unci banner

:: Evidenza

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

La Guardia Costiera soccorre due imbarcazioni a vela in difficoltà per il maltempo

Nella mattina odierna la Guardia Costiera di Reggio Calabria ha effettuato il simultaneo soccorso di due imbarcazioni a vela, colte da improvvise condizioni meteo marine...

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Bando Servizio Civile 2018: sono 15 i posti disponibili alla Caritas Diocesana, tutte le info

Il 20 agosto 2018.. il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha emanato un Bando per la selezione di n. 28.967 volontari da...

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

Brancaleone, Nazzareno torna a casa

E' un'altra bella storia a lieto fine, di passione e di speranza, quella che ci arriva da Brancaleone. In questo piccolo paesino della costa ionico-meridionale...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Regione, Cgil Cisl e Uil: "Confronto aperto con i sindacati può far cambiare passo alla Calabria"

Regione, Cgil Cisl e Uil: "Confronto aperto con i sindacati può far cambiare passo alla Calabria"

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 16 Maggio 2018 14:15

Reggio Calabria.  "E’ ripreso, dopo alcuni mesi, il confronto con il Governo regionale. Un incontro, quello di ieri, più che altro di carattere interlocutorio, nel corso del quale non si è entrati nel merito delle questioni più importanti, a partire dai temi della crescita, dello sviluppo, del lavoro La riunione, comunque, ha evidenziato alcuni punti di riflessione positiva. Intanto, come

detto, ha rappresentato la ripresa di un confronto con le parti sindacali". E' quanto dichiarano in una nota congiunta Angelo Sposato, segretario generale Cgil Calabria, Paolo Tramonti, segretario generale Cisl Calabria e Santo Biondo, segretario generale Uil Calabria. "Un altro elemento positivo, strettamente inerente alle questioni ancora aperte sul tavolo in materia di lavoro, è stata la conferma da parte dell’amministrazione regionale dello sblocco dei bandi dei tirocini formativi – che lo ribadiamo non sono la panacea di tutti i mali di questa regione - nei settori dei beni culturali, della scuola e degli uffici giudiziari. Ora che la macchina pare essersi rimessa in moto ci auguriamo che non si verifichino più intoppi in questo settore che vede coinvolti oltre 2000 calabresi, per i quali i tirocini, oltre a rappresentare un’occasione per acquisire competenze, sono una boccata d’ossigeno economica e sociale. Riteniamo, comunque, sia prematuro poter esprimere un giudizio positivo sulle risultanze dell’incontro alla Cittadella. Ci è apparso riduttivo riscontrare come esito positivo solo la contingente risoluzione della problematica dei tirocini formativi. Sono ancora tante le cose da fare. Lo ribadiamo, manca un piano per il lavoro, manca un progetto concreto e complessivo per affrontare e risolvere, con la stabilizzazione, la questione aperta degli Lpu/Lsu o del precariato calabrese storico ed istituzionalizzato. Ora bisogna spostare l’asticella degli impegni del governo regionale. Sul tema del lavoro e dell’inclusione sociale, tenuto conto degli oltre 300 milioni di euro disponibili attraverso il Fondo sociale europeo, la Regione deve essere in grado di mettere in campo, prima possibile, un piano complessivo che guardi a tutto il mondo del lavoro calabrese. E tempo di mettere a frutto queste risorse, ce lo impongono i dati statistici sull’occupazione in Calabria che, oggi come ieri, sono drammaticamente preoccupanti.Al governatore Oliverio abbiamo chiesto di dare corso ad un accordo quadro regionale che sia in grado di chiarire in modo trasparente la gestione degli appalti, al fine di bloccare il rischio di infiltrazione mafiosa, elevare lo stato di sicurezza sui luoghi di lavoro e applicare concretamente la clausola sociale per la tutela dei lavoratori. Alla giunta regionale, poi, abbiamo chiesto che venga fatto un punto sull’attuazione del Programma operativo regionale 2014/2020, sul quale il Comitato di sorveglianza ha messo in evidenza diversi ritardi di attuazione. A chi gestisce la cosa pubblica regionale, ancora, abbiamo sottolineato l’importanza di monitorare costantemente lo stato di salute della sanità calabrese, per migliorarne gli standard di prestazione e offrire ai cittadini calabresi servizi moderni, sicuri ed efficienti. Sul tavolo della discussione, poi, abbiamo posto nel giusto rilievo la necessitò di un focus specifico sul riordino del settore della partecipazione pubblica in Calabria. Un approfondimento che deve prendere le mosse dal chiarimento sul futuro di Sorical – anche alla luce dell’attuazione delle nuove disposizioni sul ciclo idrico regionale – e di Fincalabra. Diamo, poi, per acquisita la ritrovata disponibilità del Presidente della Giunta regionale e della sua squadra di governo ad impegnarsi in un confronto serrato su tutti i temi proposti in questi mesi dal sindacato, a partire dalla necessità di dare concretezza ad un cronoprogramma sugli investimenti pubblici per le infrastrutture – che preveda l’avvio effettivo delle opere già finanziate e l’ammodernamento dei tratti reggini e crotonesi della Strada statale 106 – in attuazione del Masterplan per il Sud. Il contrasto della disoccupazione e della povertà assoluta deve essere il filo conduttore di questo ultimo scorcio di legislatura. I segnali di discontinuità, quindi, ci sono, ma non bastano. Siamo convinti che solo il confronto aperto, franco e costruttivo con le organizzazioni sindacali possa far cambiare passo alla Calabria. CGIL, CISL e UIL valuteranno le risultanze dell’incontro con i vertici dell’amministrazione regionale in una riunione delle Segreterie unitarie che si terrà domani a Catanzaro presso la sede della Cgil.

Reggio Calabria 16 maggio 2018



Letto 176 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La Cgil a Salvini: la ‘ndrangheta si combatte innanzitutto con il Lavoro

    “La scelta di svolgere a San Luca il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica in una villa confiscata alla ndrangheta è un gesto simbolico ma importantissimo di presenza dello Stato nel territorio locrideo, sostiene il Segretario Generale della Cgil Reggio Calabria - Locri Gregorio Pititto. Si tratta di una iniziativa in continuità con l'azione dei governi precedenti - sottolinea Pititto - unitamente all'impegno tangibile profuso dalla magistratura e dalle forze dell'ordine, che negli ultimi anni hanno assestato colpi importanti contro le cosche operanti nel territorio metropolitano, aggredendo anche ingenti patrimoni.

  • Lega Navale di Reggio Calabria dona al Comune una carrozzella da mare per disabili

    Reggio Calabria. Sabato 18 Agosto, alle ore 18 presso l’Hotel Miramare, nell’ambito delle attività previste all’interno del I Festival dello Stretto “Morgana vede”, si terrà un incontro con rappresentanti della LNI Sezione RC Sud finalizzato alla disamina delle problematiche legate alla Sicurezza in Mare e alle novità introdotte dal Nuovo Codice della Navigazione. Nell’occasione,

  • Reggio Calabria. Sbarco di 72 migranti nella Locride

    Reggio Calabria. Questa mattina sono sbarcati spontaneamente nel comune di Bianco 72 migranti, venti donne e 12 minori, di nazionalità curda, afghana e irachena e siriana, giunti su una barca a vela che successivamente è stata intercettata dalla Guardia costiera che ha trasbordato i restanti 39 migranti sbarcati al porto di Roccella Jonica. I migranti sono in buone condizioni

  • 'Ndrangheta: sequestrato patrimonio immobiliare di 2mln di euro a imprenditore di Melito

    Reggio Calabria. Le Fiamme Gialle del Nucleo Speciale Polizia Valutaria di Reggio Calabria, hanno eseguito una misura di prevenzione patrimoniale emessa dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, con il

  • Bagaladi: scoperte dai carabinieri 5.300 piante di canapa indiana

    Reggio Calabria. I Carabinieri della Stazione di Bagaladi, mercoledì pomeriggio, nel corso di un servizio di controllo del territorio finalizzato al rinvenimento di piantagioni di canapa indiana effettuato con il supporto dei colleghi Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, hanno rinvenuto, in località Maru Micu di Bagaladi, una vasta piantagione composta da oltre 5.300 piante della

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.