unci banner

:: Evidenza

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. La decima edizione del Memorial Mino Reitano è sempre più imminente. L'atteso spettacolo promosso dall'Associazione Musicale e Culturale "La Vita è così" in collaborazione con l'Associazione "Amici di Mino Reitano Onlus" è in...

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

Reggio Calabria. La Reggina comunica di aver ceduto al Rende i calciatori Petar Zivkov e Mattia Bonetto. Il difensore austriaco si trasferisce a titolo temporaneo fino al termine della stagione mentre il centrocampista scuola Inter...

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. In occasione della ricorrenza del "Giorno della Memoria" istituito con la legge 20 luglio 2000, n.211, il 25 gennaio prossimo, con inizio alle ore 10, presso il Palazzo del Governo, si svolgerà una...

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

È stato rilasciato poco meno di un mese fa il singolo Luna turca dei Mattanza, storico gruppo reggino di world music. Il brano, scritto da Mario Lo Cascio e che Mimmo Martino ha fortemente voluto...

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. L'Avr informa la città che "in virtù dello stato di agitazione dei dipendenti di AVR S.p.A., indetto per l'intero turno di lavoro di tutti i dipendenti nell'arco delle 48 ore dalle ore 5,01...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Reggio Calabria, al via la raccolta firme della petizione per l'assegnazione degli alloggi popolari

Reggio Calabria, al via la raccolta firme della petizione per l'assegnazione degli alloggi popolari

Pubblicato in ATTUALITA' Venerdì, 07 Dicembre 2018 14:17

Avviata in questi giorni la raccolta di 500 firme per una petizione popolare finalizzata a favorire l'assegnazione di alloggi popolari per le famiglie in condizioni di bisogno abitativo e da presentare ai sensi dell'articolo 17 dello Statuto comunale e dell'articolo 19 del Regolamento per l'attuazione degli istituti di partecipazione popolare. Nella città di Reggio Calabria infatti centinaia di famiglie da anni attendono l'assegnazione di un alloggio popolare: i vincitori del bando comunale del 2005 e le persone in emergenza abitativa. Il Comune, negli ultimi 4 anni, avrebbe potuto reperire alloggi per circa 160 famiglie, utilizzando il finanziamento di 11,5 milioni di euro del "Decreto Reggio", destinato a nuovi alloggi erp.

Purtroppo il Consiglio comunale ha deciso con la delibera nr 70 del 31 ottobre 2016, di impegnare ben 11 milioni di questa somma per altre opere. Alle famiglie richiedenti l'assegnazione di un alloggio, l'Amministrazione ha sempre obiettato l'indisponibilità di alloggi.

Per correggere questa decisione, con la quale è stato negato il diritto alla casa a tante famiglie a basso reddito, associazioni, movimenti e famiglie, riunite nell'Osservatorio sul disagio abitativo, hanno predisposto la presentazione di una petizione popolare. L'obiettivo è far sì che il Consiglio comunale ridiscuta e quindi ripristini, con una delibera, il finanziamento di 11 milioni per l'acquisto di nuovi alloggi popolari e predisponga i successivi atti necessari per renderlo operativo.

La richiesta è legittima ed applicabile, considerato che le opere del Decreto Reggio, alle quale si presume sia stato destinato il finanziamento, non sono state ancora realizzate, mentre le condizioni delle famiglie in bisogno abitativo peggiorano di giorno in giorno.

La petizione prevede la richiesta di acquisto di nuovi alloggi. In città infatti ci sono migliaia di case private vuote, oltre 60.000 (Istat), che potrebbero essere utilizzate, evitando il consumo di altro suolo, la realizzazione di altri ghetti e ottenendo più velocemente gli alloggi da assegnare.

L'acquisto di nuovi alloggi garantirebbe il diritto alla casa alle famiglie in stato di bisogno abitativo. Ma non solo. Attraverso l'acquisto di nuovi alloggi, si bilancerebbe l'azione di dismissione dell'intero patrimonio erp nel territorio comunale (alloggi di proprietà comunale e dell'Aterp), in atto da anni con costanti operazioni di vendita degli alloggi popolari.

Non si può dimenticare che questo patrimonio costituisce il welfare strutturale, a garanzia del diritto alla casa per le famiglie a basso reddito; la sua dismissione è quindi un ulteriore colpo al cuore alle fasce più deboli e a tutti coloro che nel prossimo futuro potrebbero perdere il lavoro e non potranno sostenere le spese di un affitto sempre più alto rispetto al reddito percepito.

Il "dogma" politico secondo cui in periodo di crisi è necessario dismettere il patrimonio e non implementarlo e nemmeno mantenerlo segue una logica neoliberista da evitare. Questo assunto non considera infatti la necessità di mantenere e sviluppare le misure di welfare, garantite proprio dai beni in vendita, e soprattutto non valuta gli elevati costi sociali di questa scelta. Non è trascurabile inoltre l'effetto positivo del welfare abitativo, costituito dal patrimonio di alloggi popolari, nel garantire il diritto alla casa ma anche altri obiettivi sociali quali l'inclusione, il miglioramento delle condizioni di salute, la calmierazione dei canoni di affitto.

Pertanto, la rete di associazioni e movimenti invita a firmare la petizione popolare come forma di rivendicazione sociale, affinché l'Amministrazione comunale attivi un'efficace politica della casa al servizio del bene comune.

La petizione può essere firmata dai cittadini italiani e comunitari regolarmente residenti nella città di Reggio Calabria, e dai cittadini extracomunitari residenti nel Comune e con regolare permesso di soggiorno. Per avere altre notizie e sapere i luoghi di raccolta firme, scrivere una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 3299036972. Il testo della petizione e la delibera di Consiglio Comunale nr 70 del 31 ottobre 2016 sono reperibili on line.

Reggio Calabria, 7 dicembre 2018

Osservatorio sul disagio abitativo

Un Mondo Di Mondi Giacomo Marino -Cristina Delfino

CSOA Angelina Cartella

Società dei Territorialisti/e Onlus

Centro Sociale Nuvola Rossa

Comitato Solidarietà Migranti

Reggio Non Tace

Collettiva AutonoMia

Letto 109 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Reggio, da 22 anni non viene applicata la norma per i cambi degli alloggi popolari

    Reggio Calabria. Da circa 20 anni le richieste di cambio alloggio, previste dalla legge regionale 32/96 in materia di edilizia residenziale pubblica, non sono prese in considerazione dal Comune di Reggio Calabria e dall'Aterp secondo quanto previsto dalla normativa regionale. Il cambio degli alloggi per disagi abitativi, anche di carattere sociale, per condizioni di

  • In piazza per il diritto alla casa: il punto dopo la manifestazione a Palazzo San Giorgio

    Ancora una volta in piazza per il diritto all'abitare. Le associazioni e i movimenti, riuniti nell'Osservatorio sul disagio abitativo, famiglie e singoli cittadini manifestano per il diritto fondamentale alla casa e per una politica strutturale degli alloggi popolari. Garantire alle persone a basso reddito il diritto alla casa dovrebbe essere una priorità assoluta e inderogabile dell'amministrazione comunale, perchè anche da questo dipende la vita di queste persone. A tal fine, il settore comunale di edilizia residenziale pubblica, nel quale lavorano 12 funzionari ed un dirigente, dovrebbe mettere al centro dell'attività proprio la gestione trasparente degli alloggi popolari per garantirne l'assegnazione alle persone in disagio abitativo.

  • Ancora una volta il piazza per il diritto all'abitare

    Movimenti e associazioni di nuovo in piazza questa mattina per "il diritto all'abitare". L'Osservatorio Disagio Abitativo che al suo interno raccoglie diverse sigle impegnate per il diritto alla casa, questa mattina ha organizzato un nuovo sit-in nell'androne di Palazzo San Giorgio per chiedere maggiore attenzione e l'applicazione delle leggi in materia

  • In piazza Italia accanto ad una famiglia che sta per essere sfrattata

    L' 8 gennaio la famiglia Pellegrino verrà sfrattata perché non ha potuto pagare l' affitto e andrà a dormire sulla strada, perché il Comune non gli ha assegnato un alloggio come invece dovrebbe. Dal mese di giugno 2018 la famiglia Pellegrnio ha richiesto al Comune l'assegnazione di un alloggio per emergenza abitativa, secondo l'articolo 31 della legge regionale nr 32/1996 ed il relativo regolamento comunale, ma non ha avuto assegnato l'alloggio e neppure ha ricevuto una risposta.

  • Osservatorio Disagio Abitativo: rimane al palo il settore degli alloggi popolari del comune di Reggio Calabria

    Rimane al palo il settore degli alloggi popolari del comune di Reggio Calabria. Nonostante qualche accenno di cambiamento, annunciato dalla nuova dirigenza, non vengono assegnati nemmeno i pochi alloggi disponibili e non si riscontrano ancora azioni efficaci per reperire gli altri alloggi necessari a garantire il diritto alla casa alle famiglie a basso reddito. Assegnare alloggi erp alle persone aventi diritto non sembra una priorità amministrativa. Negli ultimi mesi circa dieci alloggi confiscati, destinati all'equa dislocazione delle famiglie residenti all'ex Polveriera di Ciccarello, non sono stati assegnati per evitare situazioni di concentramento dei nuclei del ghetto.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.