unci banner

:: Evidenza

Città sgomenta per la scomparsa di Filippo Zema, il pediatra gentiluomo. Domani i funerali

Città sgomenta per la scomparsa di Filippo Zema, il pediatra gentiluomo. Domani i funerali

Reggio Calabria. E' scomparso prematuramente il dott. Filippo Zema, pediatra conosciuto in città per la sua signorilità, per le doti umane e professionali e per quel sorriso che donava con garbo e solarità ai suoi...

Concesso il permesso di lavoro per l'ex presidente Giuseppe Scopelliti. Farà volontariato

Concesso il permesso di lavoro per l'ex presidente Giuseppe Scopelliti. Farà volontariato

Reggio Calabria. Dopo dieci mesi di reclusione, Giuseppe Scopelliti, ex presidente della Regione Calabria, ha ottenuto l’ammissione al beneficio del lavoro esterno e svolgerà attività di volontariato presso l'Associazione Nuova Solidarietà di Salice. Il Tribunale...

La Cisl FP saluta Mimmo Serranò: il ricordo della segretaria generale Giordano

La Cisl FP saluta Mimmo Serranò: il ricordo della segretaria generale Giordano

Reggio Calabria. “Se ne è andato in silenzio, senza rumore, come era solito fare quando lasciava una riunione, un’assemblea con i lavoratori, un convegno. Mai una nota alta o stonata, sempre attento a non ferire...

Reggio Calabria. Bollette idriche “salate” zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Reggio Calabria. Bollette idriche “salate” zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Reggio Calabria. "In questi giorni il Comune di Reggio Calabria, per il tramite della sua società Hermes, ha inviato mediante posta ordinaria la bolletta del servizio idrico integrato e le sorprese per gli utenti non...

La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

di Giusi Mauro - Partiamo da un dato e da una data, il 70% dei rifiuti che finiscono nei nostri mari è costituito da plastica monouso. Entro il 2050, il peso di questi rifiuti, supererà...

Nuovo incendio nella notte alla baraccopoli di San Ferdinando: muore un migrante

Nuovo incendio nella notte alla baraccopoli di San Ferdinando: muore un migrante

Nella notte tra il 15 e il 16 febbraio, verso mezzanotte circa, un nuovo incendio, ha interessato l’insediamento dei migranti, la cosiddetta baraccopoli, ricadente nella zona industriale di San Ferdinando.L’incendio ha provocato la morte di...

Reggio Calabria. Ieri sera, rocambolesco incidente in Piazza Mino Reitano: nessun ferito

Reggio Calabria. Ieri sera, rocambolesco incidente in Piazza Mino Reitano: nessun ferito

Reggio Calabria. Rocambolesco incidente ieri sera nei pressi del Ponte della Libertà. Pare a causa della forte velocità un autovettura Alfa Romeo Mito ha finito la sua corsa in Piazza Mino Reitano, al cospetto del...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Occhio all’alieno! Al via i corsi di formazione per docenti e personale scolastico sulle Specie aliene invasive

Occhio all’alieno! Al via i corsi di formazione per docenti e personale scolastico sulle Specie aliene invasive

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 11 Febbraio 2019 16:47

Cosa sono le specie aliene invasive? Come si diffondono e in che modo possiamo contribuire a frenare la loro propagazione? Sono dannose per la biodiversità e per la nostra salute? Quanto costa intervenire per fermarle e ricreare habitat naturali autoctoni? E soprattutto, perché è fondamentale intervenire velocemente per frenarle? Ecco alcuni degli interrogativi che verranno affrontati durante i corsi di formazione per gli insegnanti e il personale scolastico che saranno realizzati insieme ai Parchi coinvolti nel progetto Life Asap.

Le Aree Protette, infatti, in prima linea per tutelare il nostro patrimonio di biodiversità, moltiplicano il loro impegno per frenare la diffusione delle specie aliene con la realizzazione di quattro corsi dedicati alle scuole e curati dagli esperti di Legambiente. Dopo il primo appuntamento il 5 febbraio con il Parco Nazionale del Gran Paradiso i corsi continuano domani, 12 febbraio, al Parco dell’Aspromonte e successivamente nei Parchi Nazionali dell’Arcipelago Toscano e dell’Appennino Lucano.

Le specie aliene sono quelle specie trasportate dall'uomo in modo volontario o accidentale al di fuori della loro area d'origine. Tra le piante per esempio, la robinia (Robinia pseudoacacia), uno degli alberi più comuni nelle nostre città e campagne, è una specie aliena: originaria degli Stati Uniti sud-orientali, introdotta nel 1601 in Francia come albero ornamentale dai giardinieri del re Luigi XIII, è stata poi usata in tutta Europa nei giardini e per il consolidamento dei terreni. Tra gli animali, anche il comunissimo pesce siluro, oggi presente in tutti i nostri fiumi, è una specie aliena originaria dell'Europa Orientale e dell'Asia Occidentale, introdotta in Italia dall’inizio degli Anni Cinquanta per la pesca sportiva. Alcune tra le specie aliene che si insediano nell'area in cui vengono introdotte, si diffondono in maniera rapida causando gravi danni alle specie e agli ecosistemi originari di quel luogo, spesso accompagnati da ricadute economiche e problemi sanitari. Queste specie sono definite specie aliene invasive o IAS (Invasive Alien Species).

Nell’ultimo trentennio sono salite a 3000 le specie aliene presenti in Italia, di cui circa il 15% sono invasive, un fenomeno percepito come marginale solo per mancanza di una puntuale conoscenza. Eppure, la stima dei costi sociali ed economici di questo fenomeno supera i 12 miliardi di Euro ogni anno nella sola Unione Europea.

Per questo, il progetto europeo Life Asap, ha previsto corsi di formazione per gli insegnanti e il personale scolastico (attività riconosciuta dal Miur) che potranno coinvolgere poi gli alunni e gli studenti in attività mirate alla conoscenza del fenomeno per contribuire, anche con attività di citizen science, a monitorare e controllare la diffusione delle specie aliene invasive nel nostro Paese.

“Questo progetto – ha dichiarato la vicepresidente di Legambiente Vanessa Pallucchi – offre l’occasione di affrontare una problematica ecologica poco conosciuta per cui è fondamentale fare opera di prevenzione. E per questo è necessario aumentare la consapevolezza e l’assunzione di responsabilità da parte dei cittadini. Il percorso educativo che proponiamo alle scuole, infatti, parte dall’analisi del problema e si conclude con una azione di divulgazione realizzata dagli studenti e dai docenti sui territori coinvolti nel progetto. Le aree protette, con il loro patrimonio di biodiversità, rappresentano infatti il contesto migliore per realizzare attività di prevenzione e conoscenza del fenomeno”.

"Le specie aliene invasive costituiscono una delle principali minacce alla biodiversità – ha dichiarato il Presidente di Federparchi Giampiero Sammuri -, per poterle affrontare con efficacia occorre che vi sia il massimo di consapevolezza delle comunità interessate ed è questo l'obiettivo delle attività di formazione con le scuole. Un contributo per creare le condizioni affinché gli interventi sulle specie aliene vengano compresi per la loro importanza rispetto alla salvaguardia degli habitat".

Il corso, a cura dei formatori di Legambiente, si terrà a Reggio Calabria, domani, 12 febbraio. Tutti i partecipanti riceveranno un Kit didattico con schede informative sulle Ias e un percorso educativo strutturato per il coinvolgimento degli alunni e degli studenti, che vuole tenere insieme il metodo scientifico, l’analisi della realtà territoriale e le attività didattico educative.

Per informazioni e approfondimenti: www.lifeasap.eu

Il progetto europeo Life ASAP (Alien Species Awareness Program, www.lifeasap.eu) ha tra i suoi scopi quello di aumentare la consapevolezza dei cittadini sulla minaccia delle specie aliene invasive e favorire una migliore prevenzione e una più efficace gestione del problema da parte di tutti i settori della società. ASAP è cofinanziato dalla Commissione Europea nel quadro del programma finanziario Life; coordinatore del progetto è ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), partner beneficiari sono Legambiente, Federparchi, Regione Lazio, Università di Cagliari, Nemo S.r.l, Tic Media Art; altri cofinanziatori sono il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e i parchi nazionali dell’Arcipelago Toscano, dell’Aspromonte, del Gran Paradiso e dell’Appenino Lucano, Val D’Agri e Lagonegrese.

Doma 11 febbraio 2019
Milena Dominici

Legambiente Onlus

Letto 58 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

    di Giusi Mauro - Partiamo da un dato e da una data, il 70% dei rifiuti che finiscono nei nostri mari è costituito da plastica monouso. Entro il 2050, il peso di questi rifiuti, supererà quello dei pesci. Questo dato ha costituito il ‘campanello d’allarme’ per tutta l’Europa tanto che, lo scorso 24 ottobre, il Parlamento Europeo, con 571 voti favorevoli ha approvato una normativa che sancirà il divieto al consumo nell’Unione europea di alcuni prodotti in plastica monouso, «la nuova normativa – stabilisce l’UE- vieterà a partire dal 2021 la vendita di articoli in plastica monouso, come posate, bastoncini cotonati, piatti, cannucce, miscelatori per bevande e bastoncini per palloncini». Il problema, però, non è solo la plastica- anche se rappresenta l’80% dei rifiuti presenti nelle spiagge e negli oceani – è più in generale il nostro modo di vivere.

  • A Palazzo della Cultura alla riscoperta dei sentieri tra i borghi della nostra terra

    A Palazzo della Cultura "Pasquino Crupi" l'incontro organizzato in collaborazione con il GEA e Legambiente dedicato alla Cultura del camminare, per una riscoperta dei luoghi e lo sviluppo turistico dei borghi del nostro territorio

  • Gioiosa Ionica citata come buona pratica dal dossier di Legambiente

    C’è anche il progetto territoriale Sprar attivo nel Comune di Gioiosa Ionica dal 2014 e gestito dall’Associazione “Rete dei Comuni Solidali (Recosol) – Comuni della Terra per il Mondo” nel dossier di Legambiente “L’accoglienza che fa bene all’Italia”, presentato a Roma il 22 novembre 2018. Il dossier è una raccolta di storie che coinvolgono 100 comuni che hanno scelto il miglior modo di fare accoglienza cioè quella diffusa e la microaccoglienza, che aveva, prima della sua eliminazione attraverso il decreto sicurezza, nel sistema Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) il modello di riferimento. “Piccoli numeri diffusi nel territorio, ospitati in appartamenti o piccole strutture”, si legge nella premessa del rapporto.

  • In tanti a palazzo Corrado Alvaro nel nome del Capitano Natale De Grazia

    A palazzo Corrado Alvaro l'incontro organizzato da Legambiente Reggio Calabria per ricordare nell'anniversario della scomparsa il Capitano Natale De Grazia (1995) alla cui tenacia investigativa si deve tanto di quello che oggi sappiamo sulle cosiddette "navi dei veleni". Per l'occasione è stato presentato in anteprima nazionale il libro "Cose storte - documenti, fatti e memorie attorno alle navi a perdere", di Andrea Carnì, edito da Falco.

  • Domani 12 dicembre 2018 iniziativa in ricordo del capitano Natale De Grazia

    Anche quest’anno, puntualmente come da oltre venti anni, il Circolo Legambiente Reggio Calabria, in coincidenza dell’anniversario della tragica e tuttora misteriosa morte di Natale De Grazia, eroe reggino della lotta alle ecomafie, dedica al coraggioso Capitano, un’iniziativa, dal titolo significativo “a mani nude contro i carri armati”.
    L’iniziativa, aperta alla cittadinanza, si svolgerà mercoledì 12 dicembre con inizio alle ore 17.00 presso il salone conferenze di Palazzo”C. Alvaro” della Città Metropolitana in Piazza Italia a Reggio Calabria.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.