unci banner

:: NEWS

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Gente in Aspromonte inaugura la stagione estiva con un bellissimo itinerario, interessante sia dal punto di vista paesaggistico che naturalistico. Si camminerà attorno alla cima che, con i suoi 1956...

Gallico marina: tutto pronto per la V edizione dell'Infiorata del Corpus Domini

Gallico marina: tutto pronto per la V edizione dell'Infiorata del Corpus Domini

È conto alla rovescia nel vecchio borgo marinaro di Gallico Marina per la quinta edizione dell’Infiorata del Corpus Domini la prossima domenica 23 giugno 2019. L’evento si lega quest’anno alla...

Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

Positiva in parte la decisione espressa dai consiglieri di maggioranza sul ripristino di 11 milioni di euro del "Decreto Reggio", per l'acquisto di alloggi popolari. Ma non basta. Alle intenzioni...

Sequestro gazebo sul lungomare, per Palazzo San Giorgio: "il dialogo ed il buon senso premiano sempre"

Sequestro gazebo sul lungomare, per Palazzo San Giorgio: "il dialogo ed il buon senso premiano sempre"

"La vicenda dei gazebo sul Lungomare si è messa su un binario positivo. Le circostanze delineate a seguito dei molteplici tavoli tecnico-politici tenutisi nelle ultime 48 ore hanno premiato un...

Parte dal Polo Sud di Via Padova la campagna di Potere al Popolo! per il diritto alla salute dei reggini

Parte dal Polo Sud di Via Padova la campagna di Potere al Popolo! per il diritto alla salute dei reggini

La situazione drammatica della sanità reggina esige il maggior coinvolgimento possibile di tutti gli abitanti dell'area metropolitana di Reggio Calabria. Non basta infatti chiedere l'azzeramento del debito dell'Asp 5, per...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Reggio Calabria, al via la raccolta firme della petizione per l'assegnazione degli alloggi popolari

Reggio Calabria, al via la raccolta firme della petizione per l'assegnazione degli alloggi popolari

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 07 Dicembre 2018 14:17

Avviata in questi giorni la raccolta di 500 firme per una petizione popolare finalizzata a favorire l'assegnazione di alloggi popolari per le famiglie in condizioni di bisogno abitativo e da presentare ai sensi dell'articolo 17 dello Statuto comunale e dell'articolo 19 del Regolamento per l'attuazione degli istituti di partecipazione popolare. Nella città di Reggio Calabria infatti centinaia di famiglie da anni attendono l'assegnazione di un alloggio popolare: i vincitori del bando comunale del 2005 e le persone in emergenza abitativa. Il Comune, negli ultimi 4 anni, avrebbe potuto reperire alloggi per circa 160 famiglie, utilizzando il finanziamento di 11,5 milioni di euro del "Decreto Reggio", destinato a nuovi alloggi erp.

Purtroppo il Consiglio comunale ha deciso con la delibera nr 70 del 31 ottobre 2016, di impegnare ben 11 milioni di questa somma per altre opere. Alle famiglie richiedenti l'assegnazione di un alloggio, l'Amministrazione ha sempre obiettato l'indisponibilità di alloggi.

Per correggere questa decisione, con la quale è stato negato il diritto alla casa a tante famiglie a basso reddito, associazioni, movimenti e famiglie, riunite nell'Osservatorio sul disagio abitativo, hanno predisposto la presentazione di una petizione popolare. L'obiettivo è far sì che il Consiglio comunale ridiscuta e quindi ripristini, con una delibera, il finanziamento di 11 milioni per l'acquisto di nuovi alloggi popolari e predisponga i successivi atti necessari per renderlo operativo.

La richiesta è legittima ed applicabile, considerato che le opere del Decreto Reggio, alle quale si presume sia stato destinato il finanziamento, non sono state ancora realizzate, mentre le condizioni delle famiglie in bisogno abitativo peggiorano di giorno in giorno.

La petizione prevede la richiesta di acquisto di nuovi alloggi. In città infatti ci sono migliaia di case private vuote, oltre 60.000 (Istat), che potrebbero essere utilizzate, evitando il consumo di altro suolo, la realizzazione di altri ghetti e ottenendo più velocemente gli alloggi da assegnare.

L'acquisto di nuovi alloggi garantirebbe il diritto alla casa alle famiglie in stato di bisogno abitativo. Ma non solo. Attraverso l'acquisto di nuovi alloggi, si bilancerebbe l'azione di dismissione dell'intero patrimonio erp nel territorio comunale (alloggi di proprietà comunale e dell'Aterp), in atto da anni con costanti operazioni di vendita degli alloggi popolari.

Non si può dimenticare che questo patrimonio costituisce il welfare strutturale, a garanzia del diritto alla casa per le famiglie a basso reddito; la sua dismissione è quindi un ulteriore colpo al cuore alle fasce più deboli e a tutti coloro che nel prossimo futuro potrebbero perdere il lavoro e non potranno sostenere le spese di un affitto sempre più alto rispetto al reddito percepito.

Il "dogma" politico secondo cui in periodo di crisi è necessario dismettere il patrimonio e non implementarlo e nemmeno mantenerlo segue una logica neoliberista da evitare. Questo assunto non considera infatti la necessità di mantenere e sviluppare le misure di welfare, garantite proprio dai beni in vendita, e soprattutto non valuta gli elevati costi sociali di questa scelta. Non è trascurabile inoltre l'effetto positivo del welfare abitativo, costituito dal patrimonio di alloggi popolari, nel garantire il diritto alla casa ma anche altri obiettivi sociali quali l'inclusione, il miglioramento delle condizioni di salute, la calmierazione dei canoni di affitto.

Pertanto, la rete di associazioni e movimenti invita a firmare la petizione popolare come forma di rivendicazione sociale, affinché l'Amministrazione comunale attivi un'efficace politica della casa al servizio del bene comune.

La petizione può essere firmata dai cittadini italiani e comunitari regolarmente residenti nella città di Reggio Calabria, e dai cittadini extracomunitari residenti nel Comune e con regolare permesso di soggiorno. Per avere altre notizie e sapere i luoghi di raccolta firme, scrivere una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 3299036972. Il testo della petizione e la delibera di Consiglio Comunale nr 70 del 31 ottobre 2016 sono reperibili on line.

Reggio Calabria, 7 dicembre 2018

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi Giacomo Marino -Cristina Delfino

CSOA Angelina Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Letto 222 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Alloggi popolari. Osservatorio Disagio Abitativo: petizione popolare 11 milioni, la Giunta non ha ancora deliberato

    Positiva in parte la decisione espressa dai consiglieri di maggioranza sul ripristino di 11 milioni di euro del "Decreto Reggio", per l'acquisto di alloggi popolari. Ma non basta. Alle intenzioni dovrebbe seguire una delibera di Giunta, in risposta alla petizione popolare, firmata da 534 cittadine e cittadini. Dopo 121 giorni infatti nessuna decisione ufficiale è arrivata. Il regolamento comunale sugli istituti di partecipazione (comma 8 articolo 19 del regolamento comunale sugli istituti di partecipazione) prevede che la risposta ufficiale alla petizione popolare venga prodotta con delibera di Giunta e/o di Consiglio entro 90 giorni dalla sua presentazione.

  • Ex Polveriera, progetto equa dislocazione fermo da settembre e c'è una situazione di emergenza sanitaria

    Il  progetto di superamento della baraccopoli dell'Ex Polveriera avviato nel mese di aprile 2018 con il titolo "Dall'emergenza abitativa alla legalità percepibile",  è fermo dal mese di  settembre 2018. Diciassette famiglie sono state dislocate ma ad oggi ancora quindici famiglie sono presenti nella baraccopoli, in condizioni di emergenza sanitaria. Il gruppo di lavoro comunale impegnato nel progetto ha ottenuto dei buoni risultati ma ha deciso di fermarsi a metà dell'opera. Da ottobre 2018 è stata delegata la continuazione del progetto al nuovo dirigente comunale del settore ERP, D. Piccione. Purtroppo non è stato garantito al Dirigente il sostegno necessrio, pur sapendo che avrebbe dovuto affrontare i complessi problemi del settore alloggi popolari. Difatti non si è data continuità all'azione attuata lo scorso anno.

  • Negato il cambio alloggio, affetto da gravissime patologie da settimane è bloccato in casa

    Il signor Sgrò ha 55 anni ed è affetto da una gravissima obesità e altre patologie correlate, tra le quali gravi problemi motori e respiratori. Ha bisogno di frequenti controlli medici e ricoveri ospedalieri ma proprio la struttura dell'alloggio popolare, assegnatogli dal Comune, non gli consente di uscire liberamente da casa. L'alloggio popolare si trova infatti al terzo piano e il signor Sgró non può utilizzare l'ascensore in quanto non adeguato alle sue condizioni fisiche. Nell'ultimo periodo, il signor Sgrò ha potuto effettuare con difficoltà e sempre più raramente le visite necessarie. La moglie ha fatto il possibile, chiedendo la collaborazione di persone disponibili a trasportare il marito di peso, lungo le scale, fino a piano terra.

  • Petizione popolare 11 milioni per nuovi alloggi popolari da assegnare, Osservatorio Disagio Abirativo: Giunta e Consiglio non decidono

    Ancora nessuna decisione in merito alla petizione popolare per il ripristino del finanziamento di 11 milioni di euro del Decreto Reggio per l'acquisto e l'assegnazione di nuovi alloggi popolari. Lo scorso 18 febbraio, 534 cittadine/i hanno chiesto di rivedere la decisione del Consiglio Comunale con la quale nel 2016 venne rimodulato a favore di altre voci il cospicuo finanziamento. Ma dopo 110 giorni la Giunta ed il Consiglio non si sono ancora espressi. Lo scorso 22 maggio, il dirigente del settore Grandi Opere, programmazione e "Decreto Reggio", Antonino Cristiano, con una lettera trasmessa al Sindaco ed al Presidente del Consiglio comunale, ha espresso parere tecnico favorevole alla Petizione. La necessaria rimodulazione dei fondi stanziati con il "Decreto Reggio" per ripristinare il capitolo di spesa di 11 milioni per l'acquisizione di nuovi alloggi popolari è quindi possibile.

  • Osservatorio Disagio Abitativo: la negazione del cambio alloggio nega il diritto alla casa adeguata ed alle cure mediche

    Angelo ha 72 anni e gravi problemi di salute e motori. Anni fa gli fu assegnato un alloggio popolare che da tempo, per motivi strutturali, non garantisce condizioni a misura delle sue esigenze vitali. L'alloggio popolare è divenuto una vera e propria "gabbia" che gli impedisce le cure indispensabili per la sua sopravvivenza. Angelo e la sua famiglia, secondo la normativa vigente, avrebbero diritto al cambio dell'alloggio ed è per questo che nel corso degli anni hanno presentato più volte regolare domanda. Ma sia il Comune che l'Aterp non hanno, ad oggi, mai dato una risposta.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.