unci banner

:: NEWS

Il Sindaco Falcomatà e il Vicesindaco Neri fanno il punto sulla situazione rifiuti

Il Sindaco Falcomatà e il Vicesindaco Neri fanno il punto sulla situazione rifiuti

“Vogliamo fare il punto sulla situazione rifiuti”. Parte da qui il videomessaggio settimanale del sindaco della Città di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà accompagnato, per l’occasione, dal vicesindaco con delega all'Ambiente...

Libro sullo scioglimento degli Enti Locali per mafia, presentato presso la biblioteca Gaudio Incorpora di Locri

Libro sullo scioglimento degli Enti Locali per mafia, presentato presso la biblioteca Gaudio Incorpora di Locri

Una legge da riformare o da mantenere, ma con una applicazione più efficace e responsabile; una normativa da eliminare, rafforzando altri strumenti già esistenti: divide sempre il tema dello scioglimento...

Manutenzione ordinaria verde pubblico, questa sconosciuta che appare solo nei render

Manutenzione ordinaria verde pubblico, questa sconosciuta che appare solo nei render

A guardare le palme sul Ponte della Libertà ormai prossime all’aldilà per carenza d’acqua fanno sorridere i render dei nuovi progetti per piazze e parcheggi con tanto di prato all’inglese...

Basket, il titolo Under 16 di Calabria è tutto per l'Abacos Rende

Basket, il titolo Under 16 di Calabria è tutto per l'Abacos Rende

Il titolo regionale Under 16 di Calabria è tutto per la Caffè Aiello Abacos Accademia del Basket Rende. Il capolavoro del Professore Lorenzi si ripete: il maestro del basket silano,...

Siderno, Vigili del Fuoco intervenuti per un incendio in una struttura per la lavorazione del miele

Siderno, Vigili del Fuoco intervenuti per un incendio in una struttura per la lavorazione del miele

Intensa giornata quella di ieri per i vigili del fuoco della sede distaccata di Siderno, impegnati dalle 17 circa e per parecchie ore per lo spegnimento di un incendio, sviluppatosi...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Negato il cambio alloggio, affetto da gravissime patologie da settimane è bloccato in casa

Negato il cambio alloggio, affetto da gravissime patologie da settimane è bloccato in casa

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 11 Giugno 2019 14:27

Il signor Sgrò ha 55 anni ed è affetto da una gravissima obesità e altre patologie correlate, tra le quali gravi problemi motori e respiratori. Ha bisogno di frequenti controlli medici e ricoveri ospedalieri ma proprio la struttura dell'alloggio popolare, assegnatogli dal Comune, non gli consente di uscire liberamente da casa. L'alloggio popolare si trova infatti al terzo piano e il signor Sgró non può utilizzare l'ascensore in quanto non adeguato alle sue condizioni fisiche. Nell'ultimo periodo, il signor Sgrò ha potuto effettuare con difficoltà e sempre più raramente le visite necessarie. La moglie ha fatto il possibile, chiedendo la collaborazione di persone disponibili a trasportare il marito di peso, lungo le scale, fino a piano terra.

Altre volte è stato, perfino, necessario richiedere l'intervento dei Vigili del Fuoco.

Il signor Sgrò ha quindi saltato molte visite mediche e da settimane non riesce a sollevarsi dal letto, respirando con difficoltà e con l'aiuto del respiratore.

La moglie lo assiste quotidianamente ma le barriere poste dall'alloggio in cui vivono ostacolano le cure necessarie.

Negli anni la famiglia ha richiesto al Comune il cambio alloggio. Le condizioni del signor Sgrò richiederebbero infatti un'abitazione a piano terra, con sanitari adeguati ai soggetti con disabilità.

Fino ad oggi il Comune non ha provveduto al cambio richiesto.

Il caso di questa famiglia non è un caso isolato. Sono numerose le richieste di cambio alloggio inevase nella città. È una delle problematiche correlate alla cattiva gestione degli alloggi popolari che non trova soluzioni efficaci, negando il diritto ad un alloggio adeguato a molte famiglie assegnatarie.

Dal 1996 il comune di Reggio Calabria e l'Aterp non applicano le disposizione di legge per i cambi alloggio.

Il cambio dell' alloggio per disagi abitativi, per condizioni strutturali inadeguate alla salute degli assegnatari, per sovraffollamento e per sottoutilizzazione (Titolo V, articoli 42, 43, 44 e 45 legge regionale nr 32/ 1996) è un'azione fondamentale della gestione degli alloggi popolari. Attraverso questa azione viene garantito nel tempo il diritto fondamentale ad una casa adeguata.

Il Comune e l'Aterp, secondo quanto previsto dalla legge regionale, avrebbero dovuto dal 1996 approvare ogni tre anni il programma di mobilità degli assegnatari e provvedere alla sua attuazione, fissandone tempi e criteri. In pratica, negli ultimi 22 anni, i due enti avrebbero dovuto, secondo la legge regionale, fissare la percentuale di riserva di alloggi da destinare ai cambi (aliquota massima del 25%), predisporre e ricevere le istanze degli assegnatari, costituire una Commissione con il compito di valutare le domande, redigere apposita graduatoria, considerando le priorità fissate dalla normativa, e quindi procedere ad effettuare i cambi degli alloggi con scorrimento della graduatoria.

Ma niente di tutto questo è stato fatto.

Considerata la situazione della famiglia Sgrò, l'Osservatorio sul disagio abitativo ritiene opportuno che il Sindaco provveda, in emergenza, a garantire il cambio alloggio a questa famiglia e ad ogni altra che si trovasse nelle stesse condizioni.

Il Comune e l'Aterp dovrebbero, inoltre, applicare la normativaa regionale in tempi brevi, per garantire in modo strutturale tutti i cambi alloggio necessari.

Reggio Calabria, 11 giugno 2019

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi –Cristina Delfino – Marino Giacomo

CSOA Angelina Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Letto 58 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Ex Polveriera, progetto equa dislocazione fermo da settembre e c'è una situazione di emergenza sanitaria

    Il  progetto di superamento della baraccopoli dell'Ex Polveriera avviato nel mese di aprile 2018 con il titolo "Dall'emergenza abitativa alla legalità percepibile",  è fermo dal mese di  settembre 2018. Diciassette famiglie sono state dislocate ma ad oggi ancora quindici famiglie sono presenti nella baraccopoli, in condizioni di emergenza sanitaria. Il gruppo di lavoro comunale impegnato nel progetto ha ottenuto dei buoni risultati ma ha deciso di fermarsi a metà dell'opera. Da ottobre 2018 è stata delegata la continuazione del progetto al nuovo dirigente comunale del settore ERP, D. Piccione. Purtroppo non è stato garantito al Dirigente il sostegno necessrio, pur sapendo che avrebbe dovuto affrontare i complessi problemi del settore alloggi popolari. Difatti non si è data continuità all'azione attuata lo scorso anno.

  • Petizione popolare 11 milioni per nuovi alloggi popolari da assegnare, Osservatorio Disagio Abirativo: Giunta e Consiglio non decidono

    Ancora nessuna decisione in merito alla petizione popolare per il ripristino del finanziamento di 11 milioni di euro del Decreto Reggio per l'acquisto e l'assegnazione di nuovi alloggi popolari. Lo scorso 18 febbraio, 534 cittadine/i hanno chiesto di rivedere la decisione del Consiglio Comunale con la quale nel 2016 venne rimodulato a favore di altre voci il cospicuo finanziamento. Ma dopo 110 giorni la Giunta ed il Consiglio non si sono ancora espressi. Lo scorso 22 maggio, il dirigente del settore Grandi Opere, programmazione e "Decreto Reggio", Antonino Cristiano, con una lettera trasmessa al Sindaco ed al Presidente del Consiglio comunale, ha espresso parere tecnico favorevole alla Petizione. La necessaria rimodulazione dei fondi stanziati con il "Decreto Reggio" per ripristinare il capitolo di spesa di 11 milioni per l'acquisizione di nuovi alloggi popolari è quindi possibile.

  • Alloggi popolari, la protesta dell'Osservatorio Disagio Abitativo arriva in Consiglio comunale

    Il Comune di Reggio Calabria, nonostante qualche iniziativa realizzata, continua a non garantire il diritto all'alloggio alle famiglie a reddito basso e senza una casa. Il settore degli alloggi popolari presenta gravissime carenze gestionali che dipendono dall'azione politica dell'Amministrazione. - L'Osservatorio sul disagio abitativo con un' importante partecipazione di famiglie ha denunciato, ancora una volta, nell'aula del Consiglio Comunale le diverse problematiche del settore ERP. Questa volta l'ha fatto mostrando ai consiglieri presenti otto cartelloni. Gli 11 milioni stornati.

  • Universalia ospita la nuova assemblea pubblica dell'Osservatorio Disagio Abitativo

    Presso la libreria Universalia si è tenuta un'assemblea pubblica, promossa dalle associazioni riunite nell'Osservatorio sul disagio abitativo, per tornare ad evidenziare il grave problema degli alloggi popolari e dell'emergenza abitativa nella nostra città.
    Molti i problemi che sono stati analizzati, tra cui, uno scarso interesse delle varie amministrazioni comunali, tra cui quella attuale, che in quattro anni e mezzo, ha assegnato soltanto otto alloggi alle famiglie vincitrici del bando 2005.
    Ma anche della mancata risposta alla petizione presentata al Comune il 18 febbraio 2019 dall'Osservatorio sul disagio abitativo proprio per il ripristino del finanziamento 11 milioni di euro per l'acquisto di nuovi alloggi.

  • Alloggi popolari, il 17 maggio assemblea dell'Osservatorio Disagio Abitativo

    Limiti e proposte sulla politica degli alloggi popolari nel Comune di Reggio Calabria. Sarà questo l'argomento dell'assemblea organizzata per il prossimo venerdì, 17 maggio, a partire dalle ore 17, presso la libreria Universalia via Treviso alta nr 41. Promotori dell'iniziativa sono le associazioni riunite nell'Osservatorio sul disagio abitativo, con l'obiettivo di dibattere con la cittadinanza e le istituzioni sullo stato delle politiche abitative. Sarà anche occasione per avanzare proposte che avranno come protagonisti cittadini, associazioni e movimenti.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.