unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Vinicio Capossela apre il Kaulonia Tarantella Festival 2019

Vinicio Capossela apre il Kaulonia Tarantella Festival 2019

Pubblicato in ATTUALITA' Sabato, 17 Agosto 2019 09:01

Da oggi al 20 agosto Caulonia diventa capitale della musica popolare. L'edizione 2019 del Kaulonia Tarantella Festival sarà aperta ufficialmente questa sera da Vinicio Capossela, pronto ad accendere il palco di Piazza Mese, cuore pulsante della kermesse. Il concerto è l'occasione per presentare le canzoni del nuovo disco Ballate per uomini e bestie. Un'opera di grande forza espressiva che guarda alle pestilenze del nostro presente travolto dalla corruzione del linguaggio, dal neoliberismo, dalla violenza e dal saccheggio della natura. La forma scelta da Capossela per questa sua nuova impresa artistica è quella della ballata, come occasione di pratica metrica e di svincolamento dalla sintesi.

La ballata prende il caos delle parole in libertà, l'esperienza liquida del divenire, le riduce a storia e le compone nel fluire di strofe. Tra i quattordici brani che compongono l'album non mancano poi canzoni ispirate alla grande letteratura, da testi medievali alle opere di poeti amati come Oscar Wilde e John Keats. In scaletta, oltre ai brani del nuovo album, anche alcuni classici del repertorio di Capossela legati a doppio filo al tema del concerto.

«Sono diversi anni che ricevo l'invito a partecipare a questo festival così dionisiaco – ha affermato Capossela - Avrei voluto esserci già dai tempi di "Canzoni della cupa", che è un lavoro sulla radice. Dylan negli anni 60 diceva "non c'è niente di rassicurante nella musica folk". Essa viene dalle leggende e dalle pestilenze, come rose che crescono nelle orbite dei teschi. Nella musica folk c'è anche una potenza primigenia, vulcanica. C'è l'amore, l'ingiuria, il sonetto. Rappresenta un poema della storia dell'umanità scritta da ognuno».

Ad accompagnare il pubblico cauloniese verso l'atteso evento di Piazza Mese due importanti appuntamenti. Alle 18:30 in piazza Bellavista Vicenzo Santoro, responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo dell'Anci e da anni impegnato in iniziative per la valorizzazione della cultura popolare e della musica del sud, presenterà la sua ultima fatica letteraria "Rito e passione", un'analisi su come si è evoluto negli anni il cosiddetto "movimento della pizzica", raccogliendo anche interviste a musicisti, danzatori, promotori culturali e intellettuali che di questo fenomeno sono i protagonisti.

Nella suggestiva cornice dell'Affresco Bizantino il pre-serale (ore 20) sarà a cura di Paolo Sofia e del suo "L'albero di more", il nuovo album da solista del cantautore e anima creativa del gruppo etno-folk "QuartAumentata". Il disco, ispirato al romanzo "La Maligredi" di Gioacchino Criaco, racconta lo smarrimento di una generazione che vedeva i padri partire per terre lontane e le madri spezzarsi la schiena nella raccolta dei gelsomini. I brani parlano di aspirazioni, sogni e delusioni di interi paesi a sud del mondo che volevano far sentire la loro voce.

Una manifestazione che vivrà anche momenti di studio ed approfondimento etnomusicologico pomeridiano nel centro storico e seminari sulla danza e la tradizione popolare. In piazza Seggio sarà infatti possibile, per tutte le giornate della manifestazione, apprendere l'abc della tarantella riggitana con Vanessa Macagnino, Fabio Chiera e Mattia Tassone, nonchè nozioni del ballo di Terzigno con Alessandra Mariano e Antonio Esposito e delle danze popolari dell'isola di Creta. Quindi l'opening a ritmo di tamburello e organetto con l'Abballati-stage di Massimo Diano e il post festival con una tarantella no-stop lungo gli angoli più suggestivi del centro storico cauloniese fino alle prime luci dell'alba.

Scopri il programma completo su www.kauloniatarantellafestival.it

Caulonia 17 agosto 2019

Letto 106 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

    Una parata di stelle per il gran finale del Kaulonia Tarantella Festival 2019. La kermesse di musica e cultura etnica chiuderà i battenti martedì 20 agosto con grandi ospiti tra cinema e musica. L’attesa è tutta per la performance di Paola Turci, raffinata interprete della canzone italiana che sul palco di piazza Mese incontrerà il padrone di casa Mimmo Cavallaro, figura musicale di spicco del Ktf e prodotto diretto e musicalmente più rappresentativo di 20 anni di festival. Ad accompagnarli la Ktf Orchestra, progetto musicale che si avvale del talento di giovani musicisti cauloniesi, che con passione e sacrifici da anni portano avanti la tradizione bandistica dell’antica Castelvetere.

  • Kaulonia Tarantella Festival: Mimmo Morello e Fantafolk tra greco e grecanico

    Il Kaulonia Tarantella Festival 2019 entra nel vivo. Blu come il mare, greco come il mito e come la serata di lunedì 19 agosto in cui le inconfondibili sonorità elleniche si fonderanno con i canti dell’area grecanica calabrese nel progetto inedito e innovativo “Greco e Grecanico: isole”, pensato appositamente per il pubblico di Piazza Mese. Sul main stage un tris di fuoriclasse del genere composto da Mimmo Morello, Fantafolk e Gergiani Parea.

  • Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

    Strumenti jazz amalgamati a quelli della tradizione popolare, ritmi mediterranei fusi con la tarantella, voci calde e appassionate affiancate a chitarre di ogni genere. Il Kaulonia Tarantella Festival è pronto ad accogliere domenica 18 agosto per la prima volta la Calabria Orchestra, un ensemble unico con una cifra artistica indiscussa potendo contare sull'apporto di personalità musicali di sicuro rilievo. Un progetto che, sotto il patrocinio del Conservatorio di Cosenza, esalta la cultura e la musica del sud, un collettivo che lavora per la musica made in Calabria e rappresenta tutta la Regione. Un grande spettacolo pensato, suonato, intrecciato e costruito con i grandi musicisti della nostra terra. Un progetto musicale diretto dal maestro Checco Pallone che raccoglie tutti i più grandi successi della musica del sud e in particolare di quella calabrese in un unico spettacolo. L'ensemble sarà impreziosito dalla chitarra battente di Francesco Loccisano e dal cajon di Tonino Palamara, due ragazzi di Calabria apprezzati e affermati in tutta Italia.

  • E' uscito "Povero Cristo", videoclip di Capossela girato a Riace

    E' uscito il videoclip che accompagna il singolo, scritto da Vinicio Capossela e Miriam Rizzo per la regia di Daniele Ciprì che firma anche la fotografia. Lo produce Groenlandia con il sostegno della Calabria film Commission. Gli interpreti del video sono Enrique Iatzoqui, il celebre Gesù de "Il Vangelo secondo Matteo" di Pier Paolo Pasolini, e Marcello Fonte, palma d'oro a Cannes nel 2018 per Dogman. Il ruolo femminile è affidato a Rossella Brescia. Il montaggio è curato da Dario Indelicato, i costumi sono di Grazia Colombini, le scenografie di Gianluca Salomone. Il video è stato girato a Riace, luogo divenuto simbolo dell'accoglienza e dell'integrazione come reazione possibile alle crescenti tendenze xenofobe e di paura verso il diverso.

  • Cresce l'attesa per Vinicio Capossela al teatro Cilea

    Reggio Calabria 11/03/2017 - Grande attesa in città per il concerto di Vinicio Capossela. Domani, domenica 12 marzo, il cantautore catturerà, dal palcoscenico del teatro "Francesco Cilea", sensazioni ed emozioni, con il suo ultimo lavoro discografico "Canzoni della cupa e altri spaventi. Tour Ombra". Il cantore del folklore contadino 2.0, sarà accompagnato dalla band formata da: Alessandro “Asso" Stefana (chitarra, armonio e campionatori), Glauco Zuppiroli (contrabbasso), Vincenzo Vasi (percussioni, campioni, theremin, voce),

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.