unci banner

:: NEWS

Al MArRC, la mostra fotografica a cura della Polizia Scientifica, dal 21 al 26 maggio 2019

Al MArRC, la mostra fotografica a cura della Polizia Scientifica, dal 21 al 26 maggio 2019

Un viaggio attraverso le immagini per conoscere e comprendere eventi che hanno segnato la vita della società italiana, nel corso del XX secolo e agli inizi del terzo millennio. È...

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Cala il sipario sulle sfilate della IV edizione dell’International Fashion Week. Un successo di talenti, ospiti e pubblico per l’evento promosso dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer in collaborazione con...

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Da 5 anni portiamo avanti come cooperativa Comunità Sant’Arsenio la sperimentazione del progetto “Orto e Mangiato”, un orto Comunitario: piccoli appezzamenti di terreno “affittati” a servizio di “nuovi contadini”. Negli...

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale che si...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Ordine dei Medici: l’assise ha approvato, all’unanimità, conto consuntivo e bilancio preventivo

Ordine dei Medici: l’assise ha approvato, all’unanimità, conto consuntivo e bilancio preventivo

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 24 Aprile 2019 12:16

Si è svolta presso l’Auditorium dell’Ordine dei Medici l’assemblea annuale degli iscritti con l’approvazione del conto consuntivo 2018 e del bilancio preventivo 2019 all’unanimità dei presenti.
Il tavolo presidenziale, come di consueto, è stato composto dal Presidente, Pasquale Veneziano, dal Vicepresidente, Giuseppe Zampogna, dal Segretario, Vincenzo Nociti, dal Tesoriere, Bruno Porcino e dal Presidente della Commissione Odontoiatri, Filippo Frattima.
L’assemblea, oltre che per l’approvazione dei bilanci, è stata l’occasione per premiare coloro che vantano una lunga militanza nell’ambito professionale avendo tagliato il traguardo dei 60 e dei 50 anni dalla laurea in medicina.

Ad aprire il cerimoniale è stato il Segretario dell’Ordine, Vincenzo Nociti che ha enunciato i numeri relativi agli iscritti all’Albo Medici ed all’Albo Odontoiatri che, anche nell’ultimo anno segnano un lieve incremento. I medici, infatti, passano da 4884 a 4961 mentre gli odontoiatri da 625 a 647. Vincenzo Nociti ha invitato la platea ad osservare un minuto di raccoglimento in memoria dei colleghi deceduti nell’ultimo anno.
«Ci avete lasciato il migliore sistema sanitario del mondo – ha affermato il Segretario rivolgendosi ai premiati – e di questo vi siamo grati ma adesso tocca a noi tornare a rimettere al centro del nostro lavoro, la persona nella sua totalità».
Il tesoriere, dr. Bruno Porcino, poi ha relazionato sul bilancio preventivo 2019 e sul conto consuntivo 2019 che ha segnato un deciso segno positivo con un attivo complessivo, frutto dell’oculata gestione degli ultimi anni, di oltre 664 mila euro.
«Questo importante risultato – ha sottolineato il Tesoriere - è il frutto del lavoro svolto insieme a tutto il Consiglio Direttivo ed approvato dal collegio dei revisori dei conti. Nel bilancio di previsione, invece, vi sono, per l’appunto, le previsioni contabili e programmatiche stabilite dal consiglio nella massima garanzia di trasparenza».
“Vorrei rammentare – ha sottolineato il tesoriere – che la quota dell’Ordine rimane invariata da molti anni ed è fra le più basse, in assoluto, di tutta Italia. Questo risultato è stato possibile, fra l’altro, per il fatto che nessuno dei componenti del Consiglio percepisce gettoni di presenza né rimborsi spesa ma si impegna per l’Ordine solo per spirito di servizio”.
«Il mio impegno – ha concluso il dr. Porcino - sarà quello di continuare ad amministrare i fondi dell’ente con la stessa attenzione e la stessa oculatezza con cui si è proceduto in questi anni».
«Sul vostro esempio – ha affermato il Presidente della Commissione Odontoiatri, dr. Filippo Frattima, rivolgendosi ai premiati – noi continueremo a percorrere un cammino di generosità ed altruismo. Ci siamo lasciati alle spalle un anno difficile con la crisi che ci attanaglia e che mortifica e rende difficile il percorso professionale di tutti noi ed, in particolar modo dei giovani i quali, spesso, per poter avviare e mantenere uno studio, devono ricorrere all’aiuto dei genitori».
«Qualche anno fa, l’Ordine aveva messo in campo un progetto ambizioso – ha rammentato il dr Frattima - per la realizzazione di un residence che avrebbe potuto unire i medici pensionati per trascorrere in serenità gli anni della quiescenza. Il progetto si è fermato per mancanza di adesioni che, però, sono giunte quando ormai l’idea era stata accantonata ma, adesso, il Consiglio vorrebbe rimetterla in piedi. Confidiamo nella risposta di tanti che si sono dimostrati interessati ma che non hanno tenuto conto che, se non ci sono adesioni, il progetto non potrà andare avanti».
A chiudere la serie di relazioni è stato, quindi, il Presidente dell’Ordine dei Medici reggino, dr Pasquale Veneziano che ha enunciato le numerose attività realizzate, nell’ultimo anno: il corso di management per l’alta formazione sanitaria, il progetto di orientamento in biologia con curvatura biomedica che, divenuto nazionale, viene sperimentato in ben 84 province, la convenzione con l’Università di Messina che consente ai neolaureati di svolgere il tirocinio abilitante nella nostra città, le iniziative sull’appropriatezza prescrittiva, la stipula di alcuni protocollo diagnostico-terapeutico-assistenziali su diabete e malattia cronica renale; il Premio Ippocrate, le giornate formative, le borse di studio ed i corsi di deontologia e blsd per i neoiscritti, le simulazioni per l’accesso alle scuole di specializzazione ecc. Il dr. Veneziano ha ricordato, poi, il prof. Pasquale Lanucara, «professionista assai capace ed, allo stesso tempo, modesto e vicino a tutti gli altri colleghi nonché sempre presente alle iniziative dell’Ordine dei Medici».
Il vicepresidente dell’Ordine, dr Giuseppe Zampogna, ha ricordato il compianto dr Fortunato Larosa, oculista di Locri ucciso per essersi ribellato alla ndrangheta, cogliendo l’occasione per il conferimento della medaglia per i 50 anni di laurea, alla vedova dello stesso, dr.ssa Viviana Balletta.
Per i 60 anni di laurea sono stati premiati i dottori: Giuseppe Caminiti, Carlo Gliozzi, Immacolata Mammoliti e Vincenzo Antonio Romeo. Mezzo secolo dalla laurea hanno festeggiato, poi, gli iscritti: Domenico Attinà, Viviana Balletta, Domenico Bombardieri, Leandro Branca, Riccardo Brath, Renato La Tella, Umberto Francesco Laganà, Michele Mammola, Giuseppe Muratori, Antonio Repaci, Francesco Romeo, Filippo Russo, Domenico Scordino, Francesco Settembrino, Vittorio Varrecchione.
La cerimonia di premiazione è stata officiata dal Presidente, dr Pasquale Veneziano, dal Vicepresidente, dr Giuseppe Zampogna, dal segretario, dr Vincenzo Nociti, dal Tesoriere, dr. Bruno Porcino, dal Presidente della Commissione Odontoiatri, dr Filippo Frattima nonché dai consiglieri dell’ente, dottori: Francesco Biasi, Rocco Cassone, Domenico Tromba, Marco Tescione, Antonino Zema.
Reggio Calabria 24.04.2019
Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri
della Provincia di Reggio Calabria

Letto 64 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Nefrologi e medici di medicina generale a confronto

    “Aspetti metabolici della malattia renale cronica: confronto tra medico di medicina generale e nefrologo”: è stato questo il tema di un’interessante giornata formativa promossa dall’Ordine dei Medici di Reggio Calabria con la collaborazione del reparto di nefrologia del Grande Ospedale Metropolitano guidato dal Direttore dell’Unità Operativa Complessa, Francesca Mallamaci.
    «Questa giornata di studio – ha spiegato Antonino Zema, coordinatore della Commissione formazione ed aggiornamento dell’Ordine dei Medici - ha avuto lo scopo di fornire informazioni utili per creare percorsi condivisi tra reparti ospedalieri di nefrologia ed i medici di famiglia al fine di consentire ai pazienti di fruire di un’assistenza qualificata».

  • La Direzione degli Ospedali "“Bianchi-Melacrino-Morelli” saluta e ringrazia il Prefetto Di Bari

    La Direzione Strategica del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi-Melacrino-Morelli” esprime i più sentiti auguri e ringraziamenti a S. E. il Prefetto, dott. Michele Di Bari, che conclude la sua esperienza lavorativa a Reggio Calabria per ricoprire un prestigioso incarico presso il Ministero dell’Interno. Il dott. Di Bari fin dall’inizio della propria attività in riva allo Stretto ha lavorato alla costruzione di un’ampia rete di dialogo e collaborazione tra le Istituzioni, una “squadra Stato” in grado di rispondere alle varie necessità della cittadinanza della provincia di Reggio Calabria. In particolare, S.E. ha dimostrato grande sensibilità circa i temi della salute e, pertanto, profonda vicinanza al Grande Ospedale Metropolitano.

  • Bando per borse di studio all’Ordine dei Medici

    Ci sarà tempo fino al 31 maggio prossimo per partecipare al bando per il conseguimento di alcune borse di studio promosse dall’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Reggio Calabria. Il bando prevede due borse di studio per gli iscritti all’Albo dei Medici Chirurghi ed una borsa di studio per gli iscritti all’Albo degli Odontoiatri di importo pari a mille euro cadauna. Potranno partecipare al bando coloro che si sono laureati nell’anno accademico 2017/2018 e iscritti all’Albo dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Reggio Calabria dal 1 giugno 2018 e sino alla data di scadenza del presente bando.

  • Biomedicina, prime indicazioni. A Reggio la riunione nazionale di monitoraggio del percorso progettuale

    Si è svolta a Reggio Calabria la prima riunione nazionale di monitoraggio del percorso di biomedicina ideato dal liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” e dall’Ordine dei Medici della provincia di Reggio Calabria, un progetto nato nella città dei Bronzi che oggi è sperimentato su scala nazionale grazie ad un accordo sottoscritto tra il MIUR e la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici.
    Dopo l’inno di Mameli, che ha aperto i lavori, Domenico Tromba, referente scientifico del progetto e consigliere dell’Ordine dei Medici di Reggio Calabria, ha rammentato che «il traguardo raggiunto rappresenta motivo di grande orgoglio ma il bello deve ancora venire perché si stanno aprendo importanti prospettive per questo progetto partito dalla nostra città».

  • Ordine dei Medici di Reggio Calabria: riflessioni sullo stato della sanità calabrese

    Il paventato nuovo blocco del turnover della sanità calabrese, conseguenziale all’incremento del deficit rilevato dal Tavolo Adduce, potrebbe rappresentare il colpo di grazia per i livelli essenziali di assistenza nella nostra Regione. E’ necessario che i provvedimenti che verranno presi sulla testa dei calabresi, da parte del Governo, in tema di sanità, siano fatti con coscienza e cognizione di causa tenendo presente che il comparto è reduce da anni di pesanti sacrifici e gravose restrizioni che hanno ridotto all’osso gli organici in servizio nei vari presidi sanitari della Regione.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.