unci banner

:: NEWS

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate

Mostra e Concerto per un sabato da protagonista. L’Aspromonte indossa l’abito elegante e si prepara ad un doppio appuntamento per il 17 agosto con la città di Reggio Calabria, dove...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova...

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

"La felicità che ci viene donata ogni giorno non sempre ha radici nel nostro presente ma va ricercata nel nostro passato, rivolgendoci ed essa per proiettarla nel nostro futuro". Il...

San Roberto, donna ai domiciliari per danneggiamento seguito da incendio

San Roberto, donna ai domiciliari per danneggiamento seguito da incendio

Lunedì pomeriggio, i carabinieri della Stazione di San Roberto hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Reggio Calabria su richiesta...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Negato il cambio alloggio, affetto da gravissime patologie da settimane è bloccato in casa

Negato il cambio alloggio, affetto da gravissime patologie da settimane è bloccato in casa

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 11 Giugno 2019 14:27

Il signor Sgrò ha 55 anni ed è affetto da una gravissima obesità e altre patologie correlate, tra le quali gravi problemi motori e respiratori. Ha bisogno di frequenti controlli medici e ricoveri ospedalieri ma proprio la struttura dell'alloggio popolare, assegnatogli dal Comune, non gli consente di uscire liberamente da casa. L'alloggio popolare si trova infatti al terzo piano e il signor Sgró non può utilizzare l'ascensore in quanto non adeguato alle sue condizioni fisiche. Nell'ultimo periodo, il signor Sgrò ha potuto effettuare con difficoltà e sempre più raramente le visite necessarie. La moglie ha fatto il possibile, chiedendo la collaborazione di persone disponibili a trasportare il marito di peso, lungo le scale, fino a piano terra.

Altre volte è stato, perfino, necessario richiedere l'intervento dei Vigili del Fuoco.

Il signor Sgrò ha quindi saltato molte visite mediche e da settimane non riesce a sollevarsi dal letto, respirando con difficoltà e con l'aiuto del respiratore.

La moglie lo assiste quotidianamente ma le barriere poste dall'alloggio in cui vivono ostacolano le cure necessarie.

Negli anni la famiglia ha richiesto al Comune il cambio alloggio. Le condizioni del signor Sgrò richiederebbero infatti un'abitazione a piano terra, con sanitari adeguati ai soggetti con disabilità.

Fino ad oggi il Comune non ha provveduto al cambio richiesto.

Il caso di questa famiglia non è un caso isolato. Sono numerose le richieste di cambio alloggio inevase nella città. È una delle problematiche correlate alla cattiva gestione degli alloggi popolari che non trova soluzioni efficaci, negando il diritto ad un alloggio adeguato a molte famiglie assegnatarie.

Dal 1996 il comune di Reggio Calabria e l'Aterp non applicano le disposizione di legge per i cambi alloggio.

Il cambio dell' alloggio per disagi abitativi, per condizioni strutturali inadeguate alla salute degli assegnatari, per sovraffollamento e per sottoutilizzazione (Titolo V, articoli 42, 43, 44 e 45 legge regionale nr 32/ 1996) è un'azione fondamentale della gestione degli alloggi popolari. Attraverso questa azione viene garantito nel tempo il diritto fondamentale ad una casa adeguata.

Il Comune e l'Aterp, secondo quanto previsto dalla legge regionale, avrebbero dovuto dal 1996 approvare ogni tre anni il programma di mobilità degli assegnatari e provvedere alla sua attuazione, fissandone tempi e criteri. In pratica, negli ultimi 22 anni, i due enti avrebbero dovuto, secondo la legge regionale, fissare la percentuale di riserva di alloggi da destinare ai cambi (aliquota massima del 25%), predisporre e ricevere le istanze degli assegnatari, costituire una Commissione con il compito di valutare le domande, redigere apposita graduatoria, considerando le priorità fissate dalla normativa, e quindi procedere ad effettuare i cambi degli alloggi con scorrimento della graduatoria.

Ma niente di tutto questo è stato fatto.

Considerata la situazione della famiglia Sgrò, l'Osservatorio sul disagio abitativo ritiene opportuno che il Sindaco provveda, in emergenza, a garantire il cambio alloggio a questa famiglia e ad ogni altra che si trovasse nelle stesse condizioni.

Il Comune e l'Aterp dovrebbero, inoltre, applicare la normativaa regionale in tempi brevi, per garantire in modo strutturale tutti i cambi alloggio necessari.

Reggio Calabria, 11 giugno 2019

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi –Cristina Delfino – Marino Giacomo

CSOA Angelina Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Letto 129 volte

Articoli correlati (da tag)

  • L'Osservatorio sul disagio abitativo incontra il delegato Sera. Qualche impegno, ma si attendono i fatti

    Qualche notizia sul fronte alloggi popolari trapela in seguito all'incontro tra l'Osservatorio sul disagio abitativo, insieme alle persone interessate al tema, e il consigliere delegato all'edilizia residenziale pubblica, G. Sera, alla presenza del dirigente del settore, D. Piccione, ed il RUP del progetto Ex Polveriera, G. Melchini. Martedì scorso, l'Osservatorio ha presentato ai rappresentanti del Comune le rivendicazioni sulla politica della casa proposte da anni, chiedendo risposte operative in tempi certi. Le risposte hanno riguardato le 23 pratiche di decadenza, risultato ottenuto dopo due anni e mezzo dalla delibra di Consiglio Comunale del 10 febbraio 2017. Quattro sarebbero state notificate agli interessati. Le altre sarebbero ancora da firmare o sottoposte al parere della Commissione alloggi.

  • Osservatorio Disagio Abitativo: ghetti alloggi popolari, ancora soluzioni inefficaci mentre gli interventi da attuare sarebbero altri

    La questione "ghetti urbani" di alloggi popolari è stata oggetto del seminario di Federcasa a Reggio Calabria, nei giorni scorsi. Nella città di Reggio Calabria, il quartiere di Arghillà nord e di Archi cep sono esempi concreti del problema da affrontare. Nel resto del territorio regionale, ci sono altri quartieri ghetto del settore erp. La Ciambra di Gioia Tauro e quelli della periferia di Catanzaro e Cosenza sono gli esempi più noti. Durante il seminario si è messo ancora una volta in evidenza come questi ghetti nella città di Reggio siano diventati “enclave della ndrangheta”. Un dato che si accompagna ad analisi e soluzioni ormai note quanto inefficaci.

  • Alloggi popolari: nuovo sit-in nell'androne di Palazzo San Giorgio. Fissato l'incontro con il nuovo delegato Peppe Sera

    La questione degli alloggi popolari resta di attualità in attesa di risolvere le tante criticità esistenti. Questa mattina quanti aspettano una casa insieme alle associazioni riunite nella sigla Osservatorio Disagio Abitativo hanno animato un nuovo sit-in nell’androne di Palazzo San Giorgio. Nella giornata di martedì della prossima settimana, ci sarà un incontro con il nuovo delegato del Comune, Peppe Sera.

  • L'Osservatorio Disagio Abitativo chiede il cambio alloggio urgente per un cittadino residente ad Arghillà

    Armando ha 53 anni, è affetto da una grave patologia per la quale dovrebbe abitare in un ambiente igienicamente sano. L'alloggio popolare Aterp che gli è stato assegnato qualche anno fa ad Arghillà nord non garantisce condizioni igienico sanitarie idonee . Questa condizione abitativa mette in serio periocolo la vita del signor Armando e per questo lui e la sua compagna Rodica, secondo la normativa vigente, avrebbero diritto al cambio dell'alloggio. Ma le richieste di cambio alloggio presentate non hanno avuto da parte del Comune e dell'Aterp risposta positiva. Armando affetto da una gravissima patologia continua ad abitare in un alloggio popolare al quarto piano di un edificio, senza ascensore ed in condizioni antigieniche.

  • Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

    Positiva in parte la decisione espressa dai consiglieri di maggioranza sul ripristino di 11 milioni di euro del "Decreto Reggio", per l'acquisto di alloggi popolari. Ma non basta. Alle intenzioni dovrebbe seguire una delibera di Giunta, in risposta alla petizione popolare, firmata da 534 cittadine e cittadini. Dopo 121 giorni infatti nessuna decisione ufficiale è arrivata. Il regolamento comunale sugli istituti di partecipazione (comma 8 articolo 19 del regolamento comunale sugli istituti di partecipazione) prevede che la risposta ufficiale alla petizione popolare venga prodotta con delibera di Giunta e/o di Consiglio entro 90 giorni dalla sua presentazione.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.