unci banner

:: Evidenza

Verso la terza edizione del premio di poesia San Gaetano Catanoso

Verso la terza edizione del premio di poesia San Gaetano Catanoso

Sono ancora aperti i termini per partecipare alla terza edizione del premio di poesia dedicato a San Gaetano Catanoso. L'idea nata dalla sinergia creatasi fra le Associazioni "Il Giardino di Morgana", "La Voce del Sud","Amici...

Prefettura di Reggio Calabria, continua il monitoraggio sulle criticità della SS18

Prefettura di Reggio Calabria, continua il monitoraggio sulle criticità della SS18

Reggio Calabria. Continua il monitoraggio della Prefettura di Reggio Calabria sulle criticità della SS. n. 18, principalmente nel tratto compreso tra il Comune di Bagnara Calabraed il Comune di Scilla, interessato da numerose problematiche. Nella...

Sanità disastrata, criminalità. Il premier Conte: "Subito un Consiglio dei ministri in Calabria"

Sanità disastrata, criminalità. Il premier Conte: "Subito un Consiglio dei ministri in Calabria"

Reggio Calabria. "Vi anticipo che ho intenzione di far svolgere un Consiglio dei ministri in Calabria, perché la Calabria è una delle Regioni del Sud più abbandonate a se stesse e il Cdm avrà un...

Reggio Calabria, assolto con formula piena l'ex sindaco Arena. Le accuse: abuso d'ufficio e falso

Reggio Calabria, assolto con formula piena l'ex sindaco Arena. Le accuse: abuso d'ufficio e falso

Reggio Calabria. Demetrio Arena, ex sindaco della città, è stato assolto con formula piena dai reati di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico dal collegio del Tribunale penale di Reggio Calabria. La vicenda giudiziaria...

Presentata la mostra fotografica “Borghi, paesaggi, folclore e tradizioni della Calabria“

Presentata la mostra fotografica “Borghi, paesaggi, folclore e tradizioni della Calabria“

Presentata, presso il salone del Dlf di via Caprera, la collettiva di foto: “Borghi, paesaggi, folclore e tradizioni della Calabria“. La mostra si prefigge di mostrare le tante facce della nostra regione, tramite l'occhio di...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTA

CalabriaIgnota

Arriva nelle sale “Arbëria” il lungometraggio opera prima della regista calabrese Francesca Olivieri, che indaga i legami forti e l’eredità culturale delle comunità arbëreshë che ancora sopravvivono in alcuni piccoli borghi di Calabria e Basilicata.
Il film è stato presentato oggi (lunedì 18 marzo prossimo alle 11,00) in occasione della conferenza stampa che si terrà presso la Camera di Commercio di Cosenza con la regista Francesca Olivieri; l’attrice Caterina Misasi, il direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace; il presidente della Calabria Film Commission, Giuseppe Citrigno; Fabrizio Nucci di Open Fields Productions e Alessandro Gordano di LAGO Film.

Un Carnevale insolito e diverso ma che allo stesso tempo ne ripercorre le radici più profonde. E’ il Carnevale storico di San Salvatore nella Vallata del Sant’Agata. Tutto avviene nel Martedì Grasso quando nel pomeriggio le strade del paese di riempiono di maschere “i mascarati” guidato da “U Puddicineddha” anche lui travestito ma col volto scoperto. Con lui “u mastru i ballu” anima la piazza invitando “i mascarati a farsi nu giru a fora u primu” (ballo tradizionale della nostra terra”. Ospite del corteo il “Re Carnevale” un pupazzo di paglia che viene tenuto in trono. Alla fine del corteo nella piazza grande del paese tutti gettano via le maschere e in cerchio assistono al rogo del pupazzo. Poi festa grande con le polpette.

Si avvicina la festa dell’anno più colorata e trasformista, che piace a grandi e piccini: il Carnevale. Oggi, molte e variegate sono le maschere e i personaggi da prendere come spunto per mascherarsi.  Ma se facciamo un salto indietro nel tempo, di qualche secolo, le “maschere” carnevalesche erano legate alla tradizione della commedia dell’arte, tradizioni arcaiche oppure ideate appositamente come simboli dei festeggiamenti carnevaleschi di varie città. L'Italia è ricca di maschere regionali, capita così di imbattersi in maschere tipiche. Così per le altre regioni anche la Calabria ha la sua maschera: Giangurgolo.

Dopo aver passato in rassegna, i luoghi, le bellezze storico artistiche della città Metropolitana di Reggio Calabria, è arrivato il momento di dedicare un piccolo spazio anche allo stemma cittadino. Ovvero, quell’elemento grafico che consente, in prima approssimazione, di richiamare alla mente con immediatezza e precisione, una persona, una famiglia, un gruppo sociale, un territorio. Prima di parlare dello stemma della città e delle sue caratteristiche, dobbiamo necessariamente far riferimento alle origini della devozione della città per San Giorgio. Parliamo di un legame antichissimo che risale all'inizio dell'XI secolo.

Il Terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 - Testo: Vito La Colla (Capitolo XI) I SOCCORRITORI SCAVANO FRA LE ROVINE
Il re rimase in Sicilia e in Calabria fino al 3 gennaio, segno del suo interessamento a che tutto scorresse nel migliore dei modi. Visitò tutti i centri, anche i più piccoli, e con la sua presenza rianimò non poco la popolazione, e impresse forza e velocità nelle opere di salvataggio e di ordine pubblico.

Il Terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 - Testo: Vito La Colla (Capitolo XI) - LA VIOLENZA DILAGA FRA LE ROVINE
La prima giornata terribile e senza speranza, seguita alla scossa notturna, aveva ridotto migliaia di persone, ancora vive, in esseri senza volontà, senza forze, talvolta inebetiti. La sciagura era stata troppo terribile, la società civile non esisteva più, ognuno cercava di arraffare quanto più poteva, e difendeva con i denti il suo piccolo tesoro. Homo homini lupus.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.