:: Evidenza

Fideiussione, accolto il ricorso della Reggina

Fideiussione, accolto il ricorso della Reggina

La Reggina 1914, assistita dagli avvocati Francesco Diciommo e Edoardo Chiacchio comunica l’accoglimento del ricorso relativo la fideiussione. Di seguito comunicato n. 29 del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare. Il Tribunale Federale Nazionale –...

Dal 28 ottobre arriverà l'acqua del Diga del Menta a Reggio Calabria

Dal 28 ottobre arriverà l'acqua del Diga del Menta a Reggio Calabria

Il Presidente della Giunta regionale Mario Oliverio, d'intesa con il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, e il Commissario di Sorical spa, Luigi Incarnato, comunica che il 28 ottobre p.v. si procederà all'attivazione della fornitura...

Completamento strada a scorrimento veloce San Roberto-Fiumara-Campo Calabro, il 25 ottobre incontro pubblico

Completamento strada a scorrimento veloce San Roberto-Fiumara-Campo Calabro, il 25 ottobre incontro pubblico

Si terrà il 25 ottobre alle ore 16.00, nel territorio del comune di Fiumara, sull’innesto della strada a scorrimento veloce che porta a San Roberto, l’incontro pubblico sul completamento dell’arteria fino a Campo Calabro, e...

Pedopornografia, arrestato un 45enne:  deteneva quasi 3 mila filmati e foto

Pedopornografia, arrestato un 45enne: deteneva quasi 3 mila filmati e foto

Nella giornata di ieri è stato tratto in arresto un operatore commerciale di quarantacinque anni, abitante a Reggio Calabria, che deteneva oltre 3000 immagini e filmati di contenuto pedopornografico. E’ questo il profilo che emerge...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Resta senza una via d'uscita la lunga agonia di Riace

Resta senza una via d'uscita la lunga agonia di Riace

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 09 Agosto 2018 14:52

A questo punto almeno in lontananza come in ogni film western che si rispetti, si sarebbe dovuto sentire il trombettista che suona la carica alla cavalleria, prossima a piombare sul villaggio per salvare i buoni dai “cattivi pellerossa”, prima dei titoli di coda. Di fatto nemmeno l’incontro di questa mattina in Prefettura ha spostato di un millimetro il baratro in cui si trova Riace. E storia insegna che la guerra la vince chi ha i rifornimenti. Riace, terra che regalò gratuitamente al mondo i primi (unici) due guerrieri migranti del tempo antico e solo fino a qualche settimana fa esempio riconosciuto oltreoceano con il suo modello di accoglienza, oggi di fatto collassa su se stessa senza finanze, nella silenziosa agonia programmata della sua fine.

A parte il governatore Mario Oliverio giunto sulla costa ionica reggina a pochi giorni dall’inizio dello sciopero della fame di Mimmo Lucano, di fatto nessuna soluzione sostenibile è stata attuata. Se errore vi fu, l’atteggiamento del buon padre di famiglia che reindirizza sulla retta via sembra essere stato scalzato da un gelido vento del nord che mal si concilia a queste latitudini. Strano destino o forse no. La storia impiegò due secoli a dire che i cattivi erano quelli della cavalleria e non i pellerossa. Ma forse anche lì sarà già troppo tardi. 

Rc 9 agosto 2018

Letto 186 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Giovanni Maiolo (ReCoSol): «Chiediamo a tutti i Comuni di conferire la cittadinanza onoraria a Domenico Lucano»

    L'intera Rete dei Comuni solidali (Recosol) si stringe a Riace e al sindaco Mimmo Lucano. Amministratori, associazioni, volontari di ogni parte d'Italia al fianco di Riace che in tutti questi anni ci ha insegnato che le migrazioni se gestite nel modo corretto possono essere una risorsa e non necessariamente un problema. Ci ha insegnato che si può accogliere facendo l’interesse non solo dei migranti, ma anche dei propri cittadini e del proprio territorio.
    L’“esilio” deciso dal tribunale del Riesame dopo la revoca degli arresti domiciliari è un’azione che non fermerà il lavoro del primo cittadino e soprattutto non spegnerà lo spirito solidale innescato. In attesa degli sviluppi giuridici Re.Co.Sol rimane al fianco di tutti i primi cittadini che ogni giorno -da anni- operano per migliorare le condizioni sociali di tutte e tutti.

  • Mimmo Lucano lascia Riace all'alba dopo il divieto di dimora

    Ha lasciato la sua casa di Riace questa mattina presto alle 6, il sindaco Mimmo Lucano dopo che ieri il Tribunale del Riesame ha revocato la misura degli arresti domiciliari disponendo la misura del divieto di dimora. Per la  sua compagna invece disposto l’obbligo di firma invece del divieto di dimora. Secondo quanto appreso Lucano si sarebbe trasferito in un centro vicino della jonica reggina. 

  • Cgil, Cisl e Uil: “Evitare il rischio che un modello di integrazione venga spazzato via”

    Siamo a fianco alla magistratura ed al contempo auspichiamo che il Sindaco di Riace, Mimmo Lucano, possa dimostrare ogni estraneità ai fatti contestati, oggetto dell’indagine. Ma in questa vicenda, dai tristi connotati, non possiamo tacere tutta la nostra preoccupazione, per la possibilità che si intravede all’orizzonte, di smontare e svilire un modello che umanamente e socialmente è stato indiscutibilmente virtuoso. La nota del ministero, con la quale si specifica che i migranti dello Sprar di Riace si muoveranno solo su base volontaria - è il meccanismo che scatta quando un progetto Sprar deve chiudere - lascia intendere che ci sia la volontà di non salvaguardare un’esperienza che ha animato un territorio ed una comunità intera.

  • Mimmo Lucano torna libero ma lontano dalla sua Riace

    Mimmo Lucano torna libero ma lontano dalla sua Riace. Il Tribunale del Riesame davanti a cui oggi si è celebrata l’udienza, ha revocato la misura degli arresti domiciliari sostituendola con il divieto di dimora a Riace.

  • In Piazza Italia movimenti e associazioni per esprimere vicinanza a Mimmo Lucano

    Come annunciato questo pomeriggio in piazza Italia singoli cittadini, associazioni, movimenti, si sono ritrovati per dare sostegno a Mimmo Lucano sindaco di Riace. Un piazza dai diversi colori che ha voluto ancora una volta ribadire la vicinanza ad un progetto quello di Riace che resta nel suo modello capofila ed esempio di integrazione possibile per la rinascita dei territori

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.