unci banner

:: NEWS

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Strumenti jazz amalgamati a quelli della tradizione popolare, ritmi mediterranei fusi con la tarantella, voci calde e appassionate affiancate a chitarre di ogni genere. Il Kaulonia Tarantella Festival è pronto...

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Ust Cisl su situazione Porto di Gioia Tauro

Ust Cisl su situazione Porto di Gioia Tauro

Pubblicato in ATTUALITA' Domenica, 24 Febbraio 2019 12:15

Accogliamo positivamente, l’incontro promosso dal Prefetto di Reggio Calabria sul tema strategico Porto di Gioia Tauro finalizzato anche all’istituzione di un tavolo permanente, una sorta di camera di decantazione che attraverso un confronto continuo si candidi a seguire e monitorare un possibile piano di investimento, come dichiarato in sede ministeriale e territoriale, per il porto di Gioia Tauro. Superare la crisi attraverso un lavoro sinergico e di confronto con gli interpreti istituzionali, sociali e imprenditoriali, risulterà essere uno strumento indispensabile per il futuro del Porto.

Dopo varie vicissitudini pare che l' incontro tenutosi presso la sede dell' autorità portuale - al quale ha partecipato la Cisl, Rosi Perrone, Cristian De Masi, Annibale Fiorenza e Peppe Larizza - abbia sancito la messa in campo di quanto esposto al tavolo romano con il ministro Toninelli. La proposta di un tavolo permanente prefettizio - lo accettiamo come camera di raffronto e approfondimento su due pilastri portanti per il futuro di Gioia Tauro: investimenti ed occupazione, con un monitoraggio costante su ogni azione proposta e messa in atto.
Un passaggio importante vista la volontà del Ministro Toninelli, di confermare il ruolo strategico del porto di Gioia Tauro nel “sistema nazionale dei trasporti”, e soprattutto di farsi garante di tutti gli interventi necessari per il rilancio degli investimenti e delle attività portuali affinché non venga sacrificata la continuità operativa e venga garantita e migliorata la stabilità occupazionale, al tavolo convocato al Mit infatti il ministro ha precauzionalmente ipotizzato circa 60 giorni di tempo per decidere anche su un eventuale ritiro di concessione se Mct non dovesse assumere gli impegni di investimento ed una apertura di linea di confronto per gli investimenti da parte Msc. Allora sarà ancora più determinante il tavolo permanente prefettizio strettamente collegato al governo, in quanto come Cisl ci chiediamo quanto tempo necessiterebbe per ritiri, subentri o quant’altro ? E nel frattempo il lavoro ed i lavoratori che continuità avranno? Questo uno dei tanti nodi, speriamo a questo punto gordiani, che dovranno essere sciolti al tavolo permanente prefettizio che ci aspettiamo faccia da continuo riferimento per gli atti del ministro e del governo. Perché non è più accettabile che, per le complessità e le criticità del management, a pagarne le spese siano sempre lavoratori e polo infrastrutturale.
Pertanto, cercheremo di capire, seguendo ogni singolo passo di questo iter, quali iniziative saranno intraprese tra i vari livelli istituzionale ed MCT ed MSC ed in quali tempi e con quali modalità, affinché non venga avvilito e sminuito il valore strategico ed economico di Gioia Tauro e del suo indotto, non dimenticando mai nei fatti quante aziende e lavoratori gravitano anche nell’ indotto. Non si può assolutamente più attendere è di fatto improcrastinabile un cambio di passo per una struttura oggi semi-morente e annichilita nella sua vocazione organica, e cuore pulsante della ZES, su cui insistono complessivamente circa 200 milioni di euro a sportello oltre la legge 181, oltre che è di pochi giorni fa l' ufficialità che il decreto semplificazioni ha sancito il via libera alla stessa. Dunque gli strumenti agevolativi e le risorse finanziarie ad essa collegate possono animare commercialmente il territorio e devono favorire un’esplosione dello sviluppo industriale, assicurando le più rosee aspettative nel comparto occupazionale e di sviluppo legale libero e strategico del porto nella metrocity come trait d'union, della Metrocity, della Calabria e del Paese, tra Europa e Mediterraneo.

Ufficio Stampa UST CISL Reggio Calabria

24 febbraio 2019

Letto 261 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Operazione “Balboa”: disarticolata associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina

    Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza – con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Capo Giovanni Bombardieri – stanno dando esecuzione nelle province di Roma, Reggio Calabria e Sassari ad una Ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria nei confronti dei sodali di un’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di cocaina operante sotto l’egida della cosca di ‘ndrangheta “Bellocco” di Rosarno.

  • Sequestrati al Porto di Gioia Tauro 53 chili di cocaina nascosti in un carico di frutta esotica

    Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti gli uomini del Comando Provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane – Ufficio Antifrode di Gioia Tauro, con il coordinamento della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia - hanno individuato e sequestrato 53 Kg di cocaina purissima nello scalo portuale calabrese.
    Attraverso una complessa attività di indagine eseguita tramite analisi di rischi e riscontri fattuali su oltre 1.200 contenitori provenienti dal continente americano, gli uomini della Guardia di Finanza, con il supporto di unità cinofile e grazie ai sofisticati scanner in dotazione all’Agenzia delle Dogane, sono riusciti ad individuare quello in cui era stato occultato lo stupefacente.

  • Lettera aperta del SUL al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

    Egregio Sig. Presidente, Lei ha deciso di tenere il Consiglio dei Ministri nella nostra Regione ed a Reggio Calabria, scegliendo, così, di lanciare un messaggio di attenzione al Sud ed alla Calabria. Già nelle settimane precedenti abbiamo assistito all’intervento del Governo per facilitare la definizione delle questioni societarie relative al Porto di Gioia Tauro, premessa indispensabile per l’auspicato rilancio di questa importante e strategica struttura.
    Tuttavia, pur nella considerazione positiva che ne abbiamo dato e nella speranza che si sia trovata la soluzione perché il Porto torni a movimentare i traffici di pochi anni or sono, converrà con noi che si tratta di una scelta difensiva. Che non vogliamo certo sminuire perché il valore della difesa del posto di lavoro e dell’economia esistente è parte fondamentale del nostro lavoro e della stessa ragione della nostra esistenza e sarebbe ingiusto verso chi si prodiga in questa direzione.

  • Porto Gioia Tauro, Russo: Roma spenda i 150 milioni da UE

    “Ben vengano gli accordi industriali tra le compagnie su cui non credo si debba intervenire. Questo è il mercato. Ma credo ci sia un nodo strategico che da tre anni ripetiamo in tutti i tavoli romani, parlando sempre la stessa lingua, dal 2015 a oggi: l'Europa ha dato risorse da destinare al Porto di Gioia Tauro, pari a 150 milioni e queste risorse, visto che è un porto internazionale, sono state date a Roma che le deve spendere”.
    Lo ha detto il Vicepresidente della Regione Calabria con delega al Porto di GioiaTauro, Francesco Russo, a margine di un convegno ch si è svolto oggi nella Cittadella regionale sul sistema di pagamenti degli enti locali.

  • Gattuso: la strana partita del Governo su Gioia Tauro

    di Domenico Gattuso - Il 2 Aprile scorso il Ministro dei Trasporti si è proposto con toni trionfalistici davanti ai giornalisti a Gioia Tauro, come se avesse risolto i problemi del porto e determinato le prospettive più rosee per il futuro. Mi permetto di sollevare una serie di dubbi in proposito, per invitare i calabresi ad un sano realismo, andando oltre i discorsi di facciata. Premetto che la mia è una opinione personale legata all’esperienza e che sono interessato al bene comune della nostra gente, non certo a difendere partiti che hanno amministrato la Regione in modo certamente poco serio negli ultimi 20 anni.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.