unci banner

:: Evidenza

Città sgomenta per la scomparsa di Filippo Zema, il pediatra gentiluomo. Domani i funerali

Città sgomenta per la scomparsa di Filippo Zema, il pediatra gentiluomo. Domani i funerali

Reggio Calabria. E' scomparso prematuramente il dott. Filippo Zema, pediatra conosciuto in città per la sua signorilità, per le doti umane e professionali e per quel sorriso che donava con garbo e solarità ai suoi...

Concesso il permesso di lavoro per l'ex presidente Giuseppe Scopelliti. Farà volontariato

Concesso il permesso di lavoro per l'ex presidente Giuseppe Scopelliti. Farà volontariato

Reggio Calabria. Dopo dieci mesi di reclusione, Giuseppe Scopelliti, ex presidente della Regione Calabria, ha ottenuto l’ammissione al beneficio del lavoro esterno e svolgerà attività di volontariato presso l'Associazione Nuova Solidarietà di Salice. Il Tribunale...

La Cisl FP saluta Mimmo Serranò: il ricordo della segretaria generale Giordano

La Cisl FP saluta Mimmo Serranò: il ricordo della segretaria generale Giordano

Reggio Calabria. “Se ne è andato in silenzio, senza rumore, come era solito fare quando lasciava una riunione, un’assemblea con i lavoratori, un convegno. Mai una nota alta o stonata, sempre attento a non ferire...

Reggio Calabria. Bollette idriche “salate” zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Reggio Calabria. Bollette idriche “salate” zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Reggio Calabria. "In questi giorni il Comune di Reggio Calabria, per il tramite della sua società Hermes, ha inviato mediante posta ordinaria la bolletta del servizio idrico integrato e le sorprese per gli utenti non...

La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

La bellezza del mare e quell'incubo chiamato plastica monouso

di Giusi Mauro - Partiamo da un dato e da una data, il 70% dei rifiuti che finiscono nei nostri mari è costituito da plastica monouso. Entro il 2050, il peso di questi rifiuti, supererà...

Nuovo incendio nella notte alla baraccopoli di San Ferdinando: muore un migrante

Nuovo incendio nella notte alla baraccopoli di San Ferdinando: muore un migrante

Nella notte tra il 15 e il 16 febbraio, verso mezzanotte circa, un nuovo incendio, ha interessato l’insediamento dei migranti, la cosiddetta baraccopoli, ricadente nella zona industriale di San Ferdinando.L’incendio ha provocato la morte di...

Reggio Calabria. Ieri sera, rocambolesco incidente in Piazza Mino Reitano: nessun ferito

Reggio Calabria. Ieri sera, rocambolesco incidente in Piazza Mino Reitano: nessun ferito

Reggio Calabria. Rocambolesco incidente ieri sera nei pressi del Ponte della Libertà. Pare a causa della forte velocità un autovettura Alfa Romeo Mito ha finito la sua corsa in Piazza Mino Reitano, al cospetto del...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Scuola, Codacons: polemica per il contributo d’iscrizione “volontario”

Scuola, Codacons: polemica per il contributo d’iscrizione “volontario”

Pubblicato in ATTUALITA' Martedì, 12 Febbraio 2019 16:18

Lo scorso 31 gennaio abbiamo ricevuto l’ennesima tassa occulta. Questa è la nuova denuncia del Codacons. Com’è noto la crisi ha colpito, in maniera drammatica, anche le scuole ed i pochi fondi che arrivano non sono sufficienti per far fronte a tutte le esigenze sia degli studenti che del personale scolastico. Così, da qualche anno, si è pensato di ricorrere al “contributo volontario”.
Si tratta di un versamento ulteriore e, soprattutto, “volontario” rispetto alle normali tasse scolastiche e, dopo essere stato deliberato dal consiglio d’istituto, viene richiesto ai genitori in concomitanza con l’iscrizione all’anno scolastico successivo.
L’obiettivo è “finanziare l’ampliamento dell’offerta culturale e formativa”.

In molti istituti però i genitori si vedono chiedere somme che poco hanno a che vedere con un semplice “contributo”.
In Calabria il Codacons parla di somme, addirittura, fino a duecento euro l’anno.
Ma più che l’importo dell’obolo, anche se in alcuni casi è davvero gravoso per i bilanci familiari, ciò che indispettisce il Codacons, è la modalità con cui viene richiesto.
Modalità che hanno fatto infuriare tanti genitori, secondo i quali il contributo sarebbe tutt’altro che volontario.
Questo nuovo balzello finisce per essere abietto proprio perché viene imposto alle famiglie mediante un “ricatto” e alcuni genitori temono che gli alunni che saranno ricompresi negli elenchi dei morosi, finiscano per essere, o sentirsi, in difficoltà.
Se il contributo è davvero volontario, dev’essere rimesso alla determinazione delle famiglie e, magari, proporzionato alle reali possibilità di ciascuno.
Prevedere una “tassazione unica” per tutti, contraddice la norma costituzionale che prevede la gratuità della scuola dell’obbligo.
Non siamo contro il contributo a priori – sostiene Francesco Di Lieto del Codacons – tuttavia pretendiamo che il versamento venga chiesto in maniera corretta, specificando l’assoluta volontarietà del contributo … altrimenti si rischia di confonderlo con una tassa.
E’ inammissibile camuffare una richiesta d’aiuto spacciandola per un obbligo.
Ovviamente i versamenti sono perfettamente legittimi - prosegue Di Lieto - tanto che sono previste finanche detrazioni fiscali legate ai predetti contributi, ma devono essere assolutamente volontari.
Nel rispetto del principio di obbligatorietà e gratuità dell’istruzione.
Se dovessimo ricevere ulteriori segnalazioni circa pressanti richieste rivolte alle famiglie - conclude la nota del Codacons - non esiteremo a denunciare questo malcostume, posto in essere con l’avallo dei Consigli d’Istituto.

Rc 12 febbraio 2019

Letto 48 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Caso assunzioni Sorical: "Il Codacons chiede alla Procura il sequestro della documentazione"

    Reggio Calabria. Il Codacons ha depositato una richiesta urgente presso la Procura della Repubblica di Catanzaro, per sollecitare il sequestro della documentazione relativa alle assunzioni effettuate da So.Ri.Cal. SpA in liquidazione onde accertare le "modalità attraverso cui le predette assunzioni sono avvenute". Tanto perché, nonostante la messa in liquidazione, So.Ri.Cal.

  • Codacons: esposto al garante contro Consorzi di Bonifica

    Puntuali come ogni anno arrivano le richieste di pagamento da parte del Consorzio di bonifica. Anche se alcuni hanno già provveduto al pagamento, trattandosi di poche decide di euro, sono in molti a chiedersi come sia possibile pretendere somme a fronte di uno stato di pressoché totale abbandono del nostro territorio. Purtroppo l'idea di affrontare un'azione giudiziaria s'infrange contro i costi che, quasi sempre, sono superiori alle somme richieste dall'Ente.

  • Commercio, Codacons: Caporetto piccoli negozi

    I dati Istat sulle vendite al dettaglio del 2018 confermano in pieno le tante denunce del Codacons sulla crisi del commercio e lo stallo dei consumi in Italia e devono indurre il Governo ad abbandonare la folle idea di disporre le chiusure domenicali dei negozi. "Tutte le nostre previsioni sono state confermate e il 2018 segna il flop delle vendite al dettaglio - spiega Francesco Di Lieto in una nota - Per i piccoli negozi siamo in presenza di una vera e propria "Caporetto", con acquisti giù del -1,3%, un crollo che deve portare Lega e M5S a bloccare la proposta di legge sulle chiusure domenicali dei negozi, progetto che darebbe il colpo di grazia a migliaia di esercizi".

  • Festival di Sanremo, il Codacons riapre il caso della vittoria "rubata" a Mia Martini nel 1992

    Reggio Calabria. Il Codacons riapre il caso del Festival di Sanremo del 1992, denunciando la presunta alterazione della classifica finale della kermesse di quell’edizione con la vittoria negata alla indimenticata artista Calabrese Mia Martini. E lo fa inviando un esposto all’Autorità per le Comunicazioni e una formale istanza d’accesso alla Rai, finalizzata ad acquisire tutti gli atti

  • Fattura elettronica, Codacons: "Costi scaricati sui clienti"

    Da circa un mese è diventata obbligatoria la fattura elettronica tra privati. E, come spesso accade, in molti sono finiti nei guai mentre qualcuno ha subito pensato di scaricare sui clienti i nuovi costi. Si sono registrati problemi sia per quanto riguarda sia l'adeguamento fiscale che quello informatico. Per orientarsi in questa giungla tecnologica il Codacons prova a far chiarezza sugli interventi tecnologici per essere in regola ed evitare sanzioni. Innanzitutto chi deve adeguarsi alla "e-fattura" - sostiene Alessandro Tigani, Direttore del dipartimento Sicurezza Informatica del Codacons. Per quanto riguarda la fatturazione alla pubblica amministrazione, nulla è cambiato.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.