unci banner

:: Evidenza

Reggio Calabria. Conclusa la Giunta Nazionale del Coni presieduta da Malagò

Reggio Calabria. Conclusa la Giunta Nazionale del Coni presieduta da Malagò

Reggio Calabria. Nel pomeriggio si è riunita a Palazzo Alvaro, sede della Città metropolitana la Giunta Nazionale del Coni. Momento storico per la Calabria che vede la 1082ª riunione dell’’organo esecutivo dell’Ente, presieduto da Giovanni...

Viola Reggio Calabria, Vitale: "Voglio crescere all'interno di un gruppo molto forte"

Viola Reggio Calabria, Vitale: "Voglio crescere all'interno di un gruppo molto forte"

Reggio Calabria. Il play della Viola Reggio Calabria, Donato Vitale è stato ospite di Break In Sport, magazine radiofonico in onda sulle frequenze della radio ufficiale, Antenna Febea. Il giovane playmaker è in continua crescita....

Novembre, mese della prevenzione e della vaccinazione: la nota di Misefari

Novembre, mese della prevenzione e della vaccinazione: la nota di Misefari

Reggio Calabria. La Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio ha di recente ospitato iniziative a sostegno della cultura della prevenzione e dell’invito alla vaccinazione in occasione della presentazione di due omologhi testi a cura...

La Madonna della Consolazione saluta Reggio e torna all'Eremo: domenica la processione

La Madonna della Consolazione saluta Reggio e torna all'Eremo: domenica la processione

Reggio Calabria. E' arrivato il giorno della risalita. La Madonna della Consolazione, patrona di Reggio Calabria, domenica 25 novembre saluterà il suo popolo per rientrare all'Eremo. La processione partirà dalla Cattedrale alle 15.30 si snoderà...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTA

CalabriaIgnota

La rupe dove si posò lo sparviero. È di Gerace, che parleremo questa settimana. In cima alla classifica dei più bei borghi da visitare nella nostra Calabria e di Italia, nel 2015 è entrata nella classifica dei 20 borghi più belli del Paese. Il nome Gerace deriva dal greco jerax, “sparviero”, in ricordo del rapace che, secondo la leggenda, avrebbe indicato agli abitanti di Locri il luogo in cui rifondare la città, al riparo dalle incursioni saracene. Innumerevoli i punti d’interesse storico artistico del borgo, così lo descriveva lo scrittore inglese Edwar Lear: “Piena di palazzi bellamente situati, posta su uno stretto margine di roccia.

Reggio Calabria. Spostiamoci da Reggio e, senza invidiare nulla alle altre Regioni d’Italia e Paesi d’Europa, la Nostra provincia può vantare luoghi e borghi affascinanti e di straordinaria bellezza. Quest’oggi parliamo di Stilo – (Stilu nella variante calabrese del siciliano, Stylon in greco-calabro). Stilo si trova ai piedi del Monte Consolino è tra i comuni Italiani inseriti nel circuito

Oggi parliamo di uno dei quartieri della zona sud della città: Sbarre o in reggino ‘I Sbàrri’. Nato inizialmente come un quartiere esterno al nucleo urbano, è una striscia di edificato che si estende da nord a sud, principalmente seguendo l'asse di via Sbarre Centrali. Confina a nord con il torrente Calopinace, a sud con il torrente Sant'Agata, a ovest con il viale Calabria, a est con le linee di viale Europa e via Ciccarello. Dal punto di vista urbano, la zona di Sbarre è tutto fuorché omogenea. La zona contiene, infatti, sia edifici che risalgono ai primi anni del secolo -alcuni anche sopravvissuti al terremoto del 1908, principalmente concentrati lungo Sbarre Centrali- , che edifici di edilizia popolare sorti durante il boom edilizio degli anni settanta/ottanta.

Oggi parliamo del quartiere di Santa Caterina che, insieme a San Brunello, è tra i quartieri di Reggio Calabria situati tra la collina di Pentimele e il mare. Originariamente erano zone extra moenia (fuori le mura), al di là del torrente Annunziata. Parliamo di uno dei quartieri residenziali tra i più popolosi del Comune di Reggio Calabria, situato nella parte nord della città. Prende il nome dalla Chiesa parrocchiale di Santa Caterina d’Alessandria il cui culto si diffuse in tutto il bacino del Mediterraneo fin dai primi secoli dell’era cristiana. Il “villaggio”, compreso fra il torrente Annunziata e la Fossa di Pentimele, è accertata in epoche lontanissime.

Se si vuole davvero conoscere una città oltre al centro cittadino, è necessario indagare e scoprire ciò che la circonda, la sua periferia, i suoi quartieri. Come per il corpo umano, se il centro rappresenta il “cuore”, le periferie sono le arterie, le vene che portano il “sangue e quindi la vita” alla città. Proprio da qui partiamo alla scoperta dei quartieri di Reggio Calabria. Iniziamo a scoprire il quartiere di Archi, (“l'Archi” in dialetto reggino), costituisce la X circoscrizione del comune nella parte nord della città. Si sviluppa a ovest della Autostrada A2 ed è attraversato dal torrente Torbido.

di Giusi Mauro. Se si chiede ad un reggino ‘doc’, quali siano le festività ‘sacre’ da rispettare vi risponderà –in ordine sparso: Natale, Capodanno (festa non sacra), Pasqua e Festa Madonna. Proprio quest’ultima, rappresenta per il popolo reggino, uno degli eventi più attesi di tutto l’anno. La devozione per “Maria Madre della Consolazione Avvocata del Popolo Reggino”, è una delle feste più importanti della provincia che si celebra solennemente in città dal sabato al martedì dopo la prima domenica che segue l’8 settembre di ogni anno. Reggio Calabria, da secoli, ha una profonda devozione per Maria Santissima, che venera, sotto il titolo della Consolazione.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.