unci banner

:: NEWS

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

Su Via Botteghelle, alla presenza del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere, prosegue intensamente l'attività dell'associazione "Innamorarsi di Sbarre". Oggi, sabato 21 settembre, intera mattinata dedicata...

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Uil scuola, invalida il bando del Comune per gli asili nido

Uil scuola, invalida il bando del Comune per gli asili nido

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 27 Ottobre 2016 12:54

Reggio Calabria 27710/2016 - La UIL scuola paritaria e privata sezione di Reggio Calabria centra l’attenzione sui due bandi con i quali il Comune di Reggio Calabria, attraverso i fondi assegnati con il secondo riparto del Pac infanzia, ha indetto la gara per l’affidamento del servizio educativo per il Nido d’infanzia comunale di Archi e Gebbione. La gara è indetta con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa per l’affidamento della gestione degli asili nido comunali di Archi e Gebbione, per una durata di 10 mesi educativi e per un importo a base d’asta di € 573.738,00 ciascuno, per complessivi €. 1.147.476,00. Dalla lettura del bando di gara emerge come il Comune di Reggio Calabria, nella stesura del bando

, riguardo al progetto pedagogico-educativo e alla formazione del personale, non abbia rispettato le indicazioni del Regolamento Regionale n. 9/2013 sui servizi educativi. La Legge Regionale n. 15/2013, art. 15 c. 3, e il suddetto regolamento attuativo, artt. 2 e 5, prevedono che è l’accreditamento, e non l’autorizzazione, “la condizione di funzionamento per i servizi di nido gestiti, direttamente o indirettamente, da enti pubblici”. Ciò perché l’accreditamento assegna al sistema pubblico il compito di offrire un servizio di maggiore qualità anche attraverso una migliore professionalità richiesta agli operatori, e pertanto è compito dell’amministrazione comunale suscitare nei cittadini un sentimento di maggiore fiducia verso i nidi pubblici rispetto alle aspettative di tutela e integrità psico-fisica complessiva dei propri figli. Insomma l’asilo comunale deve offrire alcune “garanzie di tutela” superiori rispetto al settore privato, che invece può funzionare con la sola autorizzazione, anche a prescindere dall’effettiva valutazione del servizio offerto dalla struttura, ma semplicemente in quanto ambito statale in sé e per sé. Sfogliando il bando di gara si evince, invece, che il Comune di Reggio Calabria all’art. 12 dell’avviso pubblico richiamando gli obblighi della ditta appaltatrice in relazione al progetto educativo richiede quale condizione minima che le “attività di formazione del personale che opera nel servizio non potranno essere inferiori a 20 ore annuali per la programmazione delle attività”, presupposto che normativamente viene richiesto dalla normativa, invece, per i nidi privati soggetti alla sola autorizzazione. Quindi l’obbligo indicato dal bando si contrappone a quanto previsto per i nidi pubblici i quali devono rispettare l’art. 2.4 del regolamento regionale il quale, invece, impone che: “le ore di formazione per il personale che lavora in servizi accreditati non sono inferiori a 40 ore annuali”. E’ evidente come le indicazioni fissate dall’amministrazione comunale nel bando di gara oltre a non essere garanti di elevata qualità del servizio, non rispettano i requisiti aggiuntivi a quelli richiesti per l’autorizzazione al funzionamento, necessari per ottenere l’accreditamento del nido e indicati dall’art. 2.4 del regolamento regionale sotto il paragrafo “adesione a iniziative formative”. Ma non solo, la mancanza dei requisiti necessari per ottenere l’accreditamento dei nidi comunali oltre a non consentire l’avvio delle attività assoggetta l’Amministrazione al rischio della perdita delle risorse Pac, assegnate per la gestione, tenuto conto che l’art. 2 del regolamento regionale indica che l’accreditamento è condizione indispensabile per l’accesso ai finanziamenti pubblici. Sotto il profilo qualitativo, inoltre, tale scelta aggrava nei fatti la situazione poiché il minore status professionale richiesto agli operatori porterebbe a un abbassamento del livello qualitativo del servizio nido e faciliterebbe l’organizzazione gestore a derubricare il lavoro degli operatori a mera attività esecutiva e, per questo motivo, a isolarli e ad escluderli anche da un’apertura comunicativa nei loro confronti. Secondo tale concezione, verrebbe a determinarsi una rigida separazione tra chi progetta e chi esegue il lavoro. Si tratta di un’incoerenza forte, dal punto di vista organizzativo, tra la natura del processo di lavoro e la configurazione organizzativa adottata. Tale incoerenza produce solitamente un abbassamento dell’efficacia del servizio, data la minore professionalità richiesta alle risorse umane impiegate. Tale contrapposizione riportata nel bando di gara, a nostro avviso, pone la necessità da parte dell’Amministrazione Comunale di procedere all’annullamento in autotutela dello stesso, giacché l’aggiudicazione essendo prevista con il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa, secondo criteri di valutazione e relativi punteggi, sarebbe falsata tenuto conto che nel punteggio entrerebbero in gioco solo come opzione le eventuali maggiori ore di formazione, rispetto al numero di 20, che invece andavano garantite in quanto requisito minimo e non aggiuntivo. Infatti, nel criterio riportato nel bando al punto A.2) progetto pedagogico-educativo è compreso il punto e) “attività di formazione prevista per il personale in servizio (numero di ore pro-capite di formazione nel periodo di affidamento del servizio oltre le 20 h. di formazione previste dal Regolamento Regionale di cui alla Legge n. 15/2013 – fattore ponderale 6”. Si evince, quindi, come l’Amministrazione Comunale addirittura, contrapponendosi alle indicazioni della normativa regionale, assegna un punteggio qualitativo a un requisito oggettivamente minimo che pertanto deve essere garantito e non aggiuntivo, fissando un coefficiente varabile da 0 a 1, quale premialità, per gli organismi che offriranno maggiori ore di formazione oltre le 20.
E’ evidente come tale errato indicatore inficerebbe il calcolo del punteggio relativo al criterio pedagogico A.2) e conseguentemente invaliderebbe il risultato finale della gara rendendo annullabile l’assegnazione del servizio.
Infatti, il mancato rispetto del requisito delle ore minime di formazione previste per l’accreditamento, renderebbe aggredibile il bando di gara con il concreto rischio, a seguito dell’assegnazione, di successivo annullamento per un’eventuale ricorso dei soggetti partecipanti alla gara; nonché comporterebbe il rischio della perdita delle risorse assegnate dal Pac infanzia per l’impossibilità di ottenere, per tali irregolarità, l’accreditamento dei nidi comunali e conseguentemente condurrebbe ad un’ulteriore rinvio dell’apertura dei nidi comunali, già ampliamente in ritardo.
Si resta fiduciosi di un celere intervento in autotutela del Sindaco e dell’Assessore di competenza.

Uil scuola paritaria e privata

Letto 512 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Gli appuntamenti di oggi in città 1 agosto 2019

    Gli appuntamenti di oggi: - alle ore 11 presso l’Aula Seminari del Dipartimento di Agraria Località Feo di Vito Reggio Calabria si terrà una conferenza stampa di presentazione della nuova offerta formativa del Dipartimento di Agraria della Mediterranea.

    - alle ore 11.00, la conferenza stampa di presentazione della 4^ edizione del concorso Nazionale per stilisti Nuovi Talenti per la Moda

    - dalle ore 14 USB e i lavoratori delle strutture psichiatriche reggine saranno in presidio davanti Palazzo Campanella in occasione dei lavori del Consiglio Regionale.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 31 luglio 2019

    Gli appuntamenti di oggi: - Manca davvero poco alla XIV edizione de “I Tesori del Mediterraneo”, il grande evento organizzato dall’Associazione Nuovi Orizzonti, in programma dal 31 luglio al 4 agosto sul Lungomare di Reggio Calabria. Si partirà con la conferenza stampa di presentazione in programma alle ore 11 nel salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio.
    -alle ore 18 si terrà nella terrazza della Cultura di Reggio Calabria (Via S. Caterina 56); un convegno sul tema: “Reggio Calabria tra cronaca e storia – come recuperare il ruolo e prospettare lo sviluppo socio-economico della città nell’ attuale momento politico”.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 30 luglio 2019

    Gli appuntamenti di oggi: -ore 9:30 protesta operatori Coolap (strutture psichiatriche) davanti sede ASP di via Diana

    -Tutto pronto per il Sunset Festival che si svolgerà all'interno del lido locrese per sei domeniche, dal 21 luglio al 25 agosto 2019. L'evento di presentazione del alle ore 10,30 presso "Malavenda Cafè" in via Zecca a Reggio Calabria.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 29 luglio 2019

    Gli appuntamenti di oggi: - il Consiglio Comunale è convocato, in sessione straordinaria, alle ore 9,00 nella sala adunanze di Palazzo San Giorgio
    - Il fine cantautore Bungaro racconterà il meraviglioso idillio artistico con Ornella Vanoni alle ore 11, presso l’A Gourmet Accademia di Filippo Cogliandro

  • Gli appuntamenti di oggi in città 27 luglio 2019

    Gli appuntamenti di oggi: -“Sandrino – Il Film” ha già un suo Trailer che verrà presentato alla stampa alle ore 10:30, presso il locale “Birri Basta”, in via Cattolica Dei Greci, 24 a Reggio Calabria.

    - Reggio Pride partenza da Pineta Zerbi alle ore 17.30. Il corteo si snoderà per Via Genoese Zerbi e proseguirà per tutto il lungomare Falcomatà.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.