unci banner

:: Evidenza

La Madonna della Consolazione saluta Reggio e torna all'Eremo: domenica la processione

La Madonna della Consolazione saluta Reggio e torna all'Eremo: domenica la processione

Reggio Calabria. E' arrivato il giorno della risalita. La Madonna della Consolazione, patrona di Reggio Calabria, domenica 25 novembre saluterà il suo popolo per rientrare all'Eremo. La processione partirà dalla Cattedrale alle 15.30 si snoderà...

Palazzo Alvaro: venerdì la presentazione del lungometraggio “Sandrino-Il Film”

Palazzo Alvaro: venerdì la presentazione del lungometraggio “Sandrino-Il Film”

Reggio Calabria. Un reggino “DOC” presto al cinema. Sì, perché Sandrino, il popolare personaggio creato dall’attore comico Pasquale Caprì, dopo il grande successo riscosso in questi anni in teatro, TV e radio, finalmente sbarca sul...

Emendamento Cannizzaro: ammessa la proposta di 55mln di euro per il "Tito Minniti"

Emendamento Cannizzaro: ammessa la proposta di 55mln di euro per il "Tito Minniti"

Reggio Calabria. "Ammissibile perché riguarda enti da considerarsi di rilievo nazionale e/o internazionale”, con queste parole il presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, di cui il sottoscritto è componente, ha riammesso l'emendamento da...

Reggio Calabria. Albo cooperative sociali, Chiriatti: "Qualcosa inizia a muoversi"

Reggio Calabria. Albo cooperative sociali, Chiriatti: "Qualcosa inizia a muoversi"

Reggio Calabria. "Si è appena concluso l’ incontro tenutosi al Settore delle Politiche Sociali della Città Metropolitana, alla presenza del dirigente dott. Catalano, del funzionario dott.ssa Albanese e del vice presidente Unci Calabria dott.ssa Chiriatti....

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Sabato 10 novembre sulla scalinata del Cilea per dire NO al disegno di legge Pillon

Sabato 10 novembre sulla scalinata del Cilea per dire NO al disegno di legge Pillon

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 08 Novembre 2018 16:10

N.U.D.M. RC e le donne reggine dell’UDI hanno promosso ed organizzato anche a Reggio Calabria, come in tutto il territorio nazionale, per sabato 10 novembre 2018 sulla scalinata del Teatro Cilea dalle ore 16 alle ore 19,30 un presidio, per ribadire il loro NO al DDL “Norme in materia di affido condiviso” n°735/18 del Senatore PILLON
- NO alla mediazione familiare obbligatoria a pagamento, quale strumento di controllo e di gestione dei conflitti familiari, perchè non solo presuppone dei costi che non tutte le coppie possono sostenere ma, soprattutto, non può essere ammessa nei casi di relazioni segnate dalla violenza e dalla violenza assistita o di abusi a danno dei bambini (Convenzione di Istanbul)

- NO all’imposizione di rigidi tempi paritari: perché non tiene conto all’interno dell’obbligo condiviso, dei bisogni dei minori i quali saranno privati del diritto e della possibilità di scelta e di espressione.
- NO al mantenimento diretto perché presuppone l’assenza di differenza economica tra coniugi e non tiene conto per le donne delle disparità esistenti nell’accesso e nella permanenza nel mercato del lavoro oltre che, alle diversità salariali. Donne che spessissime volte hanno rinunciato al loro lavoro per prendersi cura della famiglia.
- NO all’introduzione del concetto di alienazione parentale, privo di ogni fondamento scientifico, che presuppone esservi manipolazione di un genitore sui figli ai danni dell’altro. Anche nei casi di violenza assistita, abuso e violenza domestica il minore si troverà costretto all’obbligo di frequentazione del genitore violento ed abusante (in aperta violazione di obblighi internazionali e di principi sanciti da costante e solida giurisprudenza) con l’obbligo, per l’altro genitore, di doverne favorirne e garantirne in ogni modo la frequentazione.

- Diciamo NO al piano genitoriale, perché incrementa le ragioni di scontro tra i genitori pretendendo di fissare norme di vita rigide con conseguenti potenziali complicazioni nella gestione ordinaria della vita dei minori in crescita.

Il disegno di legge Pillon segnala una direzione molto chiara che questo governo intende prendere: offrire
un modello di società in cui si assicuri la sopravvivenza del patriarcato e formalizzando, attraverso
l’intervento dello Stato, il disconoscimento dell’autodeterminazione delle donne e di ciò che sono per
storia, bisogni, desideri.

La cittadinanza è invitata a partecipare

NUDM RC e Donne reggine dell’UDI


ADERISCONO ALLA MANIFESTAZIONE :
Collettiva AutonoMIA RC ; CSA Nuvola Rossa ; Co.S.Mi ; CSOA A.Cartella ; AGEDO RC ; Ass. UN MONDO DI MONDI ; ARCI (Comitato territoriale Reggio Calabria) ; Ass. JINECA ; Ass. IL CUORE DI MEDEA ; CIDI (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti ) ; ANPI Reggio Calabria ; ACTIONAID Reggio Calabria ; IL CIRCOLO DI CULTURA GRECA "APODIAFAZZI" Bova (Reggio Cal) ; ASS. ARCIGAY "I DUE MARI" Reggio Calabria ; Movimento “IL SUD CHE SOGNA ; SPI - CGIL ; AUSER Soccorso ; AUSER Solidarietà ; POTERE AL POPOLO Reggio Calabria ; PCL (Partito Comunista dei Lavoratori) ; LIBERI E UGUALI Reggio Calabria; DONNE IN MOVIMENTO (Chiesa Valdese) ; S.U.L. (Sindacato Unitario dei Lavoratori) ; USB (Unione Sindacale di Base) ; Ass. REGGIO VEG ; Cooperativa Sociale SOLE INSIEME ; Ass.culturale MAGNOLIA

Rc 8 novembre 2018

Letto 137 volte

Articoli correlati (da tag)

  • ANPI: No al DDL Pillon, No a leggi che non realizzino la Costituzione

    Il DDL n. 735, presentato da un gruppo di parlamentari del M5S e della Lega, che ha come primo firmatario il senatore Simone Pillon, interviene, modificandole, sulle norme di legge che regolano i rapporti tra i genitori separati o divorziati, in particolare per quel che riguarda le regole dell’affido condiviso dei figli. Si tratta certamente di una materia di grande delicatezza che richiederebbe un più approfondito esame delle questioni che sono alla base di una serie infinita di controversie tra ex coniugi che molto spesso finiscono per riflettersi pesantemente sulla crescita dei figli, quasi sempre minori. Le proposte sulle quali si discute sono frutto di una insufficiente riflessione sulle conseguenze delle norme previste dal DDL n. 735, ma sono anche espressione di una concezione lontana dai valori costituzionali, cui tutte le norme di legge dovrebbero ispirarsi.

  • Cgil Reggio Calabria-Locri contro il ddl Pillon: sabato 10 novembre presidio davanti al "Cilea"

    Reggio Calabria. La CGIL di Reggio Calabria – Locri annuncia la propria adesione alla manifestazione organizzata dalle associazioni “Non una di meno” e “Unione Donne d'Italia” contro il disegno di legge Pillon e assicura la propria presenza in occasione del presidio che il prossimo 10 novembre si svolgerà presso la scalinata del Teatro Cilea di Reggio. “Di fronte a quello che è

  • NUDM RC presenta: “Viaggio nel paese degli stereotipi. Lettera ad una Venusiana della sociologa Graziella Priulla”

    Il nuovo libro della sociologa, saggista e docente universitaria Graziella Priulla, pubblicato da Villaggio Maori Edizioni è un saggio in cui, servendosi anche di un linguaggio ironico, l’autrice affronta la questione degli stereotipi immaginando cosa potrebbe accadere se un extraterrestre, abitante del pianete Venere, arrivasse in Italia e scoprisse che nelle questioni di genere il nostro Paese non è poi così evoluto, meglio allora spiegarglielo prima. Ed ecco l’idea della lettera ch’è una sorta di guida “turistica” ai luoghi comuni sessisti nei quali la venusiana inevitabilmente si imbatterà.

  • NonUnaDiMeno: consultorio in piazza quarant'anni dopo la 194

    In Italia la battaglia per la legalizzazione dell’aborto, ottenuta dalle lotte femministe con la legge 194/1978, ha affermato una diversa cultura della sessualità e della maternità. Oggi si torna a discutere di questa legge perché, a 40 anni dalla sua entrata in vigore, i limiti che porta con sé, frutto dei compromessi di allora, hanno reso, sempre più complessa la sua applicazione. La legge 194 infatti non parla solo del diritto di una donna, di poter scegliere se effettuare o no un'interruzione di gravidanza, senza rischi, prima dell'entrata in vigore della legge, gli aborti erano tutti illegali ed effettuati in strutture fatiscenti, e da personale non conforme, ma anche dei metodi contraccettivi e come utilizzarli, oltre ad una dovuta educazione sessuale.

  • Non Una Di Meno domani in piazza: #save194

    Il 22 maggio a quarant’anni dall’approvazione della legge 194 che legalizza l’interruzione volontaria di gravidanza, Non Una Di Meno torna nelle piazze di tutta Italia forte della solidarietà dei movimenti femministi che in tutto il mondo,dall’Argentina all’Irlanda, dalla Polonia agli Stati Uniti, hanno rimesso al centro del dibattito pubblico la giustizia riproduttiva e la libertà di scegliere. Il movimento rivendica la libertà e i diritti conquistati in decenni di lotte collettive, per dire che la sessualità delle donne non è finalizzata alla procreazione, che la maternità non è un obbligo ma una scelta.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.