unci banner

:: NEWS

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Il sindaco Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni

Venerdì 18 ottobre 2019, alle ore 10, a Palazzo Alvaro, il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, incontrerà Sua Em.za Rev.ma Cardinale Ernest Simoni, nel corso di...

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Autorità Portuale dello Stretto, Oliverio: rivedere la decisione

Di seguito si riporta l'intervento del Presidente della Regione, Mario Oliverio, davanti alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati per l'Audizione informale nell'ambito dell'esame della proposta di nomina a presidente...

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Presentati i risultati della campagna pro hospice "Seconda stella a destra"

Giorno 14 Ottobre 2019 rappresenta il punto di arrivo di una campagna estiva che ha raggruppato tanti apparati istituzionali e associativi della città a titolo gratuito e spinti solo da...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Soumaila Sacko un anno dopo: il ricordo e le proposte di USB per non dimenticare

Soumaila Sacko un anno dopo: il ricordo e le proposte di USB per non dimenticare

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 03 Giugno 2019 15:02

Ci sono morti impossibili da dimenticare, nonostante tutto, nonostante tutti. Lo è quella di Soumaila Sacko, il bracciante e sindacalista USB ammazzato il 2 giugno dello scorso anno a San Calogero (VV), mentre raccoglieva vecchie lamiere nella ex fornace “La Tranquilla”, sequestrata da anni e considerata una delle discariche più pericolose d’Europa.
A distanza di un anno sono state perciò la commozione e la rabbia a caratterizzare l’iniziativa che l’Unione Sindacale di Base ha voluto per ricordare Soumaila. Commozione e rabbia ancora più forti oggi, quasi tre mesi dopo che le ruspe elettorali di Salvini hanno spianato a San Ferdinando (RC) la baraccopoli in cui Soumaila fu tra i primi ad avviare il processo di sindacalizzazione dei braccianti agricoli della Piana di Gioia Tauro.

Tre mesi dopo, nulla di quanto annunciato dalle autorità nazionali e locali è accaduto. L’area della baraccopoli è rimasta un cumulo di macerie perché i 350mila euro promessi da Salvini per il ripristino non sono mai arrivati.
I duemila braccianti che la abitavano non hanno trovato posto nella tendopoli ufficiale, già satura, e hanno dovuto arrangiarsi alla meno peggio, come sempre.
E il progetto di USB per l’inserimento abitativo diffuso, portato avanti nel nome di Soumaila Sacko, non ha trovato finora risposte concrete.
Tre mesi di nulla istituzionale, ultimo trimestre di un anno in cui USB ha portato comunque avanti le battaglie per la giustizia e la verità, battaglie fatte sulla base di proposte inascoltate per via del pessimo clima politico instauratosi nel nostro paese.
Domenica la giornata del ricordo di Soumaila si è aperta nella sala consiliare del Comune di San Ferdinando per raccontare appunto le iniziative intraprese da USB per proseguire il lavoro di Soumaila. Sono state ricordate le diverse proposte presentate ai vari livelli istituzionali, a partire dall’istituzione di un tavolo interministeriale per affrontare le problematiche della filiera agricola: richiesta accolta inizialmente dal ministro Di Maio con l’avvio del Tavolo nel settembre scorso a Foggia, salvo poi spostare ingiustificatamente questo Tavolo alla Direzione generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione del Ministero del Lavoro. Come se i braccianti italiani non vivessero ugualmente forme di sfruttamento, come la vicenda di Paola Clemente dovrebbe insegnare. È questa razzializzazione del mondo del lavoro, della società tutta, il vero nemico da sconfiggere per USB, questa insana logica che vorrebbe affrontare le problematiche dei braccianti solo come “migranti”, privandoli della loro dignità di lavoratori e relegandoli al ruolo di chi ha bisogno perenne di assistenza e di aiuto.
Altra battaglia portata avanti da USB è quella contro la ghettizzazione e l’accampamento per i lavoratori agricoli, ingiustificabile in un territorio che conta secondo l’Istat circa 35mila appartamenti vuoti, come ricordato dall’intervento del Comitato per il riutilizzo delle case vuote, a rappresentare il complesso di realtà associative con cui USB ha avviato collaborazioni negli anni nel territorio pianigiano.
A Soumaila Sacko abbiamo intitolato lo Sportello dei diritti, già attivo all’interno del Municipio di San Ferdinando tutti i martedì dalle 9 alle 13, che vorrebbe essere uno sportello per i diritti di tutti gli abitanti del territorio, indipendentemente dal colore della pelle o dal paese di provenienza. L’impegno degli attivisti dello Sportello, che vede l’importante collaborazione del c.s.c. Nuvola Rossa, ha consentito negli ultimi tempi lo sblocco delle iscrizioni anagrafiche per i titolari di protezione umanitaria residenti nella tendopoli, ferme dopo l’approvazione del Decreto Sicurezza.
Al termine della conferenza stampa ci si è spostati nella ex fornace per deporre un mazzo di fiori nel punto in cui Soumaila è stato ammazzato con un colpo di fucile alla testa. Lì si sono susseguiti una serie di interventi di ricordo da parte dei delegati USB e anche di Peppino Lavorato, ex sindaco di Rosarno che ha caratterizzato la sua esperienza amministrativa con la vicinanza ai braccianti stranieri, nonché figura storica delle lotte contro la mafia e per i diritti dei lavoratori nel territorio della Piana di Gioia Tauro.
Il prossimo appuntamento nel nome di Soumaila è per il 13 giugno a Catanzaro, quando si terrà la nuova udienza del processo che vede imputato Antonio Puntoriero e parte civile, oltre i familiari, l’USB.

Confederazione Unione Sindacale di Base
USB Federazione Calabria
Coordinamento lavoratori agricoli USB

San Ferdinando 3 giugno 2019

Letto 148 volte

Articoli correlati (da tag)

  • USB in piazza il 27 settembre anche a Reggio Calabria per lo Sciopero Globale per il Clima

    Il 27 settembre i giovani di tutta Italia scenderanno in piazza per rispondere al grido di allarme lanciato dal movimento Fridays For Future sullo stato di emergenza nel quale è entrato il nostro pianeta e sulle previsioni drammatiche diffuse da gran parte della comunità scientifica. Anche Reggio Calabria, con appuntamento alle ore 9.30 a Piazza De Nava, si mobiliterà per lo Sciopero Globale per il Clima.
    Le piazze piene di giovani che rispondono all'appello del movimento FFF hanno costretto partiti e istituzioni a porre attenzione al tema della crisi ambientale, e questo è senz'altro un piccolo ma importante risultato ottenuto dalla prime mobilitazioni.

  • USB: incontro in Prefettura sulle problematiche dei lavoratori stranieri

    Nella giornata di ieri, 23 agosto, una delegazione di USB ha incontrato nei locali della Prefettura di Reggio Calabria responsabili degli uffici immigrazione della stessa Prefettura e della Questura, al fine di discutere alcune problematiche emerse dal lavoro politico e sindacale che viene realizzato sulla Piana di Gioia Tauro, soprattutto attraverso le attività dello Sportello dei diritti Soumaila Sacko. Negli ultimi mesi, infatti, è emerso che a sempre più cittadini stranieri – in massima parte lavoratori – titolari di forme di protezione (internazionale, umanitaria e sussidiaria) viene di fatto negato il diritto al rinnovo del permesso di soggiorno in assenza di una certificazione di residenza o di domicilio che viene loro richiesta presso gli uffici immigrazione del territorio.

  • L’USB incontra Cotticelli sulle strutture psichiatriche reggine

    Nella giornata di ieri una delegazione dell’USB ha incontrato il Generale Cotticelli, Commissario straordinario alla Sanità in Calabria. L’atteso incontro era stato richiesto a seguito della definizione della nuova Rete territoriale di assistenza psichiatrica riabilitativa residenziale per il territorio di competenza dell’ASP 5, atto che ha destato forti perplessità tra i lavoratori del settore, soprattutto per l’indicazione del fabbisogno di posti letto, già praticamente soddisfatto e che non tiene conto delle reali esigenze del territorio della provincia reggina.

  • USB: la politica non può restare sorda alle problematiche delle strutture psichiatriche reggine

    Giovedì 1 agosto dalle ore 14 USB e i lavoratori delle strutture psichiatriche reggine saranno in presidio davanti Palazzo Campanella in occasione dei lavori del Consiglio Regionale.
    La situazione di crisi in cui versano le strutture psichiatriche reggine continua così come crescono le preoccupazioni dei lavoratori del settore. Sebbene la chiusura della fase di accreditamento, il cui termine è stato fissato per la fine dell’anno, rappresenta la possibilità di andare finalmente verso un rapporto certo tra Asp e cooperative, il taglio dei posti letto sancito con l’approvazione della nuova Rete territoriale determinerà un’importante riduzione dei posti di lavoro, oltre che della qualità dei servizi erogati. A queste inquietudini si aggiunge l’ennesimo ritardo nei pagamenti, fermi allo scorso marzo.

  • Hospice Via delle Stelle: garantire lavoratori e livelli assistenziali

    È stata una risposta univoca e inequivocabile quella registrata ieri nel corso della conferenza stampa, indetta dalla Fondazione "Via delle stelle", da parte della cittadinanza reggina. Troppo forte il timore di perdere la possibilità di poter continuare ad usufruire dell'eccellente Servizio di Cure Palliative Specialistiche, garantito dall'Equipe dedicata multidisciplinare - formata per erogare cure palliative oncologiche e non - che in questi 12 anni ha preso in carico persone affette da patologie a prognosi infausta e loro familiari, nei 4 setting assistenziali (hospice, day hospice, ambulatorio e assistenza domiciliare).

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.