unci banner

:: NEWS

Evento al Cilea per l'Hospice, il messaggio del sindaco

Evento al Cilea per l'Hospice, il messaggio del sindaco

È importante che, a problemi strutturali, si diano risposte strutturali. Ribadiamo, anche da questo palcoscenico, che chi di dovere deve avere l'umiltà di sedersi intorno ad un tavolo, con tutte...

A Palazzo Campanella il convegno "Racket, tre mafie a confronto"

A Palazzo Campanella il convegno "Racket, tre mafie a confronto"

"Iniziative come questa sono la testimonianza che, tutti uniti lavorando verso una direzione comune, possiamo definitivamente spezzare i tentacoli della piovra mafiosa". Così, il sindaco Giuseppe Falcomatà, ha salutato gli...

Villa, rifiuti zero. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione

Villa, rifiuti zero. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione

Con riferimento al Bando Anci Conai per la comunicazione locale – edizione 2019, il comune di Villa San Giovanni è stato ammesso al cofinanziamento di 45mila euro per il progetto...

A palazzo Corrado Alvaro la visita del cardinale Ernest Simoni

A palazzo Corrado Alvaro la visita del cardinale Ernest Simoni

S’è tenuto questa mattina, nella sala “Monsignor Ferro” di Palazzo Alvaro, l’incontro istituzionale tra il cardinale Ernest Simoni e il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà – introdotto da Marcello Condorelli, portavoce...

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

C'è anche Caulonia tra i centri beneficiari del finanziamento milionario per i beni culturali del distretto della Locride deliberato dalla Giunta Regionale. Ammonta infatti a 1 milione e 400 mila...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria IgnotaFrank Nicolazzo nella “Veterans Hall of Fame” per la Guerra di Corea, nacque in Calabria

Frank Nicolazzo nella “Veterans Hall of Fame” per la Guerra di Corea, nacque in Calabria

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 13 Luglio 2019 11:26

Frank Nicolazzo è nato in Calabria nel 1931. Il padre emigrò alla ricerca del "sogno americano". Qualche anno dopo il genitore decise di far giungere negli Stati Uniti parte della sua famiglia (secondo Frank: "mio padre percepì lo sconvolgimento e le nuvole di guerra che erano nell'aria. Prenotò il biglietto, per me e mio fratello nato nel 1929, su un transatlantico con il quale arrivammo ad "Ellis Island" nel 1936) . I Nicolazzo si stabilirono a Newton in Massachusetts. Nel settembre del 1952 Frank (si arruolò volontario nella 700° compagnia di artiglieria della 45° divisione di fanteria) fu mandato a combattere in Corea.

Durante quel drammatico conflitto seppe farsi onore guadagnandosi molti riconoscimenti: la "Korean War Service" con due stelle; la "United Nations Korean Service Medal" (decorazione militare istituita dall'O.N.U.) e la " National Defense Ribbon" ( istituita dalla " United States Armed Forces", nel 1953, su volere del Presidente degli Stati Uniti Dwight David Eisenhower). Frank Nicolazzo fu congedato con onore nel 1954 con il grado di sergente. Da quel momento Frank ha iniziato una sua personale "battaglia" contro la dimenticanza. I suoi sforzi sono rivolti a non far dimenticare il sacrificio di quei tanti soldati morti o feriti in quella che lui definisce "La guerra dimenticata". Con altri veterani della guerra di Corea ha fondato la "Monroe County Korean War Veterans Association". Nel 2016 il Senatore Joe Robach con orgoglio ha annunciato che Frank Nicolazzo era stato inserito nella "Veterans Hall of Fame" del Senato dello Stato di New York con questa motivazione: "la sua dedizione e il suo amore per la sua nazione parlano da sole. È certamente il più meritevole di questo grande onore". Lui e gli altri veterani sono spesso invitati da scuole ed università per raccontare le loro esperienze. Frank ha lavorato sempre nel settore della panificazione. Ha sposato Judy, con la quale ha poi vissuto prima a Rochester e poi a Greece nello Stato di New York dalla quale ha avuto quattro figli.

Geremia Mancini – presidente onorario "Ambasciatori della fame"

Pescara 13 luglio 2019

Letto 244 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Pietro Bombardieri, "leader" dei fornai di Boston era nato a Placanica, in provincia di Reggio Calabria, nel 1884

    Pietro Silvestro Benedetto Bombardieri nacque a Placanica, il 4 novembre 1884, da Rocco (venticinquenne "calzolaio") e Teresa Panaiia. A ventitrè anni, Pietro, decise di emigrare alla ricerca del "sogno americano". Giunse ad "Ellis Island" nel 1907. All'inizio Pietro oramai "Peter" fece ogni tipo di duro lavoro. Ma già dopo un anno, nel 1908, ebbe l'intuizione di aprile una sua "Bakery" (panetteria) che produceva pane di tipo italiano e soprattutto calabrese (la "Bakery" aveva sede nel North End di Boston). Fu subito un incredibile successo. Acquistò, successivamente, dei furgoni per le consegne a domicilio e iniziò a fornire il suo pane italiano anche fuori Boston.

  • José Arena grande musicista e Direttore d’orchestra in Argentina, era nato a Palmi nel 1869

    José (Giuseppe, Mariano) ARENA nacque a Palmi (RC) nel quartiere "muraglia", il 21 agosto del 1869, da Pietro (ventisettenne "sartore" e figlio di Giovanni) e la diciannovenne "filatrice" Grazia Maria. Sin da bambino José mostrò una straordinaria passione per la musica. Studiò nei conservatori di Napoli e Milano. Giovanissimo, un ragazzo prodigio della musica, affiancò e diresse la Banda di Palmi e quella di Taormina. Nel 1890 decise di seguire una compagnia musicale diretta in Sud America. Si innamorò di quelle lontane e per lui affascinanti terre. Così decise poi di rimanere, per sempre, in Argentina.

  • La storia del militare Vincenzo Lavia che, nel 1904, finì sulla copertina de “La Domenica del Corriere”

    Questi due disegni descrivono la tragica fine di un soldato. Il primo disegno è accompagnato dal titolo “L’orribile morte del soldato Vincenzo Lavia a Chieti” il secondo de “La Domenica del Corriere” parla di “I drammi della vita: orribile fine di un soldato di cavalleria, a Chieti” (il disegno è del grandissimo illustratore Achille Beltame). Il giovane militare rimase impigliato ad un cavallo imbizzarrito e finì coll’essere travolto e trascinato in un dirupo. Rimase purtroppo ucciso. Tutto si consumò il 27 maggio del 1904. Ci permettiamo di aggiungere qualche piccola precisazione e qualche ulteriore informazione.

  • “Joseph” Giuseppe Antonio Marcellino grande sarto in Massachusetts, era nato a Grotteria nel 1891

    “Joseph” Giuseppe Antonio MARCELLINO nacque a Grotteria (RC), il 5 gennaio Agosto del 1891, da Vincenzo (settantunenne “calzolaio” figlio di Pasquale e Anna Nesci) e Rosa Bruzzese (trentenne “filatrice” figlia di Giorgio e Caterina Jirilli). L’atto di nascita fu registrato dinanzi a Raffaele Mundolo l’allora Sindaco di Grotteria. I suoi genitori, tra i due c’erano ben 41 anni di differenza, si erano sposati il 22 gennaio del 1882. Nel 1913 Giuseppe, probabilmente dopo la morte del padre, decise di tentare il “sogno americano”. Giunse ad “Ellis Island” a bordo del piroscafo “America” e con lui arrivarono anche i suoi fratelli: Pasquale, Domenico e Salvatore.

  • Louis Buffone, militare statunitense di origini calabresi, visse la tragica esperienza della "marcia della morte di Bataan”

    La marcia della morte di Bataan (il nome con cui è conosciuto il trasferimento forzato, operato dall'esercito imperiale giapponese, di circa 75.000-80.000 prigionieri di guerra filippini e statunitensi in seguito alla fine della battaglia di Baatan, il 9 aprile 1942, durante la durante la campagna delle Filippine) rappresenta ed è considerato un “crimine di guerra”. Questo per le inaudite violenze e privazioni a cui i giapponesi sottoposero i prigionieri. Tra i coraggiosi sopravvissuti ci fu un soldato statunitense dalle origini calabresi: Louis Buffone (arruolato nella US Army Air Force). 

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.