unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomeCalabria IgnotaGerace uno dei borghi più belli d’Italia

Gerace uno dei borghi più belli d’Italia

Pubblicato in CalabriaIgnota Sabato, 17 Novembre 2018 08:14

La rupe dove si posò lo sparviero. È di Gerace, che parleremo questa settimana. In cima alla classifica dei più bei borghi da visitare nella nostra Calabria e di Italia, nel 2015 è entrata nella classifica dei 20 borghi più belli del Paese. Il nome Gerace deriva dal greco jerax, “sparviero”, in ricordo del rapace che, secondo la leggenda, avrebbe indicato agli abitanti di Locri il luogo in cui rifondare la città, al riparo dalle incursioni saracene. Innumerevoli i punti d’interesse storico artistico del borgo, così lo descriveva lo scrittore inglese Edwar Lear: “Piena di palazzi bellamente situati, posta su uno stretto margine di roccia.

Meravigliati da tanti panorami che si presentano da ogni lato; ogni roccia, Santuario o palazzo a Gerace sembravano essere sistemati e colorati apposta per gli artisti”. La cittadina, che conserva ancora oggi un'impostazione e un fascino medievale, si trova all'interno del Parco nazionale dell'Aspromonte. Il centro urbano, in particolare il borgo antico, è ricco di chiese, palazzi d'epoca e vani, un tempo abitazioni o botteghe, scavati direttamente nella roccia. Vi si possono ammirare il castello, la cattedrale, la chiesa di San Francesco, una serie di piccole chiese probabilmente di origine bizantina oltre a numerose costruzioni civili di varie epoche e stili architettonici. Dalla sua posizione arroccata, Gerace gode di un'ampia e panoramica visuale su gran parte del territorio della Locride. La città è posta su di una rupe, a 470 m. s. m.. L'intero territorio comunale risulta suddiviso in cinque zone urbane: Città alta- Castello- Borghetto- Borgo maggiore- Piana. La storia di Gerace è strettamente collegata a quella di Locri Epizephiri. Il nucleo abitativo, infatti, nonostante esistano tracce di frequentazione in epoca pre-greca, greca e romana, si sviluppa solo in seguito all'abbandono della città di Locri, avvenuto a partire dal VII secolo d.C., a causa del sempre maggiore pericolo piratesco e la sempre crescente insalubrità delle coste.

A questo spostamento dei Locresi dall'antico sito costiero verso l'interno è strettamente collegato anche il nome della cittadina che, a dispetto delle leggende che vogliono che esso sia legato ad un leggendario sparviero, pare dipendere dal nome della Diocesi di Locri, dedicata a Santa Ciriaca. Per la sua particolare posizione, però, Gerace divenne ben presto un centro di importanza eccezionale nella Calabria Meridionale, la possibilità di controllare i traffici costieri, la sua particolare conformazione permetteva una naturale fortificazione, fece sì che divenisse oggetto di attenzione sia dell'Impero bizantino che del regno di Sicilia. La presenza congiunta di tali potenze fece sì che il centro resistesse a lungo agli attacchi degli Arabi, che mantenesse una certa autonomia rispetto ai Normanni e che fosse, in seguito, oggetto di attenzione per i dominatori non solo dell'Italia ma di tutto il Mediterraneo. Testimonianza di tale importanza ne è la grande ed eccezionale quantità di architetture ecclesiastiche e laiche, frutto di committenze imperiali, regali principeschi e feudali. Tra le numerose chiese presenti nella cittadina le più preziose ed importanti sono: la Cattedrale –un edificio di difficile datazione che mostra chiarissimi segni di rifacimenti e di integrazioni appartenenti a varie epoche. La struttura è divisa in due parti distinte di cui una corrispondente alla cripta e l'altra alla Basilica vera e propria- la Chiesa di San Francesco, una delle più importanti strutture degli ordini mendicanti dell'Italia Meridionale, edatabile tra la fine del XIII secolo e i primi anni del XIV secolo.

La Chiesetta di San Giovannello una struttura di piccole dimensioni in pietra e mattoni, a navata unica, edificata attorno al X secolo. La Chiesa di Santa Maria del Mastro edificio, storicamente uno dei più importanti della città nell'XI secolo, nonostante sorgesse fuori dalle mura della città, nell'attuale Borgo maggiore, mostra adesso una configurazione neoclassica a croce greca, dovuta alla sua totale ricostruzione in seguito al terremoto del 1783. E ancora, la Chiesa del Sacro Cuore, la Chiesa di Santa Maria di Monserrato, la Chiesa di Maria SS del Carmine e di San Martino e molte altre ancora. Ma non solo chiese ed edifici sacri sono presenti a Gerace e degni di nota. Parliamo di architettura civile. Tra questi come non citare parte dei ruderi del Castello, o, i sontuosi palazzi che abbelliscono le vie cittadine, sono quasi sempre forniti di portali in pietra lavorata da scalpellini locali e, pur, essendo spesso frutto di restauri ottocenteschi, a seguito dei danni causati alla città dal terremoto del 1783, ripetono spesso volumetrie proprie di una fase medievale (XIII-XV secolo); non è raro trovare, infatti, al di sotto di intonaci moderni tracce di finestre bifore, di archi a sesto acuto, di finestre strombate che denunciano una attività costruttiva importante già nel XII secolo. Tra gli edifici più importanti sono da ricordare: Palazzo Grimaldi-Serra, sede del Comune, il Palazzo Migliaccio, posto in Piazza del Tocco, Palazzo Candida, che mostra chiare vicinanze con modi e stilemi siciliani, il Palazzo Arcano, dotato di un imponente portale in pietra, Palazzo De Balzo, munito di feritoie difensive, la Casa Marvasi, sulla cui facciata si apre una caratteristica bifora catalana; Palazzo Spanò che si svolge attorno ad uno dei più bei cortili spagnoli della città. In prossimità del centro abitato sono stati scoperti i resti di una necropoli che è testimone di tre diverse epoche. Gli scavi archeologici che l'hanno interessata hanno riportato alla luce ceramiche del IX secolo a.C., corredi locali e di importazione risalenti al VII secolo a.C. e varie suppellettili di origine greca e italiota risalenti al VII secolo a.C. Queste sono solo alcuni dei particolari di rilievo storico/artistico di Gerace. Un luogo tutto da scoprire o ricoprire.

Rc 17 novembre 2018

Letto 426 volte

Articoli correlati (da tag)

  • A Gerace successo per il concerto della pianista Barbara Boni con i solisti dell’associazione musicale "Paolo Savoja"

    Nella splendida cornice della Chiesa del complesso monumentale di San Francesco di Assisi si è svolto un concerto per pianoforte a cura della Pianista Barbara Boni. Nella prima parte del concerto la Pianista ha magistralmente eseguito composizioni di: Ludwig van Beethoven, Frederic Chopin, Franz Liszt, Serge Rachmaninoff. Barbara Boni, nata a La Spezia, si è diplomata al Conservatorio Musicale di La Spezia in giovanissima eta’ a pieni voti sotto la guida di Tina Zucchellini, pianista e Direttrice dello stesso Conservatorio. In seguito, si è trasferita a Milano, dove attualmente vive e, oltre alla musica, ha continuato gli studi presso l’Università “L.Bocconi” dove si è laureata in Economica e Commercio.

  • Gerace incantata da “Il carnevale degli animali”

    Sold out con oltre 250 persone che hanno goduto l’altra sera, in Largo Chiappe a Gerace, di novanta minuti di grande arte, proposte dall’Accademia Senocrito, presieduta da Adriana Caccamo. All’interno della 13ª edizione del Festival di Musica Classica della Locride, ieri è stato proposto un notevole programma musicale, eseguito, ad arte, dall’Orchestra Senocrito, diretta magistralmente dal M° Saverio Varacalli. Dopo la Sinfonia N°3 KV18 di Mozart, si è passato al focus della serata: “Il carnevale degli animali” di Camille Saint-Saëns per due pianoforti e orchestra. Esecuzione perfetta delle pianiste Maria Condò e Angela Bumbaca; mentre a comporre la compagine vi erano tutti artisti giovanissimi della Calabria: Chiara Condò e Annarita Condò al violino, Stefania Alessi alla viola, Mariachiara Arena al violoncello, Davide Sergi al contrabasso, Giulia Morabito ed Alessandro Cherubino al flauto e all’ottavino, Antonio Rispoli alle percussioni, Vincenzo Campagna, Ienco Nicola e Ilenia Papaleo al clarinetto.

  • Domenica 11 Agosto: la Scialata di Gente in Aspromonte, con il Comune di Gerace

    Ormai diventato, a ragione, la classica escursione estiva per famiglie, anche con bambini al seguito, il sentiero della Scialata è un percorso che si svolge nel fondo valle del torrente Levadio, ombreggiato da ontani che accompagnano i visitatori per tutto il cammino fino all’area di pic-nic denominata, appunto, “Scialata”. Arricchiscono il sentiero tante cascate e laghetti, il refrigerio è assicurato!
    L'Associazione escursionistica è sempre più convinta che la condivisione delle attività con gli enti locali e tutti i soggetti che intendono realmente valorizzare il territorio sia fondamentale affinché la collettività possa riavvicinarsi alla natura, conoscere la propria storia, le tradizioni e le molteplici bellezze dell'Aspromonte.

  • A Gerace “Il carnevale degli animali”: una notte delle stelle in musica

    Anche quest’anno l’Accademia Senocrito, presieduta da Adriana Caccamo e di cui è Direttore Artistico il M° Loredana Pelle, presenta, nel periodo estivo, la 13ª edizione del Festival di Musica Classica della Locride, iniziata il 13 luglio con un concerto per pianoforte a quattro mani tenuto dal duo Sansalone - De Santis, e caratterizzata da una ricca programmazione di eventi artistici di particolare interesse musicale e, in alcuni casi, innovativi, sia per la scelta sia per il coinvolgimento di giovani musicisti.
    Dopo il concerto per violino e pianoforte del duo Coniglio del 3 agosto e concerto Lirico di stasera, 7 agosto, nella Chiesa di San Francesco col tenore Aleandro Mariani e la pianista Anna Lucia Trimboli, sarà presentato il primo degli eventi centrali della rassegna.

  • Conclusa la "3DaysTogether" delle associazioni calabresi della Federazione Italiana Escursionismo

    Nel pomeriggio di domenica scorsa si è conclusa la 3DAYS TOGETHER, l’evento organizzato dall’Associazione Escursionistica Gente in Aspromonte che, con le tante attività proposte, ha chiamato a raccolta sul versante ionico dell’Aspromonte gli escursionisti di tutte le sei associazioni escursionistiche calabresi affiliate alla Federazione Italiana Escursionismo, l’associazione Greenstone di Messina che ha partecipato con grande amicizia e rinnovata curiosità nei confronti della grande famiglia FIE, oltre che alcuni escursionisti della FIE Lombardia e FIE Umbria.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.