:: Evidenza

Primo successo in trasferta per la Viola. Battipaglia battuta 61-81

Primo successo in trasferta per la Viola. Battipaglia battuta 61-81

Primo successo esterno per la Viola Reggio Calabria che s’impone al “PalaZauli” di Battipaglia per 61-81. Successo importante e meritato quello dei neroarancio che, dopo un primo quarto equlibrato, hanno dominato per lunghi tratti la...

Sunday Sport: il minibasket porta tanti canestri in Piazza Duomo

Sunday Sport: il minibasket porta tanti canestri in Piazza Duomo

Nell'ambito del Progetto Sunday Sport, organizzato dal CONI, il Comitato Fip Calabria è sceso in campo regalando ai propri mini-atleti una mattina di attività motoria e passione.Il settore Minibasket della Fip Calabria ha accettato l’invito...

I VVF salvano una mucca finita in un dirupo a Vinco

I VVF salvano una mucca finita in un dirupo a Vinco

I Vigili del Fuoco di Reggio Calabria sono intervenuti questa mattina per salvare un bovino precipitato in un burrone nella frazione di Vinco. Necessario anche l'intervento dell'elicottero insieme agli specialisti del Nucleo SAF

Reggio Calabria. Raccoglieva fichi d'India a bordo binari: uomo urtato da un treno

Reggio Calabria. Raccoglieva fichi d'India a bordo binari: uomo urtato da un treno

Reggio Calabria. Tra le stazioni di Gallico e Villa San Giovanni un uomo, intento a raccogliere fichi d'India ai bordi della linea ferroviaria, è stato urtato e fatto sbalzare dal treno Intercity Reggio Calabria -...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Non Una Di Meno domani in piazza: #save194

Non Una Di Meno domani in piazza: #save194

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 21 Maggio 2018 18:49

Il 22 maggio a quarant’anni dall’approvazione della legge 194 che legalizza l’interruzione volontaria di gravidanza, Non Una Di Meno torna nelle piazze di tutta Italia forte della solidarietà dei movimenti femministi che in tutto il mondo,dall’Argentina all’Irlanda, dalla Polonia agli Stati Uniti, hanno rimesso al centro del dibattito pubblico la giustizia riproduttiva e la libertà di scegliere. Il movimento rivendica la libertà e i diritti conquistati in decenni di lotte collettive, per dire che la sessualità delle donne non è finalizzata alla procreazione, che la maternità non è un obbligo ma una scelta.

Nella nostra città dalle ore 17,30 in poi presso la scalinata del Teatro F.Cilea saremo presenti con “il Consultorio in Piazza” per parlare di 194, metodi contraccettivi e contraccezione d’emergenza, malattie sessualmente trasmissibili,RU486
Non Una Di Meno denuncia la responsabilità di Stato e Regioni nella continua violazione del diritto alla salute riproduttiva: anche questa è violenza di genere. Il numero di medici obiettori ha raggiunto una media del 70%, con punte del 90% in alcune regioni. Solo 390 su 654 strutture dotate di reparti di ostetricia e ginecologia effettuano interruzioni di gravidanza, con il risultato che l’interruzione volontaria di gravidanza è sempre più un percorso a ostacoli. L’aborto farmacologico è somministrato da pochi ospedali e in modo limitato, mentre la stessa legge 194 prevede l’uso delle tecniche più aggiornate a tutela della nostra salute. Inoltre, riguardo gravidanza e parto, oltre il 20% delle donne racconta di aver subito umiliazioni e pratiche violente durante il parto, mentre l’accesso gratuito agli esami diagnostici durante la gravidanza è compromesso dalla carenza di strutture pubbliche, con conseguenze gravi sulla salute e sul benessere delle donne, soprattutto quelle più povere e precarie. Nel difendere la nostra libertà di scegliere partiamo dalla forza di un movimento globale che pretende e reclama una trasformazione dell’intera società. Siamo con le donne argentine che hanno imposto al parlamento di discutere la legalizzazione dell’aborto, con le irlandesi che a fine maggio voteranno in un referendum per decriminalizzare la procedura per l’aborto, con le polacche che per prime hanno scioperato per bloccare i tentativi del parlamento di proibirlo.
Vogliamo: La contraccezione gratuita - gli obiettori fuori dalle strutture sanitarie pubbliche e dalle farmacie - l’accesso gratuito all’assistenza sanitaria per l’IVG, la gravidanza e il parto indipendentemente dalla cittadinanza e dai documenti - la RU486 a 63 giorni e senza ospedalizzazione somministrata anche nei consultori pubblici - welfare per l’autodeterminazione, la sanità pubblica, laica e a nostra misura, i consultori aperti alle donne di qualunque età, alle persone gay, lesbiche, trans e alle migranti - l’educazione sessuale nelle scuole - l’eliminazione delle sanzioni amministrative per le donne che ricorrono all’aborto fuori dalle strutture sanitarie pubbliche.
#NUDM – #SAVE194

Rc 21 maggio 2018

Letto 195 volte

Articoli correlati (da tag)

  • NUDM RC presenta: “Viaggio nel paese degli stereotipi. Lettera ad una Venusiana della sociologa Graziella Priulla”

    Il nuovo libro della sociologa, saggista e docente universitaria Graziella Priulla, pubblicato da Villaggio Maori Edizioni è un saggio in cui, servendosi anche di un linguaggio ironico, l’autrice affronta la questione degli stereotipi immaginando cosa potrebbe accadere se un extraterrestre, abitante del pianete Venere, arrivasse in Italia e scoprisse che nelle questioni di genere il nostro Paese non è poi così evoluto, meglio allora spiegarglielo prima. Ed ecco l’idea della lettera ch’è una sorta di guida “turistica” ai luoghi comuni sessisti nei quali la venusiana inevitabilmente si imbatterà.

  • NonUnaDiMeno: consultorio in piazza quarant'anni dopo la 194

    In Italia la battaglia per la legalizzazione dell’aborto, ottenuta dalle lotte femministe con la legge 194/1978, ha affermato una diversa cultura della sessualità e della maternità. Oggi si torna a discutere di questa legge perché, a 40 anni dalla sua entrata in vigore, i limiti che porta con sé, frutto dei compromessi di allora, hanno reso, sempre più complessa la sua applicazione. La legge 194 infatti non parla solo del diritto di una donna, di poter scegliere se effettuare o no un'interruzione di gravidanza, senza rischi, prima dell'entrata in vigore della legge, gli aborti erano tutti illegali ed effettuati in strutture fatiscenti, e da personale non conforme, ma anche dei metodi contraccettivi e come utilizzarli, oltre ad una dovuta educazione sessuale.

  • In Piazza Italia lo Sciopero Globale delle Donne

    Anche Reggio Calabria incrocia le braccia per Sciopero Globale Delle Donne, al motto di wetoogether, un appuntamento ormai consueto quello dello sciopero dell'8 marzo, a cui partecipano più di 70 paesi.
    La manifestazione a Reggio si è aperta con il concerto dei Tamburi di Luca Scorziello, insieme ad una jam session con Domenico Canale e la sua armonica,  per proseguire poi con gli interventi e le letture di varie artiste reggine tra cui: Katia Colica; Teresa Timpano ed Eleonora Uccellini, per poi passare all'illustrazione del piano, punto per punto da Antonella Tassitano.

  • Nudm Rc: #MeToo abbiamo detto in tante, #WeToogether sarà la risposta dello sciopero femminista
    Anche Non Una Di Meno Reggio Calabria risponde all'appello nazionale ed internazionale per lo sciopero globale delle donne dell'8 marzo. Saranno ben 70 i Paesi nel mondo in cui contemporaneamente le donne scenderanno nelle piazze a manifestare contro la violenza di genere e dai generi.
    L’appuntamento per Reggio Calabria è in p.zza Italia dalle ore 17 in poi con una manifestazione pubblica che articolerà momenti di testimonianza a momenti di reading e performance di artiste ed artiste che vi hanno aderito, in forma assolutamente gratuita, sposando la progettualità di un Piano Antiviolenza Femminista scritto a più mani, in assemblee locali e nazionali, in un anno di lavoro.
  • 8 marzo, sciopero globale delle donne: #wetoogether
    Saranno più di 70 i Paesi nel mondo in cui le donne, in contemporanea, incroceranno le braccia astenendosi da qualsiasi attività produttiva e riproduttiva, formale o informale, retribuita o no. In Italia è il movimento nazionale Non Una Di Meno che risponde all'appello internazionale per lo sciopero globale delle donne dell'8 marzo, proclamato a livello nazionale, dalle organizzazioni sindacali di base nel pubblico così come nel privato..
    In tutte le città d'Italia ci saranno azioni, picchetti, piazze tematiche, presidi durante la mattina e nel pomeriggio.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.