unci banner

:: Evidenza

Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica a Roccella Jonica

Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica a Roccella Jonica

Nella mattinata odierna, presieduta dal Prefetto Michele di Bari, si è tenuta, presso la Sala Consiliare del Comune di Roccella Jonica, una riunione straordinaria del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica con la...

Palmi al via il laboratorio di conservazione in sinergia con l’Università della Calabria e la Soprintendenza per i Beni Culturali

Palmi al via il laboratorio di conservazione in sinergia con l’Università della Calabria e la Soprintendenza per i Beni Culturali

È stato presentato ieri, presso la Biblioteca della Casa della Cultura di Palmi, il nuovo progetto per lo studio, la conservazione e il restauro dei calchi in gesso presenti all’interno della Gipsoteca “M. Guerrisi”, parte...

Viola: aspettando Costa d'Orlando, il punto di Allen Agbogan

Viola: aspettando Costa d'Orlando, il punto di Allen Agbogan

Alla vigilia della gara contro la Costa d'Orlando, Allen Agbogan ha presentato il prossimo impegno ai microfoni di Radio Touring 104. La guardia della Mood Project, ospite di "Tutti i Figli di Campanaro" vuole riscattare...

Falcomatà: “Passi in avanti contro ipotesi dissesto, il Governo sta rispettando gli impegni assunti con Reggio”

Falcomatà: “Passi in avanti contro ipotesi dissesto, il Governo sta rispettando gli impegni assunti con Reggio”

Il sindaco Giuseppe Falcomatà: “Passi in avanti contro ipotesi dissesto, il Governo sta rispettando gli impegni assunti con Reggio” “Possiamo registrare un sostanzioso passo in avanti da parte del Governo nella direzione della stabilità finanziaria...

Il Sidaco di Milano Giuseppe Sala in visita a Reggio Calabria

Il Sidaco di Milano Giuseppe Sala in visita a Reggio Calabria

Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, a Reggio per una visita alla Hitachi Rail Italy, è stato ricevuto a Palazzo Alvaro dal Vicesindaco Metropolitano Riccardo Mauro. Di seguito il discorso integrale del Vicesindaco Mauro: “È...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Nasce il comitato per il riutilizzo delle case vuote nella piana di Gioia Tauro per i lavoratori calabresi e immigrati

Nasce il comitato per il riutilizzo delle case vuote nella piana di Gioia Tauro per i lavoratori calabresi e immigrati

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 11 Gennaio 2019 20:05

L’ odierna visita di Padre Alex Zanotelli alla baraccopoli di S. Ferdinando, domicilio precario fino alla disumanità, di centinaia di migranti, lavoratori agricoli della Piana di Gioia Tauro, con la presenza di Mimmo Lucano, sindaco sospeso pro-tempore di Riace, di rappresentanti del sindacato USB, di SOS Rosarno e di altre organizzazioni impegnate sui temi dell’accoglienza ed integrazione degli immigrati e dei diritti dei lavoratori per lo sviluppo sostenibile della Piana di Gioia Tauro, è diventata occasione per un deciso avanzamento del programma di riutilizzo delle decine di migliaia di case vuote della Piana di Gioia Tauro, per assicurare una residenza civile a tutti i lavoratori e cittadini della zona, sia immigrati che calabresi.

La visita al campo ha significato l’ennesimo momento di indignazione e rabbia, da parte di Alex Zanotelli e degli altri convenuti, alla vista delle tremende, inaccettabili condizioni in cui sono costretti ad abitare centinaia di lavoratori immigrati, con problemi igenico-sanitari, ambientali, sociali ed individuali enormi, e standard abitativi lontanissimi da qualsiasi soglia minima di accettabilità.
Dopo la visita, in un’improvvisata assemblea nel campo, cui oltre a Zanotelli, Lucano e gli altri rappresentanti di associazioni e forze locali, hanno partecipato gruppi di migranti domiciliati nella baraccopoli, si è ribadito che è urgente trovare soluzioni abitative sicure e civili, per chiudere definitivamente la stessa baraccopoli e le altre forme di ghetto in cui sono stati costretti in questi anni i lavoratori immigrati, sia nella Piana che altrove. A questo proposito il presidente della Regione Oliverio, collegato telefonicamente dalla sua residenza, ha ricordato che la Regione Calabria è contraria alla realizzazione di ulteriori forme collettive di abitazioni precarie – macro contenitori fatti da tende o container – ed è pronta ad indirizzare le necessarie risorse su progetti di riutilizzo delle case vuote della zona, in perfetta concordanza con le proposte dei presenti all’assemblea.
Ancora, è stato ricordato quanto contenuto nella ricerca della Società dei Territorialisti con il LAPEI dell’Università di Firenze, diffusa in Calabria dall’Osservatorio sul Disagio Abitativo, e dai dati Istat 2011 ha conteggiato oltre 35 mila case o appartamenti vuoti nell’area della Piana, di cui oltre 15 mila nei comuni della fascia tirrenica, S. Ferdinando, Gioia e Palmi; per una quota di vuoto totale regionale che supera le 450 mila abitazioni.
I presenti alla fine della riunione hanno formato il nucleo promotore del “Comitato per il riutilizzo delle case vuote della Piana di Gioia Tauro per i lavoratori, calabresi ed immigrati”. Il Comitato verrà costituito ufficialmente durante l’assemblea apposita prevista per il prossimo venerdì 1 febbraio, presso il Municipio di S. Ferdinando, nei locali prontamente offerti dal sindaco Tripodi. Alla stessa assemblea sarà assicurata la partecipazione di rappresentanti di Regione, Città Metropolitana, comuni con i sindaci e amministratori, e molti componenti di forze sindacali e sociali, movimenti e associazioni culturali e ambientaliste.

S. Ferdinando (RC), 11 gennaio 2019

Nucleo Promotore del “Comitato per il riutilizzo delle case vuote della Piana”

Letto 176 volte

Articoli correlati (da tag)

  • In Prefettura nuovo incontro con i Sindaci dopo lo sgombero della baraccopoli di San Ferdinando

    In Prefettura questa mattina l'esame della situazione della Piana di Gioia Tauro dopo lo sgombero della Baraccopoli di San Ferdinando. Presenti oltre ai rappresentanti delle Forze dell'Ordine e dei Vigili del Fuoco, i Sindaci di Candidoni, Cittanova, Polistena, Rizziconi, Rosarno, San Ferdinando e Taurianova. Insieme all'assessore ai Servizi sociali del Comune di Palmi, il Vice Sindaco del comune di Melicucco, il Consigliere delegato per la Città Metropolitana e le Commissioni Straordinarie di Gioia Tauro e Laureana di Borrello. Al centro dei lavori la verifica della disponibilità effettiva a sistemare in ciascun comune, due dei 30 moduli abitativi, da 8 posti ciascuno, messi a disposizione nella passata riunione per l'accoglienza dei migranti

  • Il Circolo ReggioSud pianta una mimosa nella Tendopoli per l'8 marzo

    Operazione inversa per il Circolo Reggio Sud (Liberi Uguali- Art.1) di Reggio Calabria: nella ricorrenza dell’otto Marzo, anziché staccare ramoscelli dagli alberi di mimose per omaggiare le donne, una delegazione di iscritti decide di piantare un albero di mimosa in un luogo simbolico-la tendopoli di San Ferdinando.
    Ieri 8 Marzo, il giorno dopo lo sgombero della baraccopoli, S. Ferdinando vuole voltare pagina, affinché non debba più ripetersi il degrado e la disperazione vissuta tra quelle macerie che, a guardarle adesso non si riesce neanche lontanamente ad immaginare possano essere state per anni la “casa” di uomini, donne e bambini.

  • In Prefettura il consuntivo delle operazioni di sgombero della baraccopoli di San Ferdinando

    In Prefettura il bilancio delle operazioni di sgombero della baraccopoli di San Ferdinando e la successiva demolizione. Per i migranti che lo hanno voluto, spiega il prefetto Michele Di Bari, sono state trovate sistemazioni diverse mentre si lavora sul territorio per il futuro

  • San Ferdinando, i primi dati dopo le operazioni di sgombero di oggi

    San Ferdinando, 73 richiedenti asilo sono stati trasferiti nei Cas e nel Siproimi (ex Sprar). 274 persone sono state sistemate nella nuova tendopoli attrezzata per ospitare coloro che risiedevano nella baraccopoli dove questa mattina sono iniziate le operazioni di svuotamento e di bonifica dell’area. Nella tendopoli sono disponibili ancora 176 posti. Le operazioni di sgombero stanno proseguendo. Intanto nella baraccopoli rimarranno ancora per questa notte circa 200 persone.

  • Iniziate le operazioni di sgombero della baraccopoli di San Ferdinando

    Sono iniziate questa mattina, come annunciato, le operazioni di sgombero della baraccopoli di San Ferdinando. Seicento circa gli uomini impegnati tra forze dell’ordine, personale sanitario e vigili del fuoco. Impegnati anche quattro mezzi del genio militare insieme alla Protezione Civile e la Caritas Diciotto i pullman per trasferire nelle strutture di accoglienza i quasi 900 braccianti rimasti. 

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.