unci banner

:: Evidenza

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. La decima edizione del Memorial Mino Reitano è sempre più imminente. L'atteso spettacolo promosso dall'Associazione Musicale e Culturale "La Vita è così" in collaborazione con l'Associazione "Amici di Mino Reitano Onlus" è in...

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

Reggio Calabria. La Reggina comunica di aver ceduto al Rende i calciatori Petar Zivkov e Mattia Bonetto. Il difensore austriaco si trasferisce a titolo temporaneo fino al termine della stagione mentre il centrocampista scuola Inter...

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. In occasione della ricorrenza del "Giorno della Memoria" istituito con la legge 20 luglio 2000, n.211, il 25 gennaio prossimo, con inizio alle ore 10, presso il Palazzo del Governo, si svolgerà una...

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

È stato rilasciato poco meno di un mese fa il singolo Luna turca dei Mattanza, storico gruppo reggino di world music. Il brano, scritto da Mario Lo Cascio e che Mimmo Martino ha fortemente voluto...

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. L'Avr informa la città che "in virtù dello stato di agitazione dei dipendenti di AVR S.p.A., indetto per l'intero turno di lavoro di tutti i dipendenti nell'arco delle 48 ore dalle ore 5,01...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Nasce il comitato per il riutilizzo delle case vuote nella piana di Gioia Tauro per i lavoratori calabresi e immigrati

Nasce il comitato per il riutilizzo delle case vuote nella piana di Gioia Tauro per i lavoratori calabresi e immigrati

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 11 Gennaio 2019 20:05

L’ odierna visita di Padre Alex Zanotelli alla baraccopoli di S. Ferdinando, domicilio precario fino alla disumanità, di centinaia di migranti, lavoratori agricoli della Piana di Gioia Tauro, con la presenza di Mimmo Lucano, sindaco sospeso pro-tempore di Riace, di rappresentanti del sindacato USB, di SOS Rosarno e di altre organizzazioni impegnate sui temi dell’accoglienza ed integrazione degli immigrati e dei diritti dei lavoratori per lo sviluppo sostenibile della Piana di Gioia Tauro, è diventata occasione per un deciso avanzamento del programma di riutilizzo delle decine di migliaia di case vuote della Piana di Gioia Tauro, per assicurare una residenza civile a tutti i lavoratori e cittadini della zona, sia immigrati che calabresi.

La visita al campo ha significato l’ennesimo momento di indignazione e rabbia, da parte di Alex Zanotelli e degli altri convenuti, alla vista delle tremende, inaccettabili condizioni in cui sono costretti ad abitare centinaia di lavoratori immigrati, con problemi igenico-sanitari, ambientali, sociali ed individuali enormi, e standard abitativi lontanissimi da qualsiasi soglia minima di accettabilità.
Dopo la visita, in un’improvvisata assemblea nel campo, cui oltre a Zanotelli, Lucano e gli altri rappresentanti di associazioni e forze locali, hanno partecipato gruppi di migranti domiciliati nella baraccopoli, si è ribadito che è urgente trovare soluzioni abitative sicure e civili, per chiudere definitivamente la stessa baraccopoli e le altre forme di ghetto in cui sono stati costretti in questi anni i lavoratori immigrati, sia nella Piana che altrove. A questo proposito il presidente della Regione Oliverio, collegato telefonicamente dalla sua residenza, ha ricordato che la Regione Calabria è contraria alla realizzazione di ulteriori forme collettive di abitazioni precarie – macro contenitori fatti da tende o container – ed è pronta ad indirizzare le necessarie risorse su progetti di riutilizzo delle case vuote della zona, in perfetta concordanza con le proposte dei presenti all’assemblea.
Ancora, è stato ricordato quanto contenuto nella ricerca della Società dei Territorialisti con il LAPEI dell’Università di Firenze, diffusa in Calabria dall’Osservatorio sul Disagio Abitativo, e dai dati Istat 2011 ha conteggiato oltre 35 mila case o appartamenti vuoti nell’area della Piana, di cui oltre 15 mila nei comuni della fascia tirrenica, S. Ferdinando, Gioia e Palmi; per una quota di vuoto totale regionale che supera le 450 mila abitazioni.
I presenti alla fine della riunione hanno formato il nucleo promotore del “Comitato per il riutilizzo delle case vuote della Piana di Gioia Tauro per i lavoratori, calabresi ed immigrati”. Il Comitato verrà costituito ufficialmente durante l’assemblea apposita prevista per il prossimo venerdì 1 febbraio, presso il Municipio di S. Ferdinando, nei locali prontamente offerti dal sindaco Tripodi. Alla stessa assemblea sarà assicurata la partecipazione di rappresentanti di Regione, Città Metropolitana, comuni con i sindaci e amministratori, e molti componenti di forze sindacali e sociali, movimenti e associazioni culturali e ambientaliste.

S. Ferdinando (RC), 11 gennaio 2019

Nucleo Promotore del “Comitato per il riutilizzo delle case vuote della Piana”

Letto 93 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Tendopoli San Ferdinando: importanti novità sul fronte della dislocazione

    Questa mattina in Prefettura nuova riunione tecnica per fare il punto della situazione sulla Tendopoli di San Ferdinando. Novità importanti arrivano sul fronte della possibile dislocazione, l'appello del Prefetto a continuare sulla strada di una sinergia congiunta per raggiungere l'obiettivo comune

  • Decreto sicurezza, il governatore calabrese Mario Oliverio: "Legge da stoppare"

    “Avevo già espresso in occasione del dibattito parlamentare circa l’approvazione del Decreto Sicurezza tutte le mie perplessità rispetto ad un provvedimento fortemente discriminatorio nei confronti di persone, immigrati regolari, che non potranno godere di diritti fondamentali Oggi, gli atti di disobbedienza annunciati e praticati da diversi sindaci italiani confermano le mie preoccupazioni ed hanno il mio pieno sostegno”. Lo afferma il presidente della Regione Mario Oliverio, che prosegue: “ Non a caso ho deciso di finanziare la Legge Regionale n°18 del 2009, inserendo in bilancio 1 milione di euro per concretizzare l’impegno a favore dei richiedenti asilo, dei rifugiati e per lo sviluppo sociale, economico e culturale delle comunità locali. Una legge che non era mai stata finanziata prima”.
    “Assieme ad altre Regioni del nostro Paese che in questi giorni stanno evidenziando le nostre stesse preoccupazioni ed annunciando iniziative presso la Corte Costituzionale- conclude Oliverio- promuoveremo tutte le azioni utili al fine di stoppare una legge che viola diversi trattati internazionali sui diritti umani e i principi fondanti la nostra Costituzione”. mdv

  • Incendio Tendopoli San Ferdinando, interviene l'assessore Robbe

    "Quanto è successo a Capodanno non può che suscitare sgomento, rabbia e indignazione, oltre che preoccupazione”. Lo ha dichiarato l'assessore regionale Angela Robbe in riferimento alla tragedia sfiorata nella tendopoli di San Ferdinando. “ E’ l’ennesimo incendio che scuote la sovraffollata baraccopoli di San Ferdinando- prosegue-. La Regione Calabria ringrazia il lavoro tempestivo dei Vigili del Fuoco che hanno scongiurato l'ennesima sciagura. Ciò, però, non rende meno grave e doloroso quanto accaduto, né ci sottrae ad alcune riflessioni che devono guidare l’agire dell’Amministrazione e, prima ancora, l’agire umano.

  • San Ferdinando, USB: l’ennesimo rogo nella tendopoli non deve giustificare nuovi campi e soluzioni emergenziali

    Una tragedia nella tendopoli di San Ferdinando, l’ennesima, avrebbe potuto inaugurare il 2019. Così fortunatamente non è stato, questa volta il fuoco non ha causato né altre vittime né feriti, grazie all’intervento immediato dei Vigili del Fuoco.
    È comunque la riprova che una vergogna come il ghetto di San Ferdinando deve al più presto essere superata, dando risposte strutturali alle richieste di casa e dignità di chi in quell’inferno ci vive.
    Un ghetto però non si cancella sostituendo le tende ai containers o fornendo qualche servizio in più al fine di dare l'effimera illusione di migliorare le condizioni di vita di chi ci vive dentro: è il concentramento di povertà a creare comunque spazi di esclusione, di apartheid, a fornire quel terreno fertile per dinamiche di devianza e degrado che proliferano in queste situazioni.

  • Nuovo incendio alla Tendopoli di San Ferdinando nella notte di San Silvestro

    Nuovo incendio alla tendopoli di San Ferdinando, a darne notizia la Flai Cgil che ribadisce ancora una volta come non sia stata trovata una soluzione idonea al problema in questi anni. Tredici secondo le prime notizie sarebbero le baracche andate distrutte nel rogo scoppiato nella prima serata di oggi. Immediato l’intervento dei Vigili del Fuoco.  (in aggiornamento)

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.