unci banner

:: NEWS

Il PrimarEtnoFest promuove la musica del Sud per i festeggiamenti della Varia

Il PrimarEtnoFest promuove la musica del Sud per i festeggiamenti della Varia

Palmi ospiterà il prossimo 24 agosto il PrimarEtnoFest, un importante appuntamento musicale, previsto all'interno del ricco cartellone di eventi della “Varia di Palmi” in programma dal 10 al 25 agosto....

Al Castello Aragonese presentato il libro “Caulonia, storia di una polis” di Claudio Panaia

Al Castello Aragonese presentato il libro “Caulonia, storia di una polis” di Claudio Panaia

Presentato al Castello Aragonese il libro “Caulonia, storia di una polis” di Claudio Panaia (Città del Sole Edizioni). “Caulonia, la piccola città greca fondata dagli Achei verso la fine dell’VIII...

Una traversata notturna dello Stretto del 1677 rivive alla Lega Navale Italiana

Una traversata notturna dello Stretto del 1677 rivive alla Lega Navale Italiana

Presso la sede della Lega Navale, Sezione di Reggio Calabria, si è tenuta la preannunciata conferenza avente per tema: "Una traversata notturna dello Stretto", a cura del prof. Filippo Arillotta,...

Il consiglio dell’esperto: “Ustioni” da medusa, cosa fare?

Il consiglio dell’esperto: “Ustioni” da medusa, cosa fare?

Anche quest’anno, il tanto atteso bagno a mare, viene messo a repentaglio dalle meduse, creature marine dal caratteristico aspetto gelatinoso, a volte trasparenti e anche per questo insidiose, divenute ormai...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria Ignota

CalabriaIgnota

Frank Nicolazzo è nato in Calabria nel 1931. Il padre emigrò alla ricerca del "sogno americano". Qualche anno dopo il genitore decise di far giungere negli Stati Uniti parte della sua famiglia (secondo Frank: "mio padre percepì lo sconvolgimento e le nuvole di guerra che erano nell'aria. Prenotò il biglietto, per me e mio fratello nato nel 1929, su un transatlantico con il quale arrivammo ad "Ellis Island" nel 1936) . I Nicolazzo si stabilirono a Newton in Massachusetts. Nel settembre del 1952 Frank (si arruolò volontario nella 700° compagnia di artiglieria della 45° divisione di fanteria) fu mandato a combattere in Corea.

Che la Calabria, ed in particolare Reggio, abbia sempre avuto un rapporto conflittuale con i propri figli, anche con quelli che gli hanno portato lustro, è cosa risaputa, uno di questi figli è Federico Genoese, che nacque nel 1805 da una delle famiglie più nobili e in vista della città.
Noto per il suo impegno durante la rivolta anti-borbonica, iniziata il 2 settembre 1847, in seguito ed in conseguenza di questi eventi il Genoese fu arrestato, poi sottoposto a processo e condannato a morte; venne liberato l’anno seguente, in relazione alla grande stagione rivoluzionaria del 1848 in Italia e in Europa, ma morì quasi subito dopo.

Pietro Silvestro Benedetto Bombardieri nacque a Placanica, il 4 novembre 1884, da Rocco (venticinquenne "calzolaio") e Teresa Panaiia. A ventitrè anni, Pietro, decise di emigrare alla ricerca del "sogno americano". Giunse ad "Ellis Island" nel 1907. All'inizio Pietro oramai "Peter" fece ogni tipo di duro lavoro. Ma già dopo un anno, nel 1908, ebbe l'intuizione di aprile una sua "Bakery" (panetteria) che produceva pane di tipo italiano e soprattutto calabrese (la "Bakery" aveva sede nel North End di Boston). Fu subito un incredibile successo. Acquistò, successivamente, dei furgoni per le consegne a domicilio e iniziò a fornire il suo pane italiano anche fuori Boston.

Piazza De Nava è forse una delle piazze più importanti della città, situata in pieno centro storico, proprio davanti al Museo Nazionale della Magna Grecia, centro nevralgico della vita giovanile negli anni 80/90 del secolo scorso, ma anche una delle più antiche, con una datazione del 1936, anno in cui fu posizionato il monumento a Giuseppe De Nava.
La piazza ha pianta planimetrica rettangolare e presenta un leggero dislivello dell'andamento del terreno in direzione mare-monti.

Molti monumenti di Reggio, sono stati posizionati in punti diversi, a secondo del periodo storico che viveva la città, ma forse il più famoso di questi, è la statua a Biagio Camagna, avvocato, politico e pubblicista italiano.
Il monumento a lui dedicato fu eretto il 30 agosto 1925 con un'importante sottoscrizione popolare. E’ costituito da una statua bronzea, realizzata nel 1924 da Domenico Pellegrino, la quale poggia su un doppio basamento in marmo bianco, su cui è impresa la frase, A Biagio Camagna il popolo 1924, anche se ormai quasi illeggibile, a causa dei vari atti vandalici a cui viene costantemente sottoposta.

Il nome di Corrado Alvaro è indissolubilmente legato a questa terra. E se oggi anche la sede della Città Metropolitana ne porta il nome, a lui è dedicato il monumento realizzato da Alessandro Monteleone, in piena Via Marina, nella salita che porta all’ingresso principale del Museo. Realizzato nel 1965 è composto da tre distinti blocchi di marmo travertino a forma di cubo. Sulle facce sono incise frasi, pensieri e personaggi delle opere dello scrittore.
Corrado Alvaro nasce a San Luca nel 1895, primo di sei figli di Antonio, un maestro elementare, e di Antonia Giampaolo, figlia di piccoli proprietari. Compì i suoi studi liceali a Catanzaro dove nel 1913 conseguì la licenza liceale e dove rimase fino al gennaio del 1915, anno in cui partì militare per combattere la Prima guerra mondiale.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.