unci banner

:: NEWS

La migrazione degli uccelli rapaci agli “Incontri di natura” del Parco

La migrazione degli uccelli rapaci agli “Incontri di natura” del Parco

Prosegue il ciclo di conferenze organizzato dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di Reggio Calabria, e al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane...

Serata Tchaikovsky al Teatro Cilea con l’Orchestra del Conservatorio

Serata Tchaikovsky al Teatro Cilea con l’Orchestra del Conservatorio

Per la prima volta a Reggio Calabria una "Serata Tchaikovsky" al Teatro Cilea dedicata al celeberrimo compositore russo che tanto amò l’Italia. Sabato 19 ottobre 2019 alle ore 20:30, il...

Il XXXIV Premio Mondiale di Poesia Nosside 2019 esalta l’antica lingua degli Incas e i versi di uno svizzero-italiano

Il XXXIV Premio Mondiale di Poesia Nosside 2019 esalta l’antica lingua degli Incas e i versi di uno svizzero-italiano

Un progetto senza confini: il Premio Mondiale di Poesia Nosside 2019 va ex-aequo a una lirica composta nell’antica lingua “quechua” del popolo andino degli Incas e ad una poesia di...

Italia Nostra: tre rare protagoniste arricchiranno il patrimonio botanico della via marina

Italia Nostra: tre rare protagoniste arricchiranno il patrimonio botanico della via marina

L’Associazione Italia Nostra Sezione di Reggio Calabria, in collaborazione con il Comune di Reggio Calabria, Settore Ambiente, Servizio Agricoltura e verde pubblico, porta a compimento l’iniziativa avviata lo scorso mese...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Reggio riabbraccia la sua Patrona nella processione di settembre tra fede e speranza

Reggio riabbraccia la sua Patrona nella processione di settembre tra fede e speranza

Pubblicato in ATTUALITA' Sabato, 14 Settembre 2019 15:46

Reggio riabbraccia la sua Patrona secondo tradizione nel secondo sabato di settembre. Tantissimi i fedeli che anche quest'anno hanno animato la città sin dalla notte scorsa per attendere la processione che dall'Eremo ha accompagnato la Sacra Effige sino in Cattedrale.

A seguire le parole di Monsignor Morosini in Piazza della Consegna

Fratelli carissimi,
ringraziamo Dio perché ci ha concesso anche quest'anno di ritrovarci insieme per questo appuntamento così ricco di emozione.
Il nostro pensiero va immediatamente a chi quest'anno è assente: chi è stato chiamato da Dio, chi è impedito per malattia, chi per lavoro, chi ha lasciato la nostra città, soprattutto giovani, per cercare lavoro. Li abbiamo tutti presenti nella nostra preghiera. In particolar modo vi invito a pregare per i sofferenti e i malati terminali, che hanno bisogno di non essere lasciati soli in questo loro ultimo tratto di strada in questo mondo. A loro bisogna garantire non solo quelle cure necessarie perché le loro sofferenze siano alleviate, ma soprattutto quel conforto e quella consolazione che tutti noi vorremmo avere in un momento così drammatico. Noi abbiamo in città un bene grande, che solo chi ne ha potuto usufruire l'aiuto, lo ha apprezzato. Mi riferisco all'Hospice, che dobbiamo sostenere in questa opera preziosa di consolare le persone in viaggio verso l'eternità.
Chiedo umilmente alle Istituzioni di trovare una definitiva soluzione che garantisca a tale opera di continuare ad erogare i suoi servizi. È un bene troppo grande, non ci possiamo permettere di perderlo.
Come cristiani, dinanzi alla Vergine della consolazione dobbiamo moralmente opporci a quella cultura di morte, che sta tentando in tutti i modi di imporci l'accettazione della legittimità dell'eutanasia e del suicidio assistito. La Madonna della consolazione è qui per distribuire un conforto nel segno della difesa della vita umana e non nel segno della morte procurata. Un vero Stato di diritto deve garantire la cure palliative per tutti e non deve incentivare la morte di nessuno.
L'Immagine della Vergine è ancora qui, miei cari, a dirci che Lei c'è sempre per sostenere il nostro impegno per il bene e per la realizzazione delle nostre speranze.
Anche quest'anno in Cattedrale la onoreremo e la invocheremo come Madre della consolazione, chiedendo il suo conforto e la sua benedizione. In questo momento, mentre ci rassicura che Lei c'è, ci chiede se noi ci siamo. Noi l'accogliamo festanti, come sempre, ma sapremo rassicurarLa che anche noi ci saremo per tutto quel bene che Le chiediamo?
Sono tanti i bisogni di ciascuno di noi, delle nostre famiglie, delle nostre aggregazioni sociali, che stanno alla base della vita della nostra città. Il bene va impetrato da Dio con la preghiera, ma va costruito anche da noi con responsabilità.
Chiediamo a Maria di darci la forza di essere cittadini attivi e responsabili, di essere non solo fruitori dello sviluppo desiderato per la nostra città, ma attori responsabili ed efficienti della sua crescita. Abbiamo celebrato il nostro annuale Convegno diocesano all'insegna di una cittadinanza attiva e responsabile, che come credenti dobbiamo esercitare sul nostro territorio. Mi auguro che le nostre realtà ecclesiali sappiano esprimere al meglio questa cittadinanza per i prossimi appuntamenti che la vita democratica ci propone, che come cristiani dobbiamo preparare con spirito di servizio e con la fedeltà ai grandi principi che stanno alla base del Vangelo.
Vergine della consolazione, ti affidiamo le speranze che tutti ci portiamo dentro. Nei giorni che starai nella Cattedrale, cuore della nostra vita ecclesiale, in tanti verranno a renderti omaggio e a pregarti. Accogli ogni preghiera, alla quale sono legate tante speranze; dona conforto e fiducia; converti i cuori induriti nel male; non permettere che nessuno torni a casa, dopo l'incontro con te, ancora disperato senza percepire quella pace interiore che solo tu saprai donare.

Rc 14 settembre 2019

Letto 143 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La Madonna resta ancora accanto al suo popolo, processione rinviata

    La Madonna della Consolazione, rimarrà per altri sette giorni in Cattedrale. Il pellegrinaggio mariano, previsto per questo pomeriggio, a causa del maltempo, è stato spostato dall'arcivescovo metropolita di Reggio-Bova, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, a domenica 3 dicembre, alle ore 15.30. Il dolce sguardo della Madre celeste continuerà così ad accarezzare il suo popolo, che numeroso aveva affollato, sin dalle prime ore di una domenica uggiosa, Piazza Duomo e l'interno della Cattedrale, per la recita del Santo Rosario con le promesse alla Consolatrice.

  • Processione Madonna, davanti alla croce le due autoemoteche di Avis e Adspem Fidas

    La processione della Madonna della Consolazione partirà domani, domenica 26 novembre, dalla Basilica Cattedrale alle 15.30. L’arcivescovo, il clero, i pellegrini, gli operatori pastorali e i parroci accompagneranno la Madre verso il Santuario dei padri Cappuccini, l’Eremo. Il simulacro dell’avvocata del popolo reggino era stato portato in Duomo il 9 settembre scorso, in occasione dei solenni festeggiamenti per la Festa della patrona della Chiesa reggina e in concomitanza con l’apertura dell’anno pastorale diocesano, dedicato alla tematica della Comunione da viverre in comunità. Durante questi mesi di permanenza in Duomo tantissimi fedeli si sono recati in pellegrinaggio per affidare alla Madre speranze e preghiere.

  • Ricordi di una festa che cambia nei suoi riti di comunità

    Il sabato della Festa di settembre tra favorevoli e contrari, anche ieri sera ha comunque registrato la corsa al panino con la salsiccia. Chioschi e bar hanno animato la notte reggina per un momento di socializzazione che dicono i “vecchi” originariamente era quello del panino con le frittole a pranzo dopo la processione. O per dirla tutta: “a pizzata i paniculu”, oggi solo uno scioglilingua per i più. La

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.