unci banner

:: NEWS

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova...

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

"La felicità che ci viene donata ogni giorno non sempre ha radici nel nostro presente ma va ricercata nel nostro passato, rivolgendoci ed essa per proiettarla nel nostro futuro". Il...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Scuola, Codacons: polemica per il contributo d’iscrizione “volontario”

Scuola, Codacons: polemica per il contributo d’iscrizione “volontario”

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 12 Febbraio 2019 16:18

Lo scorso 31 gennaio abbiamo ricevuto l’ennesima tassa occulta. Questa è la nuova denuncia del Codacons. Com’è noto la crisi ha colpito, in maniera drammatica, anche le scuole ed i pochi fondi che arrivano non sono sufficienti per far fronte a tutte le esigenze sia degli studenti che del personale scolastico. Così, da qualche anno, si è pensato di ricorrere al “contributo volontario”.
Si tratta di un versamento ulteriore e, soprattutto, “volontario” rispetto alle normali tasse scolastiche e, dopo essere stato deliberato dal consiglio d’istituto, viene richiesto ai genitori in concomitanza con l’iscrizione all’anno scolastico successivo.
L’obiettivo è “finanziare l’ampliamento dell’offerta culturale e formativa”.

In molti istituti però i genitori si vedono chiedere somme che poco hanno a che vedere con un semplice “contributo”.
In Calabria il Codacons parla di somme, addirittura, fino a duecento euro l’anno.
Ma più che l’importo dell’obolo, anche se in alcuni casi è davvero gravoso per i bilanci familiari, ciò che indispettisce il Codacons, è la modalità con cui viene richiesto.
Modalità che hanno fatto infuriare tanti genitori, secondo i quali il contributo sarebbe tutt’altro che volontario.
Questo nuovo balzello finisce per essere abietto proprio perché viene imposto alle famiglie mediante un “ricatto” e alcuni genitori temono che gli alunni che saranno ricompresi negli elenchi dei morosi, finiscano per essere, o sentirsi, in difficoltà.
Se il contributo è davvero volontario, dev’essere rimesso alla determinazione delle famiglie e, magari, proporzionato alle reali possibilità di ciascuno.
Prevedere una “tassazione unica” per tutti, contraddice la norma costituzionale che prevede la gratuità della scuola dell’obbligo.
Non siamo contro il contributo a priori – sostiene Francesco Di Lieto del Codacons – tuttavia pretendiamo che il versamento venga chiesto in maniera corretta, specificando l’assoluta volontarietà del contributo … altrimenti si rischia di confonderlo con una tassa.
E’ inammissibile camuffare una richiesta d’aiuto spacciandola per un obbligo.
Ovviamente i versamenti sono perfettamente legittimi - prosegue Di Lieto - tanto che sono previste finanche detrazioni fiscali legate ai predetti contributi, ma devono essere assolutamente volontari.
Nel rispetto del principio di obbligatorietà e gratuità dell’istruzione.
Se dovessimo ricevere ulteriori segnalazioni circa pressanti richieste rivolte alle famiglie - conclude la nota del Codacons - non esiteremo a denunciare questo malcostume, posto in essere con l’avallo dei Consigli d’Istituto.

Rc 12 febbraio 2019

Letto 190 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Codacons: le App che invecchiano regalano i nostri dati

    FaceApp oramai è la mania dell'estate. Per rendercene conto basta aprire i social più diffusi, Facebook e Instagram, per trovare subito innumerevoli foto di come saremo da vecchi. Il Codacons ritiene che intorno a questo, apparentemente innocuo, tormentone estivo si possa nascondere un traffico, potenzialmente pericoloso, di dati sensibili. L'applicazione del momento non è un'appendice di Facebook, come il nome lascerebbe supporre, ma è di proprietà di un'azienda con sede a San Pietroburgo in Russia.
    Esaminando il documento relativo al trattamento dei dati - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - sorgono seri dubbi sul trattamento dei dati e sulla riservatezza.

  • Concorso presidi: Codacons contro il Miur, appello infondato

    Contro il ricorso del Miur sul concorso per i presidi il Codacons si costituisce al Consiglio di Stato, depositando un intervento ad opponendum per contestare l'appello del Ministero. Ne dà notizia l'associazione, che rappresenta alcuni candidati che non hanno superato le prove e che lamentano irregolarità che avrebbero riscontrato durante il concorso. Se da un lato il Codacons ha deciso di tutelare i soggetti non ammessi alle prove successive, dall'altro l'associazione intende difendere anche chi ha superato la prima fase d'esami e si ritrova ora danneggiato dall'inevitabile annullamento dell'intero concorso. "Tutti gli aspiranti presidi che hanno superato la prova scritta e che con ogni probabilità dovranno ripetere l'esame, possono aderire all'azione risarcitoria che il Codacons intende presentare contro il Miur - spiega il Presidente Carlo Rienzi - Una azione finalizzata a far ottenere ai soggetti danneggiati il risarcimento dei danni morali (perdita di occasione lavorativa) e materiali subiti, come spese di trasferta, pernottamento, preparazione all'esame, ecc.".

  • Codacons: Rifiuti, sacchi di soldi scomparsi. Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano

    Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano. Chiesto a Regione e ArpaCal le cifre incassate dai comuni con la vendita dei rifiuti riciclati. La raccolta dei rifiuti, se soltanto si volesse, potrebbe garantirci non solo di vivere in un ambiente più pulito, ma anche incrementare l'occupazione e finanche portare benefici alle casse comunali. Proviamo a fare una piccola verifica. Invece di chiedere quale sia la percentuale della raccolta differenziata, proviamo a chiedere ad un qualsiasi Sindaco quanto vetro, quanta plastica, carta o legno ha provveduto a raccogliere il proprio Comune e, soprattutto, proviamo a chiedere quanti soldi hanno incassato i Comuni calabresi dalla vendita di questi "preziosi" rifiuti.

  • Legambiente e Codacons: rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare

    Rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare. Questo è quanto Legambiente e Codacons chiedono ai comuni calabresi. Le associazioni sollecitano l’emissione di ordinanze per imporre il divieto, già da questa estate, della plastica monouso sulle spiagge.
    La direttiva europea mette al bando contenitori, stoviglie e bicchieri e tutto quello che rappresenta l’80 per cento del materiale che inquina le spiagge ed il mare ma solo a far tempo dal 2021.
    Tuttavia Legambiente e Codacons chiedono uno stop immediato alla plastica sulle spiagge Calabresi, a favore di materiale compostabile e monouso. L''obiettivo e' quello di avere spiagge sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale, per tutelare la spiaggia ed il mare e salute dei cittadini.

  • Codacons: "Autoimpiego" che fine hanno fatto i fondi?

    "Che fine hanno fatto i fondi per sostenere chi non ha un impiego e vuole avviare nuove iniziative imprenditoriali o lavorare in autonomia". Questo l'interrogativo che traspare da una istanza di accesso depositata dal Codacons al Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria. La vicenda prende le mosse dal Decreto nr. 3755, pubblicato sul BURC nr. 33 in data 11 aprile 2017, attraverso cui la Regione Calabria offriva un contributo a fondo perduto "fino a 30mila euro" per consentire l'avvio di nuove imprese guidate da "disoccupati, donne e giovani".

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.