unci banner

:: Evidenza

Giunta regionale ricorre contro proroga Cdm commissariamento sanità

Giunta regionale ricorre contro proroga Cdm commissariamento sanità

La Giunta regionale della Calabria si è riunita oggi pomeriggio a Catanzaro, presideuta dal Presidente della Regione Mario Oliverio, con l'assistenza del Segretario generale della Giunta Ennio Apicella e del dirigente del Settore Francesca Palumbo....

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Reggio Calabria. Nella ricorrenza dedicata alla Madonna di Loreto, patrona degli aviatori, le sezioni calabresi dell'Associazione Arma Aeronautica, come da tradizione, hanno deposto questa mattina, una corona di fiori ai piedi dell'Effige, collocata nella Piazza...

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Reggio Calabria. Una perla gastronomica dal valore unico, così è stato definito il Torrone artigianale di Taurianova, protagonista di una tre giorni che ha conquistato un ampio pubblico. La terza edizione del Festival del Torrone...

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria.“La scuola entra nel Parlamento europeo”. È questo il titolo dell’incontro che ha visto come protagonisti assoluti otto alunni dell’Ite Piria di Reggio Calabria dal 2 al 5dicembre scorso. Si tratta di Maria Elisa...

compra calabria

Sei qui: HomeCALABRIA IGNOTAGerace uno dei borghi più belli d’Italia

Gerace uno dei borghi più belli d’Italia

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 17 Novembre 2018 08:14

La rupe dove si posò lo sparviero. È di Gerace, che parleremo questa settimana. In cima alla classifica dei più bei borghi da visitare nella nostra Calabria e di Italia, nel 2015 è entrata nella classifica dei 20 borghi più belli del Paese. Il nome Gerace deriva dal greco jerax, “sparviero”, in ricordo del rapace che, secondo la leggenda, avrebbe indicato agli abitanti di Locri il luogo in cui rifondare la città, al riparo dalle incursioni saracene. Innumerevoli i punti d’interesse storico artistico del borgo, così lo descriveva lo scrittore inglese Edwar Lear: “Piena di palazzi bellamente situati, posta su uno stretto margine di roccia.

Meravigliati da tanti panorami che si presentano da ogni lato; ogni roccia, Santuario o palazzo a Gerace sembravano essere sistemati e colorati apposta per gli artisti”. La cittadina, che conserva ancora oggi un'impostazione e un fascino medievale, si trova all'interno del Parco nazionale dell'Aspromonte. Il centro urbano, in particolare il borgo antico, è ricco di chiese, palazzi d'epoca e vani, un tempo abitazioni o botteghe, scavati direttamente nella roccia. Vi si possono ammirare il castello, la cattedrale, la chiesa di San Francesco, una serie di piccole chiese probabilmente di origine bizantina oltre a numerose costruzioni civili di varie epoche e stili architettonici. Dalla sua posizione arroccata, Gerace gode di un'ampia e panoramica visuale su gran parte del territorio della Locride. La città è posta su di una rupe, a 470 m. s. m.. L'intero territorio comunale risulta suddiviso in cinque zone urbane: Città alta- Castello- Borghetto- Borgo maggiore- Piana. La storia di Gerace è strettamente collegata a quella di Locri Epizephiri. Il nucleo abitativo, infatti, nonostante esistano tracce di frequentazione in epoca pre-greca, greca e romana, si sviluppa solo in seguito all'abbandono della città di Locri, avvenuto a partire dal VII secolo d.C., a causa del sempre maggiore pericolo piratesco e la sempre crescente insalubrità delle coste.

A questo spostamento dei Locresi dall'antico sito costiero verso l'interno è strettamente collegato anche il nome della cittadina che, a dispetto delle leggende che vogliono che esso sia legato ad un leggendario sparviero, pare dipendere dal nome della Diocesi di Locri, dedicata a Santa Ciriaca. Per la sua particolare posizione, però, Gerace divenne ben presto un centro di importanza eccezionale nella Calabria Meridionale, la possibilità di controllare i traffici costieri, la sua particolare conformazione permetteva una naturale fortificazione, fece sì che divenisse oggetto di attenzione sia dell'Impero bizantino che del regno di Sicilia. La presenza congiunta di tali potenze fece sì che il centro resistesse a lungo agli attacchi degli Arabi, che mantenesse una certa autonomia rispetto ai Normanni e che fosse, in seguito, oggetto di attenzione per i dominatori non solo dell'Italia ma di tutto il Mediterraneo. Testimonianza di tale importanza ne è la grande ed eccezionale quantità di architetture ecclesiastiche e laiche, frutto di committenze imperiali, regali principeschi e feudali. Tra le numerose chiese presenti nella cittadina le più preziose ed importanti sono: la Cattedrale –un edificio di difficile datazione che mostra chiarissimi segni di rifacimenti e di integrazioni appartenenti a varie epoche. La struttura è divisa in due parti distinte di cui una corrispondente alla cripta e l'altra alla Basilica vera e propria- la Chiesa di San Francesco, una delle più importanti strutture degli ordini mendicanti dell'Italia Meridionale, edatabile tra la fine del XIII secolo e i primi anni del XIV secolo.

La Chiesetta di San Giovannello una struttura di piccole dimensioni in pietra e mattoni, a navata unica, edificata attorno al X secolo. La Chiesa di Santa Maria del Mastro edificio, storicamente uno dei più importanti della città nell'XI secolo, nonostante sorgesse fuori dalle mura della città, nell'attuale Borgo maggiore, mostra adesso una configurazione neoclassica a croce greca, dovuta alla sua totale ricostruzione in seguito al terremoto del 1783. E ancora, la Chiesa del Sacro Cuore, la Chiesa di Santa Maria di Monserrato, la Chiesa di Maria SS del Carmine e di San Martino e molte altre ancora. Ma non solo chiese ed edifici sacri sono presenti a Gerace e degni di nota. Parliamo di architettura civile. Tra questi come non citare parte dei ruderi del Castello, o, i sontuosi palazzi che abbelliscono le vie cittadine, sono quasi sempre forniti di portali in pietra lavorata da scalpellini locali e, pur, essendo spesso frutto di restauri ottocenteschi, a seguito dei danni causati alla città dal terremoto del 1783, ripetono spesso volumetrie proprie di una fase medievale (XIII-XV secolo); non è raro trovare, infatti, al di sotto di intonaci moderni tracce di finestre bifore, di archi a sesto acuto, di finestre strombate che denunciano una attività costruttiva importante già nel XII secolo. Tra gli edifici più importanti sono da ricordare: Palazzo Grimaldi-Serra, sede del Comune, il Palazzo Migliaccio, posto in Piazza del Tocco, Palazzo Candida, che mostra chiare vicinanze con modi e stilemi siciliani, il Palazzo Arcano, dotato di un imponente portale in pietra, Palazzo De Balzo, munito di feritoie difensive, la Casa Marvasi, sulla cui facciata si apre una caratteristica bifora catalana; Palazzo Spanò che si svolge attorno ad uno dei più bei cortili spagnoli della città. In prossimità del centro abitato sono stati scoperti i resti di una necropoli che è testimone di tre diverse epoche. Gli scavi archeologici che l'hanno interessata hanno riportato alla luce ceramiche del IX secolo a.C., corredi locali e di importazione risalenti al VII secolo a.C. e varie suppellettili di origine greca e italiota risalenti al VII secolo a.C. Queste sono solo alcuni dei particolari di rilievo storico/artistico di Gerace. Un luogo tutto da scoprire o ricoprire.

Rc 17 novembre 2018

Letto 132 volte

Articoli correlati (da tag)

  • A Gerace la “Messa dell’Incoronazione della Vergine” in Do Maggiore

    Sabato 15 dicembre verrà eseguita, presso la Basilica Concattedrale Santa Maria Assunta di Gerace, la “Messa dell’Incoronazione della Vergine” in Do Maggiore – k. 317 di Wolfgang Amadeus Mozart.
    Si esibiranno Ilenia Morabito, Andreina Drago, Didier Pieri e Giuseppe Zema, sostenuti dal Coro Lirico Francesco Cilea e dal Coro Polifonico Santa Maria Assunta della Cattedrale di Gerace.
    Sul podio dell’Orchestra del Teatro Francesco Cilea, il M. Alessandro Tirotta.

  • Gerace, i Vigili del Fuoco soccorrono anziano rimasto isolato da diversi giorni

    Questa mattina la squadra dei Vigili del Fuoco di Siderno è intervenuta in una zona rurale sovrastante il borgo di Gerace, per il recupero di un anziano, da qualche giorno isolato a causa delle sue condizioni fisiche e di indigenza.  Dopo circa 15 giorni alcuni vicini hanno dato l'allarme al 118 che, viste le condizioni dei luoghi, che impedivano il raggiungimento dell'abitazione, ha chiesto il supporto dei Vigili del Fuoco. Il team VF di Siderno diretto dal Csq Vincenzo Costa, ha raggiunto la piccola frazione con un fuoristrada trasportando anche il personale del 118, che ha provveduto ha stabilizzare l'uomo su una barella toboga. I Vigili del Fuoco lo hanno così potuto trasportare, non senza difficoltà,  all'ambulanza rimasta bloccata dall'impervietà della zona, a circa 2 km di distanza. Le condizioni dell'uomo sono state aggravate anche dallo stato di indigenza e di scarsa igiene in cui vive.

  • Stile e bellezza nel Gerace Fashion Day seconda edizione

    Arte e Cultura incontrano la moda nella giornata nazionale dedicata ai borghi più belli d’Italia.
    Dopo il successo di febbraio, con il patrocinio del comune che ospita la kermesse, Gerace Fashion Day fa di nuovo il suo ingresso al borgo, con l’evento a cura della Db model, dell’agenzia Delfino Blu, concessionaria di Miss Mondo per la Calabria e la Sicilia e promotrice di eventi.
    Un defilè all’insegna della moda autunno-inverno, con le proposte di Antonella Italia, Parrotta Gioielli, Crilù, e la moda bimbi con Zero e Babylandia, negozi tra più rinomati della Locride.

  • Controlli del Carabinieri nelle zone di Canolo

    Continuano i servizi disposti dal Gruppo Carabinieri di Locri volti alla prevenzione e repressione dei reati, con particolare attenzione a quelli relativi alle armi e alle sostanze stupefacenti, sviluppati d’intesa con i colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria e delle Stazioni Forestali. Nell’ambito di tali servizi, a Canolo, i Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra, assieme ai colleghi Cacciatori di Vibo Valentia e delle Stazioni Carabinieri Forestali “Parco” di Gerace e San Giorgio Morgeto hanno arrestato un 26enne bracciante agricolo canolese.

  • Pietre Cucite e Storie di Mare": successo a Gerace per la mostra ambientalista dell'associazione Cult3.0

    Le “Pietre Cucite e Storie di Mare” dell’associazione Cult3.0 entrano nel cuore della gente, come è avvenuto in questi giorni a Gerace in occasione del Festival internazionale di arte di strada. Si tratta di un percorso sociale artistico ironico e fantasioso e al tempo stesso di un progetto di riciclo e recupero eco-ambientale, firmato dalla giornalista Emilia Condarelli, finalizzato al rispetto del mare e al restyling di piccoli spazi urbani.  Ed il riscontro è stato altamente positivo anche nella città medievale di Gerace, dove nel circuito culturale dell’ormai tradizionale manifestazione Il borgo incanto è stato allestito nel chiostro della chiesa di San Francesco d'Assisi un abstract della mostra che è per i visitatori un racconto e un gioco.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.