unci banner

:: NEWS

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Bungaro 4et e Ornella Vanoni in concerto ad Ecolandia chiudono la 28^ edizione del festival EcoJazz

Si avvicina l'attesissima conclusione della 28^edizione di EcoJazz festival, in memoria del giudice Antonino Scopelliti e di tutte le vittime per la Giustizia. Il parco Ecolandia di Arghillà a Reggio...

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

In occasione della Notte Bianca organizzata nell’ambito degli eventi per l’Estate 2019 a Bova Marina la nota località calabrese ha vissuto un grande momento di recupero e di animazione culturale...

Anassilaos: al Chiostro omaggio alla poesia magica di Eliot

Anassilaos: al Chiostro omaggio alla poesia magica di Eliot

Al Chiostro di San Giorgio al Corso ha risuonato la poesia magica di Eliot in una produzione dell’Associazione Anassilaos nell’ambito delle manifestazioni estive. Daniela Scuncia (che ne ha anche curato...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: gli appuntamenti del 24 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: gli appuntamenti del 24 agosto

Sabato 24 agosto giunge alla conclusione la XXXIX Edizione del Roccella Jazz Festival, sempre diretto da Vincenzo Staiano, quest'anno caratterizzato dal tema Oriente, come recita il titolo “Erhuasian Summit –...

Consegnati i riconoscimenti del Premio Sant’Ilario 2019

Consegnati i riconoscimenti del Premio Sant’Ilario 2019

Ricordi emozionanti, riflessioni e ottimistiche proiezioni future al “Premio Sant’Ilario 2019”, il riconoscimento voluto dall’amministrazione comunale per raccontare il territorio attraverso i suoi protagonisti. Così dalla piccola cittadina jonica l’onda...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Tornano sotto sequestro tre gazebo sul lungomare reggino: interviene la Confcommercio

Tornano sotto sequestro tre gazebo sul lungomare reggino: interviene la Confcommercio

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 17 Giugno 2019 18:47

Tornano i sigilli sul lungomare cittadino per tre dei chioschi sulla parte alta. Secondo quanto appreso dopo l’ordinanza di qualche settimana fa e il successivo dissequestro resta la questione della metratura al centro della vertenza che puntuale ricompare a ridosso della stagione estiva. 

Sulla vicenda interviene la Confcommercio che: esprime vicinanza all’Azienda Sottozero di Vincenzo Pennestri ed agli altri pubblici esercizi operanti sul lungomare Matteotti che, per la seconda volta nell’arco di appena dieci giorni, sono vittime di un atteggiamento quantomeno schizzofrenico degli uffici comunali che procede nuovamente alla chiusura dei gazebo all’aperto. Dopo le rassicurazioni e la reciproca volontà manifestata da Comune, Confcommercio ed Operatori di ricercare una soluzione che potesse essere rispettosa della legge e sostenibile per gli esercenti, il nuovo, inaspettato, per alcuni versi sconcertante provvedimento adottato dall’amministrazione lascia senza parole.

Mentre veniva convocato per le ore 15.30 presso il Palazzo Comunale, con nota del Segretario Comunale, un “incontro urgente al fine di chiarire alcune problematiche inerenti l’applicazione del Regolamento (??) sulla occupazione temporanea di suolo con l’installazione di strutture precarie…”, in contemporanea, scattava una operazione della polizia municipale che provvedeva a dare attuazione ad un provvedimento del dirigente settore sviluppo economico di sigillo delle attività. Dirigente che risultava tra i convocati al tavolo tecnico .
La questione importante e che va posta immediatamente all’attenzione dell’intera cittadinanza è, innanzitutto, quella di operatori commerciali che in altissima stagione si vedono oggetto di interventi di polizia che, pure se gestiti con grande tatto dagli agenti, sarebbero degni di ben più gravi circostanza creando stupore e sconcerto negli avventori e nei turisti presenti. Operatori che, proprio avendo in questo periodo i maggiori incassi, si vedono messi quasi in ginocchio come a rischio, in caso del permanere di questi
provvedimenti repentini, saranno sicuramente anche le posizioni degli incolpevoli dipendenti. 

Non è secondaria, tuttavia, il percorso che porta, ripetiamo, per ben due volte nel volgere di dieci giorni, alla chiusura delle attività. Un atteggiamento di superiorità e quasi sprezzante degli uffici comunali che, non argomentando in alcun modo la decisione presa, non riscontrando addirittura a richieste di accesso agli atti formulate da questa Associazione, non fornendo mai documentazione tecnica a supporto delle decisioni adottate, addirittura facendo oscillare il presupposto dell’intervento individuandolo, una volta, nell’adempimento ad un obbligo imposto dalla sovrintendenza e, un’altra volta, richiamando le regole del libero mercato (??) riescono esclusivamente a creare disagio e scoramento.

Anche questa Confcommercio, di solito aperta al dialogo ed in tante circostanze, soggetto mediatore tra l’amminstrazione e gli operatori, in questa circostanza si trova profondamente a disagio. Proprio perché ad essere messe in discussione, indipendentemente dalla fondatezza o meno delle istanze degli operatori, sono proprio le “regole del gioco”.
Non è possibile e non è tollerabile la convocazione di tavoli di confronto in cui l’unico obiettivo è potere lasciare traccia di una pseudo condivisione o coinvolgimento delle organizzazioni datoriali. Non è eticamente corretto convocare un incontro per discutere di tematiche cosi delicate per la stessa sopravvivenza di operatori commerciali quando già ogni decisione è stata presa e non vi è alcun margine di confronto, senza tra l’altro portare la documentazione necessaria per la discussione. Non è possibile che non ci sia alcuno spazio per valutazioni politiche, sociali, morali laddove gli uffici si ritengono al di sopra di tutto e di tutto, Sindaco e Giunta in primis.
È per questo che Confcommercio si sente di schierarsi immediatamente dalla parte degli operatori che, in questa occasione, sono stati trattati come cittadini di serie B e che l’Associazione assisterà con fermezza nelle iniziative anche di protesta che verranno intraprese nei prossimi giorni Vero è che una “ delibera di Giunta “ (ma è legittima??) non può e non deve mortificare operatori commerciale che portano lustro al nostro territorio e danno lavoro a centinaia di famiglie. 

Rc 17 giugno 2019

Letto 135 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Confesercenti replica a Confcommercio sulla questione "movida ad alto volume"

    “Negli ultimi giorni si è molto discusso in merito alla movida reggina localizzata nella parte bassa della via marina e alle presunte irregolarità di alcuni locali che porterebbero addirittura a problemi di ordine pubblico”. - Inizia così la nota di Fiepet-Confesercenti in merito alle polemiche sulle attività commerciali che insistono nel lungomare. - “Fermo restando che Confesercenti, con fatti concreti e non semplici dichiarazioni, da sempre si è battuta contro ogni tipo di illegalità e abusivismo, crediamo che iniziare una sorta di “battaglia” in cui tutti perdono e nessuno vince, innescando polemiche che vedono contrapposti operatori economici i quali rispettano le regole, pagano regolarmente i tributi e sono sottoposti pressoché quotidianamente a controlli da parte dei diversi enti preposti, sia dannoso oltreché sbagliato.

  • Incontro formativo FIPE - Confcommercio sulle ispezioni nei pubblici esercizi

    Il giorno 17 giugno pv, alle ore 11.00, si svolgerà presso il Salone della CCIAA la tappa reggina del Roadshow Vademecum Pubblici Esercizi, promosso dalla FIPE - Federazione Italiana Pubblici Esercizi/Confcommercio, diretto ad illustrare alle aziende del comparto le principali norme in materia di ispezioni igienico sanitarie nonché di ispezioni e sicurezza sul lavoro, soffermando l’attenzione sui diritti e sui doveri dei controllati. Alla luce degli ultimi controlli che hanno coinvolto molti esercizi pubblici del territorio, FIPE – Confcommercio ha realizzato un vademecum informativo per tutelare bar, locali e ristoranti. Un utile strumento per rendere l’applicazione delle norme più accessibile a tutti gli operatori del settore.

  • Siglato l’Accordo Territoriale Confcommercio, Filcams CGIL Fisascat CISL Uiltucs UIL per le assunzioni stagionali

    Firmato il 3 giugno 2019 tra Confcommercio, Filcams CGIL, Fisascat CISL e UILTucs UIL provinciali un importante Accordo territoriale che consentirà alle aziende del terziario di gestire in maniera flessibile i picchi di lavoro legati a ragioni di stagionalità. Con la firma di questa intesa che dà attuazione all’art 66 bis CCNL Terziario e rinnova un precedente accordo del 2017, le parti firmatarie hanno condiviso la necessità che le aziende del commercio operanti in determinati comuni “a vocazione turistica” della provincia di Reggio Calabria specificamente individuati, possano effettuare assunzioni a tempo determinato in deroga ai vincoli quantitativi previsti dalla legge.

  • Sigilli ai gazebo sul Lungomare, deliberata convocazione tavolo tecnico per garantire il proseguo delle attività nel rispetto delle prescrizioni

    La Giunta comunale, riunita d'urgenza nel pomeriggio di oggi su indirizzo del sindaco Falcomatà, ha affrontato la questione relativa all'opposizione dei sigilli su alcune strutture presenti sul Lungomare Falcomatà. L'Esecutivo ha approvato all'unanimità una delibera di indirizzo nei confronti del settore Attività Produttive del Comune per la convocazione di un ulteriore tavolo tecnico, alla presenza delle autorità competenti e dei rappresentanti delle associazioni di categoria, ed in particolare dei commercianti che operano sul Lungomare, al fine di individuare le più opportune soluzioni nella direzione del rispetto delle normative vigenti, per la salvaguardia ambientale del patrimonio arboreo monumentale del Lungomare ed al contempo finalizzato a consentire agli esercenti di continuare ad operare in sicurezza senza che le attività commerciali siano penalizzate.

  • La Polizia Municipale mette i sigilli ai gazebo del lungomare tra l'incredulità generale

    Brutta mattinata oggi per alcuni esercenti della Via Marina che si sono visti mettere i sigilli ai gazebo. Non è ancora esattamente chiara la motivazione che ha portato ai sequestri da parte della Polizia Municipale. Di certo una nuova brutta immagine per uno dei biglietti da visita della città (seguono aggiornamenti)

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.