina degli Angeli: esposto di Ethos alle Autorità

    Reggio Calabria. Martedì scorso, nel corso di una conferenza stampa tenuta presso un noto albergo del centro di Reggio Calabria, Ethos ha illustrato le ragioni dell’esposto presentato alle competenti autorità nello scorso mese di maggio, riguardante le anomalie riscontrate nei lavori di riqualificazione del Parco di Collina degli Angeli, sito inserito nel Percorso

  • Ethòs: bilancio sociale e fonti energetiche naturali per il futuro

    A circa quattro anni dalla presentazione del programma politico/amministrativo di Ethos per le elezioni comunali del 2014, malgrado l’assenza di propri rappresentanti istituzionali, alcune delle innovative proposte all’epoca formulate, sono state recepite da chi governa il territorio: la “Rinegoziazione del Debito”, che avrebbe permesso la conseguente riduzione della tasse comunali, punto programmatico cardine e qualificante di Ethos durante l’ultima campagna elettorale comunale, possibile da richiedere ed ottenere attraverso il rispetto di alcune incombenze amministrative da assolvere nelle immediatezza dell’insediamento del Consiglio Comunale, sembrerebbe essere stata richiesta dall’Amministrazione Comunale nel maggio del 2017, ma di cui non si ha alcuna notizia;

  • Reggio Calabria, Ethos: "Ed il regolamento comunale sulla Polizia Municipale?"

    Reggio Calabria. "Le funzioni di indirizzo politico e quelle di direzione e gestione del Comando della Polizia Municipale della Città di Reggio Calabria, l’ex Corpo dei Vigili Urbani, sono due differenti e ben distinte funzioni amministrative in seno alla medesima Amministrazione Comunale. In estrema sintesi ed in maniera elementare, per quel che concerne la gestione e l’organizzazione del Comando della Polizia Municipale, ruoli, funzioni

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.