unci banner

:: NEWS

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Sono 3332 le tessere sottoscritte dall’inizio della campagna abbonamenti 2019/20 “Questa vita la dedico a te”. ieri 21 agosto sottoscritti 50 abbonamenti. Terminata prelazione, non sarà più possibile usufruire dello...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Marco Bocci alla SRC, accordi in corso per un’importante collaborazione

Inizia tutto sul Set di “Calibro 9”, il nuovo film prodotto dalla Minerva Pictures per la regia di Toni D’Angelo, dove l’attore calabrese, Direttore della Scuola di Recitazione della Calabria,...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Non Una Di Meno domani in piazza: #save194

Non Una Di Meno domani in piazza: #save194

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 21 Maggio 2018 18:49

Il 22 maggio a quarant’anni dall’approvazione della legge 194 che legalizza l’interruzione volontaria di gravidanza, Non Una Di Meno torna nelle piazze di tutta Italia forte della solidarietà dei movimenti femministi che in tutto il mondo,dall’Argentina all’Irlanda, dalla Polonia agli Stati Uniti, hanno rimesso al centro del dibattito pubblico la giustizia riproduttiva e la libertà di scegliere. Il movimento rivendica la libertà e i diritti conquistati in decenni di lotte collettive, per dire che la sessualità delle donne non è finalizzata alla procreazione, che la maternità non è un obbligo ma una scelta.

Nella nostra città dalle ore 17,30 in poi presso la scalinata del Teatro F.Cilea saremo presenti con “il Consultorio in Piazza” per parlare di 194, metodi contraccettivi e contraccezione d’emergenza, malattie sessualmente trasmissibili,RU486
Non Una Di Meno denuncia la responsabilità di Stato e Regioni nella continua violazione del diritto alla salute riproduttiva: anche questa è violenza di genere. Il numero di medici obiettori ha raggiunto una media del 70%, con punte del 90% in alcune regioni. Solo 390 su 654 strutture dotate di reparti di ostetricia e ginecologia effettuano interruzioni di gravidanza, con il risultato che l’interruzione volontaria di gravidanza è sempre più un percorso a ostacoli. L’aborto farmacologico è somministrato da pochi ospedali e in modo limitato, mentre la stessa legge 194 prevede l’uso delle tecniche più aggiornate a tutela della nostra salute. Inoltre, riguardo gravidanza e parto, oltre il 20% delle donne racconta di aver subito umiliazioni e pratiche violente durante il parto, mentre l’accesso gratuito agli esami diagnostici durante la gravidanza è compromesso dalla carenza di strutture pubbliche, con conseguenze gravi sulla salute e sul benessere delle donne, soprattutto quelle più povere e precarie. Nel difendere la nostra libertà di scegliere partiamo dalla forza di un movimento globale che pretende e reclama una trasformazione dell’intera società. Siamo con le donne argentine che hanno imposto al parlamento di discutere la legalizzazione dell’aborto, con le irlandesi che a fine maggio voteranno in un referendum per decriminalizzare la procedura per l’aborto, con le polacche che per prime hanno scioperato per bloccare i tentativi del parlamento di proibirlo.
Vogliamo: La contraccezione gratuita - gli obiettori fuori dalle strutture sanitarie pubbliche e dalle farmacie - l’accesso gratuito all’assistenza sanitaria per l’IVG, la gravidanza e il parto indipendentemente dalla cittadinanza e dai documenti - la RU486 a 63 giorni e senza ospedalizzazione somministrata anche nei consultori pubblici - welfare per l’autodeterminazione, la sanità pubblica, laica e a nostra misura, i consultori aperti alle donne di qualunque età, alle persone gay, lesbiche, trans e alle migranti - l’educazione sessuale nelle scuole - l’eliminazione delle sanzioni amministrative per le donne che ricorrono all’aborto fuori dalle strutture sanitarie pubbliche.
#NUDM – #SAVE194

Rc 21 maggio 2018

Letto 436 volte

Articoli correlati (da tag)

  • NUDM RC: Ancora una volta la violenza ha le “chiavi di casa”

    A soli quattro giorno dall’8 marzo dove una marea di donne ha riempito le strade di tutta Italia protestando per la china oscurantista e misogina che arriva dal mondo politico e non solo, contro la violenza machista, sessista e razzista, nella nostra città, proprio stamattina, abbiamo dovuto registrare un episodio di una gravità inaudita, un ex marito, agli arresti domiciliari in un’altra città, è riuscito ad evadere, arrivare nella nostra città in pieno giorno, aspettare la moglie in una strada frequentata e nelle adiacenze di una scuola, aprire lo sportello della sua macchina, cospargerla di benzina e darle fuoco. Dalle ultime notizie sembra che, per fortuna, la donna non sia in pericolo di vita.

  • 8 marzo, in Piazza Italia lo sciopero globale delle donne

    Anche a Reggio, come in tutta Italia, le donne scendono in piazza per scioperare, ed affermare i propri diritti. La manifestazione organizzata dal movimento NUDM di Reggio, non è una marcia ne una protesta, ma una vera e propria festa, pur non dimenticando le varie problematiche come, il femminicidio, la parità di salario, l'auto determinazione e il diritto ad un aborto, legale ed assistito.

  • NUDM RC: #8m sciopero globale delle donne, in Piazza Italia dalle ore 17,00

    Per il terzo anno consecutivo Non Una di Meno chiama tutte e tutti a partecipare allo sciopero femminista transnazionale dell'8 marzo interrompendo ogni attività lavorativa e di cura, formale o informale, gratuita o retribuita. Lo sciopero globale, che l'anno scorso ha coinvolto circa settanta città italiane e più di settanta paesi nel Mondo, è organizzato in risposta a tutte le forme di violenza di genere. Stupri. Insulti e Molestie per strada e sui posti di lavoro. Violenza Domestica. Discriminazione e Violenza sulle donne disabili. Permesso di soggiorno condizionato al matrimonio. Infiniti ostacoli per accedere all' aborto. Precarietà che diventa doppio carico di lavoro e salari dimezzati. Un benessere ormai inesistente che si scarica sul lavoro di cura gratuito e sfruttato nell' impoverimento generale. Violenza omofoba, transfobica e sempre più razzista

  • Biesse Premio Eccellenze. Nudm Reggio Calabria: "Eccellenze Femminili: #nonpervenute!"

    Reggio Calabria. "Abbiamo appreso dai social media e dalla stampa dell’iniziativa “Premio Eccellenze del Territorio 2019”, giunto alla sua terza edizione, promosso ed ideato dall’associazione “Biesse”. Al netto della scelta delle persone a cui saranno conferiti i riconoscimenti e di cui non discutiamo professionalità, impegno e capacità, ci meraviglia, per il

  • Sabato 10 novembre sulla scalinata del Cilea per dire NO al disegno di legge Pillon

    N.U.D.M. RC e le donne reggine dell’UDI hanno promosso ed organizzato anche a Reggio Calabria, come in tutto il territorio nazionale, per sabato 10 novembre 2018 sulla scalinata del Teatro Cilea dalle ore 16 alle ore 19,30 un presidio, per ribadire il loro NO al DDL “Norme in materia di affido condiviso” n°735/18 del Senatore PILLON
    - NO alla mediazione familiare obbligatoria a pagamento, quale strumento di controllo e di gestione dei conflitti familiari, perchè non solo presuppone dei costi che non tutte le coppie possono sostenere ma, soprattutto, non può essere ammessa nei casi di relazioni segnate dalla violenza e dalla violenza assistita o di abusi a danno dei bambini (Convenzione di Istanbul)

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.