Stampa questa pagina

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria-Da Empoli-Ferraris" incontrano Wonder Giusy

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 06 Dicembre 2018 10:58

Reggio Calabria. Voce roca, per una raucedine post Happy Run for Christmas, Giusy Versace è arrivata stanca ma sorridente, come sempre, in una sala Calipari di Palazzo Campanella piena di giovani scolari per presentare il suo ultimo libro dedicato ai bambini: “Wonder Giusy”, per i tipi della Mondadori. L'incontro, voluto e organizzato dall'ITE Piria – da

Empoli/Ferraris, con il patrocinio dell'ATP di Reggio Calabria ha visto la partecipazione di molte scuole elementarie e medie della città. WonderGiusy, dunque, ha incantato i ragazzi che hanno ascoltato con molto interesse i racconti di vita dell'atleta reggina e anche la relazione del pediatra Domenico Capomolla che ha spiegato i benefici della pratica di lettura in famiglia in età precoce. Ride, scherza con gli studenti Giusy Versace e spiega che questo nuovo nuovo libro illustrato è nato pensando proprio ai più giovani perchè “i bambini sono il futuro e solo loro possono aiutarci ad abbattere le barriere mentali che gli adulti hanno costruito attorno al mondo dell’handicap ed è importante accendere i riflettori su queste tematiche perché si impari a guardare alle persone con disabilità con più rispetto e attenzione come del resto meritano tutti. Senza distinzioni”. Ed ecco allora che arriva “WonderGiusy”, la supereroina dotata del potere del sorriso e di un paio di gambe alate, sempre pronta ad aiutare il prossimo e a salvare chi si trova in difficoltà. WonderGiusy un giorno sente una voce: è quella di Chris, un ragazzo costretto sulla sedia a rotelle, convinto che non riuscirà mai più a correre e a giocare a basket con gli amici. Lui ancora non sa che volare è correre un pò più veloci, e correre è volare un pò più lenti. Sfidando il malvagio Hater, che "scoraggia ogni coraggio", WonderGiusy porterà Chris con sé in un viaggio alla scoperta dei propri superpoteri. Perché "superpotere" è voce del verbo superare ogni limite. Come è nata l'dea del libro? - chiedono i ragazzi. “L’idea me l’ha data un bimbo di 10 anni, - racconta Versace - mentre mi allenavo al campo di atletica a Vigevano. L’ho visto domandare all’amico dove fosse il telecomando per far funzionare così bene le mie protesi e correre così veloce. Quest’episodio mi ha fatto sorridere e riflettere su come la curiosità, l’innocenza e la spontaneità siano gli ingredienti principali della felicità”. WonderGiusy mette le ali e cambia gambe a seconda di quello che deve fare, e nella vita reale ne ha 12 paia per ogni necessità perchè Giusy Versace è una donna coraggiosa che ama la vita e non si ferma mai: dall'atletica al ballo, dal guidare il motorino al parapendio fino a volare al Carnevale di Venezia: «Mi tremavano le gambe che non ho. Ero a ottanta metri di altezza, mi hanno offerto della grappa e ho rifiutato. Poi ho guardato quello che mi aveva messo tutta l’imbragatura e gli ho detto: “Qua rischio che mi volano entrambe le gambe”. Mi sono sentita baciata da Dio, toccavo il cielo. Ho guardato la gente sotto, la laguna e mi sono messa a piangere». Un libro che si legge tutto di un fiato, 64 pagine con le illustrazioni di Sara Mauri, che aiuta veramente a riflettere sulla disabilità e sul coraggio e la voglia di riuscire a vincere le sfide quotidiane della vita, senza mai perdere la fiducia in se stessi.

Reggio Calabria 6 dicembre 2018

Letto 304 volte

Articoli correlati (da tag)