unci banner

:: Evidenza

La Calabria si riscatta e vince: sorrisi al Trofeo delle Regioni

La Calabria si riscatta e vince: sorrisi al Trofeo delle Regioni

La rappresentativa maschile di Calabria termina la propria corsa al “Trofeo delle Regioni Cesare Rubini 2019” al diciassettesimo posto nazionale. Operazione riscatto riuscita per gli atleti allenati da Checco D’Arrigo ed Euprepio Padula che riescono...

Trofeo delle Regioni: la Calabria in rosa termina l’avventura al diciottesimo posto nazionale

Trofeo delle Regioni: la Calabria in rosa termina l’avventura al diciottesimo posto nazionale

Un’esperienza indimenticabile e meravigliosa. La Calabria in rosa termina al diciottesimo posto nazionale all’interno della kèrmesse del “Trofeo delle Regioni Cesare Rubini 2019”. La selezione allenata dai Coach Armando Russo e Barbara Gemelli cede il...

Due pittori dell’Accademia di belle Arti in mostra a “Fabriano in Acquerello”

Due pittori dell’Accademia di belle Arti in mostra a “Fabriano in Acquerello”

I pittori reggini Alessandro Allegra e Adele Macheda (sez. under 30) saranno presenti con le loro opere dal 25 al 29 aprile c. m. in due mostre all’esposizione internazionale dell’acquerello di Fabriano, la più grande...

Si celebra il 23 aprile la Giornata mondiale del Libro: anche in Calabria come nel resto del Paese è grande fuga dalla lettura

Si celebra il 23 aprile la Giornata mondiale del Libro: anche in Calabria come nel resto del Paese è grande...

Quando ci interroghiamo su cosa possa fare originare lo scatto d’orgoglio che manca oggi a questo nostro Paese, immaginiamo le risposte più varie, le più disparate,tranne una, la più distante dal pensiero dominante: studiare e...

ANPI: appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

ANPI: appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

Facciamo appello ai cittadini, ai giovani, alle associazioni, ai movimenti, alle chiese, alle organizzazioni sindacali e politiche che condividono i valori della nostra Costituzione, nata dall’antifascismo e dalla Resistenza, a ritrovarci tutti insieme il 25...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Sorical incontra i sindacati per fare il punto della situazione

Sorical incontra i sindacati per fare il punto della situazione

Pubblicato in ATTUALITA' Mercoledì, 20 Febbraio 2019 08:03

Si è tenuto ieri il previsto incontro tra i sindacati e Sorical. All’incontro era presente una delegazione della Cisl composta dal segretario regionale confederale Vincenzo Musolino, dal segretario generale regionale della Femca Pompeo Greco e di componenti della segreteria regionale Antonio Voci e Nicola Elia Santoianni.
“Chi assolve ad un mandato politico in società, anche se di diritto privato, deve rispondere ai cittadini per quello che fa e ha fatto, nella massima trasparenza”, ha esordito il commissario liquidatore Luigi Incarnato che ha mostrato tutti gli atti che anno portato all’internalizzazione del servizio di conduzione, seguendo un protocollo tra azienda e sindacati del 2003 nel quale sono inseriti i nominativi del personale dell’indotto.

Unitamente alla riqualificazione degli interventi sugli acquedotti – ha ricordato Incarnato - si è proceduto anche ad avviare un’analisi qualitativa e quantitativa dei costi. Tra questi quella della manutenzione che, impropriamente, incorporava anche l’attività di conduzione degli acquedotti attraverso l’utilizzo di personale stabile ma di volta in volta assunto dalle imprese aggiudicatarie degli affidamenti delle gare di manutenzione.”
A causa del turnover la società si è trovata ad avere personale interno e personale esterno che svolgeva la medesima mansione. Un costo improprio di circa 4 milioni di euro che, attraverso l’internalizzazione delle attività, è stato ridotto di circa 1,9 milioni di euro. Così facendo le imprese di manutenzione idraulica ed elettrica ora si occuperanno esclusivamente della sostituzione e riparazioni delle perdite e non della gestione degli impianti.
“Una piccola rivoluzione con una bassa incidenza sul costo del personale che resta tra i più bassi in Italia tra le imprese del settore, ha evidenziato Incarnato sottolineando che la procedura è stata discussa in ben due incontri tenuti presso la Confindustria di Catanzaro alla presenza di tutte le segreterie confederali, il 20 novembre e il 12 dicembre 2018. Ai due incontri è seguita, il 18 dicembre 2018, una comunicazione ufficiale del responsabile delle relazioni industriali di Confindustria Calabria avv Stefano Corea. Incarnato ha ricordato che Sorical non è tenuta ad espletare concorsi pubblici e nel caso in specie è stata seguita la procedure di legge, facendo risparmiare alla società 1,9 milioni di euro. Incarnato ha reso noto agli esponenti sindacali presenti che sul sito istituzionale della Sorical è stato pubblicato l’elenco del personale stabilizzato e i criteri adottati, e la comunicazione che Confindustria ha fatto il 18 dicembre 2018.
“Sono arrivato in Sorical a marzo 2016 e il mio primo atto, condiviso con il dottore Baldassare Quartararo, commissario nominato dal socio privato, è stato quello di dimezzare le nostre indennità con un risparmio di 200 mila euro all’anno. In tre mesi, con il contributo determinante del Presidente della Regione Mario Oliverio, sono stati riavviati i cantieri della Diga del Menta e dopo 30 mesi Sorical ha portato l’acqua nella case dei cittadini reggini. La società, alle prese con una crisi finanziaria, dal 2012 aveva bloccato gli investimenti privati in essere e ridotto le attività di manutenzione. Contemporaneamente ha stipulato un accordo di ristrutturazione del debito omologato dal Tribunale di Catanzaro. E’ bene precisare che Sorical non ha mai chiuso in questi anni il bilancio in perdita e continuato a garantire il servizio idrico (bene di prima necessità) a 383 enti locali.
Nel 2016 è stato fatto un puntuale lavoro di ricognizione e riprogrammazione degli interventi. Sorical fino alla crisi finanziaria, aveva investito 109 milioni di euro di risorse proprie e 146 di fondi pubblici (sul sito internet della società è possibile consultare il dettaglio). Dopo gli anni bui, Sorical ha ripreso ad investire e nel quadrienno 2015-2018, grazie al lavoro del personale interno, ha completato opere con risorse proprie per circa 10 milioni di euro. 

Sul fronte delle manutenzioni idrauliche ed elettriche, erano stati accumulati ritardi e si è proceduto a reperire le risorse in bilancio per affrontare le emergenze, sempre più impellenti, e procedere ad una programmazione e pianificazione, tenendo conto anche delle esigenze espresse da diversi sindaci. Nel biennio 2013/2014 sono stati fatti interventi per 12,6 milioni di euro, negli anni successivi, 2015/2018, invece, 35,5 milioni di euro.

A fronte delle difficoltà dei Comuni a pagare le forniture e della Sorical a pianificare investimenti importanti, con la Regione sono stati attivati percorsi per interventi strutturali sui due più grandi acquedotti della Calabria, l’Abatemarco (23 milioni di euro), Simeri Passante (17,5 milioni di euro). Nel primo caso si sta procedendo alla progettazione, nel secondo alcuni interventi sono stati già completati, altri definite le gare e avviata la progettazione.

Cz 20 febbraio 2019

Letto 95 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sorical a supporto del Comune di Brancaleone per rientro potabilità su fonti comunali

    Sorical, avendo supportato l'amministrazione straordinaria del Comune di Brancaleone, non può che essere soddisfatta della revoca dell'ordinanza che limitava l'uso a consumo umano dell'acqua ad una parte consistente della popolazione, quella residente nel centro storico, alimentata esclusivamente da fonti comunali.
    Il centro del paese, da decenni, è approvvigionato dal alcuni pozzi comunali che, nel tempo, hanno dato problemi di varia natura. Su richiesta dalla commissione straordinaria, Sorical ha fornito sempre massima disponibilità tecnica ed operativa per giungere ad una soluzione delle problematiche, nello spirito che un bene pubblico come l'acqua deve essere sempre garantito.

  • Reggio Calabria. Sorical, collegato il serbatoio Trabocchetto all'Ipot Menta

    Reggio Calabria. Sono state ultimate le opere idrauliche per portare l'acqua della Diga del Menta nel centro della città di Reggio Calabria. I tecnici della Sorical hanno sostituito tutte le saracinesche e sono iniziate da alcune ore le operazioni di lavaggio e sanificazione delle condotte e del serbatoio "Trabocchetto" (chiamato anche "Reggio Campi") per essere pronto ad

  • Sorical: "Dopo anni nel quartiere di Archi l'acqua è potabile"

    Dopo anni di non potabilità, a causa dell'alta concentrazione di fluoruri superiori ai limiti di legge, finalmente ad Archi, popoloso quartiere di Reggio Calabria, l'acqua che esce dai rubinetti torna potabile. Lo ha comunicato la Sorical al Comune di Reggio Calabria, dopo le risultanze dei campionamenti dell'acqua al serbatoio in testa alla rete idrica di Archi.

  • Arsenico nell'acqua di Masella (Montebello Jonico), Sorical costruirà impianto per abbatterlo

    Preso atto che non esistono in nuove fonti di approvvigionamento di acqua potabile, Sorical procederà alla costruzione, entro fine anno, di un impianto di filtrazione per risolvere il problema della concentrazione di arsenico, oltre i valori di legge, soprattutto nei periodi estivi, nelle acque emunte dai pozzi e distribuite nella frazione Masella di Montebello Jonico. La società lo ha comunicato alle autorità locali. La frazione Masella di Montebello Jonico, in un'all'ulteriore piccola frazione di Località Lianò del medesimo Comune, è servita da un piccolo acquedotto - denominato appunto Masella - alimentato dalle acque emunte dalla falda c/o il "Campo pozzi Masella" posto nel Comune di Melito Porto Salvo.

  • Sorical: frana mette a rischio acquedotto "Anguilla2" per Rosarno

    Una consistente frana ha compromesso lo schema acquedottistico regionale "Anguilla 2" al servizio del Comune di Rosarno. Lo ha comunicato Sorical alla Protezione Civile Regionale e all'ufficio Difesa del Suolo della Città Metropolitana.
    La frana, ricadente nel Comune di Laureana di Borrello, ha scoperto la condotta e senza un intervento rischia di spezzarsi e lasciare senza acqua migliaia di persone a Rosarno. A causare la frana, secondo i tecnici della Sorical, incauti sbancamenti e scaturigini che impregnando il terreno sabbioso l'hanno fatto scivolare a valle, ostruendo il corso del fiume e formando un pericoloso "laghetto".

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.