unci banner

:: NEWS

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

C'è anche Caulonia tra i centri beneficiari del finanziamento milionario per i beni culturali del distretto della Locride deliberato dalla Giunta Regionale. Ammonta infatti a 1 milione e 400 mila...

Il comico Maurizio Battista al Cilea: "Non vengo a Reggio per insegnare qualcosa ma per stare insieme al pubblico"

Il comico Maurizio Battista al Cilea: "Non vengo a Reggio per insegnare qualcosa ma per stare insieme al pubblico"

Si definisce “genuino” come lo vedi è ma secondo noi, è anche molto meglio perché oggigiorno è difficile stare con i piedi per terra soprattutto, se sei un uomo di...

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 del Premio Anassilaos

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 del Premio Anassilaos

Si terrà venerdì 8 novembre presso l’Auditorium “Nicola Calipari” del Consiglio Regionale della Calabria la cerimonia di consegna del Premio Anassilaos di Arte Cultura Economia e Scienze giunto alla sua...

A Piazza Castello tornano le "Letture viandanti"

A Piazza Castello tornano le "Letture viandanti"

Sabato 19 ottobre alle 16:00, a Piazza Castello, tornano le "Letture viandanti", l'iniziativa promossa dall'associazione Reggio tra le righe per portare la lettura e i libri tra la gente, renderli...

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Trasporto ferroviario, i sindacati: cresce il divario nel paese. Difficile muoversi "nel profondo Sud"

Trasporto ferroviario, i sindacati: cresce il divario nel paese. Difficile muoversi "nel profondo Sud"

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 15 Luglio 2019 16:18

Come è noto gli italiani a sud di Salerno non dispongono di un servizio di trasporto ferroviario confrontabile con le altre aree del Paese per l’assenza della cosiddetta alta velocità. La Città Metropolitana di Reggio come le città metropolitane siciliane soffrono di questa condizione che le penalizza in termini di accessibilità in entrata ed in uscita tra loro e verso i territori del centro nord. In termini di mobilità si registra ormai un divario crescente che le Ferrovie dello Stato hanno deciso di cristallizzare rinunciando esplicitamente a realizzare le necessarie infrastrutture per il Mezzogiorno profondo.

A poco vale in termini di equità e di garanzia di un livello adeguato ed essenziale di servizio introdurre alcuni treni sulle tratte esistenti che certamente possono migliorare il servizio ma non risolvono i problemi di connessone e marginalità geografica delle aree in questione. Ben venga quindi il potenziamento del servizio Sibari-Paola-Roma, e per il quale anche come Cgil, Cisl e Uil esprimiamo soddisfazione, ma chiaramente la questione mobilità ed accessibilità di una parte rilevante del Mezzogiorno rimane inevasa. La costruzione invece di una ‘linea ad alta velocità, che consenta a Reggio di essere connessa con la rete ad alta velocità nazionale è un problema ineludibile e offrirebbe una valida alternativa a chiunque è indisposto a viaggiare in auto o in aereo. Di fatto un progetto ambizioso e da gestire conoscendo i tempi di realizzazione temporale, ma è chiaro che se mai si inizia, mai si coprirà l’arretratezza delle infrastrutture. Appare dunque improrogabile a nostro avviso, aprire un tavolo di concertazione tra Regione Calabria e Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, per ampliare l’offerta dei collegamenti ad alta velocità ed avviare immediatamente l’alta capacità, in modo tale da non lasciare fuori da un piano di sviluppo di mobilità, la Città Metropolitana. Se così non fosse, se cioè le FS continuassero ad essere sorde alle sollecitazioni delle istituzioni si paleserebbe la perpetuazione di una ingiustizia sociale e di una asimmetria in termini di servizi così ingiusta da legittimare questa si una rivolta fiscale del Mezzogiorno, stanco di essere dileggiato e discriminato. Tra l’altro, non sfugge che a fronte di un investimento in gran parte regionale sulla tratta ionica occorre iniziare a disegnare un’implementazione dei servizi per garantire appunto con treni e servizi l’accessibilità di questa area. Altrimenti l’imponente investimento della Regione si risolverebbe in un intervento sostitutivo e di supplenza agli oneri manutentivi e di adeguamento/rifacimento della rete. Mobilità e infrastrutture sono quindi temi portanti per il rilancio del Mezzogiorno, e che nella giornata nazionale unitaria del 22 giugno a Reggio Calabria con veemenza sono stati ribaditi dai sindacati unitariamente. L’agenda del Governo non può fare a meno di questi presupposti se vuole incentivare un processo di sviluppo armonizzato, tra nord e resto del Paese. Con pazienza e collaborazione istituzionale, negli anni recenti abbiamo cercato di sostenere e capire le scelte di Regione e Città Metropolitana, ma adesso pretendiamo risposte ed interventi concreti; perché è quasi totalizzante la sensazione che queste classi dirigenti, a tratti impalpabili, non siano state in grado di incidere su un processo di sviluppo economico e territoriale della nostra città. Siamo stanche di lamentare la sostanziale cancellazione da parte del Governo nazionale del Corridoio 1 Berlino-Palermo, appositamente concepito dall’ Europa come asse di congiunzione per viabilità, trasporti e logistica, dell’intero continente. Ci teniamo a precisare che le due coppie di treni Frecciargento tra Reggio Calabria Centrale e Roma Termini, per quanto abbiano migliorato ed efficientemente alzato gli standard di percorribilità, non possono bastare rispetto alla domanda di mobilità che il territorio della Città Metropolitana richiede. Al netto di valutazioni tecniche e di fattibilità, pensiamo che Trenitalia da subito ed in attesa dei tempi necessari per le infrastrutture di Alta Velocità, dovrebbe puntare sull’alta capacità nell’immediato e progettare un percorso celere per avviare un programma che consenta ai treni di arrivare nel “profondo SUD” prolungandolo sino a Reggio. Siamo fermamente convinti dunque, che sarebbe una sfida allettante e che avrebbe ricadute positive, sia in termini di utenze e sia in termini di modernizzazione del sistema di mobilità e di trasporto passeggeri. Costituirebbe un importante passo verso la rimodulazione del gap tra estremo sud ed il resto del Paese.

Rc 15 luglio 2019

CGIL Reggio C.- Locri CGIL Piana di Gioia Tauro CISL Reggio Calabria UIL Reggio Calabria
Gregorio Pititto Celeste LoGiacco Rosy Perrone Nucccio Azzara'

Letto 189 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Emergenza sanità Calabria: iniziativa organizzata dalle federazioni del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil Fpl

    Si terrà il prossimo 09 maggio, a partire dalla ore 09.00, presso la Sala Verde della Cittadella regionale a Germaneto di Catanzaro l’iniziativa intitolata: “EMERGENZA SANITA’ CALABRIA - CRITICITA’ E PROPOSTE DALLA VOCE DEI LAVORATORI”.
    Un evento ideato ed organizzato unitariamente dalle Federazioni del pubblico impiego, FP CGIL, CISL FP e UIL FPL Calabria, per realizzare uno spazio aperto di confronto fra tutti gli attori istituzionali e sociali che a vario titolo sono coinvolti nella governance del Sistema Sanitario calabrese e nell’erogazione dei relativi servizi o ne sono fruitori.

  • Emergenza Sanità, sindacati compatti: "evitare il blocco delle assunzioni"

    Gli esiti prevedibili del Tavolo Adduce ripropongono gli incubi del rialzo della tassazione per i cittadini calabresi e il blocco delle assunzioni che tanti danni ha già prodotto nel Sistema Sanitario Regionale.
    Il Ministro, Giulia Grillo, ha annunciato che intende trovare il modo per scongiurarlo.
    I Segretari generali regionali, Alessandra Baldari della FP CGIL, Luciana Giordano della CISL FP ed Elio Bartoletti della UIL FPL, attendono con particolare preoccupazione gli esiti di quanto annunciato dal Ministro perché la condizione delle lavoratrici e dei lavoratori della Sanità ormai allo stremo, così come la già critica situazione dei servizi sono da imputare, per molta parte, proprio alla carenza di capitale umano e non potrebbero reggere l’impatto di un ennesimo mancato incremento di personale.

  • Corap, i sindacati compatti: proposta indecente

    Nella giornata di lunedì 18 Marzo le OO.SS sindacali sono state convocate dalla Regione Calabria presso la Cittadella, al fine di prendere in esame il Piano Industriale del Corap, richiesto da ben 3 anni, e che dovrebbe illustrare, non solo ai dipendenti ma anche a tutti i calabresi, le politiche di sviluppo industriale della Regione, la riqualificazione delle aree produttive, ivi incluse quelle su cui dovrebbe concretizzarsi la ZES, il potenziamento e la realizzazione delle attività di depurazione tanto carenti ed insufficienti nella Regione.

  • Reggio Calabria impianti di depurazione. Cgil, Cisl e Uil: "La situazione è preoccupante"

    Reggio Calabria. "La situazione del servizio di conduzione della rete fognaria, degli impianti di sollevamento fognari e degli impianti di depurazione della città di Reggio Calabria sta divenendo sempre più complessa e preoccupante". E' quanto sostengono le segreterie regionali RSU Idrorhegion S.c.a.r.l., Gatto della Filctem Cgil, Greco della Femca Cisl e Campana della Uiltec Uil. "Attualmente il servizio è

  • Sindacati proclamano stato di agitazione lavoratori strutture sanitarie private accreditate con contratto AIOP e ARIS

    Le OO.SS. FP CGIL, CISL FP e UIL FPL della Calabria hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori delle strutture sanitarie private accreditate con contratto AIOP e ARIS, in adesione e a sostegno della mobilitazione nazionale avviata in ogni regione a seguito della interruzione delle trattative al tavolo di confronto sul rinnovo del CCNL scaduto già da ben 12 anni.
    La rottura delle relazioni si è consumata il 21 febbraio scorso, allorquando le parti datoriali hanno manifestato la totale indisponibilità a finanziare il rinnovo contrattuale, proponendo la vergognosa cifra di 0 euro e pretendendo che l’intero finanziamento fosse a carico delle Regioni, quindi interamente con risorse pubbliche.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.