unci banner

:: Evidenza

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

Ad Africo Antico la prima giornata di "Gente in Aspromonte", per una nuova narrazione della Calabria

E' ad Africo antico, nel cuore dell'Aspromonte, la splendida montagna selvaggia e incontaminata della Calabria che, alta, affaccia sul Mediterraneo, luogo di straordinaria bellezza, primordiale,...

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

"Lo Stretto Sostenibile" in prima assoluta il 24 Luglio al Face Festival di Ecolandia

Un documentario che, tra passato, presente e futuro, racconta le bellezze e le potenzialità del comprensorio di Catona, Arghillà e della Vallata del Gallico. E’...

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

“Luci da dentro”: il carcere visto come riscatto sociale nel rispetto per l’ambiente

È stato presentato stamane, presso la sede della Camera di Commercio di Reggio Calabria, il progetto pilota “Luci da dentro”, che vuole offrire ai detenuti...

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Reggio Calabria. Nel corso di una operazione effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Reggio Calabria: incontro delle associazioni della proprietà immobiliare

Reggio Calabria: incontro delle associazioni della proprietà immobiliare

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 11 Luglio 2018 10:45

Reggio Calabria. L'intervento delle Associazioni maggiormente rappresentative dell’area metropolitana reggina: Confabitare, Federproprietà, UPPI, Ania, Conia. "Premesso che il principale obiettivo delle nostre Associazioni è, da una parte, l’individuazione di condizioni contrattuali che tengano conto della specificità delle locazioni per poterle applicare agli immobili sfitti e,

dall’altra, la possibilità di ricondurre alla legalità il mercato degli affitti sommerso e irregolare, abbiamo rinnovato il 30 aprile u.s. l’Accordo territoriale per il Comune di Reggio Calabria che rispetto al precedente del 26 marzo 2015, integrato il 23 giugno 2017 da importanti indicazioni del Decreto Ministeriale Infrastrutture e Trasporti del 16/01/2017, recepisce l’obbligatorietà che il contratto di locazione debba essere Attestato da almeno una delle Associazioni firmatarie sulla rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all’Accordo stesso con preciso riferimento alle agevolazioni fiscali di cui potranno usufruire le parti contrattuali.  Ci è gradito sottolineare che già in data 19 gennaio 2016, e pertanto un anno prima che il Decreto Ministeriale del 16/01/2017 venisse pubblicato, l’ATTESTAZIONE DI RISPONDENZA nel nostro Comune di Reggio Calabria, era già stata  realizzata e denominata “Certificazione di applicazione dei parametri di cui all’Accordo Territoriale”  data la proficua collaborazione fra Associazioni e Ufficio Tributi che portò alla CONVENZIONE sottoscritta tra OO.SS. e il Sindaco Falcomatà a sugello dell’obiettivo da raggiungere : agevolazioni si ma solo agli aventi diritto. Nell’anno 2015 le istanze presentate in Comune per usufruire dell’aliquota IMU agevolata del 6 per mille furono 1239 ma solo 777 furono validate a conferma del buon lavoro di controllo effettuato dalle Associazioni e delle 717 presentate nel 2016 soltanto 310  per un totale di 1087 contratti validati su circa 2000. Se ne deduce che il principale obiettivo in premessa , e cioè riportare alla legalità il mercato degli affitti sommerso o irregolare, è stato parzialmente raggiunto se è vero, come da autorevole dichiarazione dell’Assessore alle Finanze Irene Calabrò in data 24 maggio 2018 a seguito dell’approvazione del conto consuntivo per l’esercizio 2017, che sia stato “attestato” un aumento di entrata per IMU di circa € 253.000,00, di TASI di circa € 90.000,00, di Tari di circa € 98.000,00 (se l’immobile è locato la Tari si deve pagare) e questi dati  confermano che le agevolazioni hanno sempre un ritorno per l’Amministrazione che le conceda. Nel mese di maggio le Associazioni hanno rivolto il loro impegno all’area metropolitana di Reggio Calabria, spinti anche dall’ interesse dimostrato dal Sindaco di Campo Calabro, e dopo attenta analisi si è ritenuto che i 12 Comuni confinanti con Reggio fossero discriminati rispetto ai Comuni confinanti con le altre 11 città metropolitane di Milano, Torino, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania, elencate nel Decreto Legge 551 del 1988 in quanto detti Comuni usufruiscono delle stesse agevolazioni fiscali di cui godono non solo le città metropolitane elencate ma anche i Comuni ATA , ad alta tensione abitativa, e i Comuni capoluoghi.  Ma la cosa che più ci è apparsa anomala è che i Comuni confinanti con Reggio, e più precisamente Villa San Giovanni, Campo Calabro, Calanna, Fiumara, Laganadi, Sant’Alessio in Aspromonte, Santo Stefano in Aspromonte, Cardeto, Bagaladi, Roccaforte del Greco,   Montebello Ionico, Motta San Giovanni, fossero stati fino al 2003 considerati Comuni ATA (ad alta tensione abitativa) per esserne poi esclusi dal Cipe a differenza di Catanzaro dove non è stato escluso alcun Comune ma, addirittura, veniva inserito  Lamezia Terme, che come è noto comprende 3 ex Comuni Nicastro, Sambiase e Sant’Eufemia Lamezia, ed ancora Cosenza dove, senza alcuna esclusione,  venivano inclusi Acri, Cassano allo Ionio, Castrovillari, Corigliano Calabro, Montalto Uffugo, Rende, Rossano, San Giovanni in Fiore.  Per tal motivo, l’Uppi ed anche l’Ania  hanno presentato istanza con PEC al Ministero Infrastrutture e Trasporti trasmettendola alla cortese attenzione del dirigente Arch. Paolo Rosa, che sappiamo competente in materia di ATA,  affinché  vengano estese anche ai Comuni confinanti con la città metropolitana di Reggio Calabria le medesime agevolazioni che riguardano sia l’applicazione della cedolare secca al 10%, che sostituisce l’irpef e le relative addizionali comunali e regionali, sia l’IMU agevolata se il tal Comune la dovesse deliberare. Al momento, in attesa di conoscere le risultanze del Ministero, le agevolazioni applicabili sono la riduzione del 25%  di IMU e TASI sulle aliquote già deliberate dai Comuni in ossequio all’art. 1, commi 53 e 54, della Legge di stabilità 2016. Ma altra peculiarità dell’Accordo Territoriale depositato nei 12 Comuni riguarda l’opportunità per gli studenti delle nostre Università che potranno usufruire delle agevolazioni fiscali non solo se dimoranti in Reggio Calabria ma anche se dimoranti in uno dei 12 Comuni limitanti. Stipulare un contratto a canone agevolato consente infine una più equa remunerazione dei canoni di affitto ma anche e soprattutto una minore e certa durata con scadenza certa alla fine del terzo anno, rinnovabile per Legge solo per altri 2 ma solo nel caso in cui non serva al proprietario per uso proprio o del coniuge o dei propri figli. Infine, nei Comuni con popolazione superiore ai 10.000 abitanti, è il caso di  Villa San Giovanni, sarà possibile stipulare contratti per uso transitorio con durata da sei a 18 mesi per motivi di lavoro o di temporanea necessità ben certificata. Infine, una novità, parzialmente da approfondire, che porterebbe beneficio almeno fino al 31 dicembre 2019 e consentirebbe l’applicazione della cedolare secca al 10% in tutta la Calabria.  Si tratta del primo riconoscimento ufficiale di un principio sancito dalla Legge 80/2014 che riconosce l’aliquota del 10% , sino al 31 dicembre 2019, sui canoni dei contratti stipulati nei Comuni in cui sia stato proclamato lo stato d’emergenza nei 5 anni precedenti la data di entrata in vigore della Legge che è del 28 maggio 2014, dunque nel tempo che va dal 28 maggio 2009 al 27 maggio 2014   e poiché il DPCM del 18 dicembre 2008, quindi prima del 28 maggio 2009, aveva dichiarato lo stato d’emergenza sulla base dell’art. 5, comma 1, della legge 225/1992, e che alcuni DPCM successivi del 2010 lo avevano prorogato per molte regioni, fra cui la Calabria, ne consegue che in tutto il territorio della Regione , e ovviamente in presenza degli Accordi territoriali depositati nei vari Comuni si possa godere delle agevolazioni fiscali al pari dei Comuni capoluogo, dei Comuni ATA e delle città metropolitane. Così l’autorevole articolo su “Il sole 24 ore” del 14 giugno u.s.-. Ad ogni buon conto ci appare opportuno un interpello sull’argomento alla Direzione Generale dell’Agenzia delle Entrate di Catanzaro che sia esaustivo per chiunque ritenga di potere usufruire della cedolare secca al 10%-. Tutto ciò premesso, il nostro auspicio è quello di ridurre il disagio abitativo delle nostre genti  attraverso una politica degli affitti che, se incentivata, porti sempre più alla perfetta regolarità dei contatti di locazione che, almeno per quanto concerne quelli a canone agevolato, sono blindati dalla ATTESTAZIONE DI RISPONDENZA delle Associazioni e, a tal proposito, vogliamo richiamare all’attenzione della AE (Agenzia delle Entrate) l’osservanza più scrupolosa della Risoluzione n. 31/E del 20 aprile 2018 emanata proprio dalla Direzione Centrale Coordinamento Normativo che in risposta ad un quesito circa l’obbligatorietà dell’Attestazione al fine di poter godere delle agevolazioni fiscali ha risposto testualmente : “ Con riferimento alle agevolazioni riferite a tributi gestiti da questa Agenzia (quali l’applicazione dell’aliquota ridotta nella misura del 10% prevista ai fini della cedolare secca, ovvero le agevolazioni previste dall’art. 8 della Legge 9 dicembre 1998 n. 431, in materia di irpef)  SI PRECISA che per i contratti a canone concordato “ non assistiti” l’acquisizione dell’attestazione costituisce elemento necessario ai fini del riconoscimento delle agevolazioni-.  Ma il quesito che più interessa gli addetti ai lavori , è il seguente : L’Attestazione deve essere prodotta in allegato al contratto di locazione in sede di registrazione ? L’Agenzia delle Entrate, nel precisare che tale obbligo non rientra nelle previsioni dettate dal Testo Unico dell’imposta di registro approvato con il DPR 26 aprile 1986 n. 131, tuttavia afferma : “ L’allegazione dell’Attestazione in sede di registrazione appare peraltro opportuna al fine di documentare la sussistenza dei requisiti laddove il contribuente chieda di fruire dell’agevolazione prevista dall’art.8 della Legge 9 dicembre 198 n. 431 ai fini dell’imposta di registro-. Ebbene , approfittando della partecipazione a questa conferenza della Dirigenza dell’ Agenzia delle Entrate di Reggio Calabria,  e nell’ottica di una sempre fattiva collaborazione fra Associazioni e Amministrazioni, si chiede che sia richiamata opportunamente all’attenzione di chiunque registri un contratto di locazione a canone agevolato che l’Attestazione di rispondenza, peraltro richiesta ufficialmente dall’ Amministrazione comunale per usufruire dell’aliquota IMU agevolata, venga rilasciata prima della registrazione  per   avere piena certezza di godimento delle agevolazioni fiscali , se spettanti. Vogliamo segnalare che i modelli allegati agli Accordi Territoriali formulati dalle Associazioni della proprietà immobiliare  Confabitare, Federproprietà, Uppi, e dell’inquilinato Ania e Conia, riportano in calce, subito dopo la modalità di calcolo richiesto anche dal Regolamento IMU vigente nel nostro Comune, lo schema di Attestazione di Rispondenza da rilasciare, per i contratti non assistiti dalle OO.SS., da almeno una Associazione che abbia sottoscritto l’Accordo stesso ed anche l’Attestazione di rispondenza, da usare in alternativa,  in caso di contratto assistito da una Associazione della proprietà e da una Associazione dell’inquilinato.  

 

Reggio Calabria 11 luglio 2018

Letto 101 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Reggina. Il portiere Matevz Vidovsek vestirà la maglia amaranto

    Reggio Calabria. La Reggina 1914 ha acquisito le prestazioni sportive di Matevz Vidovsek. Il portiere classe ‘99 arriva in prestito secco dall’Atalanta Bergamasca Calcio.

  • Estate lontana dallo stress, i turisti scelgono i conventi. A Caulonia l'Eremo di Sant'Ilarione

    Reggio Calabria. Cresce sempre di più tra gli italiani il desiderio di voler trascorre le proprie vacanze estive in compagna del silenzio e della meditazione, lontani dallo stress e dalla routine che scandisce prepotentemente il ritmo delle giornate. Si scappa dal frastuono per una full immersion in luoghi dall'equiparabile bellezza, in veri e propri paradisi naturali che garantiscono la

  • Politica regionale, l'analisi del consigliere Alessandro Nicolò (FdI)

    Reggio Calabria. “La mancanza, per l’ennesima volta, del numero legale in occasione dell’ultima seduta di Consiglio regionale, è copione ormai logoro per la Calabria e i calabresi, ai cui occhi è palese la disgregazione e lo sfilacciamento di una maggioranza in caduta libera, ridotta ai minimi termini e che non riesce più neppure a governare l’aula, oltre a non essere in grado di

  • Strage di Via d'Amelio. Bindi: "Ci fu depistaggio, accertare responsabilità istituzionali e giudiziarie"

    Roma. "La strage di Via d'Amelio è una pagina tra le più oscure e inquietanti della storia repubblicana, sulla quale va fatta piena verità e giustizia a partire dalle recenti acquisizioni. A 26 anni dal tragico eccidio è evidente, come avevamo già scritto nella nostra relazione conclusiva, il depistaggio operato fin dalle primissime indagini e il carattere anomalo dell'improvvisa

  • Nasce Scuola DemenzAlzh: pagina Facebook di sostegno alle famiglie dei malati di demenze

    Reggio Calabria. Prosegue e si rafforza, da parte della Ra.Gi. Onlus, il percorso di sostegno ed aiuto alle famiglie delle persone malate di demenze e ai caregiver, che si trovano a doverli accudire, cercando di gestire i comportamenti insoliti di chi non è più la persona di un tempo. Nasce la “Scuola DemenzAlzh”, una semplice pagina Facebook alla quale chiunque può

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.