unci banner

:: NEWS

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dalla...

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Arriva qualche buona notizia in merito alla Petizone popolare per il ripristino degli 11 milioni di euro del "Decreto Reggio" per l'acquisto di alloggi popolari. Il presidente del Consiglio comunale,...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque giorni...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Occhio all’alieno! Al via i corsi di formazione per docenti e personale scolastico sulle Specie aliene invasive

Occhio all’alieno! Al via i corsi di formazione per docenti e personale scolastico sulle Specie aliene invasive

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 11 Febbraio 2019 16:47

Cosa sono le specie aliene invasive? Come si diffondono e in che modo possiamo contribuire a frenare la loro propagazione? Sono dannose per la biodiversità e per la nostra salute? Quanto costa intervenire per fermarle e ricreare habitat naturali autoctoni? E soprattutto, perché è fondamentale intervenire velocemente per frenarle? Ecco alcuni degli interrogativi che verranno affrontati durante i corsi di formazione per gli insegnanti e il personale scolastico che saranno realizzati insieme ai Parchi coinvolti nel progetto Life Asap.

Le Aree Protette, infatti, in prima linea per tutelare il nostro patrimonio di biodiversità, moltiplicano il loro impegno per frenare la diffusione delle specie aliene con la realizzazione di quattro corsi dedicati alle scuole e curati dagli esperti di Legambiente. Dopo il primo appuntamento il 5 febbraio con il Parco Nazionale del Gran Paradiso i corsi continuano domani, 12 febbraio, al Parco dell’Aspromonte e successivamente nei Parchi Nazionali dell’Arcipelago Toscano e dell’Appennino Lucano.

Le specie aliene sono quelle specie trasportate dall'uomo in modo volontario o accidentale al di fuori della loro area d'origine. Tra le piante per esempio, la robinia (Robinia pseudoacacia), uno degli alberi più comuni nelle nostre città e campagne, è una specie aliena: originaria degli Stati Uniti sud-orientali, introdotta nel 1601 in Francia come albero ornamentale dai giardinieri del re Luigi XIII, è stata poi usata in tutta Europa nei giardini e per il consolidamento dei terreni. Tra gli animali, anche il comunissimo pesce siluro, oggi presente in tutti i nostri fiumi, è una specie aliena originaria dell'Europa Orientale e dell'Asia Occidentale, introdotta in Italia dall’inizio degli Anni Cinquanta per la pesca sportiva. Alcune tra le specie aliene che si insediano nell'area in cui vengono introdotte, si diffondono in maniera rapida causando gravi danni alle specie e agli ecosistemi originari di quel luogo, spesso accompagnati da ricadute economiche e problemi sanitari. Queste specie sono definite specie aliene invasive o IAS (Invasive Alien Species).

Nell’ultimo trentennio sono salite a 3000 le specie aliene presenti in Italia, di cui circa il 15% sono invasive, un fenomeno percepito come marginale solo per mancanza di una puntuale conoscenza. Eppure, la stima dei costi sociali ed economici di questo fenomeno supera i 12 miliardi di Euro ogni anno nella sola Unione Europea.

Per questo, il progetto europeo Life Asap, ha previsto corsi di formazione per gli insegnanti e il personale scolastico (attività riconosciuta dal Miur) che potranno coinvolgere poi gli alunni e gli studenti in attività mirate alla conoscenza del fenomeno per contribuire, anche con attività di citizen science, a monitorare e controllare la diffusione delle specie aliene invasive nel nostro Paese.

“Questo progetto – ha dichiarato la vicepresidente di Legambiente Vanessa Pallucchi – offre l’occasione di affrontare una problematica ecologica poco conosciuta per cui è fondamentale fare opera di prevenzione. E per questo è necessario aumentare la consapevolezza e l’assunzione di responsabilità da parte dei cittadini. Il percorso educativo che proponiamo alle scuole, infatti, parte dall’analisi del problema e si conclude con una azione di divulgazione realizzata dagli studenti e dai docenti sui territori coinvolti nel progetto. Le aree protette, con il loro patrimonio di biodiversità, rappresentano infatti il contesto migliore per realizzare attività di prevenzione e conoscenza del fenomeno”.

"Le specie aliene invasive costituiscono una delle principali minacce alla biodiversità – ha dichiarato il Presidente di Federparchi Giampiero Sammuri -, per poterle affrontare con efficacia occorre che vi sia il massimo di consapevolezza delle comunità interessate ed è questo l'obiettivo delle attività di formazione con le scuole. Un contributo per creare le condizioni affinché gli interventi sulle specie aliene vengano compresi per la loro importanza rispetto alla salvaguardia degli habitat".

Il corso, a cura dei formatori di Legambiente, si terrà a Reggio Calabria, domani, 12 febbraio. Tutti i partecipanti riceveranno un Kit didattico con schede informative sulle Ias e un percorso educativo strutturato per il coinvolgimento degli alunni e degli studenti, che vuole tenere insieme il metodo scientifico, l’analisi della realtà territoriale e le attività didattico educative.

Per informazioni e approfondimenti: www.lifeasap.eu

Il progetto europeo Life ASAP (Alien Species Awareness Program, www.lifeasap.eu) ha tra i suoi scopi quello di aumentare la consapevolezza dei cittadini sulla minaccia delle specie aliene invasive e favorire una migliore prevenzione e una più efficace gestione del problema da parte di tutti i settori della società. ASAP è cofinanziato dalla Commissione Europea nel quadro del programma finanziario Life; coordinatore del progetto è ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), partner beneficiari sono Legambiente, Federparchi, Regione Lazio, Università di Cagliari, Nemo S.r.l, Tic Media Art; altri cofinanziatori sono il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e i parchi nazionali dell’Arcipelago Toscano, dell’Aspromonte, del Gran Paradiso e dell’Appenino Lucano, Val D’Agri e Lagonegrese.

Doma 11 febbraio 2019
Milena Dominici

Legambiente Onlus

Letto 210 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Associazioni ambientaliste presentano un esposto per la tutela della biodiversità in vista del Jova Beach Party a Roccella Jonica

    Legambiente Calabria, insieme a Lipu, Altura, StorCal e Caretta Calabria Conservation, ha presentato un esposto per la tutela della tartaruga marina Caretta caretta e di altre specie protette, presenti sul litorale di Roccella Ionica, messi a rischio dal concerto “Jova Beach Party”, fissato per il 10 agosto. Infatti per l’allestimento degli spazi del concerto c’è il rischio che vengano effettuati lavori dal forte impatto ambientale; il posizionamento di diverse installazioni invasive per il territorio costiero metterebbe a rischio specie protette come la Caretta caretta.

  • La Goletta Verde di Legambiente arriva in Calabria: dal 16 al 19 luglio tappa a Corigliano Rossano

    Sarà la Calabria l’ottava regione toccata dal tour della Goletta verde di Legambiente, in viaggio dallo scorso 23 giugno lungo le coste italiane per monitorare la qualità delle acque, denunciare le illegalità ambientali, l’abusivismo edilizio, le trivellazioni di petrolio, il marine litter ma anche per informare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza di salvaguardare il nostro prezioso ecosistema e le sue bellezze e affermare il ruolo centrale del Mediterraneo nelle politiche di accoglienza, solidarietà e integrazione. Dal 16 al 19 luglio l’imbarcazione ambientalista resterà attraccata al porto di Corigliano Rossano (Area urbana Corigliano).

  • Legambiente e Codacons: rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare

    Rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare. Questo è quanto Legambiente e Codacons chiedono ai comuni calabresi. Le associazioni sollecitano l’emissione di ordinanze per imporre il divieto, già da questa estate, della plastica monouso sulle spiagge.
    La direttiva europea mette al bando contenitori, stoviglie e bicchieri e tutto quello che rappresenta l’80 per cento del materiale che inquina le spiagge ed il mare ma solo a far tempo dal 2021.
    Tuttavia Legambiente e Codacons chiedono uno stop immediato alla plastica sulle spiagge Calabresi, a favore di materiale compostabile e monouso. L''obiettivo e' quello di avere spiagge sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale, per tutelare la spiaggia ed il mare e salute dei cittadini.

  • #PlasticFreeGC: la soddisfazione di Legambiente e il plauso all'artista Lunami e all'associazione Differenziamoci Differenziando"

    Come Circolo reggino di Legambiente non possiamo che essere molto soddisfatti per il rilevante successo registrato, nella nostra Città, dalla Giornata “#PlasticfreeGC”, svoltasi venerdì il 24 maggio, nell’ambito della Campagna Ambientale promossa dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto unitamente al Ministero dell’Ambiente. È stato un bel momento di sensibilizzazione collettiva sul problema gravissimo delle plastiche e microplastiche a mare e sulle coste e sulla necessità di dare risposte non solo sul piano istituzionale ma anche dei comportamenti, delle abitudini e degli stili di vita individuali e collettivi.

  • All'Arena è il venerdì del #PlasticFreeGC: in difesa del mare e delle coste

    Ancora una volta i ragazzi protagonisti in questo venerdì speciale dedicato al #PlasticFreeGC Dat. Un appuntamento fortemente voluto dalla Guardia Costiera, in prima linea nella difesa del mare e delle sue spiagge dall'invasione della plastica monouso, che ha visto la sinergia insieme a Legambiente di diverse realtà del territorio tra cui AVR

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.